CANTIERE.ORG

CANTIERE

.ORG

TUTTI IN PIAZZA! ALTRI MONDI SONO POSSIBILI

Expo 2015 è una macchina di immaginario ma si è inceppata in preda alla sua stessa voracità. Avrebbe dovuto essere la distrazione di massa con cui illudere un paese in cui il divario tra ricchi e poveri aumenta mentre crescono la precarietà e la disillusione. Avrebbe dovuto essere lo specchietto per le allodole del governo che ha fatto una sfilza di riforme utilizzando l’incomprensibile linguaggio tecnocratico: il Job Act che cancella qualunque diritto sul lavoro, il piano casa che svende il patrimonio pubblico alle banche e le nega a chi ne ha bisogno, la buona scuola che finanzia le scuole confessionali e punisce l’educazione pubblica, lo sblocca-italia che riempie la penisola di cantieri costosi, devastanti e spesso incompiuti. Expo avrebbe dovuto essere una foglia di fico ma si sta rivelando un boomerang. Non ha convinto nessuno e non servirà a far dimenticare che la Monsanto, oltre ad affamare i paesi africani, ha devastato gli ulivi in Puglia, non servirà a far scordare che le scuole cadono a pezzi, mentre i soldi per le grandi inutili opere si trovano sempre. Basta leggere persino i sondaggi dei media mainstream per capire che la stragrande maggioranza del paese avrebbe volentieri fatto a meno di questo ennesimo collettore di corruzione e tangenti che ha cementificato una città e una provincia in cui già migliaia di case sono vuote e migliaia di persone sono senza casa; ha provato a vendere una montagna di lavoro gratuito come opportunità per i giovani disoccupati o sfruttati; ha proposto, per nutrire il pianeta, di affidarlo alle multinazionali agroalimentari che lo affamano; è costato alle nostre tasche 1,3 miliardi stando ai dati ufficiali(cifra destinata a crescere come sempre nel corso di lavori pubblici). Domani una manifestazione scenderà in piazza per ribadire che l’opposizione ad Expo è innanzitutto la presa di posizione contro il modello neoliberista che ha diviso il mondo tra poche centinaia di ricchi e miliardi di poveri. E’ la presa di posizione di chi non crede che questo sia l’unico mondo possibile e per questo dice che per farla finita con la crisi bisogna farla finita con il neoliberismo che l’ ha generata, con la casta di carrieristi e faccendieri della politica e della finanza che chiusi dentro ai loro palazzi-bunker decidono le sorti del pianeta a colpi di austerity, guerre e contratti di lavoro da schiavi. La “May Day” è quella manifestazione che attraversa tutti gli anni da quasi due decenni le strade della “capitale economica” d’Italia per dare un nuovo significato al 1 Maggio, data simbolica per i movimenti operai, contadini e degli sfruttati sin dall’800. La May Day è l’appuntamento che ha saputo puntare il dito contro la precarizzazione delle nostre vite quando ancora era una parola sconosciuta e che ha saputo raccogliere ogni anno decine di migliaia di persone capaci di esprimere la propria rabbia e la propria dignità anche attraverso una festa, una giornata festosa per chi si ribella tutti i giorni. Una giornata determinata a comunicare che la ribellione è necessaria per chi non vuole smettere di costruire un mondo migliore. La macchina mediatica in atto sta cercando di oscurare i veri problemi di EXPO individuando insieme al lavoro di servizi e polizie chi protesta come il responsabile della “figuraccia globale” delle classi dirigenti del paese. Il gioco è semplice: a reti unificate i media puntano il dito contro i giovani e giovanissimi che scendono in piazza, parlando di delinquenti e criminali che imbrattano le vetrine, omettendo volontariamente che si tratta di un gesto di protesta e di denuncia verso chi come ManPower, Consob, Unicredit, BPM, Monte dei Paschi, McDonald’s &co è complice di questo sistema. E così invece di parlare dei signori di EXPO, indagati per essersi intascati milioni di euro in tangenti e aver fatto truffe di ogni genere con i soldi pubblici, l’opinione pubblica leggerà articoli di basso livello che raccontano la solita vecchia storia fatta di strategie della paura e della tensione, dispiegamento di migliaia di poliziotti, perquisizioni e sgomberi. Tutto questo per raccontare al mondo l’ennesima bugia: dopo quella dell’Expo bucolica (a cui non ha creduto nessuno) quella di una protesta truculenta, inaudita e senza ragioni. E’ necessario dire in tanti, in decine di migliaia con la stessa voce forte e chiara, che i colpevoli si assumano le responsabilità del danno che hanno causato: una esposizione universale che lascia dietro di sé così tanti disastri che non sarà facile da dimenticare. Le nostre ragioni non si possono cancellare, sono quelle dei movimenti globali che dalla fine degli anni ’90 denunciano il disastro del neoliberismo e che qualche anno fa erano fuori da Wall Street a chiedere conto di quanto successo; sono quelle degli studenti che scendono in piazza contro la distruzione della scuola pubblica, per dire che l’unica soluzione è investire in un’istruzione gratuita, per tutti e di qualità, degli abitanti che lottano per abitare dignitosamente e autogestire i propri territori, di chi riprende le terre per far vivere una agricoltura genuina e consapevole, di chi si rifiuta di accettare qualunque condizione di sfruttamento e si batte per i diritti, rivendica Welfare e reddito di cittadinanza per tutti, e costruisce dal basso pratiche di mutuo soccorso e solidarietà attiva, come antidoto al razzismo e alle ricette reazionarie e nazionaliste dei paladini della finanza e dell’austerità. Per questo le nostre ragioni saranno domani in piazza; ma soprattutto metteranno in campo un #AlterExpo di mobilitazione, approfondimento e iniziativa politica. Oltre l’Expo dell’ipocrisia per portare nel cuore della metropoli le loro contraddizioni e le nostre lotte. Let’s make our Expo.Da domani ci si vede in piazza, nelle lotte, nelle metropoli e nelle campagne. Dove si gioca davvero la partita: una battaglia per la giustizia sociale.

bannerdiretta

Ore 17.40 Il corteo ancora partecipatissimo da migliaia di persone si avvia alla conclusione in piazza Amendola, dove si prenderà la metro (l’unica aperta in zona) per raggiungere il campeggio nel parco di Trenno

spezzone

Ore 17.30 Il corteo prosegue verso piazza Buonarroti

Ore 17.00 Si prova a ricompattare il corteo che è stato spezzato dal fitto lancio di lacrimogeni

Ore 16.50 Assedio alla sede europea di milano! Noi non vogliamo pagare la vostra crisi e il vostro debito. Sanzionato il simbolo dell’ ‪#‎austerity‬

Ore 16.30 Azione contro uno dei palazzi dell Enel contro l’articolo 5 e il Piano casa di Lupi&Renzi. ‪#‎stopdistacchi‬ casa, luce, acqua gas, sono un diritto! L’enel è stata simbolicamente chiusa con rete “solidarietà popolo mapuche”

enel enel3 enel4

Ore 16.15 ‪#‎MayDay‬ a istanbul cariche vicino pzza Taksim.Weimar (germania) neonazi attaccano corteo. solidali con chi lotta contro austerity e fascismo

Primo maggio, scontri in Turchia e Corea del Sud. A Weimar assalto neonazista al corteo

Ore 16.05 #‎expo‬ coi soldi pubblici paga elicottero.. noi in migliaia abbiamo un’astronave! Un altro mondo é possibile ‪#‎noexpo‬

elicottero

Ore 16.oo Modello ‪#‎expo‬ = @McDonalds’s x nutrire il pianeta? Let’s make our expo vs ‪#‎precarietá‬ ‪#‎austerity‬ neoliberismo ‪#‎noexpo

mcdonald macdonald

Ore 15.50 Il corteo prosegue partecipatissimo e lunghissimo anche davanti alla zona rossa militarizzata da reti e tantissimi uomini in antisommossa, la Milano che vogliamo è libera da sfratti, sgomberi, razzismo e anche dalla paura!‪#‎milanolibera‬! ALTRI MONDI SONO POSSIBILI!
Ecco come militarizzano la città! Ma quale zona rossa, noi la città la vi viamo ogni giorno  – Grazie ad ‪#‎Expo2015‬ stiamo già sperimentando dove si spingeranno politiche di normazione dei conflitti ‪#‎alterexpo‬ ‪#‎MayDay‬

zonarossa

Ore 15.30 La #MayDay continua : studenti giovani e universitari in piazza!

Ore 15.00 Anche da Parma alla #MayDay

Ore 14.30 Lo spezzone del Cantiere arrivato in P.ta Genova si muove verso P.za XXIV Maggio #mayday!

11 3 6 9

Ore 14.00: Il treno da Brescia è arrivato a Lambrate! #maydaymilano Da Radio Onda D’urto un estratto dell’intervista ai compagni arrivati in stazione.

Ore 13.40: Da piazzale Lotto parte lo spezzone del Cantiere. Let’s make our expo! #mayday stiamo arrivando!
IMG-20150501-WA0002

Ore 13.00: Il pullman da firenze è stato fermato per controlli a Modena a breve aggiornamenti.

Ore 12.10: Quasi pronti a decollare verso piazza XXIV Maggio.. Seguite l’astronave… Nuovi Mondi sono Possibili! 😉

Noi invitiamo tutti i marziani a riprendersi la loro identità di diversi!
Non nascondetevi più, uscite allo scoperto, fatevi riconoscere!
Siate uniti, coraggiosi, animosi, spaventosi, laboriosi e spiritosi!
Ricostruite le vostre astronavi!

Quasi pronti… in piazza seguite l’astronave 🙂 nuovi mondi sono possibili! Dalle 14 tutti in P.ZA XXIV MAGGIO #expo2015 #mayday

Posted by Centro Sociale Cantiere on Venerdì 1 maggio 2015

Ore 10.00: Diversi manifestanti si ritrovano all’apertura dei cancelli di Expo ed inscenano una bellissima performance.

Ore 00.13: Anonymous attacca Expo. #TANGODOWN! Per diverse ore il sito dove acquistare i biglietti viene messo fuori uso ed è inaccessibile in diversi Paesi del mondo!

postermayday

articoli

Acampada per la Palestina in Unimi. #stopgenocide Racconto giorno per giorno

ACAMPADA IN UNIVERSITÀ STATALE PER LA PALESTINA LIBERA! Raccogliamo l'invito dell3 studenti dell'università di Birzeit a riprenderci gli spazi delle università, per la resistenza P4l3st1n3s3. Occupiamo per l3 nostr3 compagn3 in Palestina le cui scuole e università...

9 maggio 2024 Lunga Vita SMS: una giornata di Resistenza.

9 maggio 2024 Lunga Vita SMS: una giornata di Resistenza. Per altri undici anni di vita, lo Spazio di Mutuo Soccorso ha bisogno di tutta la nostra forza.Il 9 maggio vi aspettiamo in piazza Stuparich 18 per una giornata di incontri e attività a partire dalle 6.00 del...

Per un 25 Aprile di Liberazione: Resistenza, Diserzione, Decolonialità

Questo 25 Aprile eravamo centomila in piazza gridando Ora e sempre Resistenza! Abbiamo invaso Milano con migliaia di bandiere palestinesi!

SMS in Festa! 11 Anni di Mutuo Soccorso

Dal 2 al 5 Maggio, SMS in festa! 11 anni di mutuo soccorso, 4 giorni di festival: concerti, dibattiti, sport, cibo e socialità, in Piazza Stuparich 18.

19A Global Strike di Fridays For Future

Free Palestine = Climate Justice.
Siamo sces3 in piazza insieme a Fridays For Future in occasione dello sciopero studentesco globale per il clima

8M #lungavitasms, difendiamo gli spazi transfemministi

  MUTUO SOCCORSO È SORELLANZA Lo Spazio di Mutuo Soccorso si prepara alla giornata del #LottoMarzo. Giovedì 7 marzo dalle 16:00 - Laboratorio scenografie: prepariamo insieme cartelli, striscioni, cori, panuelos per i cortei dello sciopero. - Vieni a conoscere i...

24 Febbraio Corteo Nazionale #FreePalestine

Sabato 24 Febbraio – Ore 14:30 – Piazzale Loreto
Corteo nazionale contro il genocidio del popolo Palestinese
Segui lo spezzone Decolonize!

Otto Marzo 2024 – Corteo Studentesco

Lotto Marzo! – Venerdì otto Marzo corteo studentesco e dello sciopero – ore 9:30 largo Cairoli – #NonUnaDiMeno #Student3Disobbedient3

Memori(a)E: sostantivo plurale, verbo attivo. 2024.

A cosa serve la memoria? La memoria, o meglio, le memorie degli orrori del passato devono servire a fermare immediatamente i genocidi del present

Iniziativa in Unimi per la laurea di Liliana Segre #GiornataDelleMemorie

Giornata della memoria - Iniziativa in Unimi "L'indifferenza è peggiore della violenza." -Liliana segre Queste le parole di Liliana Segre con cui abbiamo voluto accoglierla all'università statale di Milano, come studenti non indifferenti. Ricordare i genocidi della...

eventi

Incontro “Immaginario e Visione nella scrittura umoristica” con Cochi Ponzoni e Nicola Vicidomini.

Venerdì 31 Maggio, alle ore 21.00, Cochi Ponzoni torna al Derby Club, oggi Cantiere, dopo più di 50 anni. Calcherà lo stesso palco che vide l’affermazione di quel Gruppo Motore (Cochi e Renato, Enzo Jannacci, Felice Andreasi, Lino Toffolo e Bruno Lauzi) che seppe...

SAYRI X DECOLONIZE THE CITY!

VENERDI' 24 MAGGIO AL CANTIERE ✧・゚SAYRI X DECOLONIZE THE CITY ・゚✧ Torniamo al @cantiere_milano presentando, per la prima volta in italia, @ojosfinos 🇺🇾 e @_ast.er 🇵🇪 Ojosfinos è un artista multidisciplinare uruguaiano con base a Montevideo. È uno dei pionieri del club...

Decolonize the city: incontro all’Acampada

DECOLONIZE THE CITY In che modo i nostri luoghi di sapere riproducono e legittimano sapere coloniale? In che modo le stesse università che ci danno strumenti per sovvertire i paradigmi di oppressione in cui siamo immersə sono le stesse che li reiterano? In che modo...

Pazzesk@: laboratorio sulla salute mentale. Il carattere sovversivo del disagio.

Pazzesk@ Laboratorio sulla Salute Mentale Il carattere sovversivo del disagio.Primi appuntamenti, dalle 16.00 alle 18.00 a SMS Spazio di Mutuo Soccorso, piazza Stuparich 18 Giovedì 23 maggio “Il normale è patologico” Giovedì 30 maggio “Competizione e Merito” Giovedì...

Presentazione di “Il libro Antirazzista – 20 lezioni per agire contro il razzismo” con Tiffany Jewell

📌Mercoledì 8 Maggio presentiamo "Il libro Antirazzista - 20 lezioni per agire contro il razzismo" con Tiffany Jewell. Un evento per costruire insieme una scuola capace di denunciare e contrastare il razzismo, dentro e fuori dalle aule. 🕢19:00Presentazione del libro...

iN/Stabile: NarrAzione di Comunità.

iN/Stabile: NarrAzione di Comunità Giovedì 2 maggio, h.19, grande inaugurazione e vernissage della mostra immersiva e comunitaria! Lo Spazio di Mutuo Soccorso compie 11 anni.Per l'occasione, abbiamo deciso di narrarci, e trasformare il mondo attraverso la parola,...

SMS in Festa! 11 Anni di Mutuo Soccorso

Dal 2 al 5 Maggio, SMS in festa! 11 anni di mutuo soccorso, 4 giorni di festival: concerti, dibattiti, sport, cibo e socialità, in Piazza Stuparich 18.

20 Aprile, Serata Groove w/Paprika

20 Aprile 2024 – Serata solo Groove w/Paprika @Cantiere, Via Monterosa 84

Cena di primavera per le spese legali del Cantiere.

Cena di primavera per le spese legali del Cantiere! Domenica 14 aprile 2024 dalle 20:00

Sabato 13/4: Stay Punk Stay Antifa!

Stay Punk Stay Antifa!
sabato 13 aprile 24
Dirty Noise, Punk-o-Mat, Fondamenta Nuove
dalle 22 @Cantiere, via Monterosa 84

approfondimenti

“Al lavoro! Priorità, sicurezza, diritti”

Al lavoro! Il nuovo governo si è già messo al lavoro.  Oh, finalmente. Certo, perchè con tutti i problemi che abbiamo in questo Paese, non c'era da perdere tempo. C'è la guerra e la bomba atomica viene seriamente presa sul serio dai potenti della guerra. C'è una crisi...

SPECIALE STOP WAR: Di fronte ad ogni guerra la parola NO e l’azione Ribelle

CLICCA e vai alla raccolta di contributi, approfondimenti e call to action #STOPTHEWAR!   di seguito intanto trovi il nostro contributo. Per seguirci @cantieremilano su twitterDi fronte ad ogni guerra c’è solo una parola degna e una azione conseguente, la parola...

Quale libertà?

Già da quest’estate manifestazioni e proteste contro il Green pass si sono verificate in molte città d’Italia.A nostro parere la contrapposizione tra libertà individuale e la libertà coniugata con la solidarietà e la responsabilità sociale è il discrimine attraverso...

Da Milano al Messico, “EL AGUA ES DEL PUEBLO”, #FueraBonafont! – azione solidale per l’acqua

#boycottdanone FUERA BONAFONT [ITALIANO] Oggi, 11 giugno, a 10 anni dal referendum contro la privatizzazione dell'acqua, siamo stati davanti alla sede del gruppo Danone, di cui fa parte Bonafont, e abbiamo lasciato davanti all’ingresso della loro sede vernice rossa a...

Pueblos Zapatistas Unidos contro il furto dell’acqua: #FueraBonafont

“Bonafont” è una impresa legata al gruppo francese “Danone” che si dedica all’imbottigliamento dell’acqua. Dal 1992 Bonafont si è installata nel territorio di Puebla, in Messico, senza che le popolazioni locali venissero in alcun modo consultate dallo Stato, che ha...

No Profit On Pandemic!

Nessun profitto sulla pandemia. Cure e vaccini per ciascun* ovunque e gratuiti.Durante entrambi gli incontri affronteremo, da vari punti di vista, la battaglia che vede contrapposti grandi attori globali di fronte alla sfida delle vaccinazioni contro il Covid 19 e le...

Restituiteci Sankara.

Restituiteci Sankara.L’Africa non è una macchia nella cartina del mondo, non può essere rimossa. Esiste non molto lontano, a due passi dal mare, che si chiama Africa. L'opinione pubblica europea sa che da lì partono le imbarcazioni dei migranti, in fuga dalla...

Vive la Commune!

150 anni fa, una delle più straordinarie esperienze rivoluzionarie della storia contemporanea: la Comune di parigi. Sconfitta dalle armi dell'esercito del Kaiser ha lasciato un'eredità raccolta per tutto il secolo successivo da chi ha alzato la Bandiera Rossa per la...

Un altro mondo è possibile: a 19 anni da Genova.

STOP GLOBAL WAR: AVEVAMO RAGIONE NOI. Non dimenticare genova per continuare a costruire altri mondi possibili. Nel 2001 a Genova migliaia e migliaia di persone da tutto il mondo invasero le strade contro il g8, il vertice dei "grandi potenti" del mondo. Era il...

Contro le passioni tristi, le sardine urtano il populismo

Di MARCO BASCETTA Nel cercare di comprendere la natura dei movimenti, la loro direzione di marcia, il posto che occupano nella sfera politica si rischia sempre di essere prematuri o inattuali. Del resto ogni movimento sociale è attraversato da flussi emotivi e bisogni...