CANTIERE.ORG

CANTIERE

.ORG

SAN SIRO: I NOSTRI DIRITTI PIU’ IN ALTRO DELLE VOSTRE SPECULAZIONI

San Siro è uno dei più grandi quartieri di edilizia residenziale pubblica a Milano ha un patrimonio abitativo di 5.996 abitazioni, 1416 sono vendute e solo 2521 sono assegnate, 800 occupate, 572 in manutenzione, 272 da valorizzare, 295 sono fuori ERP (Edilizia Residenziale Pubblica) 101 sono sfitte.

Le case in manutenzione sono lastrate e riscaldate come quelle sfitte, case che rimangono vuote o in manutenzione per anni, in attesa di essere vendute al posto che assegnate alle 23 000 famiglia in graduatoria da anni per un alloggio ERP.

Delle graduatorie infinite che non tengono conto di tutti quelli con reddito troppo basso che non riescono ad accedervi o di chi stanco di aspettare senza un tetto sopra la testa decide di occupare una casa.

Perché non si vanno a sanare gli occupanti per necessità?

Per continuare a speculare non si recupera e non si restituisce alla città quel patrimonio di migliaia di metri cubi di sfitto in mano a speculatori e palazzinari, che giocano in borsa il valore immobiliare della città, mentre a Milano si dorme per strada.

Continuano ad aumentare gli sfratti da privato, aumentano gli affitti senza nessuna misura di welfare che supporti le fasce più vulnerabili, si continua a sgomberare chi vive nelle case popolari, ma allora perché si permette la vendita del patrimonio pubblico?

La logica è quella del profitto. Lo stesso profitto che sta cambiando il volto della città con dei progetti di riqualificazione che modificano interi territori, relegando ai margini chi non può permettersi l’aumento del costo della vita o chi non accetta di vivere in zone sempre meno verdi, sempre più incapaci di rispondere ai bisogni delle persone che vivono i territori. Interi quartieri privi di verde, servizi, spazi per i giovani.

A pochi metri dal quadrilatero delle case popolari di San Siro, si sta giocando uno dei più grandi progetti di riqualificazione di Milano: la costruzione di un nuovo stadio e la trasformazione dell’area limitrofa in una zona di lusso avverrà a discapito del verde e dell’accessibilità economica della zona.

Il nuovo Stadio non è una priorità per Milano, sarà meno capiente e più costoso, sarà costruito unicamente nell’ottica del profitto delle società calcistiche e dei grandi investitori immobiliari, uno stadio sempre più da “consumare”, che aumenterà ancor di più il business intorno allo sport.

Città che si costruiscono su confini immaginari ma molto reali nelle conseguenze, un modello di consumo e di città a cui si accede solo se si ha la possibilità di consumare e spendere, città in cui avere o meno la residenza e il permesso rinnovato fa la differenza nell’accesso a quelli che sono diritti inalienabili: casa, salute, istruzione per tutte e tutti.

Cosa succederà alla zona vicino allo Stadio?

Il valore immobiliare delle case aumenterà notevolmente e di conseguenza quello di tutto il territorio, gli affitti cresceranno, verrà alzata la possibilità di costruire, di fretta, senza che si imponga di restituire al territorio in servizi e spazi verdi.

Si continuerà con il processo di vendita delle case popolari, a partire da i palazzi “riqualificati”, senza seguire un percorso di sviluppo, un’idea di progettazione, lasciando il territorio in balia di grandi società immobiliari e grandi investitori che detteranno legge ai governi locali e nazionali.

Non importa che l’emergenza abitativa sia in continuo aumento, il territorio sarà così terreno di profitto e non di bene comune, ovvero accessibile a tutte e tutti senza discriminazioni, lasciando spazio a un modello selettivo e discriminatorio di metropoli.

Città disegnate per attrare capitali più che per essere vivibili e sostenibili da un punto di vista ambientale e sociale, riprogettate per avere molti centri lussuosi e periferie in cui relegare gli abitanti meno abbienti.

Le città dovrebbero essere costruite a misura di persona, con luoghi pubblici di ritrovo non sostituti dal proliferare dei centri commerciali, con case accessibili in base al reddito senza suddividere il territorio in chi possiede ricchezza e chi vive in povertà estrema, senza confini e barriere di accesso che riducono mobilità, diritti e possibilità.

BASTA SPECULAZIONI, COSTRUIAMO QUARTIERE VIVIBILI!

BASTA SFRATTI E SGOMBERI!

STOP ALLA VENDITA DELLE CASE POPOLARI!

ALCUNI LINK PER APPROFONDIRE

Milan e Inter hanno scelto il progetto per il nuovo stadio di San Siro

Le dirigenze del Milan e dell’Inter hanno scelto il progetto dello studio di architettura statunitense Populous per la costruzione del loro nuovo stadio nel quartiere di San Siro a Milano. Nelle prossime settimane verranno definiti i termini e lo sviluppo della progettazione completa del nuovo impianto, la cui costruzione dovrebbe iniziare nel 2026, dopo le Olimpiadi invernali di Milano-Cortina, vicino all’attuale stadio il cui destino è ancora incerto.

Da https://www.ilpost.it/2021/12/21/progetto-stadio-milan-inter-san-siro/

Presentato inizialmente nel settembre del 2019, il progetto di Populous, già soprannominato “la cattedrale”, prevede un impianto squadrato tra i 60 e i 65.000 posti a sedere, ispirato alle guglie del Duomo e alla galleria Vittorio Emanuele II. L’area circostante sarà interamente pedonale, con circa 110 mila metri quadri di aree verdi, il 40 per cento del totale. I parcheggi, che rappresentano attualmente il 27 per cento della superficie, saranno totalmente interrati.

Lo stadio sarà più basso di quello attuale, con il campo posto sette metri più in basso rispetto al piano di accesso esterno. Verrà costruito nell’area ad est dell’attuale Giuseppe Meazza — dove ora ci sono i parcheggi — e sarà più vicino alla fermata San Siro Stadio della metropolitana.

Insieme allo stadio è prevista una profonda riqualificazione della zona circostante, ora occupata dai parcheggi e dal vecchio Ippodromo del Trotto, dismesso nel 2014 e attualmente in fase di demolizione. È ancora incerto invece il futuro dello stadio Meazza, per cui inizialmente era prevista la demolizione. L’impianto potrebbe essere ridotto a una struttura molto più contenuta e adibito a scopi secondari dalle due squadre e dal comune di Milano.

Più di cento milioni in arrivo dal Pnrr per le case popolari di Milano

Oltre cento milioni di euro per le case popolari di Milano: i fondi, nell’ambito della ‘qualità dell’abitare’, sono in arrivo dal Pnrr (Piano nazionale di ripresa e resilienza) e, complessivamente, ammontano a due miliardi e 800 milioni di euro. Tra i progetti che saranno finanziati a Milano, un intervento nel quartiere San Siro ed uno a Lorenteggio. Nei giorni scorsi il Ministero delle Infrastrutture ha pubblicato gli elenchi dei progetti ammessi (alcuni dei quali definiti ‘progetti pilota’) e diversi riguardano Milano e la sua Città metropolitana.

L’intervento relativo alla zona popolare di San Siro, del valore di 15 milioni di euro, riguarda essenzialmente la riqualificazione di un edificio in via Newton, oggi adibito ad uffici, che verrà dato in comodato d’uso gratuito al Comune di Milano per venticinque anni. Verrà trasformato in un ‘hub’ di residenza temporanea con 104 posti letto tra stanze per brevi permanenze e mini alloggi per locazioni più lunghe. Il progetto prevede anche la costruzione del secondo piano dell’edificio oltre alla realizzazione di spazi destinati a servizi condivisi per gli abitanti: portineria, sale comuni, lavanderia e cucina.

Ma il progetto che porterà maggior denaro nel territorio milanese è quello da 99 milioni di euro (oltre a quelli che investiranno altri enti pubblici) per Lorenteggio e Giambellino, dove è prevista la riqualificazione complessiva delle case esistenti e, in particolare, verranno demolite e ricostruite le ‘stecche’ di via dei Giaggioli realizzando 210 nuovi alloggi più efficienti. Il progetto prevede anche la nuova biblioteca, le connsessioni ciclabili e le sistemazioni in superficie del percorso della nuova M4: tutti interventi che vanno ad integrarsi con gli altri previsti in zona e finanziati con altre risorse.

Adesso sì: luci a San Siro. Oltre allo stadio c’è un quartiere intero che vuole ripartire

Non c’è solo il nuovo stadio, con il complesso edilizio annesso, che caratterizza il momento di trasformazione di San Siro. Altri progetti sono partiti – o stanno per sbocciare – e contribuiranno a cambiare il volto di un quartiere la cui notorietà travalica da decenni la città. Oltre al nuovo stadio, insomma, esiste un altro San Siro che sta per decollare. Proviamo a capire in che termini.

San Siro, l’accordo per lo stadio

Si deve partire dall’accordo della settimana scorsa tra Comune, Inter e Milan che ha stabilito alcuni punti importanti: il nuovo stadio si farà, ma il Meazza resterà in piedi fino all’inaugurazione delle Olimpiadi invernali del febbraio 2026. E ancora: si potrà costruire nel rispetto dell’indice 0.35 fissato nel Pgt e non oltre, come chiedevano le due società. Altro importante accordo, sempre della scorsa settimana, riguarda le case Aler: Comune e Regione si sono impegnati a rivitalizzare un’area di forte disagio sociale.

Tanti altri tasselli

Poi c’è il progetto di riqualificazione dell’ex scuderia De Montel sul cui sito verranno create nuove terme. Un intervento importante, già in corso, è sull’ex ippodromo del Trotto destinato a ospitare un complesso di edilizia residenziale e un’area verde. Sempre parlando di ippodromo, c’è quello del Galoppo che, dopo alcuni timori di una chiusura, è stato rilanciato con iniziative anche extrasportive mentre il Lido di piazzale Lotto, dismesso da Milanosport, attende un nuovo gestore privato. Sono tanti, dunque, i pezzi che concorreranno a ridisegnare un quartiere sotto il profilo estetico, economico e sociale.

articoli

Per un 25 Aprile di Liberazione: Resistenza, Diserzione, Decolonialità

Per un 25 Aprile di Liberazione, disertiamo la guerra. Siamo partigian3, dalla parte della resistenza palestinese! Palestina Libera

SMS in Festa! 11 Anni di Mutuo Soccorso

Dal 2 al 5 Maggio, SMS in festa! 11 anni di mutuo soccorso, 4 giorni di festival: concerti, dibattiti, sport, cibo e socialità, in Piazza Stuparich 18.

19A Global Strike di Fridays For Future

19 Aprile – 9:30 Largo Cairoli – Global Strike di Fridays For Future! – #FreePalestine – #ClimateJusticeNow – #BoycottGenocide – #BoycottFossilCapitalsim

8M #lungavitasms, difendiamo gli spazi transfemministi

  MUTUO SOCCORSO È SORELLANZA Lo Spazio di Mutuo Soccorso si prepara alla giornata del #LottoMarzo. Giovedì 7 marzo dalle 16:00 - Laboratorio scenografie: prepariamo insieme cartelli, striscioni, cori, panuelos per i cortei dello sciopero. - Vieni a conoscere i...

24 Febbraio Corteo Nazionale #FreePalestine

Sabato 24 Febbraio – Ore 14:30 – Piazzale Loreto
Corteo nazionale contro il genocidio del popolo Palestinese
Segui lo spezzone Decolonize!

Otto Marzo 2024 – Corteo Studentesco

Lotto Marzo! – Venerdì otto Marzo corteo studentesco e dello sciopero – ore 9:30 largo Cairoli – #NonUnaDiMeno #Student3Disobbedient3

Memori(a)E: sostantivo plurale, verbo attivo. 2024.

A cosa serve la memoria? La memoria, o meglio, le memorie degli orrori del passato devono servire a fermare immediatamente i genocidi del present

Iniziativa in Unimi per la laurea di Liliana Segre #GiornataDelleMemorie

Giornata della memoria - Iniziativa in Unimi "L'indifferenza è peggiore della violenza." -Liliana segre Queste le parole di Liliana Segre con cui abbiamo voluto accoglierla all'università statale di Milano, come studenti non indifferenti. Ricordare i genocidi della...

Incontro: memorie Antifasciste per un futuro di libertà

Domenica 28 Gennaio Memorie Antifasciste per un futuro di Libertà Incontro con Franco "Bifo" Berardi e Alessia Manera A seguire Polentata: cena per le spese legali del Cantiere! Il 27 gennaio venne istituita la Giornata della Memoria, per fare i conti su un passato...

Lunga Vita SMS: giornata resistente allo Spazio di Mutuo Soccorso

#LUNGAVITASMS Lo Spazio di Mutuo Soccorso è una casa per chi, tra le speculazioni milanesi e la svendita dell’edilizia pubblica, una casa non la può avere. Lo Spazio di Mutuo Soccorso è riqualificazione dal basso, auto recupero e trasformazione dello spazio urbano, su...

eventi

SMS in Festa! 11 Anni di Mutuo Soccorso

Dal 2 al 5 Maggio, SMS in festa! 11 anni di mutuo soccorso, 4 giorni di festival: concerti, dibattiti, sport, cibo e socialità, in Piazza Stuparich 18.

20 Aprile, Serata Groove w/Paprika

20 Aprile 2024 – Serata solo Groove w/Paprika @Cantiere, Via Monterosa 84

Cena di primavera per le spese legali del Cantiere.

Cena di primavera per le spese legali del Cantiere! Domenica 14 aprile 2024 dalle 20:00

Sabato 13/4: Stay Punk Stay Antifa!

Stay Punk Stay Antifa!
sabato 13 aprile 24
Dirty Noise, Punk-o-Mat, Fondamenta Nuove
dalle 22 @Cantiere, via Monterosa 84

12 Aprile: Spettacolo “Una lepre con la faccia di Bambina”

H. 18:30 presentazione dello Strike del 19A con FridaysForFuture Milano;
H. 20:00 Cena veg;
H. 22:00 Spettacolo “Una Lepre con la faccia di Bambina

6/4 DecolonizeTheCity presenta: Krash!

Krash! Ballroom Party Sabato 6 Aprile.
Approda al Cantiere una serata dedicata alla Ballroom scene!
#DecolonizeTheCity

23/3 Vaeva, Youngover, Narratore Urbano Live @Cantiere

Ama la musica, odia il fascismo!
Sabato 23 Vaeva, Narratore Urbano e Youngover live @Cantiere

23F Preparazione Corteo e Proiezione “A World Not Ours”

h. 16 preparazione corteo
h. 20 cena sociale
h.21:30 proiezione di A World Not Ours

“Fare Comunità nei margini della città”: tour immersivo e cena sociale a SMS per il World Antropology Day!

"Fare Comunità nei margini della città" Tour Immersivo e cena sociale allo Spazio di Mutuo Soccorso in occasione del World Anthropology Day 2024. Giovedì 15 febbraio H.18.00 tour immersivo allo Spazio di Mutuo Soccorso H.20.00 cena sociale con piatti dal mondo...

Decolonize The City: passeggiata decoloniale a San Siro

Decolonize the city: trekking urbano tra le storie che hanno fatto la Storia della resistenza al colonialismo. Partenza ore 11:30 M5 San Siro Stadio Vi invitiamo a unirvi a una passeggia per attraversare insieme quelle strade di San Siro che portano nomi di città...

approfondimenti

“Al lavoro! Priorità, sicurezza, diritti”

Al lavoro! Il nuovo governo si è già messo al lavoro.  Oh, finalmente. Certo, perchè con tutti i problemi che abbiamo in questo Paese, non c'era da perdere tempo. C'è la guerra e la bomba atomica viene seriamente presa sul serio dai potenti della guerra. C'è una crisi...

SPECIALE STOP WAR: Di fronte ad ogni guerra la parola NO e l’azione Ribelle

CLICCA e vai alla raccolta di contributi, approfondimenti e call to action #STOPTHEWAR!   di seguito intanto trovi il nostro contributo. Per seguirci @cantieremilano su twitterDi fronte ad ogni guerra c’è solo una parola degna e una azione conseguente, la parola...

Quale libertà?

Già da quest’estate manifestazioni e proteste contro il Green pass si sono verificate in molte città d’Italia.A nostro parere la contrapposizione tra libertà individuale e la libertà coniugata con la solidarietà e la responsabilità sociale è il discrimine attraverso...

Da Milano al Messico, “EL AGUA ES DEL PUEBLO”, #FueraBonafont! – azione solidale per l’acqua

#boycottdanone FUERA BONAFONT [ITALIANO] Oggi, 11 giugno, a 10 anni dal referendum contro la privatizzazione dell'acqua, siamo stati davanti alla sede del gruppo Danone, di cui fa parte Bonafont, e abbiamo lasciato davanti all’ingresso della loro sede vernice rossa a...

Pueblos Zapatistas Unidos contro il furto dell’acqua: #FueraBonafont

“Bonafont” è una impresa legata al gruppo francese “Danone” che si dedica all’imbottigliamento dell’acqua. Dal 1992 Bonafont si è installata nel territorio di Puebla, in Messico, senza che le popolazioni locali venissero in alcun modo consultate dallo Stato, che ha...

No Profit On Pandemic!

Nessun profitto sulla pandemia. Cure e vaccini per ciascun* ovunque e gratuiti.Durante entrambi gli incontri affronteremo, da vari punti di vista, la battaglia che vede contrapposti grandi attori globali di fronte alla sfida delle vaccinazioni contro il Covid 19 e le...

Restituiteci Sankara.

Restituiteci Sankara.L’Africa non è una macchia nella cartina del mondo, non può essere rimossa. Esiste non molto lontano, a due passi dal mare, che si chiama Africa. L'opinione pubblica europea sa che da lì partono le imbarcazioni dei migranti, in fuga dalla...

Vive la Commune!

150 anni fa, una delle più straordinarie esperienze rivoluzionarie della storia contemporanea: la Comune di parigi. Sconfitta dalle armi dell'esercito del Kaiser ha lasciato un'eredità raccolta per tutto il secolo successivo da chi ha alzato la Bandiera Rossa per la...

Un altro mondo è possibile: a 19 anni da Genova.

STOP GLOBAL WAR: AVEVAMO RAGIONE NOI. Non dimenticare genova per continuare a costruire altri mondi possibili. Nel 2001 a Genova migliaia e migliaia di persone da tutto il mondo invasero le strade contro il g8, il vertice dei "grandi potenti" del mondo. Era il...

Contro le passioni tristi, le sardine urtano il populismo

Di MARCO BASCETTA Nel cercare di comprendere la natura dei movimenti, la loro direzione di marcia, il posto che occupano nella sfera politica si rischia sempre di essere prematuri o inattuali. Del resto ogni movimento sociale è attraversato da flussi emotivi e bisogni...