CANTIERE.ORG

CANTIERE

.ORG

Tre giorni fa una nuova strage nel Mediterraneo, più di 300 i morti: uomini, donne, bambini. Su tre barconi i sopravvissuti sono stati 9 in tutto. Su un altro a salvarsi sono stati 76. A salvarsi, poi, temporaneamente, visto che in Italia quello che li aspetta sono mesi in un CARA o, magari in un CIE, visto che qualcuno di loro potrebbe anche non ottenere lo status di rifugiato e quindi essere rispedito indietro.

Intanto, però, inizia il balletto nazionale delle dichiarazioni di premier, ministri e opposizioni: tutti si mostrano affranti, increduli, non disposti ad accettare, come dice Renzi, che “il Mediterraneo diventi un cimitero”. Ma la realtà è che il Mediterraneo un cimitero lo è già, visto che tra la Libia e la Sicilia, solo dal 2000 sono morte più di 8mila persone, e lo è grazie alle politiche di respingimento che la Fortezza Europa continua a mettere in atto: Triton, il nuovo programma di Frontex per il pattugliamento del mare e per l’eventuale soccorso dei barconi, costa 90 milioni all’anno, di fronte ai miliardi spesi negli ultimi decenni per costruire i muri a Ceuta e Melilla, o quelli dati a Grecia e Turchia per costruire una barriera che difendesse il confine sud-est dell’Europa, o ancora per finanziare la barriera tecnologica (a radar, sensori di rilevamento, forze militati) schierata tra Slovacchia e Ucraina. Un soccorso quello di Triton, che comunque risulta non essere la priorità della missione, stando alle dichiarazioni del portavoce dello stesso Commissario Migrazioni dell’UE, per il quale Triton svolge il ruolo di “pattugliamento dei confini”, una missione, quindi, ancora una volta a difesa della Fortezza e di cui le stragi sono solo danni collaterali della difesa del Vecchio Continente.

Allo stesso modo, assumono toni da farsa, se non si trattasse di tragedia, le dichiarazioni di Angelino Alfano, ministro dell’interno, per il quale “il problema è la Libia”: quella stessa Libia dove, sotto Gheddafi, i migranti venivano incarcerati, torturati, tenuti per mesi nei sotterranei di prigioni/CIE (costruite con i finanziamenti e la complicità dell’Italia e di Frontex) senza che mai vedessero la luce del sole, dove gli stupri erano all’ordine del giorno, e dove le espulsioni dal paese consistevano in vere e proprie deportazioni in mezzo al deserto, al confine con il Ciad, e dove i migranti venivano abbandonati con una bottiglietta d’acqua e un’indicazione a braccio della strada da percorrere, preda degli uomini della tratta. Ma allora ci andava bene, perché tutto avveniva lontano dalle nostre coste, i finanziamenti servivano a far fare il lavoro sporco a qualcun altro, così da non sollecitare le attenzioni dell’opinione pubblica. Poi le cose sono cambiate, alla Libia (alleata fino a 24h prima) si è deciso di far guerra, aprendo il paese al caos più totale, finanziando in chiave anti-Gheddafi i peggiori mercenari e signori della guerra e lasciando spazio alle milizie islamiste che oggi controllano metà del paese. E così i migranti “economici”, che si erano spostati in Libia in cerca di un lavoro o di un passaggio per l’Europa, donne e uomini che venivano dall’Africa Centrale o dal Corno d’Africa, si sono ritrovati ad essere ostaggi di guerra, profughi di un paese straniero, prigionieri in prigioni dove i diritti non esistono e dove, forse, riesce a uscire solo chi può pagare.

Dopo aver per anni sostenuto un trattato bilaterale che delegava la Libia a fare il lavoro sporco per l’Europa (così come con altri accordi bilaterali, altri paesi UE avevano delegato l’Egitto, la Tunisia, l’Algeria, il Marocco o la Turchia), dopo aver bombardato la Libia per settimane, ammazzato Gheddafi, distrutto ogni equilibrio interno, dopo che in tutta Europa  l’accoglienza è stata trasformata in un magna magna per le cooperative e il terzo settore e in una detenzione per i migranti, dopo che le leggi europee sull’immigrazione rendono pressoché impossibile entrare nel Vecchio Continente a meno di non avere un lavoro regolare e un reddito (cosa sempre più difficile in tempi di crisi, per non dire a volte impossibile), dopo aver costruito muri e barriere lungo tutti i confini esterni dell’Unione, ecco che la frase “la Libia è il problema” suona come l’ennesimo discorso ipocrita di chi vuole negare che è colpa delle politiche migratorie europee che, a dispetto dei proclami e delle lacrime di coccodrillo, il Mediterraneo oggi è un cimitero e a meno che le cose non cambino le tombe sono solo destinate ad aumentare.

Leggi gli articoli di approfondimento:

Comunicato del Naga: Su quelle barche ci siamo Noi!

Da Cronache di Ordinario Razzismo: Sbarchi, strage senza fine. Oltre 300 i morti. Unhcr: l’Europa intervenga.

Da Diritti&Frontiere: Ci saranno tribunali per chi ha deciso il ritiro delle missioni di salvataggio?

Da Diritti&Frontiere: Si aggrava la crisi libica. I miliziani diventano trafficanti. Per Alfano il problema è la Libia.

Da NenaNews: Libia, è emergenza umanitaria. L’ONU tenta un nuovo negoziato.

Dalle inchieste di Repubblica: Migranti, la guerra del Mediterraneo.

articoli

24 Febbraio Corteo Nazionale #FreePalestine

Sabato 24 Febbraio – Ore 14:30 – Piazzale Loreto
Corteo nazionale contro il genocidio del popolo Palestinese
Segui lo spezzone Decolonize!

Otto Marzo 2024 – Corteo Studentesco

Lotto Marzo! – Venerdì otto Marzo corteo studentesco e dello sciopero – ore 9:30 largo Cairoli – #NonUnaDiMeno #Student3Disobbedient3

Memori(a)E: sostantivo plurale, verbo attivo. 2024.

A cosa serve la memoria? La memoria, o meglio, le memorie degli orrori del passato devono servire a fermare immediatamente i genocidi del present

Iniziativa in Unimi per la laurea di Liliana Segre #GiornataDelleMemorie

Giornata della memoria - Iniziativa in Unimi "L'indifferenza è peggiore della violenza." -Liliana segre Queste le parole di Liliana Segre con cui abbiamo voluto accoglierla all'università statale di Milano, come studenti non indifferenti. Ricordare i genocidi della...

Incontro: memorie Antifasciste per un futuro di libertà

Domenica 28 Gennaio Memorie Antifasciste per un futuro di Libertà Incontro con Franco "Bifo" Berardi e Alessia Manera A seguire Polentata: cena per le spese legali del Cantiere! Il 27 gennaio venne istituita la Giornata della Memoria, per fare i conti su un passato...

Lunga Vita SMS: giornata resistente allo Spazio di Mutuo Soccorso

#LUNGAVITASMS Lo Spazio di Mutuo Soccorso è una casa per chi, tra le speculazioni milanesi e la svendita dell’edilizia pubblica, una casa non la può avere. Lo Spazio di Mutuo Soccorso è riqualificazione dal basso, auto recupero e trasformazione dello spazio urbano, su...

Storia di noi comunist*. Una serata per Toni Negri

Storia di noi comunist*. Una serata per Toni Negri. Toni Negri ci ha lasciato,lunga vita all'Utopia!Vogliamo ricordare Toni Negri con una serata di incontri, parole, memorie e calici levati.Toni Negri è stato un compagno e un Cattivo Maestro e, dai cattivi maestri,...

23/12 Serata Punk di fine anno w/Punk-o-Mat e Empty Stomach

Sabato 23 Dicembre Serata Punk in Cantiere w/Punk-o-Mat e Empty Stomach Ci vediamo Sabato 23 Dicembre in Cantiere per festeggiare insieme la fine dell'anno. Dopo 365 giorni di mobilitazioni e lotte, ci vuole un gran finale degno di questo nome. Non vogliamo finire in...

Giovedì 21 Dicembre, PAZZESK*: Storia e Strumenti dell’Anti-psichiatria

 GIOVEDÌ 21: STORIA E STRUMENTI DELL'ANTIPSICHIATRIA Questo giovedì, alle 16, ci vediamo ad @sms per un nuovo appuntamento del nostro laboratorio sulla salute mentale, Pazzesk*. Questa volta parleremo della storia e degli strumenti dell'antipsichiatria. Vienici a...

16 Dicembre, Corteo: Mai Più Sol3, Mai Più Zitt3

MAI PIÙ SOL3, MAI PIÙ ZITT3 CORTEO DEL 16 DICEMBRE Il 16 dicembre Non Una di Meno è scesa in piazza in tutta Italia contro gli stupri, contro ogni forma di violenza patriarcale contro le donne e contro le persone lgbtq+.Ci siamo fermat3 davanti al Comune per...

eventi

23F Preparazione Corteo e Proiezione “A World Not Ours”

h. 16 preparazione corteo
h. 20 cena sociale
h.21:30 proiezione di A World Not Ours

“Fare Comunità nei margini della città”: tour immersivo e cena sociale a SMS per il World Antropology Day!

"Fare Comunità nei margini della città" Tour Immersivo e cena sociale allo Spazio di Mutuo Soccorso in occasione del World Anthropology Day 2024. Giovedì 15 febbraio H.18.00 tour immersivo allo Spazio di Mutuo Soccorso H.20.00 cena sociale con piatti dal mondo...

Decolonize The City: passeggiata decoloniale a San Siro

Decolonize the city: trekking urbano tra le storie che hanno fatto la Storia della resistenza al colonialismo. Partenza ore 11:30 M5 San Siro Stadio Vi invitiamo a unirvi a una passeggia per attraversare insieme quelle strade di San Siro che portano nomi di città...

Decolonize The City presenta: “Immaginare la storia. Abbecedario del colonialismo italiano”

Venerdi 16 febbraio dalle 19:30 vi invitiamo al Cantiere per una serata culturale e di socialità! Insieme a Decolonize the city ci sarà la Rete Yekatit12-19Febbraio, una costellazione aperta, fluida e informale, espressione di una pluralità di soggetti singoli e...

10/2 #LoveMusicHateFascism – Serata Studentesca al Cantiere

Serata Studentesca al Cantiere! Dalle 22:00 live Lorenzo Benedusi e Santiago Rivas, Vaeva e Utopia!

Punk Lab – 9/2 – Marco Philopat, Medium Beer e Punk-o-Mat

Venerdì 9 Febbraio – Pirati dei Navigli – h. 19:30 Laboratorio Sul Punk con Marco Philopat – h. 22 Concerto Punk con Medium Beer e Punk-O-Mat

2/2 Presentazione di Femminismo di Periferia

Femminsimo di Periferia Presentazione con l'autrice Martina Miccichè Venerdì 2 Febbraio, ore 19:30  Il libro Femminismo di Periferia restituisce dignità alle tante lotte, esperienze e analisi elaborate ai margini della nostra città. Parleremo di Periferia,...

Prima cena dell’anno per le spese legali del Cantiere!

Domenica 28 gennaio al Cantiere prima cena per le spese legali dell'anno! Una gustosa e amichevole cena a base di polenta per sostenere il Cantiere e chi mette in gioco tempo e energie per costruire un mondo migliore per tutt@ Prenota il tuo posto e quello dei tuoi...

26/1 Serata Punk w/The Ram, The Useless 4 e Dirty Noise

Vi aspettiamo Venerdì 26 per una serata Punk insieme a The Ram, The Useless 4 e Dirty Noise.
Remeber: No nazi-No sbirri-No Machismo-No Sessismo-NoRazzismo-No Hard Drugs
Dove? Cantiere – Via Monterosa 84 Milano – MM1-MM5 Lotto – Bus 49-68-69-78-90-91-98

Incontro: memorie Antifasciste per un futuro di libertà

Domenica 28 Gennaio Memorie Antifasciste per un futuro di Libertà Incontro con Franco "Bifo" Berardi e Alessia Manera A seguire Polentata: cena per le spese legali del Cantiere! Il 27 gennaio venne istituita la Giornata della Memoria, per fare i conti su un passato...

approfondimenti

“Al lavoro! Priorità, sicurezza, diritti”

Al lavoro! Il nuovo governo si è già messo al lavoro.  Oh, finalmente. Certo, perchè con tutti i problemi che abbiamo in questo Paese, non c'era da perdere tempo. C'è la guerra e la bomba atomica viene seriamente presa sul serio dai potenti della guerra. C'è una crisi...

SPECIALE STOP WAR: Di fronte ad ogni guerra la parola NO e l’azione Ribelle

CLICCA e vai alla raccolta di contributi, approfondimenti e call to action #STOPTHEWAR!   di seguito intanto trovi il nostro contributo. Per seguirci @cantieremilano su twitterDi fronte ad ogni guerra c’è solo una parola degna e una azione conseguente, la parola...

Quale libertà?

Già da quest’estate manifestazioni e proteste contro il Green pass si sono verificate in molte città d’Italia.A nostro parere la contrapposizione tra libertà individuale e la libertà coniugata con la solidarietà e la responsabilità sociale è il discrimine attraverso...

Da Milano al Messico, “EL AGUA ES DEL PUEBLO”, #FueraBonafont! – azione solidale per l’acqua

#boycottdanone FUERA BONAFONT [ITALIANO] Oggi, 11 giugno, a 10 anni dal referendum contro la privatizzazione dell'acqua, siamo stati davanti alla sede del gruppo Danone, di cui fa parte Bonafont, e abbiamo lasciato davanti all’ingresso della loro sede vernice rossa a...

Pueblos Zapatistas Unidos contro il furto dell’acqua: #FueraBonafont

“Bonafont” è una impresa legata al gruppo francese “Danone” che si dedica all’imbottigliamento dell’acqua. Dal 1992 Bonafont si è installata nel territorio di Puebla, in Messico, senza che le popolazioni locali venissero in alcun modo consultate dallo Stato, che ha...

No Profit On Pandemic!

Nessun profitto sulla pandemia. Cure e vaccini per ciascun* ovunque e gratuiti.Durante entrambi gli incontri affronteremo, da vari punti di vista, la battaglia che vede contrapposti grandi attori globali di fronte alla sfida delle vaccinazioni contro il Covid 19 e le...

Restituiteci Sankara.

Restituiteci Sankara.L’Africa non è una macchia nella cartina del mondo, non può essere rimossa. Esiste non molto lontano, a due passi dal mare, che si chiama Africa. L'opinione pubblica europea sa che da lì partono le imbarcazioni dei migranti, in fuga dalla...

Vive la Commune!

150 anni fa, una delle più straordinarie esperienze rivoluzionarie della storia contemporanea: la Comune di parigi. Sconfitta dalle armi dell'esercito del Kaiser ha lasciato un'eredità raccolta per tutto il secolo successivo da chi ha alzato la Bandiera Rossa per la...

Un altro mondo è possibile: a 19 anni da Genova.

STOP GLOBAL WAR: AVEVAMO RAGIONE NOI. Non dimenticare genova per continuare a costruire altri mondi possibili. Nel 2001 a Genova migliaia e migliaia di persone da tutto il mondo invasero le strade contro il g8, il vertice dei "grandi potenti" del mondo. Era il...

Contro le passioni tristi, le sardine urtano il populismo

Di MARCO BASCETTA Nel cercare di comprendere la natura dei movimenti, la loro direzione di marcia, il posto che occupano nella sfera politica si rischia sempre di essere prematuri o inattuali. Del resto ogni movimento sociale è attraversato da flussi emotivi e bisogni...