CANTIERE.ORG

CANTIERE

.ORG

CLICCA e vai alla raccolta di contributi, approfondimenti e call to action #STOPTHEWAR!

 

di seguito intanto trovi il nostro contributo. Per seguirci @cantieremilano su twitter

Di fronte ad ogni guerra c’è solo una parola degna e una azione conseguente, la parola è “NO” e l’azione è “Ribelle”.

English

In the face of every war there is only one worthy word and a consequent action, the word is “NO” and the action is “Rebel”.

Subcomandante Marcos

Helicopters, fighters, missiles, tanks hit Kiev, Kharkiv, Odessa and many other Ukrainian cities.

In this war, as in all contemporary wars, 90% of the victims are and will be civilians, they are the people in flesh and blood who are under the bombing, but also those who flee, lose homes and families.

War is useful

To the military industry which is making stellar profits.

To the States to measure and dominate, as is in their nature as Empires.

To impose the military law, the state of emergency, the Shock-Politics.

The lords of Climate Change, who hold the planet’s fossil assets, those who need to raise the price and make all humanity feel the burden of its dependence on Gas, Oil and other enzymes of the extinction process.

Putin is a friend

Of the Italian military industry (owned by the state) which supplied military components and vehicles.

Of European capitalism, which does not give up even a cubic cm of Gazprom gas (oil giant in the hands of Putin’s oligarchs), whose bank is among the few to have been excluded from the sanctions.

Of Trump, of Salvini, of Marine Le Pen and of Berlusconi.

Fanatics of the war on Islam who applauded when the Chechens of Grozny fell under the bombs in 1991.

We’re with the Russians,

With the thousands of people in Russia demonstrating for peace, against war, we are with the very young soldiers who desert and surrender to return home to tell the truth of war.

With all those who refuse the call to compulsory military service to fight a fratricidal and criminal war.

With intellectuals risking and raising their voices, theater directors and Nobel laureates screaming anger and dissent, the great authors of Russian literature who spoke out ahead of time in a definitive way on the atrocity of war.

With the Russian feminists, who have called the world to resistance against war, starting from the 8 March.

 Denazify!

First of all, therefore, defeat the fury and ferocity of nationalism, which in the name of sacred borders has destroyed generations, cultures, ecosystems.

Leaving no room for neo-Nazi groups across Europe who are exploiting the situation to gather support for Putin or the Ukrainian banderists.

Munich ’38 or August ’14?

The Donbass like the Sudetenland, the Sunday commentators tell us on talk shows, who love easy analogies. Putin is like Hitler and we have to go to war on him. But this brings us straight to a scenario from August ’14: aggressive powers which, by reflex, led by military agreements and alliances, end up dragging the entire continent into that slaughterhouse that will be called “World War I”.

Perhaps today we should not take refuge in history but imagine and practice resistance during time that dances to the rhythm of extinction?

Considering disarmament as a constituent element of the possibility of humanity’s life on earth, as the end of the fossil economy, as the creation of a world in which pandemics are not a terrain of geopolitical conflict, but of global health policies.

We have to arm ourself

First of all, therefore, we must ask ourselves: what are our weapons? At a time when war can become atomic and the world is interconnected.

We want to be alongside those who resist war, those who desert it, those who oppose it by putting their own bodies at stake in Ukraine.

We want to be at the side of those who demonstrate loudly in Russian cities and in those of the world.

Nobody thinks of consript the voices that oppose Putin and even less the No War movement to favor rearmament plans or justify a further escalation, through rearmament, the affirmation of NATO’s power and the geopolitical game on the heads of millions of people .

If the European governments really wanted to support the Ukrainian people, then why didn’t they send medicines, drugs, ambulances? Why didn’t the “big guys” (presidents and diplomats) go to Kiev by making a humanitarian airlift and putting their bodies on the line for peace?

Defend the sacred borders.

Our homeland is the whole world.

Borders are the primary reason for any war and can become a permanent war site. Both things happened in the Ukrainian conflict and for this reason we must not accept that other borders, for example those of Europe, are again a source of suffering, places of selection of humanity to be saved and the lost one.

Already now, with the arrival of the first million people, the solidarity machine has manifested itself as an instrument of discrimination against all non-white people residing in Ukraine. When in all the cities of Europe they arrive by the thousands, we can be sure that the sovereignists will blow on the embers and sound the trumpets of racism.

In the meantime, wars are raging all over the world with which come what some call the “false refugees” and precisely in Libya where Europe has outsourced the southern border, through the concentration camps, the warlords are starting to fight again. Here are other very urgent humanitarian corridors, which much less will be discussed about.

There’s nothing to do.

Because if it were true that “there is no rational explanation for the Ukrainian war, because it is the culminating moment of a white brain psychotic crisis”, or if it were true, on the contrary, that everything follows the course of the only rationality that matters, the geopolitics of power: in both cases we are out of the table.

But we can:

– Fight for the immediate withdrawal of the Russian army and a ceasefire.

– Fight for the help of people running away, without discrimination.

– Support the Ukrainian population who are also practicing extraordinary forms of civil resistance. It is a population that needs everything.

– Support those who resist the war in Russia, in the streets, by spreading their voice.

– Stop the dispatch of weapons, the arms race, relaunch the battle for Disarmament, today and even more tomorrow.

– Support and promote initiatives of civil interposition, to invite the authorities to come out of hypocrisy and set in motion a diplomacy that care about the end of suffering for the populations

– Hitting the interests of warlords, Russian oligarchs, the military and oil industry around the world

By doing all this we can, perhaps, find new paths for history. When the designed roads lead to mutual destruction, there remains the hope and determination to follow those that no one had imagined.

Di fronte ad ogni guerra c’è solo una parola degna e una azione conseguente, la parola è “NO” e l’azione è “Ribelle”.
Subcomandante Marcos


Elicotteri, caccia, missili, carri armati colpiscono Kiev, Kharkiv, Odessa e molte altre città Ucraine.
In questa guerra, come in tutte le guerre contemporanee il 90% delle vittime sono e saranno civili, sono le persone in carne ed ossa che stanno sotto i bombardamenti, ma anche quelle che scappano, perdono case e famiglie.


La guerra serve

All’industria militare che sta facendo profitti stellari.
Alle potenze per misurarsi e dominare, come è nella loro natura di Imperi.
Ad imporre la legge militare, lo stato di emergenza, la Shock-Politics.
Ai signori del Climate Change, che detengono le risorse fossili del pianeta, hanno bisogno di aumentare il prezzo e di far sentire a tutta l’umanità il peso della sua dipendenza da Gas, Petrolio e altri enzimi del processo di estinzione.

Putin è un amico
Dell’industria militare italiana (partecipata dallo Stato) che ha fornito componentistica militare e veicoli.
Del capitalismo europeo, che non rinuncia neanche a un cm-cubo del Gas di Gazprom (colosso petrolifero nelle mani degli oligarchi amici di Putin), la cui banca è tra le poche a essere stata esclusa dalle sanzioni.
Di Trump, di Salvini, di Marine Le Pen e di Berlusconi.
Dei fanatici della guerra all’Islam che applaudivano quando nel 1991 a cadere sotto le bombe erano i ceceni di Grozny.

Stiamo con i russi,
Con le migliaia di persone che in Russia manifestano per la pace, contro la guerra, siamo con i giovanissimi soldati che disertano e si arrendono per tornare a raccontare a casa la verità della guerra.
Con tutti coloro che rifiuteranno la chiamata alla leva militare obbligatoria per combattere una guerra fratricida e criminale.
Con gli intellettuali che rischiano e alzano la voce, i direttori dei teatri e i premi Nobel che stanno urlando rabbia e dissenso, i grandi autori della letteratura russa che si espressero anzitempo in maniera definitiva sulla atrocità della guerra.
Con le femministe russe, che hanno chiamato il mondo alla resistenza contro la guerra, a partire dall’8 Marzo.

 

Denazificare!
Sconfiggere dunque innanzitutto la furia e la ferocia del nazionalismo, che nel nome dei sacri confini ha distrutto generazioni, culture, ecosistemi.
Non lasciando spazio ai gruppi neonazisti che in tutta Europa stanno sfruttando la situazione per raccogliere consensi a sostegno di Putin o dei banderisti Ucraini.


Monaco ‘38 o Agosto ‘14?
Il Donbass come i Sudeti, ci dicono nei talk show i commentatori “della Domenica”, che amano le facili analogie. Putin è come Hitler e bisogna fargli la guerra. Ma questo ci porta dritto dritto ad uno scenario da Agosto ‘14: potenze aggressive che per riflesso condizionato, guidate da accordi ed alleanze militari, finiscono per trascinare l’intero continente in quel macello che sarà chiamato “prima guerra mondiale”.
Forse oggi non dobbiamo rifugiarci nella storia ma immaginare e praticare la resistenza al tempo che balla al ritmo dell’estinzione?
Considerare il disarmo come elemento costituente della possibilità della vita dell’umanità sulla terra, come la fine dell’economia fossile, come la realizzazione di un mondo in cui le pandemie non siano terreno di scontro geopolitico, ma di politiche di salute globale. 


Bisogna armarsi
Prima di tutto, dunque, bisogna chiedersi: quali sono le nostre armi? Al tempo in cui la guerra può diventare atomica e il mondo è interconnesso.
Vogliamo essere al fianco di chi resiste alla guerra, di chi la diserta, di chi si oppone ad essa mettendo in gioco il proprio corpo in Ucraina. 

Vogliamo essere al fianco di chi nelle città russe e in quelle del mondo manifesta a gran voce.

Nessuno pensi di arruolare le voci che si oppongono a Putin e tantomeno il movimento No War per favorire piani di riarmo oppure giustificare un’ulteriore escalation, attraverso il riarmo, l’affermazione della potenza della Nato e il gioco geopolitico sulla testa di milioni di persone.
Se i governi europei volessero veramente sostenere le popolazioni ucraine, perché allora non hanno mandato medicine, farmaci, ambulanze? Perché i “grandi” (presidenti e diplomatici) non sono andati a Kiev facendo un ponte aereo umanitario e mettendo in gioco i propri corpi per la pace?

Difendere i sacri confini.
Nostra patria è il mondo intero.
I confini sono la ragione primigenia di ogni guerra e possono diventare un luogo di guerra permanente. Entrambe le cose sono accadute nel conflitto Ucraino e per questo non dobbiamo accettare che altri confini, ad esempio quelli europei, siano di nuovo fonte di sofferenza, luoghi di selezione dell’umanità da salvare e quella perduta.
Già ora con l’arrivo del primo milione di persone la macchina di solidarietà si è manifestata come uno strumento di discriminazione nei confronti di tutte le persone non bianche residenti in Ucraina. Quando in tutte le città d’Europa arriveranno a migliaia, possiamo stare sicuri che i sovranisti soffieranno sulla brace e suoneranno le trombe del razzismo.
Nel frattempo in tutto il mondo infuriano le guerre da cui arrivano quelli che qualcuno chiama i “falsi profughi” e proprio nella Libia in cui l’Europa ha esternalizzato la frontiera Sud, attraverso i lager, i signori della guerra ricominciano a combattersi. Ecco altri urgentissimi corridoi umanitari, di cui tantomeno si parlerà.

Non c’è niente da fare.
Perchè se fosse vero che “non esiste una spiegazione razionale della guerra ucraina, perché essa è il momento culminante di una crisi psicotica del cervello bianco”, o se fosse vero, al contrario, che tutto segue il corso dell’unica razionalità che conta, quella geopolitica della potenza: in entrambi i casi noi siamo fuori gioco.

Però possiamo:
– Batterci per il ritiro immediato dell’esercito russo e il cessate il fuoco.
– Batterci affinché siano soccorse le persone in fuga, senza discriminazioni.
– Sostenere la popolazione Ucraina che sta mettendo in campo anche straordinarie forme di resistenza civile. Si tratta di una popolazione che ha bisogno di tutto.
– Sostenere chi resiste alla guerra in Russia, nelle piazze, diffondendo la loro voce.
– Fermare l’invio di armi, la corsa agli armamenti, rilanciare la battaglia per il Disarmo, oggi e a maggior ragione domani.
– Sostenere e promuovere iniziative di interposizione civile, per invitare le autorità ad uscire dalle ipocrisie e mettere in moto una diplomazia che abbia a cuore la fine delle sofferenze per le popolazioni

– Colpire gli interessi dei signori della guerra, degli oligarchi russi, dell’industria militare e petrolifera di tutto il mondo

Facendo tutto questo possiamo, forse, trovare nuove strade per la storia. Quando le strade disegnate conducono alla mutua reciproca distruzione, resta la speranza e la determinazione di percorrere quelle che nessuno aveva immaginato.

4 Marzo 2021 – Italia? Europa? Pianeta terra.

articoli

15, 16 e 17 luglio SAN SIRO IN FESTA!

15.16.17 luglio 2022 SAN SIRO IN FESTA! CASA - DIRITTI - DIGNITA'  SOCIALITA’  – SPORT POPOLARE – GIOCHI PER BAMBINI –  LIBRERIA – MERCATINO DELLO SCAMBIO E MOLTO ALTROPROGRAMMA DELLA FESTAh 10:00 Vieni a montare insieme a noi la Festa h 16:30 Laboratori artistici per...

Decolonize the Pride: carro dell’orgoglio meticcio e queer al Pride Milano

Decolonize the Pride: carro dell'orgoglio meticcio e queer al Pride 2022IL NOSTRO PRIDE E’ METICCIO & QUEER Contro ogni guerra ai corpi e i territori  A 53 anni dai moti di Stonewall, abbiamo ancora bisogno di una scarpa col tacco da lanciare. Misoginia e...

SummeResistance: il caldo non ferma la lotta!

Per una città solidale e ribelle, contro sfratti, sgomberi e speculazioni, per riprenderci insieme i nostri diritti,  viviamoci i nostri spazi, costruiamo e attraversiamo le lotte di questa città. Un'estate di lotta, ma anche di attività, festa e incontri, un’ estate...

#DecolonizeTheCity, per un orgoglio meticcio e queer!

#DECOLONIZETHECITY, per un orgoglio meticcio e queer! Per tutti i nostri corpi dissidenti.   18 giugno ore 17.00 P.zza Duca d'Aosta  2 luglio #Decolonizethepride  3 luglio Disability Pride ASCOLTA L'INCONTRO CON  MIT, Movimento Identità Trans, CABIRIA/UNITA' DI...

Nessuna base per nessuna guerra: manifestazione nazionale a Coltano

2 GIUGNO MANIFESTAZIONE NAZIONALE A COLTANO - "NESSUNA BASE PER NESSUNA GUERRA" 190 milioni di soldi pubblici per una nuova base militare. 73 ettari di territorio, all’interno di un parco naturale, sottratti alla comunità. 440.000 metri cubi cementificati per...

Di perquisizioni e imbrattamento .. e la guerra?

DI PERQUISIZIONE E IMBRATTAMENTO ... E LA GUERRA? Comunicato sulle perquisizioni di questa mattina contro studentesse e student* del Coordinamento Dei Collettivi Studenteschi , del Cantiere Milano e del movimento milanese contro la Guerra al futuro. Ci sono 59 guerre...

Spazio di Mutuo Soccorso in Festa! 5-6-7-8 maggio

La festa continua! Vi aspettiamo a SMS per l'ultima giornata con le attività in programma.  Immagini della festa  5, 6, 7, 8 Maggio Mutuo Soccorso in festa Per festeggiare i 9 anni dello spazio di Mutuo Soccorso, di lotta per il diritto all’abitare, di pratiche...

25 Aprile 2022 – La resistenza è diserzione

"Disertori", "ribelli", "sabotatori", così venivano chiamatə le partigiane e i partigiani dalla propaganda fascista della RSI. La resistenza era formata da disertori e sbandati, non da un eserciti e militari. Resistere significava scappare, evitare la leva...

#SafePassage – E’ partita la seconda missione * PACE DISARMO FUTURO * #stopwar

La carovana #SafePassage di Mediteranea Saving Humans riparte per la seconda missione. A una settimana dal ritorno della prima missione i van sono di nuovo carichi per portare ulteriori aiuti umanitari nella città di Leopoli, sono pronti a riportare al sicuro le...

Milano in piazza ogni Sabato contro la guerra!

OGNI SABATO, H.15 @ LARGO CAIROLI: CORTEO CITTADINO "MILANO CONTRO LA GUERRA"  Tutti i sabati Milano in piazza contro la guerra!   Pace. Disarmo. Futuro. Ci siamo battuti in ogni occasione per la Pace, eppure i conflitti sono aumentati. Forse perché è stato perso...

eventi

Allenamento aperto di BOXE e KUNG FU a SMS

 VENERDI' 8 LUGLIO SPORT POPOLARE PER TUTT@!  Ad una settimana dal 15, 16, 17 luglio San Siro in Festa! con attività sportive per grandi e piccol*, la Palestra Popolare Hurricane apre i suoi cancelli nello Spazio di Mutuo Soccorso per delle lezioni aperte e...

15, 16 e 17 luglio SAN SIRO IN FESTA!

15.16.17 luglio 2022 SAN SIRO IN FESTA! CASA - DIRITTI - DIGNITA'  SOCIALITA’  – SPORT POPOLARE – GIOCHI PER BAMBINI –  LIBRERIA – MERCATINO DELLO SCAMBIO E MOLTO ALTROPROGRAMMA DELLA FESTAh 10:00 Vieni a montare insieme a noi la Festa h 16:30 Laboratori artistici per...

Flash Mob e assemblea Non Una di Meno

Non Una Di Meno Milano chiama ad un'azione collettiva prima dell'assemblea pubblica!!  Non possiamo stare in silenzio dopo le sconcertanti notizie che arrivano dagli Stati Uniti per questo ci ritroviamo per gridare tutta la nostra rabbia !! Questo mercoledì 29 giugno...

Sabato 25 Block Party in P.zzale Selinunte

Costruisci quartieri solidali e meticci insieme a noi! Domani pomeriggio #BlockParty dalle 17 in piazza Selinunte per un pomeriggio fatto di attività sociali e laboratori artistici per i più piccoli! Abitare un territorio è diritto ad una casa degna per tutti* ma è...

Decolonize the Pride: carro dell’orgoglio meticcio e queer al Pride Milano

Decolonize the Pride: carro dell'orgoglio meticcio e queer al Pride 2022IL NOSTRO PRIDE E’ METICCIO & QUEER Contro ogni guerra ai corpi e i territori  A 53 anni dai moti di Stonewall, abbiamo ancora bisogno di una scarpa col tacco da lanciare. Misoginia e...

Mercato contadino & aperitivo latino

Al giovedì l'appuntamento è uno solo: il Mercato nello Spazio! Questa giovedì 23 giugno mercato contadino e dalle 19 aperitivo latino! Il cortile dello Spazio di Mutuo Soccorso si riempie delle bancarelle dei produttori genuini e a KM0 che partecipano al Gruppo di...

#DecolonizeTheCity, per un orgoglio meticcio e queer!

#DECOLONIZETHECITY, per un orgoglio meticcio e queer! Per tutti i nostri corpi dissidenti.   18 giugno ore 17.00 P.zza Duca d'Aosta  2 luglio #Decolonizethepride  3 luglio Disability Pride ASCOLTA L'INCONTRO CON  MIT, Movimento Identità Trans, CABIRIA/UNITA' DI...

Sabato 11 giugno BLOCK PARTY in p.zzale Selinunte

Sabato 11 giugno BLOCK PARTY!  Dalle 17.00 in p.zzale Selinunte. Costruiamo quartieri vivibili! CASA.DIRITTI.DIGNITA' PER TUTT@Un pomeriggio nel centro del quartiere popolare di San Siro, un luogo abbandonato dalle istituzioni dove chi siede comodo in comune o in...

3.06.2022 – Sapore di Trash w/ Red Gipsy, ITB & Los Machetes

3.06.2022 - Sapore di Trash w/ Red Gipsy, ITB & Los Machetes👉🏽VEN 3👈🏽 ➖SAPORE DI TRASH➖ 🔺LOVE MUSIC HATE FASCISM🔻   Sul palco del Cantiere ritorna un po’ di sana trash per farci ballare indecorosə e divertitə.  Dai remix più pazzi alle canzoni che canteremo a...

Decolonize the City w/ Sayri

Decolonize the City w/ Sayri @Cantiere“Il perreo è come una tecnologia, un modo di vivere il nostro presente, la connessione del passato e del futuro attraverso il rituale” @idkebra Rivendichiamo la forza della distruzione di cui è costituita ogni nostra resistenza....

approfondimenti

Quale libertà?

Già da quest’estate manifestazioni e proteste contro il Green pass si sono verificate in molte città d’Italia.A nostro parere la contrapposizione tra libertà individuale e la libertà coniugata con la solidarietà e la responsabilità sociale è il discrimine attraverso...

Da Milano al Messico, “EL AGUA ES DEL PUEBLO”, #FueraBonafont! – azione solidale per l’acqua

#boycottdanone FUERA BONAFONT [ITALIANO] Oggi, 11 giugno, a 10 anni dal referendum contro la privatizzazione dell'acqua, siamo stati davanti alla sede del gruppo Danone, di cui fa parte Bonafont, e abbiamo lasciato davanti all’ingresso della loro sede vernice rossa a...

Pueblos Zapatistas Unidos contro il furto dell’acqua: #FueraBonafont

“Bonafont” è una impresa legata al gruppo francese “Danone” che si dedica all’imbottigliamento dell’acqua. Dal 1992 Bonafont si è installata nel territorio di Puebla, in Messico, senza che le popolazioni locali venissero in alcun modo consultate dallo Stato, che ha...

No Profit On Pandemic!

Nessun profitto sulla pandemia. Cure e vaccini per ciascun* ovunque e gratuiti.Durante entrambi gli incontri affronteremo, da vari punti di vista, la battaglia che vede contrapposti grandi attori globali di fronte alla sfida delle vaccinazioni contro il Covid 19 e le...

Restituiteci Sankara.

Restituiteci Sankara.L’Africa non è una macchia nella cartina del mondo, non può essere rimossa. Esiste non molto lontano, a due passi dal mare, che si chiama Africa. L'opinione pubblica europea sa che da lì partono le imbarcazioni dei migranti, in fuga dalla...

Vive la Commune!

150 anni fa, una delle più straordinarie esperienze rivoluzionarie della storia contemporanea: la Comune di parigi. Sconfitta dalle armi dell'esercito del Kaiser ha lasciato un'eredità raccolta per tutto il secolo successivo da chi ha alzato la Bandiera Rossa per la...

Un altro mondo è possibile: a 19 anni da Genova.

STOP GLOBAL WAR: AVEVAMO RAGIONE NOI. Non dimenticare genova per continuare a costruire altri mondi possibili. Nel 2001 a Genova migliaia e migliaia di persone da tutto il mondo invasero le strade contro il g8, il vertice dei "grandi potenti" del mondo. Era il...

Contro le passioni tristi, le sardine urtano il populismo

Di MARCO BASCETTA Nel cercare di comprendere la natura dei movimenti, la loro direzione di marcia, il posto che occupano nella sfera politica si rischia sempre di essere prematuri o inattuali. Del resto ogni movimento sociale è attraversato da flussi emotivi e bisogni...

In Cile il neoliberismo è in crisi

In Cile si sintetizza una combinazione esplosiva di un libero mercato senza anestesia e una democrazia completamente delegittimata, che conserva solo il suo nome. È degenerato in una plutocrazia che, fino a pochi giorni fa - ma non più - è stata misurata dalle...

Il Sud America si solleva contro il neoliberismo

Il neoliberismo è in crisi. In molti paesi dell'America latina le piazze sono piene: milioni di persone si oppongono, dal Cile all'Ecuador, alle politiche neoliberali applicate ai governi di destra. Nel frattempo le elezioni amministrative colombiane e quelle...