Il NoExpo Prid attraversa Milano per i diritti e l’autodeterminazione di tutte e tutti.

Nella giornata mondiale dei rifugiati, mentre a Ventimiglia migliaia di persone rivendicano il diritto a superare confini e frontiere, ad abitare i territori, a muoversi, anche a Milano si scende in piazza per i diritti.

Perché il razzismo e il sessismo sono due facce della stessa medaglia, di chi vorrebbe speculare sui corpi, vedendoli solo come l’ennesima merce su cui fare profitto.

Così da Milano a Ventimiglia le piazze si riempiono, per rivendicare diritti, per liberare i corpi e superare ogni tipo di frontiera.