CANTIERE.ORG

CANTIERE

.ORG

Domenica 6 giugno ore 15.00 | Presidio alla Sede di Facebook in Piazza Missori Negli algoritmi di Facebook e di Instagram – le piattaforme maggiormente utilizzate nel mondo - c’è qualcosa che non va. Nel corso degli anni, decine di profili facebook pubblici e privati sono stati oscurati dall'algoritmo della piattaforma creata da Mark Zuckenberg nel 2004, imponendo argomentazioni unilaterali e parziali sulle questioni come la lotta del popolo curdo.

Si tratta di una guerra che si sta combattendo in campo militare ed economico, ma anche in quello dell’informazione.
Erdogan ha ricevuto contestazioni da tutto il mondo e mai come oggi ha bisogno di costruirsi un profilo più piacente, in patria e all’estero. Il fatto che i social siano contenitori dove oggi viene veicolata la maggior parte dell’informazione, e dove viene quotidianamente applicata la censura dell’algoritmo, elimina chi racconta le atrocità ai danni delle popolazioni del Rojava, e non fa altro che alimentare il gioco del despota turco.
Rete Kurdistan Milano.
Pensare che l’accessibilità a certi contenuti dipenda dalla discrezionalità di un’azienda privata quale è Facebook è un qualcosa che non mina e danneggia ulteriormente la libertà di espressione; in un momento storico in cui la maggiorparte delle persone leggono notizie trovate sui social network, non si possono ignorare le conseguenze del filtro che questi applicano sull’informazione.
In un periodo storico dove le notizie – selezionate dagli algoritmi di Zuckemberg – girano alla velocità della luce, noi vogliamo manifestare davanti agli uffici Facebook per raccontare ciò che sta succedendo in Medio Oriente.
Il 24 aprile, anniversario del genocidio degli armeni, la Turchia ha iniziato una vasta operazione per occupare le montagne del Kurdistan Iracheno il cui messaggio è : ”Come abbiamo fatto con gli armeni faremo con i curdi”.
Per questo colpiscono al cuore il movimento di liberazione, perché la resistenza curda rimane il più grande ostacolo per l’espansionismo neo-ottomano della Turchia in Iraq e in Siria.
Per questo inaspriscono l’isolamento di Abdullah Ocalan, perché senza di lui e senza il PKK, l’ISIS non sarebbe stato sconfitto e non ci sarebbe stato un autogoverno rivoluzionario ispirato ai principi della centralità delle donne, della democrazia diretta e dell’economia egualitaria. Non ci sarebbe stata la Rivoluzione del Rojava.
Decine di migliaia di membri dell’ISIS si sono riversati in Siria e Iraq attraverso i confini turchi.
Gli attacchi della Turchia e delle sue bande contro la Siria del nord e dell’est stanno cambiando la struttura demografica della regione. Ad Afrin sono stati uccisi centinaia di civili, migliaia sequestrati e torturati, uliveti e siti storici distrutti e centinaia di migliaia di persone costrette alla fuga. Lo stesso è successo a Serekaniye e Gire Spi e da più di un anno continuano gli attacchi contro Ain Issa, Sehba e Til Temir.
L’obiettivo e arrivare dove ISIS non è arrivato, invadere Kobane.
Nelle zone controllate dalle truppe di occupazione turco-jihadiste, arabi, armeni, ceceni, circassi, curdi, ezidi, siriaci, suryoye (aramei, assiri e caldei) e turkmeni, convivevano attraverso un auto-organizzazione democratica.
Il cambiamento demografico forzato mira ad indebolire il confederalismo democratico creato da questi popoli, privandoli delle proprie radici.
Attraverso l’aggiornamento della ‘cintura araba’ creata dal regime siriano nel 1962 per decurdizzare la regione, Erdogan punta a un nuovo cambiamento demografico con la creazione di una ‘cintura turca salafita’
Ha messo insieme dozzine di gruppi tra cui Al-Qaida e la Fratellanza Musulmana e sta trasformando le zone occupate in centri in cui addestrare i suoi mercenari e mandarli nel mondo come ha già fatto in Libia e in Nagorno Karabakh contro gli armeni,e come sta facendo ora in Iraq contro la guerriglia del PKK.
Il Partito KDP di Barzani, che governa la regione del Kurdistan Iracheno per conto della Turchia e dei poteri internazionali, oltre a non opporsi agli attacchi transfrontalieri collabora anche al progetto di pulizia etnica nei confronti della comunità Ezida di Shengal, area che i peshmerga del KDP hanno scelto di abbandonare all’approssimarsi dell’ISIS.
Gli Ezidi da allora hanno realizzato un’amministrazione auto-organizzata, consigli femminili autonomi e forze di autodifesa che la Turchia, dopo aver effettuato numerosi attacchi aerei contro Shengal, mira a distruggere tramite l’Accordo di Sinjar tra KDP e governo iracheno.
In Turchia più di 60 sindaci curdi sono stati arrestati e il controllo delle municipalità assegnato a commissari fiduciari del governo turco. Erdogan ha fatto lo stesso con i rettori delle università. Gli studenti dell’università del Bosforo a Istanbul sono stati arrestati in massa per le loro proteste.
Migliaia di dirigenti e militanti del partito HDP sono in carcere, 108 di loro sono imputati nel ‘Processo Kobane’ per le proteste contro l’assedio della città da parte di ISIS nel 2014.
Con il ritiro dalla Convenzione di Istanbul e la procedura di chiusura contro l’HDP, gli ultimi pezzi di democrazia e diritti umani rimasti in Turchia verranno distrutti.
Kobane è stata la prima sconfitta inferta al califfato e ora il califfo Erdogan vuole vendicare questa sconfitta.Per fare questo deve eliminare le conquiste della Rivoluzione del Rojava a cui hanno preso parte e per cui hanno donato la vita partigiani di tutto il mondo.
La resistenza di Kobane e la nuova ondata internazionalista che lì è cominciata, hanno mostrato che la lotta partigiana, la presa di posizione nella storia a fianco dei popoli in lotta non può essere sconfitta dagli eserciti e gli accordi delle potenze mondiali.
Se Facebook continua a dichiarare da sempre di agire in nome della neutralità allora deve rimuovere l’algoritmo che censura le notizie dei popoli che lottano per autodeterminarsi, in Medio Oriente come in Sud America, in Africa come in Europa.
Basta con l’oscuramento delle pagine solidali con la lotta internazionalista del popolo curdo, basta con la cancellazione di profili pubblici o privati “colpevoli” di aver pubblicato anche solo il volto del leader del popolo curdo Ocalan.

articoli

Per un 25 Aprile di Liberazione: Resistenza, Diserzione, Decolonialità

Per un 25 Aprile di Liberazione, disertiamo la guerra. Siamo partigian3, dalla parte della resistenza palestinese! Palestina Libera

SMS in Festa! 11 Anni di Mutuo Soccorso

Dal 2 al 5 Maggio, SMS in festa! 11 anni di mutuo soccorso, 4 giorni di festival: concerti, dibattiti, sport, cibo e socialità, in Piazza Stuparich 18.

19A Global Strike di Fridays For Future

19 Aprile – 9:30 Largo Cairoli – Global Strike di Fridays For Future! – #FreePalestine – #ClimateJusticeNow – #BoycottGenocide – #BoycottFossilCapitalsim

8M #lungavitasms, difendiamo gli spazi transfemministi

  MUTUO SOCCORSO È SORELLANZA Lo Spazio di Mutuo Soccorso si prepara alla giornata del #LottoMarzo. Giovedì 7 marzo dalle 16:00 - Laboratorio scenografie: prepariamo insieme cartelli, striscioni, cori, panuelos per i cortei dello sciopero. - Vieni a conoscere i...

24 Febbraio Corteo Nazionale #FreePalestine

Sabato 24 Febbraio – Ore 14:30 – Piazzale Loreto
Corteo nazionale contro il genocidio del popolo Palestinese
Segui lo spezzone Decolonize!

Otto Marzo 2024 – Corteo Studentesco

Lotto Marzo! – Venerdì otto Marzo corteo studentesco e dello sciopero – ore 9:30 largo Cairoli – #NonUnaDiMeno #Student3Disobbedient3

Memori(a)E: sostantivo plurale, verbo attivo. 2024.

A cosa serve la memoria? La memoria, o meglio, le memorie degli orrori del passato devono servire a fermare immediatamente i genocidi del present

Iniziativa in Unimi per la laurea di Liliana Segre #GiornataDelleMemorie

Giornata della memoria - Iniziativa in Unimi "L'indifferenza è peggiore della violenza." -Liliana segre Queste le parole di Liliana Segre con cui abbiamo voluto accoglierla all'università statale di Milano, come studenti non indifferenti. Ricordare i genocidi della...

Incontro: memorie Antifasciste per un futuro di libertà

Domenica 28 Gennaio Memorie Antifasciste per un futuro di Libertà Incontro con Franco "Bifo" Berardi e Alessia Manera A seguire Polentata: cena per le spese legali del Cantiere! Il 27 gennaio venne istituita la Giornata della Memoria, per fare i conti su un passato...

Lunga Vita SMS: giornata resistente allo Spazio di Mutuo Soccorso

#LUNGAVITASMS Lo Spazio di Mutuo Soccorso è una casa per chi, tra le speculazioni milanesi e la svendita dell’edilizia pubblica, una casa non la può avere. Lo Spazio di Mutuo Soccorso è riqualificazione dal basso, auto recupero e trasformazione dello spazio urbano, su...

eventi

iN/Stabile: NarrAzione di Comunità.

iN/Stabile: NarrAzione di Comunità Giovedì 2 maggio, h.19, grande inaugurazione e vernissage della mostra immersiva e comunitaria! Lo Spazio di Mutuo Soccorso compie 11 anni.Per l'occasione, abbiamo deciso di narrarci, e trasformare il mondo attraverso la parola,...

SMS in Festa! 11 Anni di Mutuo Soccorso

Dal 2 al 5 Maggio, SMS in festa! 11 anni di mutuo soccorso, 4 giorni di festival: concerti, dibattiti, sport, cibo e socialità, in Piazza Stuparich 18.

20 Aprile, Serata Groove w/Paprika

20 Aprile 2024 – Serata solo Groove w/Paprika @Cantiere, Via Monterosa 84

Cena di primavera per le spese legali del Cantiere.

Cena di primavera per le spese legali del Cantiere! Domenica 14 aprile 2024 dalle 20:00

Sabato 13/4: Stay Punk Stay Antifa!

Stay Punk Stay Antifa!
sabato 13 aprile 24
Dirty Noise, Punk-o-Mat, Fondamenta Nuove
dalle 22 @Cantiere, via Monterosa 84

12 Aprile: Spettacolo “Una lepre con la faccia di Bambina”

H. 18:30 presentazione dello Strike del 19A con FridaysForFuture Milano;
H. 20:00 Cena veg;
H. 22:00 Spettacolo “Una Lepre con la faccia di Bambina

6/4 DecolonizeTheCity presenta: Krash!

Krash! Ballroom Party Sabato 6 Aprile.
Approda al Cantiere una serata dedicata alla Ballroom scene!
#DecolonizeTheCity

23/3 Vaeva, Youngover, Narratore Urbano Live @Cantiere

Ama la musica, odia il fascismo!
Sabato 23 Vaeva, Narratore Urbano e Youngover live @Cantiere

23F Preparazione Corteo e Proiezione “A World Not Ours”

h. 16 preparazione corteo
h. 20 cena sociale
h.21:30 proiezione di A World Not Ours

“Fare Comunità nei margini della città”: tour immersivo e cena sociale a SMS per il World Antropology Day!

"Fare Comunità nei margini della città" Tour Immersivo e cena sociale allo Spazio di Mutuo Soccorso in occasione del World Anthropology Day 2024. Giovedì 15 febbraio H.18.00 tour immersivo allo Spazio di Mutuo Soccorso H.20.00 cena sociale con piatti dal mondo...

approfondimenti

“Al lavoro! Priorità, sicurezza, diritti”

Al lavoro! Il nuovo governo si è già messo al lavoro.  Oh, finalmente. Certo, perchè con tutti i problemi che abbiamo in questo Paese, non c'era da perdere tempo. C'è la guerra e la bomba atomica viene seriamente presa sul serio dai potenti della guerra. C'è una crisi...

SPECIALE STOP WAR: Di fronte ad ogni guerra la parola NO e l’azione Ribelle

CLICCA e vai alla raccolta di contributi, approfondimenti e call to action #STOPTHEWAR!   di seguito intanto trovi il nostro contributo. Per seguirci @cantieremilano su twitterDi fronte ad ogni guerra c’è solo una parola degna e una azione conseguente, la parola...

Quale libertà?

Già da quest’estate manifestazioni e proteste contro il Green pass si sono verificate in molte città d’Italia.A nostro parere la contrapposizione tra libertà individuale e la libertà coniugata con la solidarietà e la responsabilità sociale è il discrimine attraverso...

Da Milano al Messico, “EL AGUA ES DEL PUEBLO”, #FueraBonafont! – azione solidale per l’acqua

#boycottdanone FUERA BONAFONT [ITALIANO] Oggi, 11 giugno, a 10 anni dal referendum contro la privatizzazione dell'acqua, siamo stati davanti alla sede del gruppo Danone, di cui fa parte Bonafont, e abbiamo lasciato davanti all’ingresso della loro sede vernice rossa a...

Pueblos Zapatistas Unidos contro il furto dell’acqua: #FueraBonafont

“Bonafont” è una impresa legata al gruppo francese “Danone” che si dedica all’imbottigliamento dell’acqua. Dal 1992 Bonafont si è installata nel territorio di Puebla, in Messico, senza che le popolazioni locali venissero in alcun modo consultate dallo Stato, che ha...

No Profit On Pandemic!

Nessun profitto sulla pandemia. Cure e vaccini per ciascun* ovunque e gratuiti.Durante entrambi gli incontri affronteremo, da vari punti di vista, la battaglia che vede contrapposti grandi attori globali di fronte alla sfida delle vaccinazioni contro il Covid 19 e le...

Restituiteci Sankara.

Restituiteci Sankara.L’Africa non è una macchia nella cartina del mondo, non può essere rimossa. Esiste non molto lontano, a due passi dal mare, che si chiama Africa. L'opinione pubblica europea sa che da lì partono le imbarcazioni dei migranti, in fuga dalla...

Vive la Commune!

150 anni fa, una delle più straordinarie esperienze rivoluzionarie della storia contemporanea: la Comune di parigi. Sconfitta dalle armi dell'esercito del Kaiser ha lasciato un'eredità raccolta per tutto il secolo successivo da chi ha alzato la Bandiera Rossa per la...

Un altro mondo è possibile: a 19 anni da Genova.

STOP GLOBAL WAR: AVEVAMO RAGIONE NOI. Non dimenticare genova per continuare a costruire altri mondi possibili. Nel 2001 a Genova migliaia e migliaia di persone da tutto il mondo invasero le strade contro il g8, il vertice dei "grandi potenti" del mondo. Era il...

Contro le passioni tristi, le sardine urtano il populismo

Di MARCO BASCETTA Nel cercare di comprendere la natura dei movimenti, la loro direzione di marcia, il posto che occupano nella sfera politica si rischia sempre di essere prematuri o inattuali. Del resto ogni movimento sociale è attraversato da flussi emotivi e bisogni...