Nelle ultime settimane abbiamo assistito ad una crescente campagna, a livello nazionale, incentrata in particolar modo su Milano e su Roma, attorno al tema della casa e in particolar modo rispetto alla questione delle occupazioni abitative, e più in generale rispetto alla vita e ai problemi dei nostri territori, spesso lontani dalle brillanti vetrine del centro delle metropoli.

In molti, giornalisti e politici a vario titolo hanno soffiato sul fuoco di una situazione di disagio che nei quartieri popolari purtroppo si vive realmente, ma crediamo sia ben più complessa e ampia di come viene rappresentata strumentalmente.

Quello che nessuno ha detto, ad esempio, è che le politiche neoliberali e di austerity del Governo Renzi e di una classe politica nel suo complesso sempre meno rappresentativa e sempre più impegnata a spartirsi gli utili della speculazione, grande evento o grande opera di turno, stanno devastando vite e territori, creando esasperazione in chi quei luoghi li anima e abita.

Jobs act, buona scuola, piano casa, sblocca Italia, sono tutti provvedimenti che operano in una direzione ben precisa: cancellare tutti quei pochi diritti rimasti, far pagare la crisi a chi già non ha più nulla, cancellare di fatto migliaia di persone dalla vita pubblica di questo paese.

In questo quadro di fame, miseria, ignoranza e disperazione ecco che spunta dal cilindro la carta dello straniero, del più povero, dell’occupante di casa, del capro espiatorio di turno, cavalcata a dovere da un’informazione che si fa sempre più vero e proprio organo e apparato al servizio di  sistemi di potere. La rabbia giusta e degna delle periferie e dei quartieri popolari abbandonati a loro stessi, senza servizi, senza mezzi pubblici, senza luoghi di socialità, si sfoga verso il basso, verso chi sta peggio di noi, verso chi è più facilmente sacrificabile,  laddove non siamo capaci di indirizzarla verso i veri responsabili

quotidianamente cerchiamo di immergerci nelle contraddizioni, di presidiare i territori, di seminare cultura e anticorpi, per evitare che queste derive diventino qualcosa di più strutturato e di pilotabile da parte di chi, Salvini, Borghezio, Lupi o Renzi che sia, ha interessi di varia natura affinchè questa rabbia rimanga solo una questione “di pancia” e non si trasformi invece in una forma di opposizione sociale reale e organizzata.

Rispetto alla casa, quello che nessuno ha cercato di fare emergere, troppo occupato a fare campagna elettorale o a fare notizia, sono le responsabilità di questa situazione e la totale incapacità (o volontà?) di dare delle risposte concrete all’emergenza abitativa, relegando tutto alla sfera del mero problema di ordine pubblico.

Il Piano Casa del Ministro Lupi, che, a parole, tanto ha a cuore la nostra città, non fa altro che dare milioni di euro in regalo a speculatori e palazzinari, tagliando completamente la possibilità per le fasce deboli e colpite più duramente dalla crisi di costruire una vita dignitosa per se e per i propri cari.

La cancellazione della residenza, ad esempio, impedisce nei fatti a centinaia di bambini di iscriversi a scuola o ad avere un medico curante; il distacco di acqua, luce e gas, beni imprescindibili per chiunque, condanna intere famiglie ad un forzoso ritorno al medioevo.

Qui da noi Aler e Regione preparano anche grazie a questa legge un gigantesco piano di svendita del patrimonio immobiliare pubblico, proprio nel momento in cui più invece servirebbe trovare una casa a prezzi accessibili alle migliaia di famiglie che non riescono più a far quadrare i conti alla fine del mese.

Lo fanno anche per recuperare quei 400 milioni di euro che gli stessi vertici di Aler, attraverso truffe e consulenze d’oro, hanno creato in anni di mala gestione, facendo così pagare ruberie e meccanismi clientelari a chi ha semplicemente bisogno di una casa o all’inquilinato che si vede continuamente aumentare il canone, fino a raggiungere cifre che di popolare hanno ben poco.

Lasciano migliaia di alloggi sfitti e riscaldati, sono 8400 solo quelli di edilizia pubblica a Milano, nascondendosi dietro alla scusa degli adeguamenti tecnici e delle manutenzioni, quando ci sono circa 20.000 persone in lista d’attesa decine di migliaia sotto sfratto per morosità incolpevole e migliaia che probabilmente non hanno nemmeno i requisiti (assolutamente folli e discriminatori) che occorrono per entrare in graduatoria e vedersi assegnare una casa, cosa che per altro, quando avviene, avviene comunque dopo un attesa anche di anni.

E’ evidente che se ci sono migliaia di case lasciate vuote e riscaldate, e migliaia di persone che hanno bisogno di una casa, si sviluppi in maniera assolutamente naturale un meccanismo di riappropriazione di questi alloggi.

Quale padre di famiglia, quale donna, uomo o bambino, vorrebbe vivere sotto un ponte, magari dopo una vita passata a lavorare e pagare le tasse per gonfiare gli stipendi di qualche funzionario, se ad ogni angolo delle nostre strade ci sono appartamenti lasciati vuoti a marcire in attesa di essere venduti anziché assegnati?

E non venite a parlare a noi di racket e “immobiliari rosse”: siamo proprio noi, i comitati di lotta per la casa, tra gli unici a prendere pubblicamente e con forza parola contro meccanismi mafiosi e speculativi, al pari di quelli di Aler, che si sviluppano nei quartieri! Siamo noi a denunciare pubblicamente la vergogna di vedere persone disperate, che senza altre possibilità sono costrette a pagare piccoli o grandi sciacalli senza dignità, che si arricchiscono aprendo case che gli enti preposti colpevolmente lasciano sfitte. Siamo sempre noi a togliere giorno per giorno terreno al racket, nelle strade, parlando con le persone e affermando che la casa, la salute, l’istruzione, la mobilità devono essere per tutte e tutti, e che devono essere gratuite e non legate a logiche speculative!

Quindi non ci venissero a raccontare che con il piano sgomberi, 200 a settimana pare, si cerca di risolvere una presunta emergenza nei quartieri popolari; non siamo stupidi e capiamo benissimo che la vera emergenza, quella abitativa è colpa loro, di Aler, Regione e Comune, e che questi sgomberi servono solo a liberare gli alloggi popolari per poi venderli.

Assegnando le case, subito e tutte, a chi ne ha bisogno, si risolve il problema abitativo di questa città, non vendendo e facendo sgomberi, che sono tra l’altro un grosso giro d’affari, che viene a costare migliaia di euro (spesso ben più di quello che costerebbe fare quella manutenzione necessaria agli appartamenti); e non ci vuole un genio a capire che sgomberando si fornisce al racket la possibilità di moltiplicare il guadagno su ogni singolo appartamento!

Abbiamo sentito parlare di esercito e vigilantes: i nostri quartieri hanno bisogno di piazze vivibili e di cinema, di teatri e di socialità, di solidarietà, di negozi e di botteghe, non di essere militarizzati, non di famiglie e bambini traumatizzati e portati in centri di prima accoglienza, non di gas lacrimogeni cs sparati nei cortili, non di inquilini dei palazzi terrorizzati e con le teste rotte dal manganello facile di qualche celerino.

A chi soffia sul fuoco e cerca di creare una guerra tra poveri, rispondiamo che se avessero attuato politiche serie, anziché pensare solo alle poltrone e ai guadagni, oggi non saremmo in questa situazione. E’ semplice dare la colpa a chi sta un pochino peggio di noi, allo sfrattato, al moroso, al migrante, all’occupante per necessità, ecc…, iniziamo invece a prendercela con chi in questa situazione ci ha chirurgicamente e meticolosamente messo.

Dobbiamo tutti avere il coraggio di rompere questo meccanismo, svelare gli interessi privati e le incompetenze che hanno generato tanta miseria e pretendere che i soldi, quelli nostri, quelli che ci hanno rubato, vengano utilizzati per chi ne ha bisogno e diritto; per l’emergenza abitativa, per riqualificare i nostri quartieri, per una scuola pubblica e di qualità, per la salute e il reddito. Non per grandi opere inutili e grandi eventi o per aerei da guerra: quelli servono solo per continuare a far arricchire chi ci affama.

articoli

NO al nucleare! Blitz alla sede dell’ Unione Europea!

NO NUKE IN OUR FUTURE! No scorie, No profitti, No Armi!   Siamo alla sede milanese dell'Unione europea perché domani sarà l'ultimo giorno per impedire che nucleare e gas vengano classificate come fonti di energia sostenibile SEGUICI SUI...

San Siro: i nostri diritti più in alto delle vostre speculazioni.

SAN SIRO: I NOSTRI DIRITTI PIU' IN ALTRO DELLE VOSTRE SPECULAZIONI San Siro è uno dei più grandi quartieri di edilizia residenziale pubblica a Milano ha un patrimonio abitativo di 5.996 abitazioni, 1416 sono vendute e solo 2521 sono assegnate, 800 occupate, 572 in...

La DAD non è la soluzione: OCCUPIAMOCI di scuola!

La DAD non è la soluzione: OCCUPIAMOCI della scuola! La priorità del governo è aprire le scuole in presenza, ma cosa è stato fatto affinché questo avvenga? Solo dichiararlo!  Siamo tornati a scuola e nulla è cambiato: la scuola continua ad essere l’ultima ruota del...

Ciao Vito, continueremo a disegnare altri mondi possibili

Ciao Vito, compagno instancabile con il sole e con la pioggia. La tua ruvidezza sincera e il tuo brontolare operoso ci faranno compagnia non solo nei ricordi ma rimarrai per sempre presenza costante. Non dimenticheremo mai la tua creatività artigiana, l'entusiasmo...

Natale Solidale a SanSiro! 18 dicembre dalle 15 in pza Selinunte

Sabato 18 dicembre "NATALE SOLIDALE A SAN SIRO" dalle 15.00 in piazzale Selinunte! Programma della giornata:h 15:00 laboratorio artistico, stencil e colori per tutte tutti a cura della Bottega delle Arti di SMS Spazio di Mutuo Soccorso;h 15:30 lezione di boxe per...

Milano non dimentica Piazza Fontana. Ama la libertà, rifiuta fascismo e razzismo.

Non c'è futuro senza memoria: durante il corteo per non dimenticare la strage di #PiazzaFontana siamo passati di fianco al consolato Libico, dove abbiamo voluto lanciare un messaggio di solidarietà con le proteste che da settimane ormai proseguono sotto l' #Unhcr di...

Recovery Plan-et: Tax the rich! 7 Dic @Prima della Scala

Oggi è andato in scena il #MutuoSoccorso alla #PrimadellaScala perché costruire dal basso un'alternativa a questo sistema insostenibile è urgente e necessario! Questo modello di sviluppo si basa sullo sfruttamento del pianeta e di chi lo abita. Le conseguenze del...

10 Dicembre Corteo Studentesco – NON C’È FUTURO SENZA MEMORIA – Gli studenti non dimenticano Piazza Fontana!

Il 12 dicembre del 1969 in piazza Fontana esplode una bomba uccidendo 17 persone e ferendone quasi 100. A mettere la bomba fu il gruppo fascista Ordine Nuovo, con il mandato e l’appoggio dei servizi segreti dello stato. PerchéAlla fine degli anni ‘60, i movimenti...

Fantasie di complotto e cospirazioni neofasciste

OGGI ORE 18.30 IN DIRETTA LIVENelle piazze d'Italia e del mondo una vulgata che mischia individualismo, irrazionalismo e attrae anche generiche istanze di rabbia sociale si sta mobilitando, sostanzialmente nel nome della sfiducia nella scienza.PARLIAMO CONLeonardo...

Piantum/Azione: lunedi 29 novembre in piazza Stuparich

Un piccolo gesto per costruire città più vivibili contro la cementificazione selvaggia.  Continuano le nostre Piantum/Azioni, perchè prendersi cura del verde di piazza Stuparich significa prendersi cura del nostro pianeta! Lunedi 29 l'appuntamento è alle 8, per...

eventi

Venerdì 21 gennaio DISCHI VOLANTI al Cantiere

👽DischiVolanti👽🍺APERITIVO BEER&CHEESE🧀🔥MERCATINO DEL VINILE🔥🔸Venerdì 21 Gennaio, dalle 19:00, ci vediamo al Cantiere per un aperitivo genuino con le birre e i formaggi del Gruppo di Acquisto Solidale Popolare.🔸In contemporanea, un bellissimo mercatino di vinili...

Buss a Dinner/Space Dinner – Cena e dibattito sulla canapa

BUSS A DINNERCena e dibattito sulla Canapa Questo sabato al Cantiere una serata dedicata alla canapa e ai suoi benefici in cui approfondire il referendum sulla legalizzazione della cannabis. Cena a base di canapa powered by Taverna Sociale Clandestina  Parleremo...

Tributo a De Andrè e Cena ligure

“Non essendo padrone che di una piccola arte spesso dovetti cambiarla con il cibo” Sabato 15 Gennaio, a 24 anni dalla morte del cantautore, omaggiamo Fabrizio De Andrè con una CENA LIGURE. PER PRENOTARE https://www.eventbrite.com/.../cena-ligure-in-tributo-a......

AfroVibration: sabato 11 dicembre cena e musica

AfroVibrations w/ DJ Halo & DJ MadMattSABATO 11AFRO VIBRATIONSMUSIC AGAINST RACISM Al Cantiere, una serata antirazzista a base di ritmi afro Unire musica e antirazzismo, raccontando altri mondi possibili, senza confini e senza muri AI CONTROLLIDJ HALO outta...

19 dicembre – Cenone di Natale al Cantiere!

Cenone di Natale al Cantiere! Per prenotare clicca qui: https://www.eventbrite.it/e/gran-cenone-di-natale-tickets-222905756117 Domenica 19 dicembre dalle 20.00 un’ultima cena per chiudere in buona compagnia questo 2021 di lotta e solidarietà. Un menù ricco e gustoso...

Fantasie di complotto e cospirazioni neofasciste

OGGI ORE 18.30 IN DIRETTA LIVENelle piazze d'Italia e del mondo una vulgata che mischia individualismo, irrazionalismo e attrae anche generiche istanze di rabbia sociale si sta mobilitando, sostanzialmente nel nome della sfiducia nella scienza.PARLIAMO CONLeonardo...

Cena d’autunno per le spese legali del Cantiere.

Domenica 21 novembre 2021 dalle 20.00 al Cantiere CENA D’AUTUNNO PER LE SPESE LEGALI Una cena a km0 e solidale con prodotti del G.A.S.P. – Spazio Mutuo Soccorso Una cena come sempre all’insegna della socialità, del buon cibo e della buona musica, a sostegno delle...

ZeroCalcare: Proiezione della serie “Strappare lungo i bordi”

  Venerdi 19 novembre 2021 dalle 21.30 al Cantiere Dopo l'incontro "Quali libertà? Quali conflitti?" Strappare lungo i bordi / maratona della serie di Zerocalcare   Da Rebibbia arriva ''Strappare lungo i bordi'' la serie animata di ZeroCalcare (6 episodi da...

Incontro pubblico: quale libertà, quali conflitti?

Venerdì 19 Novembre, al Cantiere, alle 19.00 A nostro parere la contrapposizione tra libertà individuale e la libertà coniugata con la solidarietà e la responsabilità sociale è il discrimine attraverso cui leggere quelle piazze. [...]Invece di avere la Libertà di fare...

Storiemigranti con Nicola Bernardi e il fumettista Sio

Venerdì 12 Novembre 2021 alle h. 19 al Cantiere Presentazione del libro Storiemigranti con Nicola Bernardi e il fumettista Sio. Prenota qui per te e amici per aiutarci a organizzare al meglio lo spazio e garantire la salute di tutt* Serata benefit per Mediterranea con...

approfondimenti

Quale libertà?

Già da quest’estate manifestazioni e proteste contro il Green pass si sono verificate in molte città d’Italia.A nostro parere la contrapposizione tra libertà individuale e la libertà coniugata con la solidarietà e la responsabilità sociale è il discrimine attraverso...

Da Milano al Messico, “EL AGUA ES DEL PUEBLO”, #FueraBonafont! – azione solidale per l’acqua

#boycottdanone FUERA BONAFONT [ITALIANO] Oggi, 11 giugno, a 10 anni dal referendum contro la privatizzazione dell'acqua, siamo stati davanti alla sede del gruppo Danone, di cui fa parte Bonafont, e abbiamo lasciato davanti all’ingresso della loro sede vernice rossa a...

Pueblos Zapatistas Unidos contro il furto dell’acqua: #FueraBonafont

“Bonafont” è una impresa legata al gruppo francese “Danone” che si dedica all’imbottigliamento dell’acqua. Dal 1992 Bonafont si è installata nel territorio di Puebla, in Messico, senza che le popolazioni locali venissero in alcun modo consultate dallo Stato, che ha...

No Profit On Pandemic!

Nessun profitto sulla pandemia. Cure e vaccini per ciascun* ovunque e gratuiti.Durante entrambi gli incontri affronteremo, da vari punti di vista, la battaglia che vede contrapposti grandi attori globali di fronte alla sfida delle vaccinazioni contro il Covid 19 e le...

Restituiteci Sankara.

Restituiteci Sankara.L’Africa non è una macchia nella cartina del mondo, non può essere rimossa. Esiste non molto lontano, a due passi dal mare, che si chiama Africa. L'opinione pubblica europea sa che da lì partono le imbarcazioni dei migranti, in fuga dalla...

Vive la Commune!

150 anni fa, una delle più straordinarie esperienze rivoluzionarie della storia contemporanea: la Comune di parigi. Sconfitta dalle armi dell'esercito del Kaiser ha lasciato un'eredità raccolta per tutto il secolo successivo da chi ha alzato la Bandiera Rossa per la...

Un altro mondo è possibile: a 19 anni da Genova.

STOP GLOBAL WAR: AVEVAMO RAGIONE NOI. Non dimenticare genova per continuare a costruire altri mondi possibili. Nel 2001 a Genova migliaia e migliaia di persone da tutto il mondo invasero le strade contro il g8, il vertice dei "grandi potenti" del mondo. Era il...

Contro le passioni tristi, le sardine urtano il populismo

Di MARCO BASCETTA Nel cercare di comprendere la natura dei movimenti, la loro direzione di marcia, il posto che occupano nella sfera politica si rischia sempre di essere prematuri o inattuali. Del resto ogni movimento sociale è attraversato da flussi emotivi e bisogni...

In Cile il neoliberismo è in crisi

In Cile si sintetizza una combinazione esplosiva di un libero mercato senza anestesia e una democrazia completamente delegittimata, che conserva solo il suo nome. È degenerato in una plutocrazia che, fino a pochi giorni fa - ma non più - è stata misurata dalle...

Il Sud America si solleva contro il neoliberismo

Il neoliberismo è in crisi. In molti paesi dell'America latina le piazze sono piene: milioni di persone si oppongono, dal Cile all'Ecuador, alle politiche neoliberali applicate ai governi di destra. Nel frattempo le elezioni amministrative colombiane e quelle...