CANTIERE.ORG

CANTIERE

.ORG

Come si cura il nazi – Franco «Bifo» Berardi

L’aggressività nazionalista, il razzismo, l’integralismo religioso, il fanatismo dell’appartenenza sono tornati sulla scena del mondo e rischiano di portarlo verso la barbarie. Come possiamo definire questo ritorno della bestia immonda? Possiamo chiamare “fascismo” comportamenti così diversi? Forse dovremmo parlare piuttosto di una psicopatia che si sta diffondendo nella vita quotidiana delle popolazioni del mondo dopo trent’anni di sistematico incitamento alla competizione. La bestia immonda è figlia del trentennale dominio incontrastato del grande capitale globalista e dell’egemonia dogmatica del liberismo privatista. La globalizzazione ha prodotto un effetto di spaesamento, di deterritorializzazione e di dissoluzione dei legami comunitari e sociali. Perciò lo psichismo collettivo reagisce con paura, insicurezza, ansia, e con potenti tentativi di riterritorializzazione, di ricostruzione aggressiva di un’identità. Pubblicato per la prima volta una quindicina di anni fa, questo libro suscitò un certo scandalo alla sua uscita. In questa nuova edizione, alla ristampa integrale del testo originario, l’autore aggiunge una lunga appendice dedicata al “baroccofascismo” che domina l’Italia da quando, nel 1994, “un despota da operetta si è impadronito del controllo sul cervello collettivo degli italiani, portandoli, come sembra, verso l’abisso.”

Clima corona capitalismo – Andreas Malm

Una domanda di fondo percorre questo libro: se i governi, di fronte alla pandemia di Covid-19, sono stati in grado di adottare misure restrittive durissime, e perfino di imporsi sui grandi poteri economici, costretti a sottometterei propri interessi alla salvezza comune, un approccio simile non potrebbe essere impiegato anche per l’emergenza climatica? Le conseguenze della pandemia, assumesse pure le proporzioni della Peste nera, non sono nemmeno lontanamente paragonabili a quelle del disastro ecologico verso cui marciamo spediti… In questo brillantissimo saggio, Andreas Malm – forse il più interessante ecologista vivente – non si limita a illustrare le differenze fra le due emergenze (e fra le reazioni all’una e all’altra della società capitalistica, sempre volta ad affrontare i sintomi e non le cause), ma ne osserva i legami profondi e, soprattutto, avanza proposte concrete. La metafora dello «stato di guerra», di cui hanno abusato i governi a partire dai primi mesi del 2020, va espansa verso un modello che torna attuale: il comunismo di guerra, non lontano da quello che Lenin predicava all’indomani della Rivoluzione d’ottobre. Fuor di metafora, l’emergenza è gravissima, le soluzioni devono essere radicali. E il capitale fossile è il profondo virus da sconfiggere.

Il mondo che avrete – Marco Aime, Adriano Favole, Francesco Remotti

Non è solo il coronavirus a prendere d’assedio le società umane: ci sono anche gli sconvolgimenti ambientatali che il nostro “progresso” ha provocato.
Il lockdown è stato una forzata, lunga pausa, in cui per legge sono state sospese attività produttive, incontri sociali, manifestazioni culturali. “Sospendere” non è di certo un’idea estranea alle società umane: per esempio, la vediamo teorizzata dagli scettici del mondo antico in contatto con l’India, applicata nella cultura ebraica, praticata dai BaNande del Congo. La differenza è però notevole tra le sospensioni programmate, il cui scopo è di arrestare periodicamente le più importanti attività economiche, obbligando le società a ripartire da zero, e il nostro recente lockdown, un’esperienza straniante e inattesa, del tutto estranea al nostro modo di pensare. Una parentesi che si vorrebbe chiudere definitivamente per riprendere il cammino interrotto, quel “progresso infinito” con cui la civiltà occidentale ha voluto segnare la sua storia e la sua presenza nel mondo. In questa situazione, che cos’ha da offrire il pensiero antropologico? Deve salire sul carro del progresso o, al contrario, lavorare “contro” l’accecamento prodotto da questo mito? L’antropologia si fa portatrice di testimonianze spesso lontane nel tempo e nello spazio, in grado di mettere in luce le “vie di fuga” tracciate da ogni cultura, le sospensioni, anche traumatiche, con cui si pongono domande cruciali sul presente e sul futuro. Non è vero che le società da noi definite “tradizionali” e “premoderne” abbiano lo sguardo rivolto soltanto al passato: al contrario, non è raro trovare al loro interno un confronto esplicito tra generazioni allo scopo di garantire ai giovani un futuro vivibile. Dall’osservazione partecipante del lockdown e dalle riflessioni sulla “cultura dell’Antropocene” in cui siamo invischiati, emerge drammaticamente il “furto di futuro”, l’impressionante debito economico ed ecologico che gettiamo sulle spalle delle nuove generazioni. Come venirne fuori, se non ideando un altro modo di vivere, una rivoluzione che abbia come obiettivo quello di rifondare la convivenza tra noi e gli altri abitanti della Terra, tra noi e la natura?

Il dio delle piccole cose – Arundhati Roy

“Il dio delle piccole cose” narra la vicenda di una donna che lascia il marito violento e torna a casa con i suoi due bambini, i gemelli Estha e Rahel, maschio e femmina. Ma nell’India meridionale dei tardi anni Sessanta, una donna divorziata come Ammu si ritrova priva di una posizione sociale riconosciuta; a maggior ragione se commette l’errore imperdonabile di innamorarsi di un paria. Non è dunque una vita facile quella toccata ai due gemelli, legati nel profondo da “un’unica anima siamese”. Attraverso lo sguardo di Estha e Rahel, prende forma la storia di un grande amore, in cui si riflette il tema universale dei sentimenti in conflitto con le convenzioni.

Il potere del cane – Don Winslow

Dalle strade di New York a Città del Messico, da Tijuana alla giungla dell’America centrale, la storia della guerra al narcotraffico come non l’avete mai sentita raccontare.

Art Keller è un poliziotto ambizioso, con una mentalità da crociato, deciso a combattere in prima fila la guerra che gli Stati Uniti hanno lanciato contro il traffico internazionale di droga. Miguel Angel Barrera è il boss della Federación, il cartello che riunisce tutti i narcos messicani, e i suoi nipoti, Adàn e Raùl, smaniano all’idea di ereditarne l’impero. Nora Hayden, dopo un’adolescenza complicata, è diventata una prostituta d’alto bordo, sempre in bilico tra il cinismo più spinto e un insolito senso morale. Padre Parada è un sacerdote nato e cresciuto in mezzo al popolo, potente quanto incorruttibile. Sean Callan è un ragazzo irlandese di Hell’s Kitchen che si è trasformato quasi per caso in un killer spietato, al soldo della mafia. Sono tutti, in modo diverso, coinvolti nel mondo feroce del narcotraffico messicano: una guerra senza esclusione di colpi, che coinvolge sicari senza scrupoli e politicanti corrotti, i servizi segreti americani e la mafia, tra inganni, tradimenti, vendette spietate. Una guerra dove non esiste innocenza possibile, e dove è sempre in agguato, pronto a esplodere, il male assoluto: quella demoniaca crudeltà di uomini e cose cui una millenaria tradizione ha saputo dare un solo nome, evocativo quanto misterioso. Il potere del cane.

Kobane Calling – Zerocalcare

Tre viaggi, Turchia, Iraq, Siria, il Kurdistan come i telegiornali non lo raccontano. Le macerie di Kobane e un popolo intero in guerra per difendere il proprio diritto a esistere, proteggendo labili confini la cui esistenza non è sancita da nessun atlante geografico. Zerocalcare ci racconta, con sguardo lucido e solo a tratti ironico, una delle più importanti battaglie per la libertà silenziosamente in corso al mondo. Un libro importante, difficile da inquadrare in poche parole, che raccoglie le due storie già apparse su Internazionale e quasi duecento pagine in più di diario di quei viaggi nel Rojava, la regione che i curdi stanno cercando di trasformare in un’utopia democratica senza uguali in Medio Oriente e forse al mondo.

A babbo morto – Zerocalcare

Natale… i regali, il cenone, i parenti… ma ci avete mai pensato alle condizioni di lavoro dei folletti nella fabbrica di Babbo Natale? Zerocalcare sì, e vi racconta per la prima volta la scabrosa verità dietro al business della consegna dei regali. Bonus! Le anziane rider della Befana scioperano insieme ai minatori sardi (le cui miniere di carbone vengono chiuse perché nelle calze i bambini preferiscono trovare gli orsetti gommosi), per ottenere migliori condizioni di lavoro!
Un libro a metà tra favola (cinica) illustrata e fumetto, magistralmente colorato da Alberto Madrigal. Quando finirete di leggerlo vi ripeterete ad alta voce che Babbo Natale non esiste per sentirvi meno tristi!

Debito, i primi 5000 anni – David Graeber

David Graeber, l’antropologo alle origini del movimento di Seattle e del movimento Occupy (suo lo slogan «Siamo il 99%»), rivoluziona la teoria sociale ed economica in un libro destinato a rimanere nel tempo. In uno stile colloquiale e diretto, attraverso l’indagine storica, antropologica, filosofica, teologica, Graeber ribalta la versione tradizionale sulle origini dei mercati. Mostra come l’istituzione del debito sia anteriore alla moneta e come da sempre sia oggetto di aspri conflitti sociali: in Mesopotamia i sovrani dovevano periodicamente rimediare con giubilei alla riduzione in schiavitù per debiti di ampie fasce della popolazione, pena la deflagrazione di tutta la società. Da allora, la nozione di debito si è estesa alla religione come cifra delle relazioni morali («rimetti a noi i nostri debiti») e domina i rapporti umani, definendo libertà e asservimento. Mercati e moneta non sorgono automaticamente dal baratto, come sostengono gli economisti fin dai tempi di Adam Smith, ma vengono creati dagli stati, che tassano i sudditi per finanziare le guerre e pagare i soldati.

In quest’ottica, il conio della moneta si diffonde per imporre la sovranità dello stato e assicurare il pagamento uniforme dei tributi. L’economia commerciale, basata sulla calcolabilità impersonale, eclissa così le economie umane, basate sulla reciprocità personale. Gli ultimi 5000 anni di storia hanno visto l’alternarsi di fasi di moneta aurea e moneta creditizia, fino al definitivo abbandono dell’oro come base del sistema monetario internazionale nel 1971. Graeber guarda agli sviluppi di Europa, Medio Oriente, India e Cina, e individua tre grandi cicli nella lunga storia del debito. L’Età assiale (dall’800 a.C. al 600 d.C.), in cui si impone il potere di conio degli imperi e le grandi religioni fanno la loro comparsa. Il Medioevo, dove l’economia viene demonizzata, in Europa come in Cina. L’età degli imperi capitalisti, delle grandi conquiste e del ritorno allo schiavismo, che vede il mondo inondato d’oro e d’argento. Graeber esplora infine la crisi attuale, nata dall’abuso di creazione di strumenti finanziari ilSaggiatore da parte delle grandi banche deregolamentate, esostiene la superiorità morale di cittadini e stati indebitati rispetto a creditori corrotti e senza scrupoli che vogliono ridurre libertà e democrazia alla misura dello spread sui titoli pubblici.

Kan Saro-Wiwa, Storia di un ribelle romantico – Roberta Balestrucci Fancellu, Anna Cercignano

Scrittore, autore televisivo, politico, attivista per i diritti sociali, Ken Saro-Wiwa è stato uno degli intellettuali più influenti dell’Africa contemporanea.

Portavoce delle rivendicazioni delle popolazioni del Delta del Niger contro lo sfruttamento economico e ambientale da parte delle multinazionali straniere — una su tutte l’impero petrolifero Shell — nel maggio del 1994, in pieno contrasto con il governo autoritario nigeriano, viene arrestato con l’accusa di essere il mandante di alcuni omicidi. Viene impiccato il 10 novembre con altri otto attivisti del Mosop, il Movimento per la Sopravvivenza del Popolo Ogoni, fondato da Saro-Wiwa per contrastare con mezzi non-violenti la progressiva distruzione della regione, causata dall’inquinamento petrolifero prodotto dalle multinazionali presenti nell’area del Delta.

Una rivoluzione ci salverà – Naomi Klein

Il capitalismo non è più sostenibile. A meno di cambiamenti radicali nel modo in cui la popolazione mondiale vive, produce e gestisce le proprie attività economiche – con i consumi e le emissioni aumentati vertiginosamente – non c’è modo di evitare il peggio. Cosa fare allora? Il messaggio è dirompente: si è perso talmente tanto tempo nello stallo politico del decidere di non decidere, che se oggi volessimo davvero salvarci dal peggio dovremmo affrontare tagli così significativi alle emissioni da mettere in discussione la logica fondamentale della nostra economia: la crescita del PIL come priorità assoluta. “Non abbiamo intrapreso le azioni necessarie a ridurre le emissioni perché questo sarebbe sostanzialmente in conflitto con il capitalismo deregolamentato, ossia con l’ideologia imperante nel periodo in cui cercavamo di trovare una via d’uscita alla crisi. Siamo bloccati perché le azioni che garantirebbero ottime chance di evitare la catastrofe – e di cui beneficerebbe la stragrande maggioranza delle persone – rappresentano una minaccia estrema per quell’élite che tiene le redini della nostra economia, del nostro sistema politico e di molti dei nostri media.”La via d’uscita che intravede Naomi Klein non è una Green Economy all’acqua di rose, ma una trasformazione radicale del nostro stile di vita. “La buona notizia è che molti di questi cambiamenti non sono affatto catastrofici; al contrario, sono entusiasmanti”.

Azadi. Libertà, fascismo, fiction all’epoca del Coronavirus – Arundathi Roy

Azadi è la parola urdu per libertà: un inno, una preghiera. Ma anche un grido che ha invaso le strade del Kashmir – contro quella che è considerata l’occupazione indiana – e che poi ha trovato eco per le strade dell’India nella voce degli oppositori al nazionalismo indù. Nel momento in cui Arundhati Roy ha iniziato a chiedersi se ci fosse un collegamento tra queste due richieste di libertà, le strade e le piazze di tutto il mondo si sono zittite di fronte a un nemico invisibile e potentissimo, il Covid-19, che ha fermato l’intero pianeta come niente altro prima, rivelandone le ingiustizie e le contraddizioni. Tuttavia, sostiene l’autrice, ogni pandemia è un portale verso una realtà alternativa, un’occasione per ripensare il presente che ci siamo costruiti. Possiamo decidere di attraversarlo portandoci dietro le nostre guerre, i pregiudizi, gli odi, i fiumi e le foreste agonizzanti, nel desiderio di tornare alla normalità. Oppure possiamo attraversarlo alleggeriti, pronti a mettere in dubbio i valori che abbiamo seguito fino a oggi.

Storia Popolare dell’Impero Americano – Howard Zinn, Mike Konopacki, Paul Buhle

 Howard Zinn, nel suo classico Storia Popolare dell’Impero Americano presenta un’innovativa lettura della storia americana, ripercorrendo gli eventi dal punto di vista degli ultimi e dei subalterni: i veri protagonisti misconosciuti. Questa versione del libro è arricchita dai disegni e dalle vignette di Mike Konopacki e Paul Buhle, che riescono a trasmettere con maestria questo nuovo punto di vista con le loro illustrazioni in bianco e nero.

Partendo dall’aftermath dell’11 Settembre, comincia una narazzione che ripercorre la storia degli stati uniti d’america a partire dalla conquista della frontiera fino alla guerra globale permanente, passando per l’invasione delle Filippine, la crisi del ’29 e le bombe atomiche. Il tutto è raccontato “dal basso”, dalle voci di nativi, schiavi in fuga, soldati neri nella guerra ispano-americana, minatori in lotta, sindacalisti, militanti per la pace e vittime della guerra, presentando una lettura nuova di eventi conosciuti, ma mettendo anche in luce capitoli dimenticati di una storia tutt’altro che felice.

A Planet to Win –  Kate Aronoff, Alyssa Battistoni, Daniel Aldana Cohen, Thea Riofranco

«Nel XXI secolo, tutta la politica è politica climatica».

A Planet to Win esplora il potenziale politico e i primi passi concreti di un Green New Deal. Chiede a gran voce lo smantellamento dell’industria dei combustibili fossili, la costruzione di splendidi paesaggi di energia rinnovabile, insieme alla garanzia di lavoro ecosostenibile, di alloggi a emissioni zero e di trasporti pubblici gratuiti. E mostra come un Green New Deal negli Stati Uniti d’America possa rafforzare i movimenti per la giustizia climatica in tutto il mondo.

«La radicalità è condizione per rendere il Green New Deal popolare, un programma per le masse popolari contrapposte a una ristretta élite»

articoli

Di perquisizioni e imbrattamento .. e la guerra?

DI PERQUISIZIONE E IMBRATTAMENTO ... E LA GUERRA? Comunicato sulle perquisizioni di questa mattina contro studentesse e student* del Coordinamento Dei Collettivi Studenteschi , del Cantiere Milano e del movimento milanese contro la Guerra al futuro. Ci sono 59 guerre...

Spazio di Mutuo Soccorso in Festa! 5-6-7-8 maggio

La festa continua! Vi aspettiamo a SMS per l'ultima giornata con le attività in programma.  Immagini della festa  5, 6, 7, 8 Maggio Mutuo Soccorso in festa Per festeggiare i 9 anni dello spazio di Mutuo Soccorso, di lotta per il diritto all’abitare, di pratiche...

25 Aprile 2022 – La resistenza è diserzione

"Disertori", "ribelli", "sabotatori", così venivano chiamatə le partigiane e i partigiani dalla propaganda fascista della RSI. La resistenza era formata da disertori e sbandati, non da un eserciti e militari. Resistere significava scappare, evitare la leva...

#SafePassage – E’ partita la seconda missione * PACE DISARMO FUTURO * #stopwar

La carovana #SafePassage di Mediteranea Saving Humans riparte per la seconda missione. A una settimana dal ritorno della prima missione i van sono di nuovo carichi per portare ulteriori aiuti umanitari nella città di Leopoli, sono pronti a riportare al sicuro le...

Milano in piazza ogni Sabato contro la guerra!

OGNI SABATO, H.15 @ LARGO CAIROLI: CORTEO CITTADINO "MILANO CONTRO LA GUERRA"  Tutti i sabati Milano in piazza contro la guerra!   Pace. Disarmo. Futuro. Ci siamo battuti in ogni occasione per la Pace, eppure i conflitti sono aumentati. Forse perché è stato perso...

#SafePassage: parte la seconda missione.

La carovana #SafePassage di Mediteranea Saving Humans riparte per la seconda missione.   Dopo l'ottimo risultato della scorsa settiamana i van sono di nuovo carichi per portare ulteriori aiuti nella città di Leopoli e riportare al sicuro le persone che fuggono d...

Raccolta Solidale a SMS per la Missione #SAFEPASSAGE

MEDITERRANEA FOR UKRAINE: #SAFEPASSAGE Mediterranea Saving Humans si occupa dal 2018 di osservazione e monitoraggio, ricerca e soccorso a tutela dei diritti umani nel Mediterraneo Centrale. Il prossimo 21 marzo, con la nostra nave Mare Jonio, salperemo per la nostra...

25/3 – Global Strike contro la guerra di Fridays for Future

Venerdì 25 Marzo, ore 9:30 Largo Cairoli Corteo studentesco contro la guerra per il #GlobalStrike di Fridays For Future #PeopleNotProfit"Di fronte ad ogni guerra una sola parola è giusta ed una sola azione è degna: la parola è NO, l’azione è ribelle." LA GUERRA CI FA...

LE MOBILITAZIONI NON SI FERMANO: Scuole occupate contro la guerra!

LE MOBILITAZIONI NON SI FERMANO Continuano le occupazioni delle scuole superiori di Milano, con una rivendicazione centrale: siamo contro la guerra. La mobilitazione studentesca contro la guerra è PERMANENTE, e andrà avanti fino alla fine del conflitto. Continueremo...

Mobilitazione permanente studentesca contro la guerra

Oggi, noi studentesse e studenti del Coordinamento dei Collettivi Studenteschi di Milano e Provincia, siamo stati davanti alla sede di UniCredit in piazza Gae Aulenti per denunciare chi fa profitto finanziando guerre ed eserciti e per opporci al conflitto armato....

eventi

3.06.2022 – Sapore di Trash w/ Red Gipsy, ITB & Los Machetes

3.06.2022 - Sapore di Trash w/ Red Gipsy, ITB & Los Machetes👉🏽VEN 3👈🏽 ➖SAPORE DI TRASH➖ 🔺LOVE MUSIC HATE FASCISM🔻   Sul palco del Cantiere ritorna un po’ di sana trash per farci ballare indecorosə e divertitə.  Dai remix più pazzi alle canzoni che canteremo a...

Decolonize the City w/ Sayri

Decolonize the City w/ Sayri @Cantiere“Il perreo è come una tecnologia, un modo di vivere il nostro presente, la connessione del passato e del futuro attraverso il rituale” @idkebra Rivendichiamo la forza della distruzione di cui è costituita ogni nostra resistenza....

4.06.2022 – DischiVolanti – Urban Episode

DischiVolanti - Urban Episode⚠️SAB 4⚠️ 👽DISCHI VOLANTI👽 🔹URBAN EDITION🔹   ❗️Sabato 4 giugno al Cantiere torna DischiVolanti, il party vinilico più ribelle della città! ❗️Questa volta i nostri DJs ci delizieranno in una session tutta dedicata alla musica urban,...

28/05 BUSS A VIBE – Dancer Invasion w/ Aurora Rah & Royal Vibes

28/05 BUSS A VIBE Dancers' Invasion w/ Aurora Rah & Royal VibesDANCERS, PAY ATTENTION‼️ Sabato 28 maggio ci sarà un'edizione speciale delle BUSS A VIBE NIGHTS 😏 🔥 DANCERS' INVASION EDITION 🔥 Dopo il workshop di @aurorarah allo @spaziomutuosoccorso continuiamo con...

20/05 – Dischi Volanti @Cantiere

22/05 - Dischi Volanti @Cantiere🔥VENERDÌ 20🔥👽DISCHI VOLANTI👽 🔹Venerdì 20 maggio balliamo a ritmo di vinile!Vieni a scoprire il mercatino del vinile in cui rovistare e trovare chicche a prezzi Pop.Oltre alla buona musica troverai un aperitivo con le birre del Gruppo di...

SERATA STUDENTESCA SABATO 30 APRILE

Per sostenere le mobilitazioni studentesche dei collettivi studenteschi, torna in Cantiere la musica dal vivo degli Youngover, lo stoner punk degli Empty Stomach, l'hardcore dei Drunken Unicorns e il punk brianzolo antifa dei Medium Beer, per la festa del collettivo...

Cena messicana per le spese legali del Cantiere

❗CENA MESSICANA PER LE SPESE LEGALI DEL CANTIERE❗ In occasione dell’anniversario della morte di Emiliano Zapata, rivoluzionario messicano che guidò la ribellione contro i latifondisti del Morelos per i diritti dei nativi, deceduto il 10 aprile 1919, questa domenica 10...

Serata Studentesca – 9 Aprile 2022

TORNA IN CANTIERE LA MUSICA DAL VIVO DI CULT OF THE SUN E EMPTY STOMACH CI VEDIAMO SABATO 9 APRILE PER UNA SERATA STUDENTESCA PER SOSTENERE LE MOBILITAZIONI CONTRO LA GUERRA DEL COORDINAMENTO DEI COLLETTIVI STUDENTESCHI 🤘NO SEXISM🤘NO RACISM🤘NO HARD DRUGS...

RADICI SCOPERTE: serata palestinese al Cantiere.

Le associazioni "Giovani Palestinesi d'Italia" e "Giovani e Palestina" presentano l'evento "RADICI SCOPERTE": in occasione della Giornata della Terra (Yom Al Ard) e della Israeli apartheid week, vi invitiamo a scoprire la Palestina dalla storia della sua terra e del...

Dischivolanti – Love Music Hate Bombs

LOVE MUSIC HATE BOMBS VENERDÌ 25DISCHI VOLANTICRAZY VINYL PARTY Venerdì 25 marzo, dopo lo sciopero globale contro la guerra di Fridays For Future, l'appuntamento con i migliori vinili della galassia. Vieni a scoprire il mercatino del vinile in cui rovistare e trovare...

approfondimenti

SPECIALE STOP WAR: Di fronte ad ogni guerra la parola NO e l’azione Ribelle

CLICCA e vai alla raccolta di contributi, approfondimenti e call to action #STOPTHEWAR!   di seguito intanto trovi il nostro contributo. Per seguirci @cantieremilano su twitterDi fronte ad ogni guerra c’è solo una parola degna e una azione conseguente, la parola...

Quale libertà?

Già da quest’estate manifestazioni e proteste contro il Green pass si sono verificate in molte città d’Italia.A nostro parere la contrapposizione tra libertà individuale e la libertà coniugata con la solidarietà e la responsabilità sociale è il discrimine attraverso...

Da Milano al Messico, “EL AGUA ES DEL PUEBLO”, #FueraBonafont! – azione solidale per l’acqua

#boycottdanone FUERA BONAFONT [ITALIANO] Oggi, 11 giugno, a 10 anni dal referendum contro la privatizzazione dell'acqua, siamo stati davanti alla sede del gruppo Danone, di cui fa parte Bonafont, e abbiamo lasciato davanti all’ingresso della loro sede vernice rossa a...

Pueblos Zapatistas Unidos contro il furto dell’acqua: #FueraBonafont

“Bonafont” è una impresa legata al gruppo francese “Danone” che si dedica all’imbottigliamento dell’acqua. Dal 1992 Bonafont si è installata nel territorio di Puebla, in Messico, senza che le popolazioni locali venissero in alcun modo consultate dallo Stato, che ha...

No Profit On Pandemic!

Nessun profitto sulla pandemia. Cure e vaccini per ciascun* ovunque e gratuiti.Durante entrambi gli incontri affronteremo, da vari punti di vista, la battaglia che vede contrapposti grandi attori globali di fronte alla sfida delle vaccinazioni contro il Covid 19 e le...

Restituiteci Sankara.

Restituiteci Sankara.L’Africa non è una macchia nella cartina del mondo, non può essere rimossa. Esiste non molto lontano, a due passi dal mare, che si chiama Africa. L'opinione pubblica europea sa che da lì partono le imbarcazioni dei migranti, in fuga dalla...

Vive la Commune!

150 anni fa, una delle più straordinarie esperienze rivoluzionarie della storia contemporanea: la Comune di parigi. Sconfitta dalle armi dell'esercito del Kaiser ha lasciato un'eredità raccolta per tutto il secolo successivo da chi ha alzato la Bandiera Rossa per la...

Un altro mondo è possibile: a 19 anni da Genova.

STOP GLOBAL WAR: AVEVAMO RAGIONE NOI. Non dimenticare genova per continuare a costruire altri mondi possibili. Nel 2001 a Genova migliaia e migliaia di persone da tutto il mondo invasero le strade contro il g8, il vertice dei "grandi potenti" del mondo. Era il...

Contro le passioni tristi, le sardine urtano il populismo

Di MARCO BASCETTA Nel cercare di comprendere la natura dei movimenti, la loro direzione di marcia, il posto che occupano nella sfera politica si rischia sempre di essere prematuri o inattuali. Del resto ogni movimento sociale è attraversato da flussi emotivi e bisogni...

In Cile il neoliberismo è in crisi

In Cile si sintetizza una combinazione esplosiva di un libero mercato senza anestesia e una democrazia completamente delegittimata, che conserva solo il suo nome. È degenerato in una plutocrazia che, fino a pochi giorni fa - ma non più - è stata misurata dalle...