We the people fight the power! #FuckAusterity!

>>> Go to the [ENG] article <<<

Da questa mattina all’alba a Francoforte, cuore della finanza europea, sono iniziate le azioni di disturbo e di opposizione all’inaugurazione dell’EuroTower, nuovo scintillante grattacielo della Banca Centrale Europea. Oggi a Francoforte la casta di politici e banchieri che governa le nostre vite festeggia l’inaugurazione del nuovo bunker dalla quale potranno emanare nuove politiche di austerity e di sofferenza per la popolazione. Per questo migliaia di attivisti da tutta Europa hanno raggiunto la città e da ore per le strade di Francoforte si susseguono blocchi e manifestazioni, che con determinazione si avvicinano alla nuova torre, dove poco fa è stato calato uno striscione che dice “Capitalismus tötet”, il capitalismo uccide.


Ascolta l’audio dei nostri compagni dalle manifestazioni

Oltre un miliardo di euro è il costo della nuova sede della Banca Centrale Europea, che schiaffa in faccia alla popolazione l’arroganza di un potere finanziario che arricchisce le banche e impone alla popolazione politiche di austerity ormai intollerabili. Poche decine di ricchi e milioni di poveri, questo il risultato del sistema neoliberista e delle politiche della Troika. Non c’è nessun salvataggio all’orizzonte per i paesi devastati dalla crisi attraverso queste politiche assassine: i tagli alla spesa pubblica, la riduzione del deficit hanno portato solo crescita della poverà e della disoccupazione, alla distruzione della scuola pubblica e dei sistemi di welfare. Non c’è nulla da festeggiare per lo sfarzo di quella torre scintillante, se non per la cricca di politici, banchieri, immobiliari che mentre con una mano continuano a mettersi in tasca il nostro denaro con l’altra si preparano ad affossare definitivamente la Grecia, così come chiunque altro osi ribellarsi al diktat della casta finanziaria.

Infatti, un imponente meccanismo di difesa per la casta è stato messo in piedi dalla polizia tedesca per accogliere le migliaia di manifestanti che sono arrivate in città: dai classici spray urticanti al peperoncino a nuovissimi idranti di ultima generazione, Francoforte è invasa da uno schieramento di circa 10mila poliziotti per difendere il nuovo bunker del potere finanziario.

“O la borsa o la vita” dicevamo nel 2008, all’inizio della crisi, quando cominciava a mostrarsi il vero volto dei dittatori della finanza. Così abbiamo cominciato a costruire territori partigiani e resistenti, che fossero antidoto all’austerity e anticorpo alle risposte reazionarie e razziste. Questo è il tempo di dimostrare che un’alternativa al loro diktat è possibile e praticabile a partire dai territori che viviamo oggi giorno: oggi siamo a Francoforte, solidali e complici con chi sta mostrando al mondo intero la rabbia di una popolazione che non tollera più l’arroganza di politiche ingiuste e insostenibili dal punto di vista economico e ambientale. Tutti i giorni siamo nei nostri spazi occupati, nelle scuole in mobilitazione, nei quartieri solidali a costruire territori resistenti dove le lotte e la solidarietà attiva danno vita a progetti di mutuo soccorso contro crisi e austerity dimostrando che la nostra vita vale più dei loro conti in banca. “People before profit”!  

>>> Segui la diretta! #Blockupy #18M @Cantiere