Calendar

Ott
16
Mer
Assemblea del Coordinamento dei Collettivi Studenteschi @ CS Cantiere
Ott 16@15:30–17:00

Riunione settimanale del Coordinamento Dei Collettivi Studenteschi di Milano e provincia.

Vuoi partecipare? Contattaci!

Passeggiata contro la violenza sulle donne @ Piazzale Loreto angolo via Padova
Ott 16@18:30–21:00
Passeggiata contro la violenza sulle donne @ Piazzale Loreto angolo via Padova

Questo mercoledì 16 alle ore 18:30 la rete Non Una Di Meno organizza una passeggiata solidale femminista contro la violenza sulle donne con ritrovo in Piazzale Loreto angolo via Padova.

ESPAÑOL mas abajo
PORTUGUÊS mais baixo
ENGLISH below
العربية أدناه
Українська внизу

No alla violenza sulle donne, in nessuna casa e in nessuna strada della città.

Nel mondo 1 donna su 3 è stata vittima almeno una volta nella vita di stupro o violenza.
In Italia ogni 3 giorni una donna viene uccisa dal marito, dal compagno o da una persona che conosce.

Il femminicidio è una cosa grave, riguarda tutte le donne, comprese e forse ancor di più le donne trans.

Nella nostra città mancano spazi dove una donna si possa sentire sicura, chiedere aiuto, parlare di violenza e soprattutto essere aiutata a combatterla.
I centri antiviolenza per le donne rischiano di chiudere.

Sicurezza non significa più polizia!
Sicurezza vuol dire poter camminare libere in tutte le strade della città, e se subiamo violenza trovare un luogo accogliente dove poter essere ascoltate e aiutate.
Sicurezza significa avere i documenti, avere un lavoro ed una casa dignitosi.

Noi siamo donne come voi, viviamo in tutti i quartieri di questa città, e gridiamo: Non una di meno!
Perché nessuna di noi venga uccisa, violentata o maltrattata.

Via Padova non è periferia ma uno dei cuori della nostra città.

Hai bisogno di aiuto? Non sei sola!
Nonunadimeno@gmail.com

Cadmi, casa delle donne maltrattate.
Via piacenza 14
Tel 02 55015519
info@cadmi.org
www.cadmi.org

Aderiscono:
– Ass. La Città del Sole – Amici del Parco Trotter
– Comitato abitanti di via Padova/Transiti/Stazio
– Asociación de Mujeres Peruanas en Milan
– Orti di via Padova
– Legambiente
– Via Padova Viva

*****************

ESPAÑOL

Miércoles 16/10, 18.30, Piazzale Loreto en la esquina con via Padova.

No a la violencia contra las mujeres, en ningún hogar y en ninguna calle de la ciudad.

En el mundo, 1 de cada 3 mujeres ha sido víctima de violación o violencia al menos una vez en su vida.
En Italia, cada 3 días una mujer es asesinada por su esposo, pareja o alguien que ella conoce.

El feminicidio es algo serio, afecta a todas las mujeres, incluidas las mujeres trans.

En nuestra ciudad faltan espacios donde una mujer pueda sentirse segura, pedir ayuda, hablar sobre la violencia y, sobre todo, ser ayudada a combatirla.
Los centros contra la violencia de las mujeres corren el riesgo de cerrar.

¡Seguridad no significa policía!
Seguridad significa poder caminar libremente en todas las calles de la ciudad y si sufrimos violencia encontrar un lugar acogedor donde podamos ser escuchadas y ayudadas.
Seguridad significa tener documentos, tener un trabajo y un hogar decente.

Somos mujeres como tú, vivimos en todos los barrios de esta ciudad y gritamos : ¡ni una menos!
Porque ninguna de nosotras sea asesinada, violada o maltratada.

Via Padova no es un suburbio, sino uno de los corazones de nuestra ciudad.

¿Necesitas ayuda? ¡No estás sola!
Nonunadimeno@gmail.com

Cadmi, casa delle donne maltrattate.
Via piacenza 14
Tel. 02 55015519
info@cadmi.org
www.cadmi.org

Participan:
– Ass. La Città del Sole – Amici del Parco Trotter
– Comitato abitanti di via Padova/Transiti/Stazio
– Asociación de Mujeres Peruanas en Milan
– Orti di via Padova
– Legambiente
– Via Padova Viva

****************

PORTUGUÊS

Quarta-feira 16/10 às 18h30, encontro na piazzale Loreto, esquina via Padova

Não à violência contra as mulheres, em nenhuma casa e nenhuma rua da cidade.

No mundo uma mulher a cada três foi vítima de estupro ou violência ao menos uma vez na vida. Na Itália, a cada três dias uma mulher é morta pelo marido, companheiro ou conhecido.
o feminicídio é uma coisa séria e também envolve mulheres trans.

Em nossa cidade faltam espaços onde uma mulher possa se sentir segura, pedir ajuda, falar de violência e principalmente ser ajudada a combatê-la. Os centros de combate à violência contra as mulheres estão encerrando.

Segurança não significa mais polícia! Segurança significa poder andar livres em todas as ruas da cidade, se formos vítimas de violência encontrar um espaço de acolhida onde ser ouvidas e ajudadas, ter acesso à documentação, ter uma casa e um trabalho dignos.

Nós somos mulheres, moramos em todos os bairros desta cidade e gritamos: nem uma a menos! Porque nenhuma de nós possa ser morta, abusada ou destratada. Digamos não à violência e ao medo! Somos muitas e fortes.

Via Padova não é periferia mas um dos corações da nossa cidade.

Precisa de ajuda? Você não está sozinha!
Nonunadimeno@gmail.com

Cadmi, casa delle donne maltrattate.
Via piacenza 14
Tel 02 55015519
info@cadmi.org
www.cadmi.org

Participan:

– Ass. La Città del Sole – Amici del Parco Trotter
– Comitato abitanti di via Padova/Transiti/Stazio
– Asociación de Mujeres Peruanas en Milan
– Orti di via Padova
– Legambiente
– Via Padova Viva

***************

ENGLISH

Wednesday 16, 6.30 pm meeting in Piazzale Loreto corner of via Padova

Stop to violence against women, in any home or street of our cities!

In the world 1 woman out of 3 has been a victim of rape or violence at least once in her life.
In Italy every 3 days a woman is killed by her husband, partner or someone she knows.

Femicide is a serious thing, it concerns all women, including and perhaps even more so, trans women.

In our city there is a lack of spaces where a woman can feel safe, ask for help, talk about violence and above all be helped to fight it.
Women’s anti-violence centers risk to be closed.

Security doesn’t mean more police in the streets!
Safety means being able to walk freely in all the streets of the city, and if we suffer violence to find a welcoming place where we can be listened to and helped.
Security means having documents, having a decent job and a decent home.

We are women like you, we live in all the neighborhoods of this city, and we shout: Not one less!
For nobody of us to be killed, raped or abused.

Via Padova is not a suburb but one of the hearts of our city.

Do you need help? You’re not alone!
Nonunadimeno@gmail.com

Cadmi, casa delle donne maltrattate.
Via piacenza 14
Tel 02 55015519
info@cadmi.org
www.cadmi.org

They adhere:
– Ass. La Città del Sole – Friends of the Trotter Park
– Committee of the inhabitants of via Padova / Transiti / Stazio
– Asociación de Mujeres Peruanas en Milan
– Orti di via Padova
– Legambiente
– Via Padova Viva

***********
لا للعنف ضد المرأة في أي
منزل ولا في اي شارع في المدينة.
في العالم ، امرأة كل ثلاث ضحية للاغتصاب أو العنف مرة واحدة على الأقل في حياتها.
في إيطاليا ، تُقتل امرأة كل ثلاثة أيام على يد زوجها أو شريكها أو أي شخص تعرفه.
الوضع يؤثر على جميع النساء ، حتي النساء المتحولين جنسيا.
في مدينتنا ، لا توجد أماكن يمكن أن تشعر فيها المرأة بالأمان ، وتطلب المساعدة ، وتتحدث عن العنف ، وقبل كل شيء يتم مساعدتها في محاربته.
مراكز مكافحة العنف النسائية معرضة لخطر الإغلاق.
الأمن لم يعد يعني الشرطة!
الأمان يعني القدرة على المشي بحرية في جميع شوارع المدينة ، إذا عانينا من العنف ، فسنجد مكانًا مرحّبًا حيث يمكننا الاستماع إلي مشاكلنا ومساعدتنا والحصول على المستندات والحصول على وظيفة لائقة ومنزل لائق.
نحن نساء ، نحن نعيش في جميع مناطق هذه المدينة ، ونحن نقول بأعلي صوت : لا أقل!
لأنه لا يمكن قتل أي منا أو اغتصابه أو إساءة معاملته.
نقول لا للعنف ولا للخوف!
نحن كثيرون ونحن أقوياء.
شارع فيا بادوفا ليس من ضواحي المدينة و لكنه قلب مدينتنا.

إذا كنت تعاني من العنف ، اتصل بـ Cadmi ، موطن النساء المعتدى عليهن في ميلانو.
عبر بياتشينزا 14
هاتف 02 55015519
‏info@cadmi.org
www.cadmi.org

Ні насильству над жінкою, ні в хаті, ні на вулиці.
У світі, одна жінка із трьох, що найменш один раз у житті потерпала від насильства, або була згвалтована.
В Італії, кожних три дні гине одна жінка, від руки свого чоловіка або співмешканця, або від руки друга. Це стосується всіх жінок, навіть тих, що змінили стать.
У нашому місті жінка, яка потребує допомоги не має можливості захистити себе, не має такого місця де б вона почувалася безпечно, де б її вислухати і порадили, що робити.
Центри захисту прав жінки можуть бути закритими.
Поліція не гарантує безпечного життя. Адже Безпека – це безпечне пересування вулицями міста не тільки вдень, а їй вночі. Жінка, яка потерпає від насильства, повинна почуватися захищеною, мати дозвіл на працю, житло.
Ми, Жінки, що проживають у цьому місті, кричимо:
“НІ НА ОДНУ МЕНШЕ!”
Томущо жодна з нас не повинна потерпали від насильства: бути вбитою, згвалтованою.
Насильству – НІ! Страху – НІ!
НАС багато НАС не подолати!
Вулиця Падова – це не околиця, це одне із сердець нашого міста!
Тут тобі допоможуть:
CADMI (casa della donna maltrattata)
Центр захисту жінок
Via Piacenza, 14
Milano
Tel.: 0255015519
info@cadmi.org
www.cadmi.org

Ott
18
Ven
Corteo Studentesco #DefendRojava #StopWarNotPeople
Ott 18@21:30–23:00

Dopo l’invasione dell’esercito del sultano Erdogan nel Rojava è necessario raccogliere l’appello internazionale alla mobilitazione.

Venerdì ore 9.30 in Largo Cairoli manifestazione studentesca

Ott
19
Sab
19-20 Ottobre – Assemblea Nazionale NonUnaDiMeno a Napoli @ Napoli
Ott 19@10:00–Ott 20@16:00
19-20 Ottobre - Assemblea Nazionale NonUnaDiMeno a Napoli @ Napoli

🔥 Assemblea nazionale di Non Una Di Meno 🔥

NON UNA DI MENO chiama a raccolta tutte le energie che è stata capace di innescare e far esplodere in questi anni di mobilitazione contro la violenza patriarcale che uccide, opprime, impoverisce! ✊💥

Incontriamoci a Napoli, sabato 19 e domenica 20 ottobre 2019
per l’assemblea nazionale di Non Una di Meno
presso l’Asilo in Vico G. Maffei, 4 (Decumani- Centro Storico).

ROMPERE GLI ARGINI DEL PATRIARCATO, TRAVOLGERE TUTTO!

APPELLO DI CONVOCAZIONE➡
Di fronte ai numerosi proclami di discontinuità, i fatti dicono che la violenza maschile sulle donne e la violenza di genere e dei generi continuano ad agire a tutti i livelli della società. Stupri, femminicidi e aggressioni di ogni tipo contro le donne e le persone LGTBQIPA+ non solo crescono di intensità, ma spesso sono anche legittimati nel discorso pubblico e politico, che giustificano la violenza e colpevolizzano chi la subisce. Quello che è successo con la morte di Elisa a Piacenza e la riabilitazione del suo assassino sulla stampa è inaccettabile e stabilisce una volta di più la necessità e l’urgenza della nostra lotta femminista e transfemminista. In questi anni abbiamo avuto la capacità di modificare i termini del discorso sulla violenza maschile e di genere, la forza di mostrare che è una violenza sociale che deve essere combattuta globalmente. Questa battaglia non può fermarsi: per questo Non Una Di Meno chiama ancora una volta a raccolta tutte le energie che è stata capace di innescare e far esplodere in questi anni di mobilitazione contro la violenza patriarcale che uccide, opprime, impoverisce.

Il 19 e 20 Ottobre ci incontreremo a Napoli, una sfida importante che per la prima volta riunisce a Sud il nostro movimento. Sotto il Vesuvio portiamo una forza globale. Attraverso lo sciopero abbiamo costruito connessioni tra soggetti e terreni di iniziativa che lo sciopero “classico” lascia separati e incapaci di comunicare, dimostrando che è possibile organizzarsi e ribellarsi contro il silenzio e la violenza attraverso una grande potenza collettiva e intersezionale. Lo abbiamo detto a Torino e lo ribadiamo, lo sciopero è un processo che, partendo dalla sua dimensione transnazionale, è capace di innescare movimenti di soggettivazione espansivi, tessendo la ragnatela femminista e transfemminista sui territori e permettendoci di rifiutare tutti i giorni violenza, sfruttamento e oppressione. Anche a Napoli porteremo la capacità e l’ambizione di creare collegamenti attraverso una prospettiva femminista e transnazionale contro il patriarcato, il razzismo e lo sfruttamento neoliberale. A Napoli questa esperienza, a cui abbiamo dato il nome di agitazione permanente, dovrà ancora condensarsi nell’elaborazione e nell’agire collettivo di una nuova stagione di lotta.
Questa lotta dovrà continuare sotto il segno della piena autonomia del nostro movimento dalle istituzioni, da partiti e sindacati, senza zone d’ombra e ambivalenza. Lo ribadiamo alla luce di questo nuovo avvicendamento di forze governative perché non crediamo che la proclamata discontinuità con il precedente esecutivo sia all’altezza delle questioni strutturali e radicali che noi poniamo. L’unica vera discontinuità è quella che noi pretendiamo e pratichiamo lottando per una trasformazione radicale della società globale che si alimenta della violenza maschile e di genere.

Sappiamo di dover riconoscere alcuni cambiamenti: si è infatti chiusa la fase più spettacolarmente reazionaria della destra sovranista al governo e della sua guerra dichiarata contro le donne, le persone razzializzate e migranti, le persone LGTBQIPA+ e le loro lotte. Questo però non stabilisce un cambio di rotta: ciò che abbiamo davanti è il tentativo di utilizzare le tematiche femministe e di genere per verniciare di rosa politiche patriarcali, razziste e neoliberali. È vero che è stato messo da parte, anche se non ancora ritirato, il ddl Pillon, ma mentre si parla di attribuire alla prole il doppio cognome si prepara una riforma strutturale del diritto di famiglia che rischia ancora una volta di trasformare la libertà delle donne e delle persone LGTBQIPA+ in un terreno di negoziazione e scambio tra partiti che non siamo disposte ad accettare. Le Ong non sono costrette a restare in mare per giorni e giorni, ma le due leggi sicurezza patrocinate da Salvini sono ancora in vigore e nuove politiche di rimpatrio sono state decretate, con l’effetto di intensificare l’esposizione dei migranti e delle donne in particolare alla violenza e allo sfruttamento. La precarietà resta all’ordine del giorno, sostenuta dai continui proclami sui tagli ai costi del lavoro, mentre il reddito di cittadinanza non ha fatto che aggravare l’obbligo di accettare qualsiasi condizione di sfruttamento. A questa discontinuità non crederemo mai e non abbiamo alcuna intenzione di legittimare un uso strumentale delle nostre rivendicazioni.
Quello che accade in Italia è parte di un processo globale e globale è la risposta politica femminista e transfemminista. Le mobilitazioni in America Latina per la libertà di aborto, quelle in Nordafrica, in Palestina e in Arabia Saudita contro la violenza patriarcale sono il segno che la marea continua a crescere. Le mobilitazioni planetarie di Friday for Future mostrano che la scommessa femminista sullo sciopero è espansiva e capace di produrre un protagonismo di massa. Il 19 e 20 Ottobre a Napoli vogliamo perciò rilanciare un’iniziativa in cui la lotta contro la violenza maschile e di genere sia anche lotta contro il neoliberismo, il razzismo e contro la violenza ambientale. Sarà l’occasione per riarticolare nuove forme di autodeterminazione per un modello di vita non capitalista, libere dallo sfruttamento e dal colonialismo delle risorse, per rilanciare la difesa e la moltiplicazione degli spazi di iniziativa politica femminista e transfemminista e i percorsi di fuoriuscita dalla violenza, per discutere di come la violenza patriarcale e quella razzista riorganizzano il mercato del lavoro e in che modo intrecciare le lotte di donne, persone LGBTQIPA+, razzializzate e migranti per migliorare le condizioni di vita di tutte e tuttu, per andare oltre l’agitazione permanente, praticare discontinuità e alzare il livello della nostra iniziativa fino a inondare nuovamente le strade di Roma il 23 Novembre.

Noi ripartiamo da Verona, dalla marea femminista e transfemminista che dopo lo sciopero dell’8 marzo ha inondato le strade con un corteo oceanico reagendo alla violenza del Word Congress of Families. Ripartiamo dalleriflessioni condivise a Torino nella nostra ultima assemblea nazionale, su cui abbiamo deciso di sedimentare il farsi collettivo delle nostre pratiche femministe. Ci muove l’esigenza di intensificare la comunicazione tra i nostri mille modi di praticare il femminismo e il transfemminismo, agitazione permanente, sciopero sui singoli territori, e che Napoli offra l’occasione per creare una maggiore aderenza, contaminare e disseminare i territori e modulare le nostre pratiche di trasformazione della società. Vogliamo decidere insieme cosa rilanciare, in quali direzioni e con quali obiettivi muoverci per rendere ancora più temibile la marea femminista.

Strettamente connessi tra loro e che rappresentano la sfida altissima con cui non possiamo non confrontarci, vogliamo ragionare sulle pratiche possibili da mettere in campo e su quelle già in sperimentazione:

➡ Libere/u dalla violenza ambientale: ecologia e transfemminismo

➡ Pratiche di autodifesa transfemminista e autonomia del movimento

➡ Sguardi intersezionali, strumenti e pratiche collettive transfemministe di lotta e di mutualismo.

➡ Analisi di fase plenaria del movimento e del contesto attuale

➡ Organizzazione verso la marea del 23 Novembre

Saranno questi i punti su cui ci vogliamo confrontare per rompere gli argini del patriarcato e travolgere tutto!

La rivoluzione sarà transfemminista o non sarà.
Ancora e sempre saremo marea!
Vi aspettiamo a Napoli!
Non Una di Meno.
____________________________________________________
➡ Per iscriverti, chiedere ospitalità e segnalare eventuali esigenze compila questo format:

https://docs.google.com/forms/d/e/1FAIpQLSc2lW4vxTBHnYVPJQ2nCvgOwXCMknMqx463SQQvHIDOsR5xfQ/viewform?fbclid=IwAR2k4_zk8_uZVf–Z4hmql5FhB-bWVIqnFgJ9qlBYXN0nSUqQhtCzLOXFmA

PROGRAMMA:
👉MATTINA 19 Ottobre (10.00-14.00)
– 09.30 ACCOGLIENZA
– 10.30-11.00 LANCIO TRACCE
– 11.00-13.00 DIVISIONE IN GRUPPI
– 13.00-14.00 REPORT dei vari gruppi E RESTITUZIONE IN PLENARIA

👉- 14.00-14.30 PRANZO

👉POMERIGGIO 19 OTTOBRE (14.30-19.00)
14.30- 18.00 Analisi di fase plenaria del movimento e del contesto attuale:
18.00- 19.00 GRUPPI DI AFFINITÀ (SPAZIO LIBERO E AUTOGESTITO DI DISCUSSIONE).
******************************
19.00- 00.30 APERITIVO + PERFORMANCES + MUSICA
***************************
💥 H.20.00 MARINA SENESI in DOPPIO TAGLIO
💥H.20.30 NINÌ- CONFINI
💥H. 21.00 GIORGIA FRISARDI in LUCIDA RABBIA
💥H.22.00 SIS ISABELLA (NIGERIAN&AFRO MUSIC DJ SET)
💥H.22.30 PLAYGIRLS FROM CARACAS (DJ SET)
********************************
MATTINA 20 Ottobre (10.00-15.30)
10.00-13.00 Assemblea plenaria su forme di organizzazione verso e oltre il 23N.
13.00- 13.30 PRANZO
13.30-15.30 Report finale dei vari tavoli e delle due plenarie.
Proposte e Chiusura.

✊💥✊💥✊💥✊💥✊💥✊💥✊💥✊💥✊💥

Ci vediamo a Napoli! Ancora e sempre saremo marea!

#VERSOIL23NOVEMBRE
#AGITAZIONEPERMANENTE

Sciogliamo le catene in Piazza Baiamonti
Ott 19@18:00–19:30

Mobilitiamoci con Fridays For Future per Baiamonti Free Park.

Sabato ore 16 Sciogliamo le catene!

Pubblicato da Fridays For Future Milano su Domenica 13 ottobre 2019

Ott
23
Mer
Assemblea del Coordinamento dei Collettivi Studenteschi @ CS Cantiere
Ott 23@15:30–17:00

Riunione settimanale del Coordinamento Dei Collettivi Studenteschi di Milano e provincia.

Vuoi partecipare? Contattaci!

Ott
26
Sab
Corteo contro la guerra nel Rojava @ MM1 Palestro
Ott 26@14:30–17:30
Corteo contro la guerra nel Rojava @ MM1 Palestro

Nei primi 10 giorni la guerra sporca della Turchia contro la Federazione della Siria del Nord e dell’Est ha fatto più di 200 vittime, oltre 600 feriti, quasi 300.000 sfollati. Obiettivi privilegiati non solo le Forze democratiche siriane, ma anche civili, strutture mediche, convogli umanitari e giornalisti. L’operazione militare turca contro il Rojava avviene con l’assenso degli Stati Uniti e della NATO, il tacito accordo con il regime di Assad, il patto di coesistenza con la Russia.

A cosa puntano tutti gli attori interessati? A far tornare rapidamente la regione nel caos per conquistare più territorio e influenza politico-militare possibile, anche a costo di permettere il ritorno di Daesh (ISIS) e dei rigurgiti jihadisti non solo in Siria e Iraq, ma anche a livello internazionale. I e le combattenti curdo-arabe e internazionalisti che hanno resistito a Serkanyie, Tel-Abyad, Kobane lo hanno fatto per tutta l’umanità.

Dietro l’accordo delle cancellerie internazionali, la grande minaccia di genocidio che Ankara non ha mai nascosto: non soltanto contro i curdi, “il grande nemico”, ma anche contro le popolazioni arabe, assire, siriache, cristiane, musulmane, yazide che in 7 anni hanno costruito l’unica opzione di pace e stabilità democratica, eguaglianza e libertà del Medio Oriente: il Confederalismo democratico e la rivoluzione sociale, ecologista e femminista.

Né l’Unione Europea né i singoli paesi membri sono stati in grado ancora una volta di prendere una reale posizione di condanna e misure di risposte: prosegue l’accordo UE-Grecia-Turchia sulla pelle dei migranti per soddisfare le domande più securitarie e populiste della società europea; proseguono intatti gli accordi commerciali su tutti i livelli, a cominciare dalla compravendita di armi (fatta eccezione per pochi paesi).

Sabato 26 ottobre scendiamo in piazza da tutto il centro-nord del paese sotto la parola d’ordine unitaria “Defend Rojava”, contro la guerra genocidaria dello Stato turco e la spartizione della Siria del Nord e dell’Est.
Al governo italiano e alle forze politiche istituzionali chiediamo:

• Blocco completo e immediato del commercio di armi con la Turchia e della produzione su licenza italiana in Turchia
• Ritiro dei militari italiani schierati sul confine turco-siriano e fuoriuscita dalla missione NATO “Active Fence”
• Impegnarsi per una No-Fly Zone sulla Siria del Nord e dell’Est
• Fuoriuscita dagli accordi europei che appaltano alla Turchia e ai cosiddetti “paesi terzi sicuri” la gestione dei flussi migratori
• Interruzione immediata delle relazioni finanziarie e delle linee di credito delle banche italiane – Unicredit e Intesa San Paolo in testa – alle aziende costruttrici e carbonifere turche

Ott
30
Mer
Assemblea del Coordinamento dei Collettivi Studenteschi @ CS Cantiere
Ott 30@15:30–17:00

Riunione settimanale del Coordinamento Dei Collettivi Studenteschi di Milano e provincia.

Vuoi partecipare? Contattaci!

Nov
6
Mer
Assemblea del Coordinamento dei Collettivi Studenteschi @ CS Cantiere
Nov 6@15:30–17:00

Riunione settimanale del Coordinamento Dei Collettivi Studenteschi di Milano e provincia.

Vuoi partecipare? Contattaci!

Nov
13
Mer
Assemblea del Coordinamento dei Collettivi Studenteschi @ CS Cantiere
Nov 13@15:30–17:00

Riunione settimanale del Coordinamento Dei Collettivi Studenteschi di Milano e provincia.

Vuoi partecipare? Contattaci!