CANTIERE.ORG

CANTIERE

.ORG

Il Comune rilancia per il 16 e 17 maggio un week-end di spugnette. Per favore non chiamiamolo “civismo” o “volontariato”: andiamo a scomodare categorie ben lontante dal triste spettacolo andato in onda lo scorso 3 maggio. Per il 16 e 17 maggio avevamo in cantiere già da tempo due iniziative, una nella piazza centrale del quartiere popolare di San Siro e una nella piazza antistante lo Spazio del Mutuo Soccorso, iniziative di per sé “piccole”, ma profondamente significanti se inserite nel contesto di una presenza costante e quotidiana nei quartieri della periferia milanese. In queste occasioni sviluppiamo attività di riqualificazione partecipata e dal basso dei quartieri, in cui la “cura del luogo” non ha come unico obiettivo l'appagamento visivo di ordine e pulizia, ma piuttosto risponde alle necessità di bellezza e praticabilità degli spazi di relazione, incontro, scambio e condivisione.

 

Quello trasmesso a reti unificate il 3 maggio non era l’esempio di partecipazione encomiabile che vogliono farvi credere. Si è trattato di una superba ed impeccabile operazione di marketing e “orange” washing da parte della giunta che è responsabile di aver traghettato la truffa di Expo2015 nel cuore dei Milanesi, riuscendo ahinoi a far accettare ai più lo scempio di territori e risorse pubbliche in virtù di un “bene” maggiore, con la falsa promessa della crescita e della ripresa economica, quando invece l’unica vera grana che Expo ha fatto girare è finita nelle tasche di politici affaristi e costruttori mafiosi.

Come da copione (questa macchina del consenso l’abbiamo già vista in moto qualche anno fa…) la partecipazione è sbandierata come un valore positivo solo se docile agli interessi elettorali e di immagine di qualche politico ridicolo e ipocrita, marionetta di Expo e multinazionali.

Il volontariato viene mortificato ogni giorno.

Non è volontariato lavorare gratis per il profitto di qualche multinazionale facendo leva sul miraggio di una mezza riga in più da aggiungere al Curriculum Vitae (che nel migliore dei casi ti servirà per il prossimo contratto a termine senza garanzie grazie al JobsAct).

Non è volontariato cancellare una delle poche forme del dissenso che sono rimaste alla nostra generazione, senza riconoscere che il writing sia un enorme movimento sociale e culturale che attraversa i continenti come un urlo di libertà e rivendicazione di spazi di espressione (quando anche “artisti” affermati, lo scrittore Erri de Luca piuttosto che i rapper Jax e Fedez, vengono criminalizzati o addirittura processati per le loro opinioni).

“Armiamoci di spugnette e partite!” E’ l’ennesima presa in giro di una giunta che nasconde la sua ipocrisia e la difesa dei poteri forti della città dietro ad una idea distorta della partecipazione, per cui l’affluenza altissima ai referendum per l’acqua pubblica e per lo sviluppo urbanistico milanese sono caduti nell’oblio così come le posizioni prese dalla cittadinanza, mentre si esaltano le consultazioni online per il colore della metro lilla e per il nome della mascotte di Expo “Foody”.

Partecipare davvero è necessario, organizzarsi insieme è la potenza che dobbiamo mettere in campo per vivere davvero liberamente e degnamente.

Pensiamo che la bellezza dei luoghi – se vogliamo parlare di #BellaMilano – non sia tanto un fattore estetico, ma sia legata alla vivibilità della città, e quindi alla possibilità di autodeterminazione della comunità, alla qualità delle opzioni di socialità e alternativa culturale, alla presenza di pratiche di mutuo soccorso e solidarietà che combattano l’indifferenza.

#BellaMilano è la Stazione Centrale, dove decine di persone si adoperano per aiutare le centinaia di rifugiati che ogni giorno scampano ad una morte probabile in mare per scappare da una morte certa, #BellaMilano è nei quartieri popolari in cui gli abitanti si autorganizzano per resistere alla barbarie degli sgomberi e alla svendita del patrimonio pubblico, #BellaMilano è al Trenno o in viale Argonne, dove i cittadini scendono in strada per salvaguardare il verde della città.

#FattiNonSpugnette!

>> le prime grafiche della campagna:

>> 16 maggio: #OCCUPATI DEL TUO QUARTIERE @ PIAZZA SELINUNTE!

>> 17 maggio: #RISTU! RIqualifichiamo piazza STUparich!Mercato contadino e delle autoproduzioni, laboratori di riuso e riciclo, piantumazione partecipata


CONTRIBUTO DI APPROFONDIMENTO

Milano negli ultimi anni si è caratterizzata come un importante laboratorio di sperimentazione sulla partecipazione. O meglio, di un’idea del tutto particolare di partecipazione.

Una campagna elettorale ha fatto della partecipazione il suo asso nella manica, salvo poi mandare a casa tutti quando non servivano più, l’elogio dell’affluenza altissima ai referendum per l’acqua pubblica e per lo sviluppo urbanistico milanese ha lasciato il posto all’indifferenza più totale dei risultati e al rispetto delle “cruciali” consultazioni on-line per il colore della metro lilla e per il nome della mascotte di Expo “Foody”.

Con l’arrivo di Expo, poi, gli appelli alla partecipazione diventano la norma. Anche qui però c’è partecipazione e partecipazione!

N. 1: VOLUNTEER

La crisi è tutta colpa dei giovany choosy che non hanno voglia di spostare le cassete d’estate. E allora tu giovane bamboccione, non capisci che Expo è un’enorme opportunità di lavoro? Cosa vuoi fare, stare li sul divano (probabilmente vittima di un tasso di disoccupazione arrivato al 46%) o ti attivi e fai il “volunteer”, lavori cioè gratis per il profitto di qualche multinazionale e nel deserto delle prospettive che ti hanno lasciato speri di aggiungere una riga al tuo curriculum utile per il prossimo contratto a termine? Vedi tu… .

N. 2: STREET ARTIST

Se sei uno street artists potresti guadagnare parecchio, fino 1000000 di euro pubblici per cammuffare i lavori non conclusi in tempo per il 1 maggio 2015 (ovviamente perché erano più interessati alle mazzette che a combinare qualsiasi cosa). Se sei un writer invece stai attento, perché ti hanno dichiarato guerra. Trattano ragazzini come criminali per distogliere l’attenzione dai veri mafiosi, riducono un fenomeno culturale che da decenni attraversa i continenti, un urlo di libertà e di rivendicazione di spazi di espressione a mero problema di estetica e legalità. Se puoi vendere o coprire qualcosa sei un artista, se vuoi esprimerti un criminale.

N. 3: L’OPINIONE

Già se pensi è un problema, ma se proprio devi, almeno pensa bene! Intorno a grandi opere e grandi eventi, dalla Tav ad Expo, vengono sollecitate le prese di posizione a sostegno e legittimazione. Vediamo reclutare professori dei Politecnici di Milano e Torino, a cui poi vengono assegnati progetti di costruzione miliardari, ambasciatori pseudoculturali col compito di dare un volto umano alla devastazione. E se dici di no? Chiedetelo a Erri De Luca, scrittore finito a processo per aver sostenuto la legittimità del sabotaggio, una vera e propria accusa all’opinione, chiedetelo ai rapper JAx e Fedez, messi alla gogna pubblica per aver sostenuto le ragioni dell’opposizione ad Expo, oppure ai lavoratori della Scala costretti ad esibirsi il 1° maggio per il gaudio di qualche miliardario.

N. 4: LE SPUGNETTE

Dopo la MayDay, in un distorto senso della partecipazione per cui 50 mila persone scese in piazza contro mafia, speculazioni e modello neoliberista sono ovviamente scomparse da ogni narrazione main stream, abbiamo visto tutti quelli da anni con le mani in pasta con ogni intrallazzo e malaffare invitare i milanesi a pulire muri e vetrine del centro. Pisapia e Maroni, Comune e Regione, sono colpevoli dello scempio di interi quartieri popolari, per un’area complessivamente centinaia di volte più imponente di via Carducci e sicuramente abitata da un maggior numero di persone. La gentrification rende il centro sempre più costoso, che si svuota e rimane al massimo spazio per uffici e rappresentanza, ma ventimila persone sono pronte ad appagare in un’ora il proprio bisogno di attivismo con la spugnetta per dire “io c’ero”. Mentre nei quartieri popolari svendono il patrimonio pubblico e cacciano le persone di casa, negano la residenza a chi occupa per necessità e il degrado della mancanza di fondi e interventi mina concretamente la possibilità di una vita degna per chi ci abita. Qui sì che c’è bisogno di esserci tutti i giorni, e invece…

N.5: I RAZZISTI

Se sei razzista e neofascista no problem, il paradosso legalitario degli ultimi giorni è arrivato a includere nella partecipazione encomiabile un presidio di Salvini, razzista e neofascista che dichiara la necessità di sparare sui barconi dopo il naufragio di 700 persone. Migliaia di profughi arrivano nella nostra città e in stazione centrale, hanno fame e rischiano una morte probabile per scappare da una certa. Come pure lo scorso anno, associazioni di migranti e altri ragazzi cercano di rendersi utili e di costruire prospettive. Le istituzioni spendono qui e là qualche lacrima da coccodrillo, e poi ricorrono alla polizia, all’internamento nei centri disumani, ai respingimenti. Le cooperative che gestiscono questo business valgono molto di più delle associazioni, degli sportelli, degli ambulatori medici popolari.

N.6: COOPerazione

L’unica COOPerazione che viene accettata è quella che sfrutta e mena i facchini, le coperative ammesse sono quelle che non pagano i dipendenti e vincono le aste al ribasso, il co-working va bene solo se significa che tanti, dopo una competizione all’ultimo sangue, fungono semplicemente da base di lancio per l’unico su mille che forse ce la farà, l’intraprendenza dei giovani va bene solo se insegue il “sogno americano”.

QUINDI #PULIAMOMILANO?

Noi non siamo choosy, o meglio lo siamo se si tratta sabotare il lavoro gratis.

Noi #PuliamoMilano, la vogliamo pulire da Expo e dalla mafia, dagli speculatori e dai razzisti, dagli elemosinatori di partecipazione docile e al guinzaglio.

Ci occupiamo della nostra città e dei suoi quartieri, ci rimbocchiamo le maniche per riqualificare il degrado in cui ci lasciano, ci organizziamo per risolvere i bisogni più basilari che non trovano risposta da parte delle istituzioni, per garantirci spazi di libertà contro il fascismo della guerra tra poveri e dell’austerity.

NEL PRATICO DA COSA POSSIAMO INIZIARE?

Per quanto riguarda noi, e sappiamo bene che esistono moltissimi modi differenti e allo stesso modo degni per costruire altri mondi possibili, diamo vita a strutture di mutuo soccorso per assicurarci una vita degna: palestre popolari, gruppi di acquisto solidali e popolari, reti di contadini, produttori e trasformatori liberi da ogm e nocività, reti di logistica alternativa per mettere in connessione la campagna e la città, mercati basati sullo scambio e la gratuità per resistere alla miseria, laboratori di autoproduzione per dare vita alla potenza di una cooperazione che rimanga slegata dai vincoli patrimoniali e della sussunzione di valore capitalista, scuole di italiano per migranti e corsi di lingue meticce, case occupate e difese nei vuoti delle speculazioni immobiliari, università popolari per chi non si può permettersi le loro torri d’avorio, asili autogestiti per chi non riesce ad accedere a quelli comunali, spazi di conflitto, socialità e cultura altra nel deserto delle relazioni e della pacificazione che ci impongono, teniamo viva la memoria perché vogliamo seminare anticorpi nel presente, “Carlo vive” non lo cancelliamo certo dai nostri cuori e sui muri lo scriviamo altre 10, 100 e 1000 volte.

Partecipare davvero è necessario, organizzarsi insieme è la potenza che dobbiamo mettere in campo per vivere davvero liberamente e degnamente. Ricostruiamo le nostre astronavi, altri mondi sono possibili.

articoli

15, 16 e 17 luglio SAN SIRO IN FESTA!

15.16.17 luglio 2022 SAN SIRO IN FESTA! CASA - DIRITTI - DIGNITA'  SOCIALITA’  – SPORT POPOLARE – GIOCHI PER BAMBINI –  LIBRERIA – MERCATINO DELLO SCAMBIO E MOLTO ALTROPROGRAMMA DELLA FESTAh 10:00 Vieni a montare insieme a noi la Festa h 16:30 Laboratori artistici per...

Decolonize the Pride: carro dell’orgoglio meticcio e queer al Pride Milano

Decolonize the Pride: carro dell'orgoglio meticcio e queer al Pride 2022IL NOSTRO PRIDE E’ METICCIO & QUEER Contro ogni guerra ai corpi e i territori  A 53 anni dai moti di Stonewall, abbiamo ancora bisogno di una scarpa col tacco da lanciare. Misoginia e...

SummeResistance: il caldo non ferma la lotta!

Per una città solidale e ribelle, contro sfratti, sgomberi e speculazioni, per riprenderci insieme i nostri diritti,  viviamoci i nostri spazi, costruiamo e attraversiamo le lotte di questa città. Un'estate di lotta, ma anche di attività, festa e incontri, un’ estate...

#DecolonizeTheCity, per un orgoglio meticcio e queer!

#DECOLONIZETHECITY, per un orgoglio meticcio e queer! Per tutti i nostri corpi dissidenti.   18 giugno ore 17.00 P.zza Duca d'Aosta  2 luglio #Decolonizethepride  3 luglio Disability Pride ASCOLTA L'INCONTRO CON  MIT, Movimento Identità Trans, CABIRIA/UNITA' DI...

Nessuna base per nessuna guerra: manifestazione nazionale a Coltano

2 GIUGNO MANIFESTAZIONE NAZIONALE A COLTANO - "NESSUNA BASE PER NESSUNA GUERRA" 190 milioni di soldi pubblici per una nuova base militare. 73 ettari di territorio, all’interno di un parco naturale, sottratti alla comunità. 440.000 metri cubi cementificati per...

Di perquisizioni e imbrattamento .. e la guerra?

DI PERQUISIZIONE E IMBRATTAMENTO ... E LA GUERRA? Comunicato sulle perquisizioni di questa mattina contro studentesse e student* del Coordinamento Dei Collettivi Studenteschi , del Cantiere Milano e del movimento milanese contro la Guerra al futuro. Ci sono 59 guerre...

Spazio di Mutuo Soccorso in Festa! 5-6-7-8 maggio

La festa continua! Vi aspettiamo a SMS per l'ultima giornata con le attività in programma.  Immagini della festa  5, 6, 7, 8 Maggio Mutuo Soccorso in festa Per festeggiare i 9 anni dello spazio di Mutuo Soccorso, di lotta per il diritto all’abitare, di pratiche...

25 Aprile 2022 – La resistenza è diserzione

"Disertori", "ribelli", "sabotatori", così venivano chiamatə le partigiane e i partigiani dalla propaganda fascista della RSI. La resistenza era formata da disertori e sbandati, non da un eserciti e militari. Resistere significava scappare, evitare la leva...

#SafePassage – E’ partita la seconda missione * PACE DISARMO FUTURO * #stopwar

La carovana #SafePassage di Mediteranea Saving Humans riparte per la seconda missione. A una settimana dal ritorno della prima missione i van sono di nuovo carichi per portare ulteriori aiuti umanitari nella città di Leopoli, sono pronti a riportare al sicuro le...

Milano in piazza ogni Sabato contro la guerra!

OGNI SABATO, H.15 @ LARGO CAIROLI: CORTEO CITTADINO "MILANO CONTRO LA GUERRA"  Tutti i sabati Milano in piazza contro la guerra!   Pace. Disarmo. Futuro. Ci siamo battuti in ogni occasione per la Pace, eppure i conflitti sono aumentati. Forse perché è stato perso...

eventi

Allenamento aperto di BOXE e KUNG FU a SMS

 VENERDI' 8 LUGLIO SPORT POPOLARE PER TUTT@!  Ad una settimana dal 15, 16, 17 luglio San Siro in Festa! con attività sportive per grandi e piccol*, la Palestra Popolare Hurricane apre i suoi cancelli nello Spazio di Mutuo Soccorso per delle lezioni aperte e...

15, 16 e 17 luglio SAN SIRO IN FESTA!

15.16.17 luglio 2022 SAN SIRO IN FESTA! CASA - DIRITTI - DIGNITA'  SOCIALITA’  – SPORT POPOLARE – GIOCHI PER BAMBINI –  LIBRERIA – MERCATINO DELLO SCAMBIO E MOLTO ALTROPROGRAMMA DELLA FESTAh 10:00 Vieni a montare insieme a noi la Festa h 16:30 Laboratori artistici per...

Flash Mob e assemblea Non Una di Meno

Non Una Di Meno Milano chiama ad un'azione collettiva prima dell'assemblea pubblica!!  Non possiamo stare in silenzio dopo le sconcertanti notizie che arrivano dagli Stati Uniti per questo ci ritroviamo per gridare tutta la nostra rabbia !! Questo mercoledì 29 giugno...

Sabato 25 Block Party in P.zzale Selinunte

Costruisci quartieri solidali e meticci insieme a noi! Domani pomeriggio #BlockParty dalle 17 in piazza Selinunte per un pomeriggio fatto di attività sociali e laboratori artistici per i più piccoli! Abitare un territorio è diritto ad una casa degna per tutti* ma è...

Decolonize the Pride: carro dell’orgoglio meticcio e queer al Pride Milano

Decolonize the Pride: carro dell'orgoglio meticcio e queer al Pride 2022IL NOSTRO PRIDE E’ METICCIO & QUEER Contro ogni guerra ai corpi e i territori  A 53 anni dai moti di Stonewall, abbiamo ancora bisogno di una scarpa col tacco da lanciare. Misoginia e...

Mercato contadino & aperitivo latino

Al giovedì l'appuntamento è uno solo: il Mercato nello Spazio! Questa giovedì 23 giugno mercato contadino e dalle 19 aperitivo latino! Il cortile dello Spazio di Mutuo Soccorso si riempie delle bancarelle dei produttori genuini e a KM0 che partecipano al Gruppo di...

#DecolonizeTheCity, per un orgoglio meticcio e queer!

#DECOLONIZETHECITY, per un orgoglio meticcio e queer! Per tutti i nostri corpi dissidenti.   18 giugno ore 17.00 P.zza Duca d'Aosta  2 luglio #Decolonizethepride  3 luglio Disability Pride ASCOLTA L'INCONTRO CON  MIT, Movimento Identità Trans, CABIRIA/UNITA' DI...

Sabato 11 giugno BLOCK PARTY in p.zzale Selinunte

Sabato 11 giugno BLOCK PARTY!  Dalle 17.00 in p.zzale Selinunte. Costruiamo quartieri vivibili! CASA.DIRITTI.DIGNITA' PER TUTT@Un pomeriggio nel centro del quartiere popolare di San Siro, un luogo abbandonato dalle istituzioni dove chi siede comodo in comune o in...

3.06.2022 – Sapore di Trash w/ Red Gipsy, ITB & Los Machetes

3.06.2022 - Sapore di Trash w/ Red Gipsy, ITB & Los Machetes👉🏽VEN 3👈🏽 ➖SAPORE DI TRASH➖ 🔺LOVE MUSIC HATE FASCISM🔻   Sul palco del Cantiere ritorna un po’ di sana trash per farci ballare indecorosə e divertitə.  Dai remix più pazzi alle canzoni che canteremo a...

Decolonize the City w/ Sayri

Decolonize the City w/ Sayri @Cantiere“Il perreo è come una tecnologia, un modo di vivere il nostro presente, la connessione del passato e del futuro attraverso il rituale” @idkebra Rivendichiamo la forza della distruzione di cui è costituita ogni nostra resistenza....

approfondimenti

SPECIALE STOP WAR: Di fronte ad ogni guerra la parola NO e l’azione Ribelle

CLICCA e vai alla raccolta di contributi, approfondimenti e call to action #STOPTHEWAR!   di seguito intanto trovi il nostro contributo. Per seguirci @cantieremilano su twitterDi fronte ad ogni guerra c’è solo una parola degna e una azione conseguente, la parola...

Quale libertà?

Già da quest’estate manifestazioni e proteste contro il Green pass si sono verificate in molte città d’Italia.A nostro parere la contrapposizione tra libertà individuale e la libertà coniugata con la solidarietà e la responsabilità sociale è il discrimine attraverso...

Da Milano al Messico, “EL AGUA ES DEL PUEBLO”, #FueraBonafont! – azione solidale per l’acqua

#boycottdanone FUERA BONAFONT [ITALIANO] Oggi, 11 giugno, a 10 anni dal referendum contro la privatizzazione dell'acqua, siamo stati davanti alla sede del gruppo Danone, di cui fa parte Bonafont, e abbiamo lasciato davanti all’ingresso della loro sede vernice rossa a...

Pueblos Zapatistas Unidos contro il furto dell’acqua: #FueraBonafont

“Bonafont” è una impresa legata al gruppo francese “Danone” che si dedica all’imbottigliamento dell’acqua. Dal 1992 Bonafont si è installata nel territorio di Puebla, in Messico, senza che le popolazioni locali venissero in alcun modo consultate dallo Stato, che ha...

No Profit On Pandemic!

Nessun profitto sulla pandemia. Cure e vaccini per ciascun* ovunque e gratuiti.Durante entrambi gli incontri affronteremo, da vari punti di vista, la battaglia che vede contrapposti grandi attori globali di fronte alla sfida delle vaccinazioni contro il Covid 19 e le...

Restituiteci Sankara.

Restituiteci Sankara.L’Africa non è una macchia nella cartina del mondo, non può essere rimossa. Esiste non molto lontano, a due passi dal mare, che si chiama Africa. L'opinione pubblica europea sa che da lì partono le imbarcazioni dei migranti, in fuga dalla...

Vive la Commune!

150 anni fa, una delle più straordinarie esperienze rivoluzionarie della storia contemporanea: la Comune di parigi. Sconfitta dalle armi dell'esercito del Kaiser ha lasciato un'eredità raccolta per tutto il secolo successivo da chi ha alzato la Bandiera Rossa per la...

Un altro mondo è possibile: a 19 anni da Genova.

STOP GLOBAL WAR: AVEVAMO RAGIONE NOI. Non dimenticare genova per continuare a costruire altri mondi possibili. Nel 2001 a Genova migliaia e migliaia di persone da tutto il mondo invasero le strade contro il g8, il vertice dei "grandi potenti" del mondo. Era il...

Contro le passioni tristi, le sardine urtano il populismo

Di MARCO BASCETTA Nel cercare di comprendere la natura dei movimenti, la loro direzione di marcia, il posto che occupano nella sfera politica si rischia sempre di essere prematuri o inattuali. Del resto ogni movimento sociale è attraversato da flussi emotivi e bisogni...

In Cile il neoliberismo è in crisi

In Cile si sintetizza una combinazione esplosiva di un libero mercato senza anestesia e una democrazia completamente delegittimata, che conserva solo il suo nome. È degenerato in una plutocrazia che, fino a pochi giorni fa - ma non più - è stata misurata dalle...