CANTIERE.ORG

CANTIERE

.ORG

VAI ALLO SPECIALE DELLA CAMPAGNA:

VIDEO, CONTRIBUTI, APPUNTAMENTI…

La guerra globale permanente nel 2015 ha colpito Parigi. Certamente non solo Parigi, anzi il maggior numero di morti è stato in Siria, Iraq, Nigeria, Mali, Kurdistan con ordini di grandezza dei civili morti notevolmente superiori. Attentati sono avvenuti in Turchia e in Libano. E’ probabile però che l’operazione di cui il califfo può andare più soddisfatto sia quella compiuta in due tempi nella capitale francese ed è anche probabile che l’ultimo attentato sia il più gravido di conseguenze (nefaste). Il gioco della guerra globale permanente ormai lo abbiamo imparato a conoscere, ma non per questo sembra che siamo in grado di evitarlo.

Fondamentalisti religiosi o in alternativa sciovinisti ossessionati dalla conquista del mondo, massacratori di civili, , cinici calcolatori di alleanze convenienti e indegne… sono caratteristiche che vestono bene a quasi tutte le parti in conflitto. Lo si potrebbe dire di Erdogan, del califfo e dei reali sauditi, di Assad e Putin ma anche dei responsabili della politica militare della NATO da Bush a Hollande.

E’ adesso il tempo delle marce marziali. Non sappiamo prevedere se è arrivato il momento in cui spazzeranno via Daesh, un giocattolo molto costoso e pericoloso e che è sufficientemente fuori controllo da incendiare le capitali europee o se ancora una volta i sauditi (benzinai del mondo) e i Turchi (onorati membri della Nato) riusciranno a prolungare la vita del Califfo. Sappiamo però che in ciascuno di questi casi a morire sarà chi non ha deciso e chi non ha scelto. Chi avrebbe molte ragioni di dire Not In My Name rivolto ad ogni orrendo massacro.
Non sempre tuttavia le cose sono così semplici e frustranti come quando si scende in piazza in milioni per fermare i bombardieri che, noncuranti, sganciano il loro carico di morte. Ci si può trovare a battersi con le armi contro una guerra odiosa che ti arriva in casa come a Kobane e in tutto il Rojava, ci si può trovare in fuga su una barca precaria per salvare la vita e i propri cari per raggiungere l’Occidente (fabbrica di armi del mondo). Gli attentati di Parigi ci raccontano anche che ci si può trovare a combattere nelle nostre stesse metropoli contro il cinismo di chi utilizza le periferie come serbatoio di nuovi schiavi e chi le sfrutta per diffondere fondamentalismo religioso.

Non abbiamo e non proponiamo ricette semplici perché il potere che si dispiega con la guerra è crudele ma solido. Ma nessuno può impedirci di continuare a batterci e anche a dire alcune cose tanto complicate da realizzare quanto semplici da comprendere: smettere di innaffiare il mondo di armi prosciugherebbe molte delle guerre in corso, passare dalla logica dell’espropriazione delle risorse a nuove logiche più eque e sostenibili restituirebbe la terra al genere umano a cominciare da quelle regioni che sono rapinate da 200 anni, aprire le porte del Mediterraneo – #porteouverte come quella sera a Parigi – consentirebbe di cominciare a sbriciolare i muri di diffidenza e odio che qualcuno ha costruito tra chi vive nella vasta regione che si affaccia su questo mare.

Per contestualizzare proponiamo due articoli sul ruolo della Francia come esercito Nato e potenza ex-coloniale nel quadro della guerra globale permanente con l’obiettivo di controllare aree ricche di minerali e già colonizzate,  in passato soprattutto in Africa (ma anche in Siria).
Fabrizio Gatti per l’Espresso: Africa dove bombarda Hollande
Raffaele Masto per il suo blog Buongiorno Africa: Il terrorismo, la Francia e l’Europa
Giuseppe Genna dal suo blog: Non in mio nome, signor Hollande

A proposito della complicità con Isis dei regnanti Saud dell’Arabia Saudita e del presidente-sultano Erdogan alla guida di una Turchia sempre più autoritaria. Soprattutto a proposito delle ragioni per cui questi due paesi continuano ad essere stretti alleati dell’Occidente e ricevuti con ogni onore (il G20 è stato in Turchia) mentre all’Onu tutti strombazzano dichiarazioni contro ISIS.
Giuliana Sgrena dal Manifesto, se gli alleati dell’Isis siamo noi
Almeno smettiamola con le chiachiere, Fulvio Saglione da Famiglia Cristiana

A proposito di quello che è successo in Siria dopo le primavere arabe e prima. Come hanno ucciso la rivoluzione nata in Tunisia a suon di bombe è un fattore chiave per capire quello che accade oggi in Medio Oriente; ma a sua volta per comprendere il 2011 bisogna sapere ciò che è accaduto in passato.
Da Giap il blog di Wu Ming: La guerra all’Isis, il ruolo del PKK e la zona autonoma del Rojava
Un video molto semplice ma efficace che ripercorre a grandi tappe e per parole chiave la storia dell’attuale Siria: #WhySyria
A questo proposito segnaliamo anche alcune fonti di informazione delle organizzazioni curde che rivendicano e costruiscono il confederalismo democratico: Uiki Onlus, RojavaReport

Per comprendere meglio il terrorismo,  il suo rapporto con la guerra dispiegata ad alta intensità (in Africa e in Medio Oriente) e anche l’evoluzione delle reti di supporto dell’Isis
Dal Manifesto di Giuliano Battiston: La nuova strategia globale dell’Isis
Inoltre le analisi spesso intressanti e sempre originali di Aldo Giannuli sul suo blog
Da Euronomade, Girolamo De Michele: 10 tesi su politica della paura Isis e fascioleghismo

Proponiamo questi articoli che ci sono stati inviati:
Che cosa sta succedendo intorno a noi di Paolo Punx
13/11, gli attentati di Parigi e gli Hunger Games europei, di Alessandro Maggioni

Suggeriamo anche la lettura dei commenti a caldo di:
Giuseppe GennaJudith ButlerSandro Moiso per Carmilla; Judith Revel per Euronomade

 

articoli

Per un 25 Aprile di Liberazione: Resistenza, Diserzione, Decolonialità

Per un 25 Aprile di Liberazione, disertiamo la guerra. Siamo partigian3, dalla parte della resistenza palestinese! Palestina Libera

SMS in Festa! 11 Anni di Mutuo Soccorso

Dal 2 al 5 Maggio, SMS in festa! 11 anni di mutuo soccorso, 4 giorni di festival: concerti, dibattiti, sport, cibo e socialità, in Piazza Stuparich 18.

19A Global Strike di Fridays For Future

19 Aprile – 9:30 Largo Cairoli – Global Strike di Fridays For Future! – #FreePalestine – #ClimateJusticeNow – #BoycottGenocide – #BoycottFossilCapitalsim

8M #lungavitasms, difendiamo gli spazi transfemministi

  MUTUO SOCCORSO È SORELLANZA Lo Spazio di Mutuo Soccorso si prepara alla giornata del #LottoMarzo. Giovedì 7 marzo dalle 16:00 - Laboratorio scenografie: prepariamo insieme cartelli, striscioni, cori, panuelos per i cortei dello sciopero. - Vieni a conoscere i...

24 Febbraio Corteo Nazionale #FreePalestine

Sabato 24 Febbraio – Ore 14:30 – Piazzale Loreto
Corteo nazionale contro il genocidio del popolo Palestinese
Segui lo spezzone Decolonize!

Otto Marzo 2024 – Corteo Studentesco

Lotto Marzo! – Venerdì otto Marzo corteo studentesco e dello sciopero – ore 9:30 largo Cairoli – #NonUnaDiMeno #Student3Disobbedient3

Memori(a)E: sostantivo plurale, verbo attivo. 2024.

A cosa serve la memoria? La memoria, o meglio, le memorie degli orrori del passato devono servire a fermare immediatamente i genocidi del present

Iniziativa in Unimi per la laurea di Liliana Segre #GiornataDelleMemorie

Giornata della memoria - Iniziativa in Unimi "L'indifferenza è peggiore della violenza." -Liliana segre Queste le parole di Liliana Segre con cui abbiamo voluto accoglierla all'università statale di Milano, come studenti non indifferenti. Ricordare i genocidi della...

Incontro: memorie Antifasciste per un futuro di libertà

Domenica 28 Gennaio Memorie Antifasciste per un futuro di Libertà Incontro con Franco "Bifo" Berardi e Alessia Manera A seguire Polentata: cena per le spese legali del Cantiere! Il 27 gennaio venne istituita la Giornata della Memoria, per fare i conti su un passato...

Lunga Vita SMS: giornata resistente allo Spazio di Mutuo Soccorso

#LUNGAVITASMS Lo Spazio di Mutuo Soccorso è una casa per chi, tra le speculazioni milanesi e la svendita dell’edilizia pubblica, una casa non la può avere. Lo Spazio di Mutuo Soccorso è riqualificazione dal basso, auto recupero e trasformazione dello spazio urbano, su...

eventi

SMS in Festa! 11 Anni di Mutuo Soccorso

Dal 2 al 5 Maggio, SMS in festa! 11 anni di mutuo soccorso, 4 giorni di festival: concerti, dibattiti, sport, cibo e socialità, in Piazza Stuparich 18.

20 Aprile, Serata Groove w/Paprika

20 Aprile 2024 – Serata solo Groove w/Paprika @Cantiere, Via Monterosa 84

Cena di primavera per le spese legali del Cantiere.

Cena di primavera per le spese legali del Cantiere! Domenica 14 aprile 2024 dalle 20:00

Sabato 13/4: Stay Punk Stay Antifa!

Stay Punk Stay Antifa!
sabato 13 aprile 24
Dirty Noise, Punk-o-Mat, Fondamenta Nuove
dalle 22 @Cantiere, via Monterosa 84

12 Aprile: Spettacolo “Una lepre con la faccia di Bambina”

H. 18:30 presentazione dello Strike del 19A con FridaysForFuture Milano;
H. 20:00 Cena veg;
H. 22:00 Spettacolo “Una Lepre con la faccia di Bambina

6/4 DecolonizeTheCity presenta: Krash!

Krash! Ballroom Party Sabato 6 Aprile.
Approda al Cantiere una serata dedicata alla Ballroom scene!
#DecolonizeTheCity

23/3 Vaeva, Youngover, Narratore Urbano Live @Cantiere

Ama la musica, odia il fascismo!
Sabato 23 Vaeva, Narratore Urbano e Youngover live @Cantiere

23F Preparazione Corteo e Proiezione “A World Not Ours”

h. 16 preparazione corteo
h. 20 cena sociale
h.21:30 proiezione di A World Not Ours

“Fare Comunità nei margini della città”: tour immersivo e cena sociale a SMS per il World Antropology Day!

"Fare Comunità nei margini della città" Tour Immersivo e cena sociale allo Spazio di Mutuo Soccorso in occasione del World Anthropology Day 2024. Giovedì 15 febbraio H.18.00 tour immersivo allo Spazio di Mutuo Soccorso H.20.00 cena sociale con piatti dal mondo...

Decolonize The City: passeggiata decoloniale a San Siro

Decolonize the city: trekking urbano tra le storie che hanno fatto la Storia della resistenza al colonialismo. Partenza ore 11:30 M5 San Siro Stadio Vi invitiamo a unirvi a una passeggia per attraversare insieme quelle strade di San Siro che portano nomi di città...

approfondimenti

“Al lavoro! Priorità, sicurezza, diritti”

Al lavoro! Il nuovo governo si è già messo al lavoro.  Oh, finalmente. Certo, perchè con tutti i problemi che abbiamo in questo Paese, non c'era da perdere tempo. C'è la guerra e la bomba atomica viene seriamente presa sul serio dai potenti della guerra. C'è una crisi...

SPECIALE STOP WAR: Di fronte ad ogni guerra la parola NO e l’azione Ribelle

CLICCA e vai alla raccolta di contributi, approfondimenti e call to action #STOPTHEWAR!   di seguito intanto trovi il nostro contributo. Per seguirci @cantieremilano su twitterDi fronte ad ogni guerra c’è solo una parola degna e una azione conseguente, la parola...

Quale libertà?

Già da quest’estate manifestazioni e proteste contro il Green pass si sono verificate in molte città d’Italia.A nostro parere la contrapposizione tra libertà individuale e la libertà coniugata con la solidarietà e la responsabilità sociale è il discrimine attraverso...

Da Milano al Messico, “EL AGUA ES DEL PUEBLO”, #FueraBonafont! – azione solidale per l’acqua

#boycottdanone FUERA BONAFONT [ITALIANO] Oggi, 11 giugno, a 10 anni dal referendum contro la privatizzazione dell'acqua, siamo stati davanti alla sede del gruppo Danone, di cui fa parte Bonafont, e abbiamo lasciato davanti all’ingresso della loro sede vernice rossa a...

Pueblos Zapatistas Unidos contro il furto dell’acqua: #FueraBonafont

“Bonafont” è una impresa legata al gruppo francese “Danone” che si dedica all’imbottigliamento dell’acqua. Dal 1992 Bonafont si è installata nel territorio di Puebla, in Messico, senza che le popolazioni locali venissero in alcun modo consultate dallo Stato, che ha...

No Profit On Pandemic!

Nessun profitto sulla pandemia. Cure e vaccini per ciascun* ovunque e gratuiti.Durante entrambi gli incontri affronteremo, da vari punti di vista, la battaglia che vede contrapposti grandi attori globali di fronte alla sfida delle vaccinazioni contro il Covid 19 e le...

Restituiteci Sankara.

Restituiteci Sankara.L’Africa non è una macchia nella cartina del mondo, non può essere rimossa. Esiste non molto lontano, a due passi dal mare, che si chiama Africa. L'opinione pubblica europea sa che da lì partono le imbarcazioni dei migranti, in fuga dalla...

Vive la Commune!

150 anni fa, una delle più straordinarie esperienze rivoluzionarie della storia contemporanea: la Comune di parigi. Sconfitta dalle armi dell'esercito del Kaiser ha lasciato un'eredità raccolta per tutto il secolo successivo da chi ha alzato la Bandiera Rossa per la...

Un altro mondo è possibile: a 19 anni da Genova.

STOP GLOBAL WAR: AVEVAMO RAGIONE NOI. Non dimenticare genova per continuare a costruire altri mondi possibili. Nel 2001 a Genova migliaia e migliaia di persone da tutto il mondo invasero le strade contro il g8, il vertice dei "grandi potenti" del mondo. Era il...

Contro le passioni tristi, le sardine urtano il populismo

Di MARCO BASCETTA Nel cercare di comprendere la natura dei movimenti, la loro direzione di marcia, il posto che occupano nella sfera politica si rischia sempre di essere prematuri o inattuali. Del resto ogni movimento sociale è attraversato da flussi emotivi e bisogni...