CANTIERE.ORG

CANTIERE

.ORG

“Disertori”, “ribelli”, “sabotatori”, così venivano chiamatə le partigiane e i partigiani dalla propaganda fascista della RSI. La resistenza era formata da disertori e sbandati, non da un eserciti e militari. Resistere significava scappare, evitare la leva obbligatoria e opporsi allo sforzo bellico. Anche oggi resistere significa opporci alla guerra, e ricordare che la liberazione è liberazione dal nazifascismo e dalla guerra.
Il 25 Aprile siamo scesə in piazza per dire che resistere significa disertare la guerra, prendere la parte della pace e opporsi alla macchina bellica in ogni modo possibile. Nel momento in cui il governo aumenta la spesa militare al 2% del PIL e toglie l’IVA sulle armi, resistere significa lottare per il disarmo, contro chi vuole che la guerra vada avanti, continuando a mietere vittime, di cui il 90% sono sempre civili.
Resistere e disertare significa stare dalla parte dei popoli, contro i nazionalismi e contro chi fa profitto sulla guerra e sulla morte. Resistere e disertare significa opporsi all’invio di armi e all’industria militare e bellica. Resistere e disertare significa pretendere la pace, il disarmo e il futuro.
Resistere sgnifica costruire solidarietà tra i popoli, portando aiuti umanitari a chi è colpitə dalla guerra e garantire diritti e accoglienza a chi scappa.
Quindi questo 25 Aprile siamo scesə in piazza per disertare la guerra e per prendere la parte della pace, perché di fronte ad ogni guerra una sola parola è giusta e una sola azione è degna, la parola è NO, l’azione è ribelle.

PACE. DISARMO. FUTURO. LEGGI L'APPELLO DI MILANO CONTRO LA GUERRA

Si moltiplicano gli inviti alla diplomazia al posto dell’escalation bellica, si moltiplicano gli appelli ad inviare ambulanze e aiuti umanitari al posto di nuove bombe e missili. Voci sempre più autorevoli e trasversali prendono parola contro l’invio di armi che provocherebbero l’inevitabile allargamento del conflitto
Tutte le super potenze, nessuna esclusa, nel nome della democrazia o per portare ordine in aree dove si combattono conflitti interni, intervengono con armi altamente tecnologiche e a farne le spese sono sempre le popolazioni civili.
Riteniamo che le guerre non servono a creare la pace: la pace va costruita e praticata. Accade invece sempre più spesso che le popolazioni vengano lasciate nella povertà più assoluta e infine abbandonate al loro destino, così come è accaduto recentemente in Afghanistan.
Se da una parte aumenta la pressione per l’invio di armamenti e crescono spese militari, dall’altra c’è un movimento che si rivolge alle popolazioni che non hanno bisogno di strumenti di morte o di solidarietà di facciata, hanno necessità impellenti e un vero meccanismo di accoglienza. Per questo dal nostro Paese, quel popolo che chiede pace e disarmo, organizza carovane che portano materiali e che aiutano persone a scappare dalla guerra.
Anche l’accoglienza in Italia e a Milano in particolare è bloccata di fronte alla burocrazia, alla mancanza di investimenti istituzionali da parte di amministrazioni locali e nazionali che ne appaltano la gestione alla generosità della società civile. L’ipocrisia del governo italiano emerge chiara nel tentativo di utilizzo dei profughi ucraini contro gli altri migranti: sono stati messi in secondo piani i profughi che scappavano da precedenti conflitti e si da precedenza ai profughi ucraini, fino alla prossima emergenza, il tutto nella confusione generale di come gestire in modo civile questi arrivi.
Le guerre le paghiamo tutti, sia quelli che le subiscono direttamente sia coloro che la vivono, da: l’aumento dei prezzi dei carburanti, dell’energia, dei generi alimentari, sono le tasse nascoste con cui finanziamo i profitti crescenti delle industrie di guerra; la “ripresa” che questa spesa dovrebbe trainare non sta distribuendo ricchezza ma nuove povertà, e lo tocchiamo ogni giorno con mano.
Anche le mobilitazioni per il clima che si sono svolte in queste settimane in tutto il mondo, guardano con preoccupazione questo conflitto perché blocca quel percorso che con fatica si è costruito per trovare soluzioni concrete e urgenti per la salvezza del pianeta.
Non ci sottraiamo al conflitto né siamo indifferenti: al contrario ci schieriamo contro la logica della guerra e gli interessi degli speculatori; rifiutiamo di stare al gioco della geopolitica e dello sfruttamento, scegliamo di stare dalla parte delle popolazioni imprigionate in una guerra da cui non hanno niente da guadagnare e tutto da perdere, dalla parte del pianeta e del futuro:
– Ci battiamo per il ritiro immediato dell’esercito russo e il cessate il fuoco, sosteniamo ogni forma di diserzione dagli eserciti di qualunque bandiera;

– Ci battiamo per il disarmo immediato di tutte le potenze globali e per fermare la produzione di armamenti che hanno come unico risultato quello di alimentare la tragicità della situazione;

– Ci battiamo affinché siano aperti subito corridoi umanitari che proteggano dalla guerra e dalla tratta di esseri umani. Vogliamo che superare le frontiere non sia un diritto riservato ai bianchi e alle donne, ovviamente cisgender, come sta accadendo alle frontiere esterne dell’Ucraina, e perché si investa su un sistema di accoglienza vero, non scaricandone costi e disagi sulla buona volontà di singoli e associazioni;

– Ci battiamo contro l’escalation di guerra e il riarmo dei paesi Nato, contro gli interessi dei signori della guerra, dei cosiddetti oligarchi russi, del capitalismo che guida l’industria militare, petrolifera e delle banche armate di tutto il mondo;

Sosteniamo chi resiste alla guerra, in questi giorni anche attraverso straordinarie iniziative di resistenza civile. Si tratta di una popolazione che ha bisogno di tutto, e soprattutto di solidarietà internazionale: a chi soffre e resiste alla guerra, e mai agli eserciti e agli opposti nazionalismi, vanno tutta la nostra vicinanza e le nostre azioni concrete di sostegno.

articoli

Music for/from Palestine!H3 Studio. First of a kind in town.

Music for/from Palestine!H3 Studio. First of a kind in town. Direttamente da Al-Khalil, lo studio H3 arriva a SMS per suonare e presentare un progetto di musica e cultura che ha l’obbiettivo di promuovere ogni tipo di liberazione di fronte ad ogni genere di...

Acampada per la Palestina in Unimi. #stopgenocide Racconto giorno per giorno

ACAMPADA IN UNIVERSITÀ STATALE PER LA PALESTINA LIBERA! Raccogliamo l'invito dell3 studenti dell'università di Birzeit a riprenderci gli spazi delle università, per la resistenza P4l3st1n3s3. Occupiamo per l3 nostr3 compagn3 in Palestina le cui scuole e università...

9 maggio 2024 Lunga Vita SMS: una giornata di Resistenza.

9 maggio 2024 Lunga Vita SMS: una giornata di Resistenza. Per altri undici anni di vita, lo Spazio di Mutuo Soccorso ha bisogno di tutta la nostra forza.Il 9 maggio vi aspettiamo in piazza Stuparich 18 per una giornata di incontri e attività a partire dalle 6.00 del...

Per un 25 Aprile di Liberazione: Resistenza, Diserzione, Decolonialità

Questo 25 Aprile eravamo centomila in piazza gridando Ora e sempre Resistenza! Abbiamo invaso Milano con migliaia di bandiere palestinesi!

SMS in Festa! 11 Anni di Mutuo Soccorso

Dal 2 al 5 Maggio, SMS in festa! 11 anni di mutuo soccorso, 4 giorni di festival: concerti, dibattiti, sport, cibo e socialità, in Piazza Stuparich 18.

19A Global Strike di Fridays For Future

Free Palestine = Climate Justice.
Siamo sces3 in piazza insieme a Fridays For Future in occasione dello sciopero studentesco globale per il clima

8M #lungavitasms, difendiamo gli spazi transfemministi

  MUTUO SOCCORSO È SORELLANZA Lo Spazio di Mutuo Soccorso si prepara alla giornata del #LottoMarzo. Giovedì 7 marzo dalle 16:00 - Laboratorio scenografie: prepariamo insieme cartelli, striscioni, cori, panuelos per i cortei dello sciopero. - Vieni a conoscere i...

24 Febbraio Corteo Nazionale #FreePalestine

Sabato 24 Febbraio – Ore 14:30 – Piazzale Loreto
Corteo nazionale contro il genocidio del popolo Palestinese
Segui lo spezzone Decolonize!

Otto Marzo 2024 – Corteo Studentesco

Lotto Marzo! – Venerdì otto Marzo corteo studentesco e dello sciopero – ore 9:30 largo Cairoli – #NonUnaDiMeno #Student3Disobbedient3

Memori(a)E: sostantivo plurale, verbo attivo. 2024.

A cosa serve la memoria? La memoria, o meglio, le memorie degli orrori del passato devono servire a fermare immediatamente i genocidi del present

eventi

Sabato 8 giugno FESTA DELLE SCUOLE!

SABATO 8 GIUGNO Festa delle scuole Cantiere Milano - Via Monte Rosa 84 Ci vediamo al Cantiere per un pomeriggio e una serata di socialità e divertimento! h.16:00 Lab magliette P4l3s7in4 Personalizza la tua maglietta h 22. Open dancehall   Se ti interessa suonare alla...

Music for/from Palestine!H3 Studio. First of a kind in town.

Music for/from Palestine!H3 Studio. First of a kind in town. Direttamente da Al-Khalil, lo studio H3 arriva a SMS per suonare e presentare un progetto di musica e cultura che ha l’obbiettivo di promuovere ogni tipo di liberazione di fronte ad ogni genere di...

FURIA – FUmetti RIbelli & Autoproduzioni

FURIA - FUmetti RIbelli & Autoproduzioni Sabato 06 luglio 2024 una creatura speciale volteggia nel cortile di SMS Spazio di Mutuo Soccorso : una "FURIA" in carne e ossa, o meglio in carta e inchiostro! "FUmetti RIbelli & Autoproduzioni"; una giornata...

Incontro “Immaginario e Visione nella scrittura umoristica” con Cochi Ponzoni e Nicola Vicidomini.

Venerdì 31 Maggio, alle ore 21.00, Cochi Ponzoni torna al Derby Club, oggi Cantiere, dopo più di 50 anni. Calcherà lo stesso palco che vide l’affermazione di quel Gruppo Motore (Cochi e Renato, Enzo Jannacci, Felice Andreasi, Lino Toffolo e Bruno Lauzi) che seppe...

SAYRI X DECOLONIZE THE CITY!

VENERDI' 24 MAGGIO AL CANTIERE ✧・゚SAYRI X DECOLONIZE THE CITY ・゚✧ Torniamo al @cantiere_milano presentando, per la prima volta in italia, @ojosfinos 🇺🇾 e @_ast.er 🇵🇪 Ojosfinos è un artista multidisciplinare uruguaiano con base a Montevideo. È uno dei pionieri del club...

Decolonize the city: incontro all’Acampada

DECOLONIZE THE CITY In che modo i nostri luoghi di sapere riproducono e legittimano sapere coloniale? In che modo le stesse università che ci danno strumenti per sovvertire i paradigmi di oppressione in cui siamo immersə sono le stesse che li reiterano? In che modo...

Pazzesk@: laboratorio sulla salute mentale. Il carattere sovversivo del disagio.

Pazzesk@ Laboratorio sulla Salute Mentale Il carattere sovversivo del disagio.Primi appuntamenti, dalle 16.00 alle 18.00 a SMS Spazio di Mutuo Soccorso, piazza Stuparich 18 Giovedì 23 maggio “Il normale è patologico” Giovedì 30 maggio “Competizione e Merito” Giovedì...

Presentazione di “Il libro Antirazzista – 20 lezioni per agire contro il razzismo” con Tiffany Jewell

📌Mercoledì 8 Maggio presentiamo "Il libro Antirazzista - 20 lezioni per agire contro il razzismo" con Tiffany Jewell. Un evento per costruire insieme una scuola capace di denunciare e contrastare il razzismo, dentro e fuori dalle aule. 🕢19:00Presentazione del libro...

iN/Stabile: NarrAzione di Comunità.

iN/Stabile: NarrAzione di Comunità Giovedì 2 maggio, h.19, grande inaugurazione e vernissage della mostra immersiva e comunitaria! Lo Spazio di Mutuo Soccorso compie 11 anni.Per l'occasione, abbiamo deciso di narrarci, e trasformare il mondo attraverso la parola,...

SMS in Festa! 11 Anni di Mutuo Soccorso

Dal 2 al 5 Maggio, SMS in festa! 11 anni di mutuo soccorso, 4 giorni di festival: concerti, dibattiti, sport, cibo e socialità, in Piazza Stuparich 18.

approfondimenti

“Al lavoro! Priorità, sicurezza, diritti”

Al lavoro! Il nuovo governo si è già messo al lavoro.  Oh, finalmente. Certo, perchè con tutti i problemi che abbiamo in questo Paese, non c'era da perdere tempo. C'è la guerra e la bomba atomica viene seriamente presa sul serio dai potenti della guerra. C'è una crisi...

SPECIALE STOP WAR: Di fronte ad ogni guerra la parola NO e l’azione Ribelle

CLICCA e vai alla raccolta di contributi, approfondimenti e call to action #STOPTHEWAR!   di seguito intanto trovi il nostro contributo. Per seguirci @cantieremilano su twitterDi fronte ad ogni guerra c’è solo una parola degna e una azione conseguente, la parola...

Quale libertà?

Già da quest’estate manifestazioni e proteste contro il Green pass si sono verificate in molte città d’Italia.A nostro parere la contrapposizione tra libertà individuale e la libertà coniugata con la solidarietà e la responsabilità sociale è il discrimine attraverso...

Da Milano al Messico, “EL AGUA ES DEL PUEBLO”, #FueraBonafont! – azione solidale per l’acqua

#boycottdanone FUERA BONAFONT [ITALIANO] Oggi, 11 giugno, a 10 anni dal referendum contro la privatizzazione dell'acqua, siamo stati davanti alla sede del gruppo Danone, di cui fa parte Bonafont, e abbiamo lasciato davanti all’ingresso della loro sede vernice rossa a...

Pueblos Zapatistas Unidos contro il furto dell’acqua: #FueraBonafont

“Bonafont” è una impresa legata al gruppo francese “Danone” che si dedica all’imbottigliamento dell’acqua. Dal 1992 Bonafont si è installata nel territorio di Puebla, in Messico, senza che le popolazioni locali venissero in alcun modo consultate dallo Stato, che ha...

No Profit On Pandemic!

Nessun profitto sulla pandemia. Cure e vaccini per ciascun* ovunque e gratuiti.Durante entrambi gli incontri affronteremo, da vari punti di vista, la battaglia che vede contrapposti grandi attori globali di fronte alla sfida delle vaccinazioni contro il Covid 19 e le...

Restituiteci Sankara.

Restituiteci Sankara.L’Africa non è una macchia nella cartina del mondo, non può essere rimossa. Esiste non molto lontano, a due passi dal mare, che si chiama Africa. L'opinione pubblica europea sa che da lì partono le imbarcazioni dei migranti, in fuga dalla...

Vive la Commune!

150 anni fa, una delle più straordinarie esperienze rivoluzionarie della storia contemporanea: la Comune di parigi. Sconfitta dalle armi dell'esercito del Kaiser ha lasciato un'eredità raccolta per tutto il secolo successivo da chi ha alzato la Bandiera Rossa per la...

Un altro mondo è possibile: a 19 anni da Genova.

STOP GLOBAL WAR: AVEVAMO RAGIONE NOI. Non dimenticare genova per continuare a costruire altri mondi possibili. Nel 2001 a Genova migliaia e migliaia di persone da tutto il mondo invasero le strade contro il g8, il vertice dei "grandi potenti" del mondo. Era il...

Contro le passioni tristi, le sardine urtano il populismo

Di MARCO BASCETTA Nel cercare di comprendere la natura dei movimenti, la loro direzione di marcia, il posto che occupano nella sfera politica si rischia sempre di essere prematuri o inattuali. Del resto ogni movimento sociale è attraversato da flussi emotivi e bisogni...