A Jaffa abbiamo incontrato una ragazza e un ragazzo israeliani che hanno scelto di diventare obiettori di coscienza, arrivando anche a subire il carcere per questo. Per garantire la loro sicurezza, soprattutto visto che uno di loro è ancora sotto processo militare, gli daremo due nomi di fantasia: Daniella e Benjamin.

intervista a cura di cantiere.org

Come siete arrivati a questa scelta?

 

B: Allora, innanzi tutto devi capire che io vengo da una famiglia di destra. Ma non tanto perché la mia famiglia lo sia tradizionalmente: è che qui in Israele la cosa dell’arabo come nemico giurato, che ci vuole uccidere tutti, da cui ci dobbiamo difendere, pervade ogni cosa, ogni discorso, a partire dalla scuola. Cioè a scuola a me insegnavano queste cose: che gli arabi vogliono rubarci la terra, mandarci via da casa nostra, che dobbiamo essere forti per poterci difendere. Non ti dico poi quando sono andato al liceo, perché io ho fatto l’accademia militare. Era tutta una retorica della difesa: essere di sinistra, pensare anche soltanto a una pace possibile che tenesse gli arabi dentro l’equazione, era il peggior insulto che qualcuno potesse farci. Se anche qualcuno ti insultava la mamma non ti ritenevi così offeso come quando qualcuno ti diceva che sei di sinistra.

Così nel 2012, quando ci sono state le elezioni, se qualcuno mi avesse chiesto cosa avrei votato non avrei risposto destra, ma la destra più estrema possibile. Ne ero convintissimo.

Poi però proprio per la campagna elettorale sono passato vicino, qui a Giaffa, ad un comizio di Dov Khenin. È stata la prima volta che ho sentito parlare dei Palestinesi non come nemici. E questo, non so perché, mi ha cambiato: volevo capirci di più. Però neanche allora… cioè ho finito la scuola, dovevo iniziare la leva obbligatoria: ma nonostante i dubbi che avevo, nonostante stessi iniziando ad avere una visione diversa della realtà delle cose rispetto a quella che mi avevano insegnato a scuola, comunque non riuscivo ad immaginarmi di non fare il militare. Cioè, se non lo facevo chi ero? Tutta la mia educazione, tutta la mia formazione andavano in quella direzione. Anche all’accademia… Cioè, io ero un bravo studente. Il mio tutor continuava a dirmi che io ero fatto per la carriera militare, che era la mia strada. Non è facile cambiare tutto questo. Quindi mi sono arruolato. Ho fatto l’addestramento: è stato allucinante. Perché tutto quello che ti insegnano a scuola qui viene moltiplicato per cento. Gli arabi sono i nemici da combattere, da eliminare, e il punto è ben sottolineato. Pensa che ci portavano a sparare, no? Ci facevano fare le esercitazioni di tiro con il fucile e i bersagli. Però sui bersagli c’erano le facce di uomini e donne arabi. Era un lavaggio del cervello continuo.

Così ho iniziato a cercare di capire come fare ad andarmene dall’esercito, ma il problema è che in Israele non puoi semplicemente dire: “non voglio più fare il militare”. Una volta che hai iniziato, per uscirne devi combinare qualcosa, voglio dire: devi compiere un reato militare. Così io ho deciso di essere assente ingiustificato. Non mi sono presentato all’appello per giorni. Quindi sono stato messo agli arresti e portato in una prigione militare per un mese. È stata un’esperienza terribile. So che per alcuni non è così, ma per me lo è stata. Ci facevano marciare tutti i giorni, le manette ai polsi, era una violenza continua…

 

Quindi poi sei riuscito ad uscirne…

 

B: No, in realtà non ancora. Perché in realtà tu non puoi uscire dall’esercito perché semplicemente non approvi i loro metodi, o l’ideologia che ci sta dietro. L’unico motivo per cui puoi uscirne è per motivi psicofisici, se quindi secondo loro “non sei adatto”. È il loro modo per far passare te come problematico, come debole, non abbastanza capace di sopportare la tensione, e nascondere la questione dell’obiezione di coscienza alla società israeliana. Siamo noi i deboli, non è il sistema ad essere malato. Siamo noi i manchevoli. Comunque, inadatto o meno volevo a tutti i costi andarmene dall’esercito, così dopo la prigione ho attivato la pratica: non avevo problemi fisici quindi ho sostenuto una mancata stabilità psicologica. Che tra l’altro in quel momento era anche vera: tra il rifiuto che avevo maturato per l’esercito e quello che avevo passato in prigione, ero davvero molto fragile.

Ma anche qui c’era un problema: mentre la pratica veniva esaminata io venivo ancora considerato un militare. In teoria sarei dovuto tornare nel mio battaglione e continuare la leva mentre valutavano la mia richiesta. Ma io non ne avevo nessuna intenzione, così sono risultato di nuovo assente ingiustificato e mi sono fatto ancora la prigione, fortunatamente solo per 2 settimane. Adesso ho ancora l’obbligo di firma, ma sono fuori: da tutto, dalla prigione e dall’esercito.

 

E tu, Daniella? Hai avuto anche tu un percorso simile?

 

D: Per la verità per me è stato diverso. Io venivo da una famiglia di sinistra, anche se pur sempre sionista. Anche le scuole che ho frequentato erano più liberali di quelle di Benjamin.

Per quanto mi riguarda, credo il momento in cui ho cambiato punto di vista rispetto a quello che mi insegnavano a scuola o i media è stato proprio a scuola, durante una lezione sull’Olocausto. Ci raccontavano degli ebrei in Polonia, dicendo come la propaganda nazista li presentasse all’opinione pubblica come gli untori, il nemico numero uno, da sterminare prima che loro sterminassero gli ariani. E non lo so, qualcosa è scattato, ed ho capito che era lo stesso che noi stavamo facendo con i palestinesi.

Così quando ho ricevuto la chiamata per il servizio militare ho deciso di rifiutarmi, fin dall’inizio. Se sei una ragazza è più semplice. Ci sono tre modi fondamentalmente per sottrarsi al servizio militare: o sei un’ebrea ortodossa, o ti sposi, o dichiari di essere una pacifista. Io ho scelto la terza opzione, anche perché effettivamente io sono una pacifista. Mi hanno fatto un colloquio e una serie di test, per verificare che lo fossi davvero. Li ho passati e allora ho iniziato il servizio civile. Ho prestato servizio in diverse associazioni, soprattutto media indipendenti che cercano di contrastare la versione unica di Israele.

Abbiamo fatto cose molto interessanti, anche con i Palestinesi.

 

Sei stata nei territori?

 

D: Sì, ma sempre e solo su invito. Sai, noi imponiamo la nostra presenza, come israeliani, ogni giorno ai palestinesi attraverso l’occupazione. Io, quando vado, voglio che sia perché sono benaccetta, perché a loro va bene che io sia lì.

Anche se la prima volta che sono andata è stata quasi comica: sai che per noi è un problema entrare nei territori, teoricamente l’esercito dovrebbe impedircelo…

 

I famosi cartelli rossi…

 

D: Già! Lì te lo scrivono proprio direttamente, no? “Questa strada porta all’Area A, sotto il controllo dell’Autorità Palestinese. L’ingresso è proibito ai cittadini israeliani, pericoloso per la vostra vita e contrario alla legislazione israeliana.” Comunque la prima volta che sono entrata nei territori stavo andando a Betlemme. Però appunto non potevo dire di essere cittadina israeliana, altrimenti mi avrebbero fatto storie e forse anche bloccata. Così ho deciso di fingermi cittadina americana. Ho fatto finta di essere una un po’ svampita, di aver dimenticato il passaporto a Betlemme, e di voler tornare indietro a riprenderlo. Se non fosse che, dopo aver fatto tutta la scena, mi sono accorta che uno dei soldati al checkpoint era un mio vecchio compagno di classe al liceo. Però lui non ha detto nulla e io sono passata.

 

B: Per quanto riguarda me, la prima volta che sono andato nei territori ero terrorizzato. Ci andavo come attivista, invitato dai palestinesi, ma erano riemerse tutte le convinzioni che la scuola e vent’anni di vita qui mi avevano inculcato. Nonostante cercassi di razionalizzare, una parte di me continuava a pensare che mi avrebbero ucciso: tanto è forte il lavaggio del cervello che ci fanno. Poi invece sono arrivato dove avevamo l’incontro con altri ragazzi palestinesi, ci hanno accolto benissimo, abbiamo parlato, ci siamo confrontati, e piano piano i timori sono scomparsi.

 

D: Sì, perché devi capire che a noi la paura per gli arabi ce la insegnano, seminandola nel profondo… Ma arrivano a un livello tale per cui storpiano pure la storia: cioè, se tu oggi chiedi a un bambino israeliano chi è responsabile dell’Olocausto non è difficile che ti si risponda “gli arabi”. Non sto scherzando. Ed è chiaro che è un’assurdità, ma questo è il livello.

 

 

La chiacchierata è continuata attraverso le esperienze di noi tutte/i in Palestina e in Israele, affrontando le diverse percezioni che sia noi, sia loro abbiamo della realtà della regione. Alla fine Daniella ci ha chiesto una cosa, che secondo noi è importante e quindi riportiamo qui come messaggio:

 

Per favore, ditelo a tutti, in Europa e in Palestina quando ci tornerete, che in Israele ci sono attivisti che lottano contro l’occupazione, che lavoriamo per la pace, per la condivisione con tutti quelle e quelli che abitano la regione. Ditelo, per favore.

 

 

articoli

NO al nucleare! Blitz alla sede dell’ Unione Europea!

NO NUKE IN OUR FUTURE! No scorie, No profitti, No Armi!   Siamo alla sede milanese dell'Unione europea perché domani sarà l'ultimo giorno per impedire che nucleare e gas vengano classificate come fonti di energia sostenibile SEGUICI SUI...

La DAD non è la soluzione: OCCUPIAMOCI di scuola!

La DAD non è la soluzione: OCCUPIAMOCI della scuola! La priorità del governo è aprire le scuole in presenza, ma cosa è stato fatto affinché questo avvenga? Solo dichiararlo!  Siamo tornati a scuola e nulla è cambiato: la scuola continua ad essere l’ultima ruota del...

Ciao Vito, continueremo a disegnare altri mondi possibili

Ciao Vito, compagno instancabile con il sole e con la pioggia. La tua ruvidezza sincera e il tuo brontolare operoso ci faranno compagnia non solo nei ricordi ma rimarrai per sempre presenza costante. Non dimenticheremo mai la tua creatività artigiana, l'entusiasmo...

Natale Solidale a SanSiro! 18 dicembre dalle 15 in pza Selinunte

Sabato 18 dicembre "NATALE SOLIDALE A SAN SIRO" dalle 15.00 in piazzale Selinunte! Programma della giornata:h 15:00 laboratorio artistico, stencil e colori per tutte tutti a cura della Bottega delle Arti di SMS Spazio di Mutuo Soccorso;h 15:30 lezione di boxe per...

Milano non dimentica Piazza Fontana. Ama la libertà, rifiuta fascismo e razzismo.

Non c'è futuro senza memoria: durante il corteo per non dimenticare la strage di #PiazzaFontana siamo passati di fianco al consolato Libico, dove abbiamo voluto lanciare un messaggio di solidarietà con le proteste che da settimane ormai proseguono sotto l' #Unhcr di...

Recovery Plan-et: Tax the rich! 7 Dic @Prima della Scala

Oggi è andato in scena il #MutuoSoccorso alla #PrimadellaScala perché costruire dal basso un'alternativa a questo sistema insostenibile è urgente e necessario! Questo modello di sviluppo si basa sullo sfruttamento del pianeta e di chi lo abita. Le conseguenze del...

10 Dicembre Corteo Studentesco – NON C’È FUTURO SENZA MEMORIA – Gli studenti non dimenticano Piazza Fontana!

Il 12 dicembre del 1969 in piazza Fontana esplode una bomba uccidendo 17 persone e ferendone quasi 100. A mettere la bomba fu il gruppo fascista Ordine Nuovo, con il mandato e l’appoggio dei servizi segreti dello stato. PerchéAlla fine degli anni ‘60, i movimenti...

Fantasie di complotto e cospirazioni neofasciste

OGGI ORE 18.30 IN DIRETTA LIVENelle piazze d'Italia e del mondo una vulgata che mischia individualismo, irrazionalismo e attrae anche generiche istanze di rabbia sociale si sta mobilitando, sostanzialmente nel nome della sfiducia nella scienza.PARLIAMO CONLeonardo...

Piantum/Azione: lunedi 29 novembre in piazza Stuparich

Un piccolo gesto per costruire città più vivibili contro la cementificazione selvaggia.  Continuano le nostre Piantum/Azioni, perchè prendersi cura del verde di piazza Stuparich significa prendersi cura del nostro pianeta! Lunedi 29 l'appuntamento è alle 8, per...

San Siro: basta sgomberi, la casa è un diritto!

Stamattina San Siro si è svegliata con le camionette, un quartiere militarizzato e una mattina di sgomberi.In via Abbiati una donna occupante per necessità, sola con tre figli, di cui una minorenne che era a scuola è stata buttata per strada. Tanti soldi pubblici per...

eventi

Venerdì 21 gennaio DISCHI VOLANTI al Cantiere

👽DischiVolanti👽🍺APERITIVO BEER&CHEESE🧀🔥MERCATINO DEL VINILE🔥🔸Venerdì 21 Gennaio, dalle 19:00, ci vediamo al Cantiere per un aperitivo genuino con le birre e i formaggi del Gruppo di Acquisto Solidale Popolare.🔸In contemporanea, un bellissimo mercatino di vinili...

Buss a Dinner/Space Dinner – Cena e dibattito sulla canapa

BUSS A DINNERCena e dibattito sulla Canapa Questo sabato al Cantiere una serata dedicata alla canapa e ai suoi benefici in cui approfondire il referendum sulla legalizzazione della cannabis. Cena a base di canapa powered by Taverna Sociale Clandestina  Parleremo...

Tributo a De Andrè e Cena ligure

“Non essendo padrone che di una piccola arte spesso dovetti cambiarla con il cibo” Sabato 15 Gennaio, a 24 anni dalla morte del cantautore, omaggiamo Fabrizio De Andrè con una CENA LIGURE. PER PRENOTARE https://www.eventbrite.com/.../cena-ligure-in-tributo-a......

AfroVibration: sabato 11 dicembre cena e musica

AfroVibrations w/ DJ Halo & DJ MadMattSABATO 11AFRO VIBRATIONSMUSIC AGAINST RACISM Al Cantiere, una serata antirazzista a base di ritmi afro Unire musica e antirazzismo, raccontando altri mondi possibili, senza confini e senza muri AI CONTROLLIDJ HALO outta...

19 dicembre – Cenone di Natale al Cantiere!

Cenone di Natale al Cantiere! Per prenotare clicca qui: https://www.eventbrite.it/e/gran-cenone-di-natale-tickets-222905756117 Domenica 19 dicembre dalle 20.00 un’ultima cena per chiudere in buona compagnia questo 2021 di lotta e solidarietà. Un menù ricco e gustoso...

Fantasie di complotto e cospirazioni neofasciste

OGGI ORE 18.30 IN DIRETTA LIVENelle piazze d'Italia e del mondo una vulgata che mischia individualismo, irrazionalismo e attrae anche generiche istanze di rabbia sociale si sta mobilitando, sostanzialmente nel nome della sfiducia nella scienza.PARLIAMO CONLeonardo...

Cena d’autunno per le spese legali del Cantiere.

Domenica 21 novembre 2021 dalle 20.00 al Cantiere CENA D’AUTUNNO PER LE SPESE LEGALI Una cena a km0 e solidale con prodotti del G.A.S.P. – Spazio Mutuo Soccorso Una cena come sempre all’insegna della socialità, del buon cibo e della buona musica, a sostegno delle...

ZeroCalcare: Proiezione della serie “Strappare lungo i bordi”

  Venerdi 19 novembre 2021 dalle 21.30 al Cantiere Dopo l'incontro "Quali libertà? Quali conflitti?" Strappare lungo i bordi / maratona della serie di Zerocalcare   Da Rebibbia arriva ''Strappare lungo i bordi'' la serie animata di ZeroCalcare (6 episodi da...

Incontro pubblico: quale libertà, quali conflitti?

Venerdì 19 Novembre, al Cantiere, alle 19.00 A nostro parere la contrapposizione tra libertà individuale e la libertà coniugata con la solidarietà e la responsabilità sociale è il discrimine attraverso cui leggere quelle piazze. [...]Invece di avere la Libertà di fare...

Storiemigranti con Nicola Bernardi e il fumettista Sio

Venerdì 12 Novembre 2021 alle h. 19 al Cantiere Presentazione del libro Storiemigranti con Nicola Bernardi e il fumettista Sio. Prenota qui per te e amici per aiutarci a organizzare al meglio lo spazio e garantire la salute di tutt* Serata benefit per Mediterranea con...

approfondimenti

Quale libertà?

Già da quest’estate manifestazioni e proteste contro il Green pass si sono verificate in molte città d’Italia.A nostro parere la contrapposizione tra libertà individuale e la libertà coniugata con la solidarietà e la responsabilità sociale è il discrimine attraverso...

Da Milano al Messico, “EL AGUA ES DEL PUEBLO”, #FueraBonafont! – azione solidale per l’acqua

#boycottdanone FUERA BONAFONT [ITALIANO] Oggi, 11 giugno, a 10 anni dal referendum contro la privatizzazione dell'acqua, siamo stati davanti alla sede del gruppo Danone, di cui fa parte Bonafont, e abbiamo lasciato davanti all’ingresso della loro sede vernice rossa a...

Pueblos Zapatistas Unidos contro il furto dell’acqua: #FueraBonafont

“Bonafont” è una impresa legata al gruppo francese “Danone” che si dedica all’imbottigliamento dell’acqua. Dal 1992 Bonafont si è installata nel territorio di Puebla, in Messico, senza che le popolazioni locali venissero in alcun modo consultate dallo Stato, che ha...

No Profit On Pandemic!

Nessun profitto sulla pandemia. Cure e vaccini per ciascun* ovunque e gratuiti.Durante entrambi gli incontri affronteremo, da vari punti di vista, la battaglia che vede contrapposti grandi attori globali di fronte alla sfida delle vaccinazioni contro il Covid 19 e le...

Restituiteci Sankara.

Restituiteci Sankara.L’Africa non è una macchia nella cartina del mondo, non può essere rimossa. Esiste non molto lontano, a due passi dal mare, che si chiama Africa. L'opinione pubblica europea sa che da lì partono le imbarcazioni dei migranti, in fuga dalla...

Vive la Commune!

150 anni fa, una delle più straordinarie esperienze rivoluzionarie della storia contemporanea: la Comune di parigi. Sconfitta dalle armi dell'esercito del Kaiser ha lasciato un'eredità raccolta per tutto il secolo successivo da chi ha alzato la Bandiera Rossa per la...

Un altro mondo è possibile: a 19 anni da Genova.

STOP GLOBAL WAR: AVEVAMO RAGIONE NOI. Non dimenticare genova per continuare a costruire altri mondi possibili. Nel 2001 a Genova migliaia e migliaia di persone da tutto il mondo invasero le strade contro il g8, il vertice dei "grandi potenti" del mondo. Era il...

Contro le passioni tristi, le sardine urtano il populismo

Di MARCO BASCETTA Nel cercare di comprendere la natura dei movimenti, la loro direzione di marcia, il posto che occupano nella sfera politica si rischia sempre di essere prematuri o inattuali. Del resto ogni movimento sociale è attraversato da flussi emotivi e bisogni...

In Cile il neoliberismo è in crisi

In Cile si sintetizza una combinazione esplosiva di un libero mercato senza anestesia e una democrazia completamente delegittimata, che conserva solo il suo nome. È degenerato in una plutocrazia che, fino a pochi giorni fa - ma non più - è stata misurata dalle...

Il Sud America si solleva contro il neoliberismo

Il neoliberismo è in crisi. In molti paesi dell'America latina le piazze sono piene: milioni di persone si oppongono, dal Cile all'Ecuador, alle politiche neoliberali applicate ai governi di destra. Nel frattempo le elezioni amministrative colombiane e quelle...