115041527-52fcdf5a-a9fe-4ee9-81e1-e6ccfe429451Oggi abbiamo occupato i nuovi uffici comunali per l’assegnazione ERP, luogo dove ogni settimana passano centinaia di famiglie, che rischiano di finire in mezzo alla strada, per chiedere una soluzione abitativa. Oltre alle solite promesse, da aprile si vedono un muro davanti, non si possono più fare le richieste di assegnazione in deroga per emergenza, strumento che ha dato respiro negli anni scorsi a una situazione che sempre di più sta diventando drammatica.

Non si possono più fare le richieste d’emergenza perchè c’è un limite alle assegnazioni in deroga del 25%, che in pochi mesi si satura, data l’emergenza abitativa. E la situazione che si prospetta è ancora più drammatica: la Regione, nella nuova legge regionale sull’Edilizia Residenziale Popolare, propone di cancellare le assegnazioni in deroga per emergenza.

Abbiamo presentato delle domande di alcune delle famiglie sfrattate e abbiamo richiesto che il Comune prendesse parola : non si possono bloccare le assegnazioni, quando ci sono ancora 10mila case popolari vuote!

 

10 mila sono le case popolari ancora vuote, 23 mila le famiglie in lista d’attesa per una casa ERP solo a Milano (di cui l’80% con ISEE inferiore ai 7mila€) , 13mila le richieste di sfratto e la commissione per regolarizzare gli occupanti per necessità votata 3 anni fa è ancora bloccata. Davanti a questi evidenze Comune e Regione, Aler e MM fanno orecchie da mercanti.

Intervenire rispetto all’emergenza abitativa è un’altra cosa: è proporre delle soluzioni che non vadano solo ad ingrossare le tasche di pochi, è non trattare l’emergenza abitativa come un mero problema di ordine pubblico, è guardare ai bisogni e non solo ai profitti!

 

Ancora una volta alle tante famiglie che soffono la crisi e che chiedono risposte all’emergenza abitativa, Comune di Milano e Assessorato alla casa chiudono la porta in faccia, rimanendo in silenzio.

Non basta qualche promessa da campagna elettorale e qualche coperta regalata, vogliamo risposte vere e soluzioni possibili!

Le soluzioni ci sono:

* BLOCCO DI SFRATTI E SGOMBERI

* SANATORIA PER GLI OCCUPANTI PER NECESSITA’

* ASSEGNAZIONE DELLE 10MILA CASE POPOLARI VUOTE

* SBLOCCO DELLE ASSEGNAZIONI IN DEROGA PER EMERGENZA

Questa è una delle tappe di mobilitazione, per il diritto all’abitare, contro la nuova proposta di legge regionale sulla casa, che nelle prossime settimane vedranno il corteo per le strade della San Siro Solidale ( Sabato 21 Novembre ) e altre iniziative.

Basta Persone Senza Casa, Basta Case Senza Persone

Comitato Abitanti San Siro – Asia Milano