CANTIERE.ORG

CANTIERE

.ORG

CShz2ZZUsAA76nkBenemerita Università Autonoma di Puebla, México, 26-29 ottobre 2015.

“Primo Congresso Internazionale della Comunalidad. Lotte e strategie comunitarie: orizzonti oltre il capitale.”

 

Centinaia e centinaia di attivisti, ricercatori, studenti, militanti delle lotte sociali ed indigene si ritrovano a Puebla sotto la comune bandiera del comune contro il capitale. Quattro giorni intensissimi di dibattiti e discussioni che hanno animato il Primo Congresso Internazionale della Comunalità: un concetto eterogeneo, come spiega Silvia Federici nell’assemblea di inaugurazione, che in qualunque sua coniugazione esprime il comune obbiettivo di superare il sistema neoliberale neocoloniale patriarcale, che dopo 500 anni dalla conquista delle Americhe ha da impartire ancora solo miseria e guerra. La Comunalidad come progetto politico che esprime il rifiuto a tale sistema e che aspira a costruire “altro”, un mondo di tanti mondi già visibile in atto in migliaia di realtà che in tutto il pianeta costruiscono relazioni diverse, comunità e società fuori dalle logiche del capitalismo, dell’accumulazione, del profitto, dello sviluppo, e per la riproduzione della vita.

Dalle battaglie contro l’austerità e la crisi nel vecchio continente alle lotte indigene per l’autogoverno che popolano tutto il continente americano.

Dobbiamo prepararci alla tormenta, ci dicono gli zapatisti del Chiapas, il capitalismo vive delle sue crisi, come insegna Marx, e l’apice del capitalismo ci porta oggi a una crisi civilizzatoria globale.

Una crisi sociale, ambientale, sanitaria, dei rapporti umani, spiega Raùl Zibechi, dove il consumismo rischia di sancire una mutazione antropologica senza precedenti nella storia dell’umanità, a cui la comunità e il lavoro collettivo possono essere l’unica risposta adeguata ed efficace all’arrivo della tormenta. “Camminare più veloce è camminare insieme” ci dicono gli indigeni in resistenza dalla Selva Lacandona, attraverso le parole del fu Subcomandante Marcos.

C’è la voce di tutte le Americhe negli auditori dell’università, dei Sin Tierra del Brasile, degli Aymara boliviani, di Occupy Wall Street e degli indigeni di Oaxaca, di collettivi femministi, delle polizie comunitarie del Guerrero, delle lotte studentesche e dei movimenti sociali di Città del Messico. E ovviamente non manca la voce dei desaparecidos di Ayotzinapa e delle decine di migliaia di scomparsi dall’inizio della guerra sucia in Messico; le parole di un compagno peruviano commuovono l’enorme platea: “Per noi Aymara la morte non esiste, per noi i 43 di Iguala come tutti i desaparecidos sono qui ed ora insieme a noi a discutere e lottare”. Tantissimi tavoli tematici in contemporanea animano le aule dell’università, che per alcuni giorni perde il suo carattere di accademia: giustizia comunitaria, estrattivismo, battaglie di genere, acqua e difesa dei territori, memoria, linguaggio delle lotte, pratiche di comunicazione comunitaria, migrazioni. Le esperienze dei compagni di tutta l’America Latina riportano in maniera chiara e ineludibile i limiti e le contraddizioni dei governi progressisti sudamericani, il neoliberismo economico del governo del Mas di Evo Morales e l’avanzata delle monoculture transgeniche in Brasile e Uruguay, l’ipocrisia di Correa di fronte alle mobilitazioni degli indigeni andini, e le elezioni in Argentina che segnano un’inevitabile disillusione davanti al così definito ciclo progressista. “Sì, siamo antiprogressisti”, dice chiaramente Raquel Gutierrez, tra le principali animatrici di questo congresso, “perchè contro il mito del progresso del capitalismo e il paradigma sviluppista”, e perchè “il progressismo oggi è la nuova faccia del colonialismo neoliberale”. Tantissimi intellettuali e realtà tutti insieme in un confronto non privo di discussioni e diatribe costruttive: la voce delle donne di Silvia Cusicanqui e Sivia Federici, Margara Millam, autrice del recentissimo libro “Desordenando el genero, decentrando la nacion”, il femminismo comunitario della boliviana Julieta Paredes, John Holloway, lo storico Sinclair Thomson, Raùl Zibechi, Gustavo Esteva dall’UniTierra di Oaxaca, l’immenso linguaggio filosofico di Jaime Martinez Luna, Luis Tapia con la sua lezione sullo Stato come campo di lotta, la sociologa Fabiola Escàrzaga, tra i tanti.

Tutt’altro che un concetto idealizzato e idilliaco, la comunalità è pratica di lotta il cui terreno supera i confini, varca gli oceani e accomuna milioni di persone in resistenza per la vita. Il comune, come spesso viene ribadito riprendendo l’insegnamento negriano, prende sempre forma a partire da un sentimento comune di dolore, rabbia e indignazione, e non a partire da una concezione romantica di unione. I ponti tra le lotte del comunitarismo indigeno latinoamericano e i movimenti sociali dei paesi avanguardia del capitalismo globale sono ancora più evidenti se i guarda al linguaggio che utilizzano: solidarietà, mutuo soccorso, reciprocità sono gli strumenti per l’edificazione di comunalità e autonomia, gli anticorpi all’insopportabile individualismo dilagante, al razzismo e al’intolleranza. Sta ora a noi, europei, raccogliere la sfida e la lezione della comunalità, riconiugarla nei nostri territori, ben consapevoli di non poter costruire artificialmente comunità che condividano una memoria storica e un legame secolare comune, ma comunità che siano capaci di costituirsi come spazio delle differenze, della condivisione e della lotta per il comune.

Qui video, audio e cronache delle assemblee plenarie e dei tavoli di discussione:http://www.congresocomunalidad2015.org/

Questo il pronunciamento finale della neocostituita Asemblea de la Comunalidad:

URGENTE
POR EL TEJIDO COMÚN

PRONUNCIAMIENTO
Primer Congreso Internacional de Comunalidad
Luchas y estrategias comunitarias: horizontes más allá del capital

• Reconocemos la necesidad urgente de apuntalar las luchas sociales que emergen cotidianamente ante el despojo material y simbólico que realiza en el mundo entero el capitalismo depredador. Son luchas de colectivos y pueblos que se conciben y realizan desde saberes, conocimientos y haceres compartidos de hombres y mujeres, que transitan por los caminos de la emancipación.
• Adoptamos la comunalidad como símbolo común. La palabra nació en los años ochenta como expresión de una realidad viva y actuante, arraigada en las maneras de ser y de luchar de los pueblos de Oaxaca. Pronto se encontró con otras de semejante signo. Es hoy fuente de inspiración y cobija eficaz para una variedad de esfuerzos y luchas que se contraponen abiertamente con el individualismo dominante. En algunos casos, se trata de antiguos empeños que nacen de tejidos comunitarios, como los de pueblos indígenas, y se actualizan continuamente. En otros casos, refleja el empeño contemporáneo de quienes experimentaron la construcción individual como una prisión y decidieron enlazarse con otras y otros para luchar por lo común y lo comunitario. Se trata siempre de relaciones sociales tejidas en prácticas comunes que pugnan por la vida y la cuidan frente al impulso de muerte dominante.
• Comprometemos nuestro empeño para generar nuevos conceptos, teorías y saberes que contribuyan a la comprensión de lo que está pasando y a fortalecer las luchas por lo común y el cuidado de la vida, contra las cabezas de la hidra capitalista. Rechazamos todo intento de jerarquizar los conocimientos, para hacer prevalecer el de la academia y legitimar la dominación. Impulsamos, en cambio, debates fértiles sobre ideas y prácticas como los que está inspirando el semillero convocado por los zapatistas el pasado mes de mayo.
• Constituimos la Asamblea Nacional de la Comunalidad, para seguir impulsando los empeños que nos unen, la lucha anticapitalista y la defensa de nuestros pueblos. La Asamblea adopta el lema del Congreso Nacional Indígena: “Somos asamblea cuando estamos juntos, somos red cuando estamos separados”. No será una entidad orgánica, una estructura burocrática o un espacio cerrado de intelectuales o activistas. Será un tejido abierto a cuantos comparten las prácticas e ideales que nos unen. Tenemos la esperanza de que con el tiempo esta asamblea llegue a estar integrada por representantes de asambleas estatales, regionales y locales, constituidas en forma autónoma por quienes consideren de utilidad hacerlo. Para realizar este propósito, constituimos también un comité animador de la iniciativa, integrada por quienes organizaron este Primer Congreso.
• Exigimos la aparición con vida de todas las personas desaparecidas en estos años en México. Nos hicieron falta los 43 y nos solidarizamos con sus familias. Lejos de amedrentarnos, los actos atroces de las autoridades producen rabia e indignación que han nutrido este congreso y alimentan cotidianamente iniciativas de resistencia y emancipación. ¡Vivos se los llevaron, vivos los queremos!
• Hacemos nuestras las luchas por la defensa de lo común, del agua, del territorio que se extiende por los lastimados espacios de México, de América Latina, del mundo. Sentimos que en ellas se encuentra ya el germen de un mundo nuevo capaz de detener el horror que nos agobia y afirmar el buen vivir que nos enseñan los pueblos originarios.

Puebla, Pue. 29 de octubre de 2015

articoli

26N a Roma – Basta guerre sui nostri corpi: rivolta transfemminista!

26 novembre tuttə a Roma - Non Una Di Meno! BASTA GUERRE SUI NOSTRI CORPI - RIVOLTA TRANSFEMMINISTA!   IL 27 NOVEMBRE CI RITROVEREMO IN ASSEMBLEA NAZIONALE presso la facoltà di lettere di Roma 3 per discutere, intrecciare le lotte e organizzare la rivolta...

Blitz dellə studentə ad Assolombarda verso il #NoMeloniDay

BLITZ DELLƏ STUDENTƏ AD ASSOLOMBARDA VERSO IL #NOMELONIDAY Oggi lə studentə delle scuole di Milano hanno occupato Confindustria per rilanciare il Corteo "No Meloni Day" del 18 Novembre. Abbiamo deciso di fermare i lavori dentro a Confindustria perché è il luogo...

Venerdì 18 novembre #NoMeloniDay. La generazione meticcia e queer si riprende il futuro!

PROSSIMI APPUNTAMENTI VERSO IL CORTEO- 3 GIORNI AL NO MELONI DAY Oggi martedì 15 novembre abbiamo occupato Confindustria per rilanciare il corteo “No Meloni Day” del 18 Novembre. Abbiamo deciso di fermare i lavori dentro a Confindustria perché è il luogo simbolo...

Fatelə scendere tutt@ subito! #nooneisillegal

FATEL@ SCENDERE SUBITO! #STOPWARNOTPEOPLE   #NOONEISILLEGALOggi siamo stati al Ministero delle Infrastrutture di Milano, responsabile della gestione dei porti. Non possiamo rimanere immobili di fronte alle manovre che stanno giocando con le vite e i corpi delle...

“Al lavoro! Priorità, sicurezza, diritti”

Al lavoro! Il nuovo governo si è già messo al lavoro.  Oh, finalmente. Certo, perchè con tutti i problemi che abbiamo in questo Paese, non c'era da perdere tempo. C'è la guerra e la bomba atomica viene seriamente presa sul serio dai potenti della guerra. C'è una crisi...

Ukraine calling: pratiche di resistenza transfemminista. Milano incontra Insight & Women’s March UA

Domenica 23 ottobre 2022 alle 18.30 al Cantiere Milano incontra Insight & Women's March UA!   Il 24 febbraio del 2022 la Russia putiniana dava il via all'invasone dell'Ucraina. A 8 mesi dall'inizio della guerra, incontriamo a Milano il network transfemminista...

Sabato 15 Ottobre 2022: Punk Against Fascism

Sabato 15 OttobreSERATA STUDENTESCAPUNK AGAINST FASCISM Organizzato dal Coordinamento dei Collettivi Studenteschiper sostenere le mobilitazioni verso #NoMeloniDay A suonare 2 band molto speciali e molto punk, direttamente dalla scena di Milano e provincia:...

Milano X #MEDCARE

MILANO X #MEDCARE L’ambulatorio medico permanente in Ukraina.   Lo Spazio di Mutuo Soccorso e Mediterranea Saving Humans organizzano la prossima missione di intervento medico e psicologico, solidarietà internazionale e passaggi sicuri. Mediterranea Saving Humans...

29 settembre: giornata del Mutuo Soccorso

Giovedì 29 settembre GIORNATA DEL MUTUO SOCCORSO in piazza Stuparich 18! SMS Spazio di Mutuo Soccorso è una risposta concreta al bisogno di tante e tanti di avere un tetto sopra la testa in una città con affitti carissimi e un livello di emergenza abitativa che da...

28/09 Aborto libero, sicuro e gratuito. Diritti per tutt@

#moltopiùdi194:ABORTO LIBERO, SICURO E GRATUITO,DIRITTI PER TUTT*#befuriouswithus Il 28 settembre scendiamo in piazza nella giornata mondiale per il diritto all'aborto libero, sicuro e gratuitoPiù di 5000 persone per #moltopiúdi194!A Milano così come in tutta Italia...

eventi

Il Mutuo Soccorso verso il #26N

IL MUTUO SOCCORSO VERSO IL CORTEO NAZIONALE CONTRO LA VIOLENZA SULLE DONNE E DI GENERE DI NON UNA DI MENO23 novembre: dalle 8.30 COLAZIONE POPOLARE. Durante tutta la mattina ci prendiamo cura del verde di piazza Stuparich e sarà presente un INFO POINT per il corteo...

Donna Vita Libertà: incontro con il movimento iraniano verso il #26N

Giovedì 24 Novembre h.19.00Incontro lə compagnə iranianə di Milano: "DONNA VITA LIBERTA'". "Donna, Vita, Libertà" è il grido che risuona in Iran e nelle piazze solidali di tutto il mondo, contro un governo liberticida che soffoca ogni diritto all'autodeterminazione....

20/11 CENA D’AUTUNNO AL CANTIERE!

Domenica 20 novembre - Cena d'autunno per sostenere le spese legali del Cantiere Tornano le cene della domenica per goderci una serata in compagnia di tutta la nostra comunità ribelle, dai collettivi studenteschi, alle abitanti di San Siro e dello Spazio di Mutuo...

Serata transfemminista NUDM Milano verso il 26N

MERCOLEDÌ 16/11 SERATA TRANSFEMMINISTA VERSO IL 26 NOVEMBRE  BASTA GUERRE SUI NOSTRI CORPI!  Verso la giornata contro la violenza maschile sulle donne e di genere, una serata per autofinanziarci, conoscerci e divertirci! Dove? Al centro sociale Cantiere, in Via Monte...

KARAOKE NIGHT

🎤🎤Venerdì 11 Novembre in Cantiere serata Karaoke Involtini Edition Food and Music Against Oppression🎤🎤   Dopo una settimana di opposizione alla disumanità di questo governo, niente è meglio di un karaoke per urlare tuttə insieme il nostro dissenso contro questo...

Assemblea NUDM Milano verso il 26N a Roma!

Mercoledì 9 novembre h 19.00 Assemblea di Non Una di Meno Milano al Cantiere (Via Monterosa 84):  H 19.00 momento di accoglienza, se sei nuovə vieni a conoscerci!  H 19.30 inizio assemblea Odg dell’Assemblea:- report della nazionale- avvicinamento territoriale...

Boomer vs Gen Z w/Bellimbooster

Sabato 12 novembre

I collettivi studenteschi sono lietə di invitarvi alla sfida musicale intergenerazionale del secolo!
BOOMER vs GEN Z
Alla consolle per la squadra dei Boomer:

Con un’esperienza pluriennale tra lotte, centri sociali e serate trash degne dei migliori atletə del boccale, vi presentiamo I Bellimbooster

Alla consolle per la squadra della Gen Z:

Natə dai collettivi studenteschi per movimentare le serate militanti al Cantiere e poi diventatə il sound trash militante più deviato che abbiate mai visto, vi presentiamo le Devianze Giovanili

Buss A Vibe w/ Luv Messenger da Barcellona

SABATO 5 NOVEMBRE BUSS A VIBE W/ LUV MESSENGER from Barcellona  Udite udite:Siamo liet* di annunciare a gran voce il ritorno di Buss A Vibe, le serate dancehall più mad del @cantiere_milano Quale miglior modo per ripartire se non con un sound che ha sempre fatto...

Giornata del Mutuo Soccorso: progetti aperti e aperitivo genuino

Un altro giovedì insieme ai progetti del Mutuo Soccorso e ad un prelibato aperitivo genuino con i prodotti del GASP - Spazio Mutuo Soccorso, preparato in collaborazione con la Taverna Sociale Giovedì 3 novembre alle 16.00 apertura di C_rise Mercatino Solidale di...

Halloweed Party al Cantiere.

31 Ottobre al @cantiere_milanoHALLOWEED PARTYLA GENERAZIONE METICCIA E QUEER BALLA SUGLI SPETTRI DEL FASCISMOE alla console:DEVIANZE GIOVANILI Quale miglior modo per festeggiare il nuovo governo verso il #nomeloniday se non con una serata studentesca di halloweed?...

approfondimenti

“Al lavoro! Priorità, sicurezza, diritti”

Al lavoro! Il nuovo governo si è già messo al lavoro.  Oh, finalmente. Certo, perchè con tutti i problemi che abbiamo in questo Paese, non c'era da perdere tempo. C'è la guerra e la bomba atomica viene seriamente presa sul serio dai potenti della guerra. C'è una crisi...

SPECIALE STOP WAR: Di fronte ad ogni guerra la parola NO e l’azione Ribelle

CLICCA e vai alla raccolta di contributi, approfondimenti e call to action #STOPTHEWAR!   di seguito intanto trovi il nostro contributo. Per seguirci @cantieremilano su twitterDi fronte ad ogni guerra c’è solo una parola degna e una azione conseguente, la parola...

Quale libertà?

Già da quest’estate manifestazioni e proteste contro il Green pass si sono verificate in molte città d’Italia.A nostro parere la contrapposizione tra libertà individuale e la libertà coniugata con la solidarietà e la responsabilità sociale è il discrimine attraverso...

Da Milano al Messico, “EL AGUA ES DEL PUEBLO”, #FueraBonafont! – azione solidale per l’acqua

#boycottdanone FUERA BONAFONT [ITALIANO] Oggi, 11 giugno, a 10 anni dal referendum contro la privatizzazione dell'acqua, siamo stati davanti alla sede del gruppo Danone, di cui fa parte Bonafont, e abbiamo lasciato davanti all’ingresso della loro sede vernice rossa a...

Pueblos Zapatistas Unidos contro il furto dell’acqua: #FueraBonafont

“Bonafont” è una impresa legata al gruppo francese “Danone” che si dedica all’imbottigliamento dell’acqua. Dal 1992 Bonafont si è installata nel territorio di Puebla, in Messico, senza che le popolazioni locali venissero in alcun modo consultate dallo Stato, che ha...

No Profit On Pandemic!

Nessun profitto sulla pandemia. Cure e vaccini per ciascun* ovunque e gratuiti.Durante entrambi gli incontri affronteremo, da vari punti di vista, la battaglia che vede contrapposti grandi attori globali di fronte alla sfida delle vaccinazioni contro il Covid 19 e le...

Restituiteci Sankara.

Restituiteci Sankara.L’Africa non è una macchia nella cartina del mondo, non può essere rimossa. Esiste non molto lontano, a due passi dal mare, che si chiama Africa. L'opinione pubblica europea sa che da lì partono le imbarcazioni dei migranti, in fuga dalla...

Vive la Commune!

150 anni fa, una delle più straordinarie esperienze rivoluzionarie della storia contemporanea: la Comune di parigi. Sconfitta dalle armi dell'esercito del Kaiser ha lasciato un'eredità raccolta per tutto il secolo successivo da chi ha alzato la Bandiera Rossa per la...

Un altro mondo è possibile: a 19 anni da Genova.

STOP GLOBAL WAR: AVEVAMO RAGIONE NOI. Non dimenticare genova per continuare a costruire altri mondi possibili. Nel 2001 a Genova migliaia e migliaia di persone da tutto il mondo invasero le strade contro il g8, il vertice dei "grandi potenti" del mondo. Era il...

Contro le passioni tristi, le sardine urtano il populismo

Di MARCO BASCETTA Nel cercare di comprendere la natura dei movimenti, la loro direzione di marcia, il posto che occupano nella sfera politica si rischia sempre di essere prematuri o inattuali. Del resto ogni movimento sociale è attraversato da flussi emotivi e bisogni...