Qualche anno fa discutemmo della guerra contro Gheddafi. Noi allora ci interrogavamo, come oggi, su come affrontare le contraddizioni della guerra globale permanente, nella nuova fase che emergeva dalla primavera araba. Ci chiedevamo se fosse possibile condannare in modo assoluto l’intervento francese che aveva salvato Bengasi dal massacro. Poco dopo ci trovammo circondati di amici siriani (tra i quali molti palestinesi di Damasco) che auspicavano un bombardamento Nato del loro paese e magari un protettorato americano pro-tempore (come potevano non vedere ciò che accadeva in Iraq come un segno premonitore dei più nefasti scenari?).

Nel corso dei numerosi momenti di conversazione e confronto con diversi compagni, alcuni concetti chiave ci hanno poi aiutato a orientare la sempre più complessa riflessione sull’evolversi di questa mostruosa guerra senza quartiere e senza confini definiti. Su tutti, due affermazioni:

– l’intervento in Libia serve a bloccare le primavere arabe e soffocarle nella guerra.

– piuttosto che i bombardamenti delle ex colonie “guerra civile fino in fondo”.

Entrambe ci sono ancora molto utili per leggere quello che accade in Siria. Da una parte è oggi evidente come la guerra e la deriva militare del confronto sia stata la strategia con cui sconfiggere le primavere arabe di Piazza Tahrir che evocavano piazze resistenti, disobbedienza civile radicale, anche armata, ma mai sullo stesso piano dell’esercito.

Oggi la contraddizione si è approfondita e la cassetta degli attrezzi appare inadeguata. Il movimento No War che 15 anni fa ha perso ci lascia un patrimonio importante, quello della demistificazione del discorso dominante, a partire dalla comprensione delle responsabilità Occidentali. L’articolo di Fisk su Indipendent rappresenta abbastanza bene questa capacità di leggere criticamente il nemico che è a casa nostra e il retaggio coloniale e neoco(n)loniale.

Però la sola presenza del Pkk nella zona apre altri scenari: da un lato ci consente di guardare da una prospettiva che non ci è nemica, anzi con cui possiamo identificarci, (e che consegna una caratteristica rivoluzionaria o quantomeno progressiva a una delle fazioni della guerra civile), dall’altro apre l’interrogazione sul rapporto con gli eserciti, Nato o russi che siano, di questa resistenza. I curdi la leggono sin dai tempi dell’assedio di Kobane nei termini della lotta antifascista e ci pare che lo facciano con ottime ragioni. (Thanking the United State compariva su Rojava Report nell’Ottobre 2014)

Cosa significa per la costituzione imperiale oggi la guerra? Se nel 2001 Bush ha fallito il suo colpo di Stato tuttavia la nostra profezia di una guerra globale e permanente è tristemente avverata. Assumendo un “fronte interno” in cui il nostro compito sia, ad esempio, fare dei quartieri luoghi integrati con il resto della metropoli attraverso un tessuto connettivo di lotte e solidarietà e non invece dei ghetti che covano fondamentalismi e passioni tristi… come possiamo agire, se non altro, un discorso, e possibilmente anche una pratica, sul fronte esterno? Come sabotare una macchina bellica in una guerra che non ha inizio né fine? Che non ha soldati né schieramenti definiti? Denunciare gli interessi di chi vende armi e sfrutta risorse debbono essere, crediamo, tematiche sempre al centro del nostro discorso pubblico eppure non basta. Come sicuramente non è sufficiente il tifo per l’esercito rosso (kurdo in questo caso) né la solidarietà per chi fugge. Tutte cose che facciamo (la nostra campagna principale al momento si chiama “Stop War Not People“) e che giocano un ruolo importantissimo, ma che andrebbero cucite assieme in una lettura del presente maggiormente alla nostra portata.

Per districarci, proponiamo qui di seguito la lettura di alcuni contributi.

Dieci tesi su politica della paura, Isis e fascioleghismo” di Girolamo De Michele per euronomade

Siamo in guerra” e “Allora, facciamo la guerra all’ISIS” di Aldo Giannulli

A proposito del ruolo dei kurdi e dell’alleanza con la coalizione a guida USA ci sembra molto importante riepilogare il ruolo del PKK in Siria e alcuni passaggi chiave. Nel periodo tra l’Agosto 2014 e il Novembre 2014, si capisce come il supporto Usa all’Ypg non sia stato frutto di diverse esigenze: in un primo momento contenere il PKK, in un secondo momento non perdere la faccia d fronte alla resistenza di Kobane che diventava notizia globale. Fino all’agosto 2014 è tutto riassunto molto bene da Giap in questo articolo: Isis, Pkk e Rojava in seguito si fa tutto più complesso e ravvicinato e consigliamo di seguire fonti kurde, soprattutto Rojava Report.
Per farsi un’idea di come i curdi siriani si pongono il problema del contraddittorio supporto Usa (al di là dei comunicati militari di ringraziamento del comando centrale della coalizione) si può ad esempio leggere questo articolo dal titolo esemplificativo, scritto durante l’assedio di Kobane: Is the Pyd collaborating with imperialism?

Esiste un retaggio coloniale e neo-coloniale che fa dell’Occidente una specie di Re mida che quando interviene può solo peggiorare le cose perché conferma la narrazione fondamentalista della guerra contro i crociati, apre la strada a nuovi saccheggi e si muove con un completo disprezzo delle vite umane africane o mediorientali che è completamente asimmetrico (e genera guerra asimmetria e cioè terrorismo).

Particolarmente significativo in questo senso l’intervento di Robert Fisk su Indipendent: Whoa there David Cameron! Hate and rethoric is not a recipe for peace. Significa questo lavarsi le mani e proporre di lasciare fare all’Isis? Noi pensiamo che questa decostruzione del discorso di guerra sia un prerequisito fondamentale anche per sostenere i kurdi (ad esempio), che non cessano di rivendicare la pace pur essendo in guerra da 30 anni.

L’analisi di Balibar, invece, propone la società civile Europea e Mediterranea come soggetto agente in quella che sembra essere paragonabile alla guerra dei trent’anni o alla guerra civile europea (come lui definisce la somma delle due guerre mondiali) come portata. Potete trovarla qui: “Un conflitto indefinito e asimmetrico

Naomi Klein interviene affermando che un accordo sul clima è la migliore speranza per la pace: vi proponiamo qui l’articolo in inglese: “Why Climate deal is the best hope for peace

Infine, suggeriamo i contributi di David Graeber e Noam Chomsky, che scrivono entrambi in particolare rispetto alla Turchia e al regime di Erdogan.

Turkey could cut off Islamic State’s supply lines. So why doesn’t it?” di David Graeber

Turkey continues to muzzle democracy’s watchdogs” di Noam Chomsky

per altri spunti e altre letture, ti consigliamo il nostro speciale “La guerra globale nel cuore di Parigi“.

articoli

NO al nucleare! Blitz alla sede dell’ Unione Europea!

NO NUKE IN OUR FUTURE! No scorie, No profitti, No Armi!   Siamo alla sede milanese dell'Unione europea perché domani sarà l'ultimo giorno per impedire che nucleare e gas vengano classificate come fonti di energia sostenibile SEGUICI SUI...

San Siro: i nostri diritti più in alto delle vostre speculazioni.

SAN SIRO: I NOSTRI DIRITTI PIU' IN ALTRO DELLE VOSTRE SPECULAZIONI San Siro è uno dei più grandi quartieri di edilizia residenziale pubblica a Milano ha un patrimonio abitativo di 5.996 abitazioni, 1416 sono vendute e solo 2521 sono assegnate, 800 occupate, 572 in...

La DAD non è la soluzione: OCCUPIAMOCI di scuola!

La DAD non è la soluzione: OCCUPIAMOCI della scuola! La priorità del governo è aprire le scuole in presenza, ma cosa è stato fatto affinché questo avvenga? Solo dichiararlo!  Siamo tornati a scuola e nulla è cambiato: la scuola continua ad essere l’ultima ruota del...

Ciao Vito, continueremo a disegnare altri mondi possibili

Ciao Vito, compagno instancabile con il sole e con la pioggia. La tua ruvidezza sincera e il tuo brontolare operoso ci faranno compagnia non solo nei ricordi ma rimarrai per sempre presenza costante. Non dimenticheremo mai la tua creatività artigiana, l'entusiasmo...

Natale Solidale a SanSiro! 18 dicembre dalle 15 in pza Selinunte

Sabato 18 dicembre "NATALE SOLIDALE A SAN SIRO" dalle 15.00 in piazzale Selinunte! Programma della giornata:h 15:00 laboratorio artistico, stencil e colori per tutte tutti a cura della Bottega delle Arti di SMS Spazio di Mutuo Soccorso;h 15:30 lezione di boxe per...

Milano non dimentica Piazza Fontana. Ama la libertà, rifiuta fascismo e razzismo.

Non c'è futuro senza memoria: durante il corteo per non dimenticare la strage di #PiazzaFontana siamo passati di fianco al consolato Libico, dove abbiamo voluto lanciare un messaggio di solidarietà con le proteste che da settimane ormai proseguono sotto l' #Unhcr di...

Recovery Plan-et: Tax the rich! 7 Dic @Prima della Scala

Oggi è andato in scena il #MutuoSoccorso alla #PrimadellaScala perché costruire dal basso un'alternativa a questo sistema insostenibile è urgente e necessario! Questo modello di sviluppo si basa sullo sfruttamento del pianeta e di chi lo abita. Le conseguenze del...

10 Dicembre Corteo Studentesco – NON C’È FUTURO SENZA MEMORIA – Gli studenti non dimenticano Piazza Fontana!

Il 12 dicembre del 1969 in piazza Fontana esplode una bomba uccidendo 17 persone e ferendone quasi 100. A mettere la bomba fu il gruppo fascista Ordine Nuovo, con il mandato e l’appoggio dei servizi segreti dello stato. PerchéAlla fine degli anni ‘60, i movimenti...

Fantasie di complotto e cospirazioni neofasciste

OGGI ORE 18.30 IN DIRETTA LIVENelle piazze d'Italia e del mondo una vulgata che mischia individualismo, irrazionalismo e attrae anche generiche istanze di rabbia sociale si sta mobilitando, sostanzialmente nel nome della sfiducia nella scienza.PARLIAMO CONLeonardo...

Piantum/Azione: lunedi 29 novembre in piazza Stuparich

Un piccolo gesto per costruire città più vivibili contro la cementificazione selvaggia.  Continuano le nostre Piantum/Azioni, perchè prendersi cura del verde di piazza Stuparich significa prendersi cura del nostro pianeta! Lunedi 29 l'appuntamento è alle 8, per...

eventi

Venerdì 21 gennaio DISCHI VOLANTI al Cantiere

👽DischiVolanti👽🍺APERITIVO BEER&CHEESE🧀🔥MERCATINO DEL VINILE🔥🔸Venerdì 21 Gennaio, dalle 19:00, ci vediamo al Cantiere per un aperitivo genuino con le birre e i formaggi del Gruppo di Acquisto Solidale Popolare.🔸In contemporanea, un bellissimo mercatino di vinili...

Buss a Dinner/Space Dinner – Cena e dibattito sulla canapa

BUSS A DINNERCena e dibattito sulla Canapa Questo sabato al Cantiere una serata dedicata alla canapa e ai suoi benefici in cui approfondire il referendum sulla legalizzazione della cannabis. Cena a base di canapa powered by Taverna Sociale Clandestina  Parleremo...

Tributo a De Andrè e Cena ligure

“Non essendo padrone che di una piccola arte spesso dovetti cambiarla con il cibo” Sabato 15 Gennaio, a 24 anni dalla morte del cantautore, omaggiamo Fabrizio De Andrè con una CENA LIGURE. PER PRENOTARE https://www.eventbrite.com/.../cena-ligure-in-tributo-a......

AfroVibration: sabato 11 dicembre cena e musica

AfroVibrations w/ DJ Halo & DJ MadMattSABATO 11AFRO VIBRATIONSMUSIC AGAINST RACISM Al Cantiere, una serata antirazzista a base di ritmi afro Unire musica e antirazzismo, raccontando altri mondi possibili, senza confini e senza muri AI CONTROLLIDJ HALO outta...

19 dicembre – Cenone di Natale al Cantiere!

Cenone di Natale al Cantiere! Per prenotare clicca qui: https://www.eventbrite.it/e/gran-cenone-di-natale-tickets-222905756117 Domenica 19 dicembre dalle 20.00 un’ultima cena per chiudere in buona compagnia questo 2021 di lotta e solidarietà. Un menù ricco e gustoso...

Fantasie di complotto e cospirazioni neofasciste

OGGI ORE 18.30 IN DIRETTA LIVENelle piazze d'Italia e del mondo una vulgata che mischia individualismo, irrazionalismo e attrae anche generiche istanze di rabbia sociale si sta mobilitando, sostanzialmente nel nome della sfiducia nella scienza.PARLIAMO CONLeonardo...

Cena d’autunno per le spese legali del Cantiere.

Domenica 21 novembre 2021 dalle 20.00 al Cantiere CENA D’AUTUNNO PER LE SPESE LEGALI Una cena a km0 e solidale con prodotti del G.A.S.P. – Spazio Mutuo Soccorso Una cena come sempre all’insegna della socialità, del buon cibo e della buona musica, a sostegno delle...

ZeroCalcare: Proiezione della serie “Strappare lungo i bordi”

  Venerdi 19 novembre 2021 dalle 21.30 al Cantiere Dopo l'incontro "Quali libertà? Quali conflitti?" Strappare lungo i bordi / maratona della serie di Zerocalcare   Da Rebibbia arriva ''Strappare lungo i bordi'' la serie animata di ZeroCalcare (6 episodi da...

Incontro pubblico: quale libertà, quali conflitti?

Venerdì 19 Novembre, al Cantiere, alle 19.00 A nostro parere la contrapposizione tra libertà individuale e la libertà coniugata con la solidarietà e la responsabilità sociale è il discrimine attraverso cui leggere quelle piazze. [...]Invece di avere la Libertà di fare...

Storiemigranti con Nicola Bernardi e il fumettista Sio

Venerdì 12 Novembre 2021 alle h. 19 al Cantiere Presentazione del libro Storiemigranti con Nicola Bernardi e il fumettista Sio. Prenota qui per te e amici per aiutarci a organizzare al meglio lo spazio e garantire la salute di tutt* Serata benefit per Mediterranea con...

approfondimenti

Quale libertà?

Già da quest’estate manifestazioni e proteste contro il Green pass si sono verificate in molte città d’Italia.A nostro parere la contrapposizione tra libertà individuale e la libertà coniugata con la solidarietà e la responsabilità sociale è il discrimine attraverso...

Da Milano al Messico, “EL AGUA ES DEL PUEBLO”, #FueraBonafont! – azione solidale per l’acqua

#boycottdanone FUERA BONAFONT [ITALIANO] Oggi, 11 giugno, a 10 anni dal referendum contro la privatizzazione dell'acqua, siamo stati davanti alla sede del gruppo Danone, di cui fa parte Bonafont, e abbiamo lasciato davanti all’ingresso della loro sede vernice rossa a...

Pueblos Zapatistas Unidos contro il furto dell’acqua: #FueraBonafont

“Bonafont” è una impresa legata al gruppo francese “Danone” che si dedica all’imbottigliamento dell’acqua. Dal 1992 Bonafont si è installata nel territorio di Puebla, in Messico, senza che le popolazioni locali venissero in alcun modo consultate dallo Stato, che ha...

No Profit On Pandemic!

Nessun profitto sulla pandemia. Cure e vaccini per ciascun* ovunque e gratuiti.Durante entrambi gli incontri affronteremo, da vari punti di vista, la battaglia che vede contrapposti grandi attori globali di fronte alla sfida delle vaccinazioni contro il Covid 19 e le...

Restituiteci Sankara.

Restituiteci Sankara.L’Africa non è una macchia nella cartina del mondo, non può essere rimossa. Esiste non molto lontano, a due passi dal mare, che si chiama Africa. L'opinione pubblica europea sa che da lì partono le imbarcazioni dei migranti, in fuga dalla...

Vive la Commune!

150 anni fa, una delle più straordinarie esperienze rivoluzionarie della storia contemporanea: la Comune di parigi. Sconfitta dalle armi dell'esercito del Kaiser ha lasciato un'eredità raccolta per tutto il secolo successivo da chi ha alzato la Bandiera Rossa per la...

Un altro mondo è possibile: a 19 anni da Genova.

STOP GLOBAL WAR: AVEVAMO RAGIONE NOI. Non dimenticare genova per continuare a costruire altri mondi possibili. Nel 2001 a Genova migliaia e migliaia di persone da tutto il mondo invasero le strade contro il g8, il vertice dei "grandi potenti" del mondo. Era il...

Contro le passioni tristi, le sardine urtano il populismo

Di MARCO BASCETTA Nel cercare di comprendere la natura dei movimenti, la loro direzione di marcia, il posto che occupano nella sfera politica si rischia sempre di essere prematuri o inattuali. Del resto ogni movimento sociale è attraversato da flussi emotivi e bisogni...

In Cile il neoliberismo è in crisi

In Cile si sintetizza una combinazione esplosiva di un libero mercato senza anestesia e una democrazia completamente delegittimata, che conserva solo il suo nome. È degenerato in una plutocrazia che, fino a pochi giorni fa - ma non più - è stata misurata dalle...

Il Sud America si solleva contro il neoliberismo

Il neoliberismo è in crisi. In molti paesi dell'America latina le piazze sono piene: milioni di persone si oppongono, dal Cile all'Ecuador, alle politiche neoliberali applicate ai governi di destra. Nel frattempo le elezioni amministrative colombiane e quelle...