CANTIERE.ORG

CANTIERE

.ORG

La carovana #SafePassage di Mediteranea Saving Humans riparte per la seconda missione.

 

Dopo l’ottimo risultato della scorsa settiamana i van sono di nuovo carichi per portare ulteriori aiuti nella città di Leopoli e riportare al sicuro le persone che fuggono d questo atroce conflitto.

SOSTIENI LA CAMPAGNA DI CROWDFUNDING DELLE STAFFETTE DI MUTUO SOCCORSO #EMERGENZAUCRAINA

ASCOLTA L’INCONTRO PUBBLICO AL CANTIERE  “DISOBBEDIRE E DISERTARE GUERRA E CONFINI” E IL COLLEGAMENTO CON LA CAROVANA A LEOPOLI!

Da Leopoli, dalla Missione #SafePassage di Mediterranea Saving Humans.

Le Staffette del Mutuo Soccorso sono quindi ancora all’opera per raccogliere più materiale possibile da portare dove più c’è bisogno.

Allo Spazio di Mutuo Soccorso è infatti possibile portare ogni giorno medicinali, coperte, brandine, cibo a lunga conservaione e tutto quello di cui le persone in fuga hanno necessità.

Qui sotto tutte le informazioni utili per portare materiale a SMS e supportare la missione!

Ripubblichiamo il messaggio dalla carovana #SafePassage al corteo #StopWar di #Milano.

Un mondo di pace è necessario!

La carovana di Mediterranea è stata operativa alla Stazione di Lviv, punto di transito e speranza per centinaia di persone in arrivo dall’ Est Ucraina.
Fin dal viale che porta all’ingresso principale si incontrano famiglie che camminano in ogni direzione con valige e coperte. Il parcheggio degli autobus é un via vai di mezzi che mostrano i cartelli di numerose destinazioni in Europa, come Korcowa, Prezmysl, Poznan. Abbiamo collaborato con alcune organizzazioni presenti nel piazzale, soprattutto per individuare le persone che hanno necessità di superare il confine che viaggeranno con noi fino all’Italia.

Contro la guerra senza equidistanza

Noi non siamo equidistanti rispetto a questa guerra. Stiamo con la popolazione civile ucraina. Con i milioni di bambinə, donne e uomini inermi, che in questo momento sono sotto i bombardamenti di Putin.

La guerra contro i civili è la forma di tutte le guerre contemporanee. Alimentare in qualsiasi modo la sua prosecuzione, il suo divenire una strage senza fine, fino al rischio dell’olocausto nucleare, è una follia e una responsabilità che porteranno coloro che soffiano sul fuoco del riarmo, mentre il popolo ucraino è carne da macello.

Battersi per la pace. Resistere, disertare, disobbedire.

CONTINUA A LEGGERE IL TESTO

Sulla resistenza agli aggressori

Vi è la resistenza ucraina, a cui va tutto il nostro rispetto. È la resistenza fatta in mille forme di un popolo che non cede di fronte all’aggressione ingiustificabile di un despota che con un esercito e armi devastanti, ha invaso la loro terra. Un autocrate che, però, l’Europa, la “culla della democrazia”, ha coccolato e arricchito fino ad ora, da vent’anni a questa parte.  In questa guerra non c’è, lo ribadiamo, nessuna equidistanza possibile per noi: chi aggredisce e invade con i carri armati e lancia missili e bombe a grappolo su città, case, università e ospedali, non può avere alcuna giustificazione. Non potrà mai averla.


Sui crimini contro l’umanità e sul diritto a difendersi

Nella sconcertante gara tra i criminali che minacciano questo pianeta, Putin è di sicuro ai primi posti. Ovviamente la lista dei mandanti e degli esecutori di crimini contro l’umanità è lunga e trasversale: da quelli che bombardano i bambini in Yemen con bombe fornite anche dal nostro Paese, a coloro che finanziano i lager libici, dove sono stuprate donne, torturati e uccisi esseri umani indifesi. Ma una vergogna non si cancella con altre vergogne.

Per noi le persone che in Ucraina e in ogni parte del mondo soffrono a causa di tutti questi criminali, tutti e tutte coloro che sono indifesi di fronte alla vergogna e alla sconfitta delle guerre, sono fratelli e sorelle. Quelli che provano a difendersi come possono, ad impedire che la logica della forza e della violenza abbia la meglio su ogni diritto umano, su ogni convivenza possibile, hanno diritto di farlo. Come hanno diritto di fuggire, di disertare, di mettersi in salvo e di mettere in salvo i loro figli, centinaia di migliaia di persone che in queste ore stanno tentando di non diventare bersaglio od ostaggi e di raggiungere i confini europei. Il legittimo diritto alla resistenza degli aggrediti non può diventare la scusa di governi europei, fino a ieri vigliacchi e silenti di fronte ai crimini di Putin, e impegnati a fare affari con i suoi oligarchi, per lavarsi la coscienza, rischiando di contribuire a un’ulteriore escalation della guerra.


Battersi per la pace. Resistere, disertare, disobbedire

Battersi per la pace, contro la guerra, non può voler dire inviare armi senza assumere coraggiose iniziative politiche e diplomatiche: i governi europei devono lavorare per un cessate il fuoco immediato, e costruire le condizioni per un negoziato ad alto livello, che coinvolga tutti gli attori in campo, offrendo loro garanzie per un nuovo assetto di possibile convivenza, nel reciproco rispetto, in una cornice di sicurezza che escluda il ricorso alla forza.  Resistere, disertare e disobbedire alla guerra e alle sue logiche è oggi la battaglia più difficile, ma anche l’unica che può rappresentare una speranza di futuro per le nostre democrazie imperfette, compresa quella ucraina. La nascita di una nuova Europa, di un nuovo mondo, non può basarsi sull’ennesimo bagno di sangue: quella è una strada già percorsa e quella strada ci ha condotti fino a qui, di nuovo sull’orlo di un baratro. I grandi produttori e venditori di armi, che stanno facendo affari enormi in questo momento mentre la gente muore, non devono avere il potere di decidere le politiche delle società contemporanee, come non devono averlo i detentori dei monopoli energetici, che per garantire il loro business non hanno nessuno scrupolo di fronte a nessuna dittatura e a nessun crimine in ogni parte del pianeta.

Resistere, disertare e disobbedire per noi significa sostenere ogni sforzo perché tacciano le armi subito: favorire negoziati e mediazioni, lottare perché i nostri governi siano impegnati a cercare una soluzione politica e geopolitica che adesso impedisca la carneficina annunciata. Su questa carneficina punta il “partito trasversale della guerra”, che come modello culturale insegue ancora la tragica illusione della deterrenza militare, come unico sistema di equilibrio e di coabitazione in Europa e in tutto il pianeta. Resistere, disertare e disobbedire significa per noi supportare le opposizioni e il dissenso alla guerra, che migliaia e migliaia di persone stanno attuando, con coraggio e affrontando paurose conseguenze, in Russia.

Resistere, disertare e disobbedire vuol dire mettere in atto azioni concrete alle quali stiamo lavorando, per favorire la fuga dalla guerra dei profughi – tutti i profughi senza vergognose distinzioni etniche o nazionali – che cercano di raggiungere i confini con la Polonia e la Romania. Il superamento dei famigerati Regolamenti di Dublino deve diventare prassi consolidata con cui l’Europa accolga tutte le persone che, alle sue frontiere, arrivano in fuga da discriminazioni e persecuzioni, disastri economici ed ambientali, violenze e guerre.

Resistere, disertare e disobbedire per noi vuol dire continuare e rilanciare la pratica del soccorso civile in mare nel Mediterraneo centrale, per aiutare le persone che tentano di fuggire dai lager libici e che, al pari di tutte le donne, uomini e bambini in fuga da discriminazioni e violenze, persecuzioni e guerra, rischiano di essere dimenticati nello scenario attuale.


Contro la “realpolitik” del disumano

Ci accusano di vivere in un mondo di sogni ed utopie, perché non assumiamo le posizioni degli Stati e dei quartier generali militari, perché non proponiamo soluzioni che seguano gli schemi della Realpolitik. Ma è proprio questo disumano, presunto “realismo politico”, ad averci portato fino a questo punto. Perciò rispondiamo che è meglio inseguire sogni e utopie, piuttosto che coltivare incubi e non saper ascoltare nessuna profezia. Ascoltiamo e siamo al fianco di Papa Francesco, nella pratica della resistenza, diserzione e disobbedienza alla guerra. Sogniamo un’Europa che si doti finalmente di una politica estera e di difesa comune, nel segno della costruzione di uno spazio non solo economico, ma anche sociale e politico transnazionale, proiettato verso la dimensione euro-asiatica ed euro-mediterranea, che sia capace di sviluppare politiche di pace e disarmo, a cominciare da quello nucleare, di solidarietà e cooperazione tra i popoli, nel segno del rispetto e dell’affermazione dei diritti fondamentali delle persone.

Lo dobbiamo ai nostri fratelli e sorelle che in questo momento stanno soffrendo in Ucraina.

Il Consiglio Direttivo di MEDITERRANEA Saving Humans  

articoli

Per un 25 Aprile di Liberazione: Resistenza, Diserzione, Decolonialità

Per un 25 Aprile di Liberazione, disertiamo la guerra. Siamo partigian3, dalla parte della resistenza palestinese! Palestina Libera

SMS in Festa! 11 Anni di Mutuo Soccorso

Dal 2 al 5 Maggio, SMS in festa! 11 anni di mutuo soccorso, 4 giorni di festival: concerti, dibattiti, sport, cibo e socialità, in Piazza Stuparich 18.

19A Global Strike di Fridays For Future

19 Aprile – 9:30 Largo Cairoli – Global Strike di Fridays For Future! – #FreePalestine – #ClimateJusticeNow – #BoycottGenocide – #BoycottFossilCapitalsim

8M #lungavitasms, difendiamo gli spazi transfemministi

  MUTUO SOCCORSO È SORELLANZA Lo Spazio di Mutuo Soccorso si prepara alla giornata del #LottoMarzo. Giovedì 7 marzo dalle 16:00 - Laboratorio scenografie: prepariamo insieme cartelli, striscioni, cori, panuelos per i cortei dello sciopero. - Vieni a conoscere i...

24 Febbraio Corteo Nazionale #FreePalestine

Sabato 24 Febbraio – Ore 14:30 – Piazzale Loreto
Corteo nazionale contro il genocidio del popolo Palestinese
Segui lo spezzone Decolonize!

Otto Marzo 2024 – Corteo Studentesco

Lotto Marzo! – Venerdì otto Marzo corteo studentesco e dello sciopero – ore 9:30 largo Cairoli – #NonUnaDiMeno #Student3Disobbedient3

Memori(a)E: sostantivo plurale, verbo attivo. 2024.

A cosa serve la memoria? La memoria, o meglio, le memorie degli orrori del passato devono servire a fermare immediatamente i genocidi del present

Iniziativa in Unimi per la laurea di Liliana Segre #GiornataDelleMemorie

Giornata della memoria - Iniziativa in Unimi "L'indifferenza è peggiore della violenza." -Liliana segre Queste le parole di Liliana Segre con cui abbiamo voluto accoglierla all'università statale di Milano, come studenti non indifferenti. Ricordare i genocidi della...

Incontro: memorie Antifasciste per un futuro di libertà

Domenica 28 Gennaio Memorie Antifasciste per un futuro di Libertà Incontro con Franco "Bifo" Berardi e Alessia Manera A seguire Polentata: cena per le spese legali del Cantiere! Il 27 gennaio venne istituita la Giornata della Memoria, per fare i conti su un passato...

Lunga Vita SMS: giornata resistente allo Spazio di Mutuo Soccorso

#LUNGAVITASMS Lo Spazio di Mutuo Soccorso è una casa per chi, tra le speculazioni milanesi e la svendita dell’edilizia pubblica, una casa non la può avere. Lo Spazio di Mutuo Soccorso è riqualificazione dal basso, auto recupero e trasformazione dello spazio urbano, su...

eventi

SMS in Festa! 11 Anni di Mutuo Soccorso

Dal 2 al 5 Maggio, SMS in festa! 11 anni di mutuo soccorso, 4 giorni di festival: concerti, dibattiti, sport, cibo e socialità, in Piazza Stuparich 18.

20 Aprile, Serata Groove w/Paprika

20 Aprile 2024 – Serata solo Groove w/Paprika @Cantiere, Via Monterosa 84

Cena di primavera per le spese legali del Cantiere.

Cena di primavera per le spese legali del Cantiere! Domenica 14 aprile 2024 dalle 20:00

Sabato 13/4: Stay Punk Stay Antifa!

Stay Punk Stay Antifa!
sabato 13 aprile 24
Dirty Noise, Punk-o-Mat, Fondamenta Nuove
dalle 22 @Cantiere, via Monterosa 84

12 Aprile: Spettacolo “Una lepre con la faccia di Bambina”

H. 18:30 presentazione dello Strike del 19A con FridaysForFuture Milano;
H. 20:00 Cena veg;
H. 22:00 Spettacolo “Una Lepre con la faccia di Bambina

6/4 DecolonizeTheCity presenta: Krash!

Krash! Ballroom Party Sabato 6 Aprile.
Approda al Cantiere una serata dedicata alla Ballroom scene!
#DecolonizeTheCity

23/3 Vaeva, Youngover, Narratore Urbano Live @Cantiere

Ama la musica, odia il fascismo!
Sabato 23 Vaeva, Narratore Urbano e Youngover live @Cantiere

23F Preparazione Corteo e Proiezione “A World Not Ours”

h. 16 preparazione corteo
h. 20 cena sociale
h.21:30 proiezione di A World Not Ours

“Fare Comunità nei margini della città”: tour immersivo e cena sociale a SMS per il World Antropology Day!

"Fare Comunità nei margini della città" Tour Immersivo e cena sociale allo Spazio di Mutuo Soccorso in occasione del World Anthropology Day 2024. Giovedì 15 febbraio H.18.00 tour immersivo allo Spazio di Mutuo Soccorso H.20.00 cena sociale con piatti dal mondo...

Decolonize The City: passeggiata decoloniale a San Siro

Decolonize the city: trekking urbano tra le storie che hanno fatto la Storia della resistenza al colonialismo. Partenza ore 11:30 M5 San Siro Stadio Vi invitiamo a unirvi a una passeggia per attraversare insieme quelle strade di San Siro che portano nomi di città...

approfondimenti

“Al lavoro! Priorità, sicurezza, diritti”

Al lavoro! Il nuovo governo si è già messo al lavoro.  Oh, finalmente. Certo, perchè con tutti i problemi che abbiamo in questo Paese, non c'era da perdere tempo. C'è la guerra e la bomba atomica viene seriamente presa sul serio dai potenti della guerra. C'è una crisi...

SPECIALE STOP WAR: Di fronte ad ogni guerra la parola NO e l’azione Ribelle

CLICCA e vai alla raccolta di contributi, approfondimenti e call to action #STOPTHEWAR!   di seguito intanto trovi il nostro contributo. Per seguirci @cantieremilano su twitterDi fronte ad ogni guerra c’è solo una parola degna e una azione conseguente, la parola...

Quale libertà?

Già da quest’estate manifestazioni e proteste contro il Green pass si sono verificate in molte città d’Italia.A nostro parere la contrapposizione tra libertà individuale e la libertà coniugata con la solidarietà e la responsabilità sociale è il discrimine attraverso...

Da Milano al Messico, “EL AGUA ES DEL PUEBLO”, #FueraBonafont! – azione solidale per l’acqua

#boycottdanone FUERA BONAFONT [ITALIANO] Oggi, 11 giugno, a 10 anni dal referendum contro la privatizzazione dell'acqua, siamo stati davanti alla sede del gruppo Danone, di cui fa parte Bonafont, e abbiamo lasciato davanti all’ingresso della loro sede vernice rossa a...

Pueblos Zapatistas Unidos contro il furto dell’acqua: #FueraBonafont

“Bonafont” è una impresa legata al gruppo francese “Danone” che si dedica all’imbottigliamento dell’acqua. Dal 1992 Bonafont si è installata nel territorio di Puebla, in Messico, senza che le popolazioni locali venissero in alcun modo consultate dallo Stato, che ha...

No Profit On Pandemic!

Nessun profitto sulla pandemia. Cure e vaccini per ciascun* ovunque e gratuiti.Durante entrambi gli incontri affronteremo, da vari punti di vista, la battaglia che vede contrapposti grandi attori globali di fronte alla sfida delle vaccinazioni contro il Covid 19 e le...

Restituiteci Sankara.

Restituiteci Sankara.L’Africa non è una macchia nella cartina del mondo, non può essere rimossa. Esiste non molto lontano, a due passi dal mare, che si chiama Africa. L'opinione pubblica europea sa che da lì partono le imbarcazioni dei migranti, in fuga dalla...

Vive la Commune!

150 anni fa, una delle più straordinarie esperienze rivoluzionarie della storia contemporanea: la Comune di parigi. Sconfitta dalle armi dell'esercito del Kaiser ha lasciato un'eredità raccolta per tutto il secolo successivo da chi ha alzato la Bandiera Rossa per la...

Un altro mondo è possibile: a 19 anni da Genova.

STOP GLOBAL WAR: AVEVAMO RAGIONE NOI. Non dimenticare genova per continuare a costruire altri mondi possibili. Nel 2001 a Genova migliaia e migliaia di persone da tutto il mondo invasero le strade contro il g8, il vertice dei "grandi potenti" del mondo. Era il...

Contro le passioni tristi, le sardine urtano il populismo

Di MARCO BASCETTA Nel cercare di comprendere la natura dei movimenti, la loro direzione di marcia, il posto che occupano nella sfera politica si rischia sempre di essere prematuri o inattuali. Del resto ogni movimento sociale è attraversato da flussi emotivi e bisogni...