Il “Dito” si tinge di fuxia: per una città antirazzista e transfemminista verso l’8 marzo

#Decolonizethecity: per una città antirazzista e transfemminista, verso lo sciopero de #lottomarzo

 Eccoci. Davanti alla Borsa, quel dito medio alzato oggi è fucsia.

La Borsa è un istituto finanziario nato per prevedere e speculare sull’andamento del mercato. Nata precisamente per speculare sul furto e sull’accumulo, sull’estrazione di beni e risorse dalle terre colonizzate e dai corpi razzializzati e delle donne.

È dal 1492, dall’inizio dello sterminio delle Americhe che questo processo non si è mai fermato.

Nel corso delle espansioni coloniali, le compagnie delle indie, i soldati, i coloni facevano il lavoro sporco di stupro e di rapima, le banche e la finanza lo facevano fruttare.

 Tra il 1640 e il 1660, la Gran Bretagna godette dei maggiori benefici del mercantilismo.

Durante questo periodo, la politica economica maggiormente condivisa prevedeva che le colonie dell’impero fornissero materie prime e diventassero luogo di vendita dei prodotti finiti. I coloni si imponevano come unico tramite per i territori colonizzati.
Si pensava, anzi si era scelto, che nessun paese ce l’avrebbe fatta senza risorse coloniali.
Un legame a doppio filo che continua ancora oggi.
La finanza nasce sul furto e lo stupro, sulla schiavitù e sulla sottomissione di corpi e terre.

Questo processo è in corso ancora oggi, con il land e water grabbing e l’estrazione criminale di combustibile fossile e materiali preziosi in tutto il mondo, con guerre sporche e moderne tratte di schiavi da una costa all’altra degli oceani e del Mediterraneo.

I corpi delle donn*, dei popoli originari, dei neri, degli sfruttati ad ogni latitudine continuano ad essere carne viva delle speculazioni economiche e finanziarie, compreso in Italia, dove sono le persone più impiegate nei lavori definiti “essenziali” (su 10 persone contagiate dal covid sul posto di lavoro 7 sono donne, 8 Se migranti), ma anche le più sacrificabili (tra il 70% e il 90% di chi ha perso il posto di lavoro nell’ultimo anno).

Ecco perché stamattina il dito medio puntato contro la finanza è fuxia: perché decolonizzare la città significa anche colorarla della nostra rabbia.

Verso l’8 marzo, la campagna #decolonizethecity rivendica una città e un mondo senza oppressioni di genere e colore.

Ringraziamo Ivan per la realizzazione dell’opera, inserita nella campagna #decolonize the city e dedicata a #nonunadimeno verso lo sciopero transfemminista globale dell’8 marzo.

Post sctiptum, dall’Esercito Zapatista di Liberazione Nazionale.

La aberración del sistema y su estúpida defensa del “progreso” y la “modernidad” se estrella contra una realidad criminal: los feminicidios. El asesinato de mujeres no tiene color ni nacionalidad, es mundial.

Y la “civilización” parece decirnos a los pueblos originarios: “la prueba de tu subdesarrollo está en tu baja tasa de feminicidios.
Ezln.

#DECOLONIZETHECITY: TOPONOMASTICA TRANSFEMMINISTA E ANTIRAZZISRA A MILANO

La scelta dei nomi della toponomastica ufficiale, esclude e silenzia molteplici nomi e storie.

Persone migranti, persone non bianche, Rom, persone lgbtquia+ e donne non fanno parte delle vie della nostra città, si è preferito dedicarne a fiori e arbusti.

Quando compaiono nomi di luoghi oltre confine, si tratta spesso di città e simboli che celebrano le gesta del colonialismo italiano, senza critica nè contesto.

Come è possibile non chiedersi cosa provano le donne di fronte al monumento che ritrae il Cavour con una donna affacciata ai suoi piedi, oppure le ragazze e donne milanesi di origine Eritrea che fanno una passeggiata ai giardini Indro Montanneli, che praticò e rivendicò il madamato?

Nella città transfemminista e antirazzista che vogliamo, la toponomastica è uno strumento per contrastare la cultura della violenza attraverso la memoria e la conoscenza di altre Storie.

Se queste strade non fossero dedicate a colonialisti e stupratori forse sarebbe anche meglio.

LEGGI ANCHE LO SPECIALE SUL #LOTTOMARZO

Mobilitazioni

Global Climate Strike – Venerdì 22 Ottobre 2021

Global Climate Strike – Venerdì 22 Ottobre 2021

GLOBAL CLIMATE STRIKE #UpRootTheSystemVenerdì 22 Ottobre sarà il prossimo #GlobalClimateStrike lanciato da Fridays for Future con le parole d'ordine #UpRootTheSystem, sradichiamo il sistema. Viviamo...

Chiudere le organizzazioni neofasciste subito!

Chiudere le organizzazioni neofasciste subito!

Oggi, Giovedì 21 Ottobre, la Milano Antifascista si è ritrovata davanti a Palazzo Marino, in occasione del primo consiglio comunale. I consiglieri comunali Valcepina, Sardone, Pavesi, Piscina e...

Eventi

Dischi Volanti Venerdì 22 Ottobre

Dischi Volanti Venerdì 22 Ottobre

VENERDÌ 22 OTTOBREDISCHI VOLANTIONLY VINYL DJ SETMERCATINO DEL DISCO USATOBIRRE E VINI ARTIGIANALI DIRETTAMENTE DAL @GASP Venerdì torna a grande richiesta la serata a base vinilica che anima il...

Ecologia Shock: incontro con Bifo e Kali Akuno

Ecologia Shock: incontro con Bifo e Kali Akuno

Sabato 23 Ottobre #UPROOTTHESYSTEM Un incontro con Franco Berardi "Bifo", agitatore culturale, e Kali Akuno, attivista della Cooperation Jackson (USA) per immaginare insieme come sradicare un...