CANTIERE.ORG

CANTIERE

.ORG

28 novembre – Non Una Di Meno torna in piazza per la giornata mondiale contro la violenza maschile sulle donne e la violenza di genere: se ci fermiamo noi, si ferma il mondo!

➡️  DALLE 15.00: PIAZZA CITTà DI LOMBARDIA – performance pubblica e collettiva

h 15.00: Marea fucsia – parole e voci dalla città transfemminista

h 16.00: Ni una menos – https://youtu.be/m38_EPrpfrg

h 16.30: Suoniamogliele – tamburata transfemminista (porta un tambuto .. o qualcosa di simile!)

P.S: La manifestazione si svolgerà nel rispetto delle misure di sicurezza. Porta la mascherina, mantieni la distanza di sicurezza, abbi cura di chi ti circonda.

25 e 28 novembre – Non Una Di Meno in piazza per la giornata mondiale contro la violenza maschile sulle donne e la violenza di genere: se ci fermiamo noi, si ferma il mondo!

? Per un piena garanzia del diritto alla salute
? Per un reddito di autodeterminazione e di emergenza
? Per il contrasto della violenza maschile sulle donne e di genere

A MILANO COSTRUIAMO LA ZONA FUCSIA!

➡️ MERCOLEDì 25 NOVEMBRE
PER TUTTA LA GIORNATA – Volantinaggio di prossimità nei quartieri: stampa i materiali che trovi sulla nostra pagina (locandine, volantini kit) e distribuiscili nel tuo quartiere!
Se vuoi condividere le immagini:
♦ Mandacele via mail nonunadimenomilano@gmail.com
♦ Postale sui social con #25NMilano
♦ Taggaci nelle tue stories IG @nonunadimeno.milano

15.15 via Speronari 8 (Duomo): CONFERENZA STAMPA (per info scrivete a nonunadimenomilano@gmail.com)

LEGGI IL TESTO DI NON UNA DI MENO MILANO

Visto i femminicidi avvenuti negli 87 giorni di lockdown totale (9 marzo – 3 giugno 2020): 44 in totale, uno ogni due giorni, tre volte più del resto dell’anno.
Visto i femminicidi nel resto dell’anno: 60.
Visto le violenze sessuali: 6 milioni 788 mila donne hanno subìto nel corso della propria vita una qualche forma di violenza fisica o sessuale, i cui 1 milione 157 mila è stata stuprata.
Visto le violenze sessuali e le torture subite dall’89% delle donne migranti arrivate in Italia.
Visto le aggressioni omo-lesbo-transfobiche, in media 187 all’anno, una violenza ogni due giorni.
Visto gli attacchi e i tagli ai centri antiviolenza basati sul consenso e la libera autodeterminazione e la mancanza di consultori laici, gratuiti e autogestiti e non binari.
Visto le molestie sul lavoro: un milione 404mila le donne che nel corso della loro vita lavorativa hanno subito molestie fisiche o ricatti sessuali sul posto di lavoro. (il 9% delle lavoratrici).
Visto le 2 milioni 277mila donne che vivono sotto la soglia della povertà, il gender gap al 70%, le mamme (1 su 3) che rischiano di lasciare il lavoro in lockdown, l’esclusione dal mondo di lavoro dei 2/3 delle donne e dell’80% delle donne trans.
Visto il lavoro domestico e di cura che pesa ancora sulle donne al 76,2% e l’aumento durante la D.A.D. (in media 4 ore al giorno per aiutare i figl* nello studio, ore che aumentano notevolmente in relazione all’età e all’autonomia dei figl*).
Vista la percentuale nazionale degli obiettori di coscienza: il 68,4% tra i ginecologi, al 45,6% tra gli anestesisti e al 38,9% tra il personale non medico e le gravi limitazioni all’ivg in lockdown
Vista l’insufficienza di educazione sessuale orientata al piacere, al desiderio e al consenso nelle scuole, nonché la sua eliminazione completa nella D.A.D.

COSTRUIAMO LA ZONA FUCSIA

1. Piena garanzia del diritto alla salute:
a) in zona fucsia ci sono finanziamenti adeguati per la sanità, sia per sostenere l’emergenza COVID sia per tutte le altre necessità mediche. Le terapie intensive, i medic* e i respiratori bastano per tutte le persone ammalate. La sanità privata è precettata (per sempre) per sostenere gli sforzi della pubblica e pagare 100 euro per un tampone o per una visita in tempi ragionevoli non è una scelta obbligata (io metterei: non accadrà più).
b) In zona fucsia i reparti covid funzionano indipendentemente dalla medicina ordinaria e l’emergenza non rallenta qualsiasi altra visita e terapia.
c) in zona fucsia l’interruzione volontaria di gravidanza è garantita, senza obiezione di coscienza nè cimiteri per feti, anche in tempo di pandemia.
d) In zona fucsia la prevenzione e la cura si basano sulla medicina territoriale, su consultori laici, gratuiti e transfemministi in ogni quartiere.
e) in zona fucsia le persone impegnate in prima linea nei lavori di cura non vengono elogiate per il proprio “sacrificio”, ma messe in condizione di lavorare in sicurezza e adeguatamente retribuite.

2. Reddito di autodeterminazione e di emergenza:
a) in zona fucsia è garantito un Reddito di emergenza per superare lockdown e crisi con dignità. Non esiste alcun ricatto tra salute e reddito.
b) in zona fucsia è garantito un Reddito di autodeterminazione per fuoriuscire dalla violenza maschile contro le donne e di genere, altrimenti difficile in mancanza di autonomia economica che permetta una nuova casa, il mantenimento proprio e, in caso, delle e dei figl*.
c) in zona fucsia il reddito di autodeterminazione e di emergenza è garantito dalla patrimoniale, che tassa gli ultra- ricchi e i grandi capitali.
d) In zona fucsia il lavoro di cura, triplicato in pandemia, non viene abbandonato sulle spalle delle donne e del loro “sacrificio”, ma assunto da un welfare pubblico e garantito per tutt*.

3. Contrasto della violenza maschile sulle donne e di genere:
a) in zona fucsia vengono finanziati e sostenuti i centri antiviolenza femministi e transfemministi.
b) in zona fucsia i percorsi di fuoriuscita dalla violenza si basano sulla piena volontà delle donne* e non seguono protocolli di medicalizzazione e vittimizzazione.
c) in zona fucsia durante la pandemia vengono garantiti alloggi sicuri affinchè restare in casa non suoni come una minaccia o persino una condanna per le donne e le persone lgbtqia+ che subiscono violenza domestica.

4. Per la costruzione della “Zona fucsia”:
In zona fucsia la vita delle persone vale molto di più di quanto producono e allo stesso tempo è riconosciuto il valore prodotto dal nostro lavoro produttivo e riproduttivo (da una giornata in ufficio alla cura di bimb*, anzian* e malat*, dalle ore in smart working ad ogni accesso alle piattaforme digitali, da un turno in ospedale o su una bici alle pulizie di casa).

Ecco perché in zona fucsia Confindustria deve rassegnarsi a ridurre drasticamente la produzione, Amazon e ogni altro capitale ad essere tassato, la sanità privata ad essere precettata e il governo a garantire con una patrimoniale salute e reddito per fuoriuscire dalla paura dal virus, della povertà, della violenza.
La zona fucsia non è una città nè una regione: è uno spazio di possibilità da costruire assieme. Non è uno spazio di restrizione, ma di liberazione. E’ uno spazio di cura comunitaria. E’ l’invito ad attivarsi per mettere in comune bisogni e desideri, per dare vita giorno dopo giorno a territori transfemministi, ad incarnare il Piano contro la violenza maschile sulle donne e di genere ospedale per ospedale, casa per casa, strada per strada.

CONFERENZA STAMPA

25 novembre: live dalla conferenza stampa, siamo sotto gli uffici di Alberto Genovese: el violador eres tu!
Le chiacchiere stanno a zero: vogliamo tutto il patrimonio di Genovese per i centri antiviolenza!

ANNUNCIATA LA ZONA FUCSIA!

LOCANDINE “NON SEI SOLA”

Scarica e stampa questa locandina, attaccala al portone di casa, alla fermata dell’autobus, al parco, sull’ascensore, vicino ai negozi. Se non puoi stampare, scrivici! Organizziamo insieme dei punti di raccolta

Scarica e diffondi il KIT contro la violenza [clicca qui]

“La formazione è la miglior prevenzione ad ogni forma di violenza contro le donne e di genere.”

La scuola dovrebbe essere il primo luogo in cui la cultura del consenso si diffonde e si alimenta di generazione in generazione, relegando ad un triste passato la cultura della violenza.
La scuola dovrebbe offrire un sostegno a chi vive quotidianamente in casa e non solo relazioni violente e abusanti.
La scuola dovrebbe essere un luogo sicuro, in connessione permanente con i centri antiviolenza, i consultori laici e le organizzazioni transfemministe del territorio.
Se anche in presenza mancano strutturalmente le ore di educazione sessuale, in particolare se orientata al piacere, al consenso e alle differenze, nella D.A.D. sparisce del tutto, insieme a molte forme di socialità e autorganizzazione di student* e insegnanti.
Invitiamo collettivi, student* e docenti ad organizzare occasioni di formazione e confronto nelle proprie scuole.

SFOGLIA LA GALLERIA CON ALCUNI SPUNTI PER LE ASSEMBLEE!

articoli

Music for/from Palestine!H3 Studio. First of a kind in town.

Music for/from Palestine!H3 Studio. First of a kind in town. Direttamente da Al-Khalil, lo studio H3 arriva a SMS per suonare e presentare un progetto di musica e cultura che ha l’obbiettivo di promuovere ogni tipo di liberazione di fronte ad ogni genere di...

Acampada per la Palestina in Unimi. #stopgenocide Racconto giorno per giorno

ACAMPADA IN UNIVERSITÀ STATALE PER LA PALESTINA LIBERA! Raccogliamo l'invito dell3 studenti dell'università di Birzeit a riprenderci gli spazi delle università, per la resistenza P4l3st1n3s3. Occupiamo per l3 nostr3 compagn3 in Palestina le cui scuole e università...

9 maggio 2024 Lunga Vita SMS: una giornata di Resistenza.

9 maggio 2024 Lunga Vita SMS: una giornata di Resistenza. Per altri undici anni di vita, lo Spazio di Mutuo Soccorso ha bisogno di tutta la nostra forza.Il 9 maggio vi aspettiamo in piazza Stuparich 18 per una giornata di incontri e attività a partire dalle 6.00 del...

Per un 25 Aprile di Liberazione: Resistenza, Diserzione, Decolonialità

Questo 25 Aprile eravamo centomila in piazza gridando Ora e sempre Resistenza! Abbiamo invaso Milano con migliaia di bandiere palestinesi!

SMS in Festa! 11 Anni di Mutuo Soccorso

Dal 2 al 5 Maggio, SMS in festa! 11 anni di mutuo soccorso, 4 giorni di festival: concerti, dibattiti, sport, cibo e socialità, in Piazza Stuparich 18.

19A Global Strike di Fridays For Future

Free Palestine = Climate Justice.
Siamo sces3 in piazza insieme a Fridays For Future in occasione dello sciopero studentesco globale per il clima

8M #lungavitasms, difendiamo gli spazi transfemministi

  MUTUO SOCCORSO È SORELLANZA Lo Spazio di Mutuo Soccorso si prepara alla giornata del #LottoMarzo. Giovedì 7 marzo dalle 16:00 - Laboratorio scenografie: prepariamo insieme cartelli, striscioni, cori, panuelos per i cortei dello sciopero. - Vieni a conoscere i...

24 Febbraio Corteo Nazionale #FreePalestine

Sabato 24 Febbraio – Ore 14:30 – Piazzale Loreto
Corteo nazionale contro il genocidio del popolo Palestinese
Segui lo spezzone Decolonize!

Otto Marzo 2024 – Corteo Studentesco

Lotto Marzo! – Venerdì otto Marzo corteo studentesco e dello sciopero – ore 9:30 largo Cairoli – #NonUnaDiMeno #Student3Disobbedient3

Memori(a)E: sostantivo plurale, verbo attivo. 2024.

A cosa serve la memoria? La memoria, o meglio, le memorie degli orrori del passato devono servire a fermare immediatamente i genocidi del present

eventi

Sabato 8 giugno FESTA DELLE SCUOLE!

SABATO 8 GIUGNO Festa delle scuole Cantiere Milano - Via Monte Rosa 84 Ci vediamo al Cantiere per un pomeriggio e una serata di socialità e divertimento! h.16:00 Lab magliette P4l3s7in4 Personalizza la tua maglietta h 22. Open dancehall   Se ti interessa suonare alla...

Music for/from Palestine!H3 Studio. First of a kind in town.

Music for/from Palestine!H3 Studio. First of a kind in town. Direttamente da Al-Khalil, lo studio H3 arriva a SMS per suonare e presentare un progetto di musica e cultura che ha l’obbiettivo di promuovere ogni tipo di liberazione di fronte ad ogni genere di...

FURIA – FUmetti RIbelli & Autoproduzioni

FURIA - FUmetti RIbelli & Autoproduzioni Sabato 06 luglio 2024 una creatura speciale volteggia nel cortile di SMS Spazio di Mutuo Soccorso : una "FURIA" in carne e ossa, o meglio in carta e inchiostro! "FUmetti RIbelli & Autoproduzioni"; una giornata...

Incontro “Immaginario e Visione nella scrittura umoristica” con Cochi Ponzoni e Nicola Vicidomini.

Venerdì 31 Maggio, alle ore 21.00, Cochi Ponzoni torna al Derby Club, oggi Cantiere, dopo più di 50 anni. Calcherà lo stesso palco che vide l’affermazione di quel Gruppo Motore (Cochi e Renato, Enzo Jannacci, Felice Andreasi, Lino Toffolo e Bruno Lauzi) che seppe...

SAYRI X DECOLONIZE THE CITY!

VENERDI' 24 MAGGIO AL CANTIERE ✧・゚SAYRI X DECOLONIZE THE CITY ・゚✧ Torniamo al @cantiere_milano presentando, per la prima volta in italia, @ojosfinos 🇺🇾 e @_ast.er 🇵🇪 Ojosfinos è un artista multidisciplinare uruguaiano con base a Montevideo. È uno dei pionieri del club...

Decolonize the city: incontro all’Acampada

DECOLONIZE THE CITY In che modo i nostri luoghi di sapere riproducono e legittimano sapere coloniale? In che modo le stesse università che ci danno strumenti per sovvertire i paradigmi di oppressione in cui siamo immersə sono le stesse che li reiterano? In che modo...

Pazzesk@: laboratorio sulla salute mentale. Il carattere sovversivo del disagio.

Pazzesk@ Laboratorio sulla Salute Mentale Il carattere sovversivo del disagio.Primi appuntamenti, dalle 16.00 alle 18.00 a SMS Spazio di Mutuo Soccorso, piazza Stuparich 18 Giovedì 23 maggio “Il normale è patologico” Giovedì 30 maggio “Competizione e Merito” Giovedì...

Presentazione di “Il libro Antirazzista – 20 lezioni per agire contro il razzismo” con Tiffany Jewell

📌Mercoledì 8 Maggio presentiamo "Il libro Antirazzista - 20 lezioni per agire contro il razzismo" con Tiffany Jewell. Un evento per costruire insieme una scuola capace di denunciare e contrastare il razzismo, dentro e fuori dalle aule. 🕢19:00Presentazione del libro...

iN/Stabile: NarrAzione di Comunità.

iN/Stabile: NarrAzione di Comunità Giovedì 2 maggio, h.19, grande inaugurazione e vernissage della mostra immersiva e comunitaria! Lo Spazio di Mutuo Soccorso compie 11 anni.Per l'occasione, abbiamo deciso di narrarci, e trasformare il mondo attraverso la parola,...

SMS in Festa! 11 Anni di Mutuo Soccorso

Dal 2 al 5 Maggio, SMS in festa! 11 anni di mutuo soccorso, 4 giorni di festival: concerti, dibattiti, sport, cibo e socialità, in Piazza Stuparich 18.

approfondimenti

“Al lavoro! Priorità, sicurezza, diritti”

Al lavoro! Il nuovo governo si è già messo al lavoro.  Oh, finalmente. Certo, perchè con tutti i problemi che abbiamo in questo Paese, non c'era da perdere tempo. C'è la guerra e la bomba atomica viene seriamente presa sul serio dai potenti della guerra. C'è una crisi...

SPECIALE STOP WAR: Di fronte ad ogni guerra la parola NO e l’azione Ribelle

CLICCA e vai alla raccolta di contributi, approfondimenti e call to action #STOPTHEWAR!   di seguito intanto trovi il nostro contributo. Per seguirci @cantieremilano su twitterDi fronte ad ogni guerra c’è solo una parola degna e una azione conseguente, la parola...

Quale libertà?

Già da quest’estate manifestazioni e proteste contro il Green pass si sono verificate in molte città d’Italia.A nostro parere la contrapposizione tra libertà individuale e la libertà coniugata con la solidarietà e la responsabilità sociale è il discrimine attraverso...

Da Milano al Messico, “EL AGUA ES DEL PUEBLO”, #FueraBonafont! – azione solidale per l’acqua

#boycottdanone FUERA BONAFONT [ITALIANO] Oggi, 11 giugno, a 10 anni dal referendum contro la privatizzazione dell'acqua, siamo stati davanti alla sede del gruppo Danone, di cui fa parte Bonafont, e abbiamo lasciato davanti all’ingresso della loro sede vernice rossa a...

Pueblos Zapatistas Unidos contro il furto dell’acqua: #FueraBonafont

“Bonafont” è una impresa legata al gruppo francese “Danone” che si dedica all’imbottigliamento dell’acqua. Dal 1992 Bonafont si è installata nel territorio di Puebla, in Messico, senza che le popolazioni locali venissero in alcun modo consultate dallo Stato, che ha...

No Profit On Pandemic!

Nessun profitto sulla pandemia. Cure e vaccini per ciascun* ovunque e gratuiti.Durante entrambi gli incontri affronteremo, da vari punti di vista, la battaglia che vede contrapposti grandi attori globali di fronte alla sfida delle vaccinazioni contro il Covid 19 e le...

Restituiteci Sankara.

Restituiteci Sankara.L’Africa non è una macchia nella cartina del mondo, non può essere rimossa. Esiste non molto lontano, a due passi dal mare, che si chiama Africa. L'opinione pubblica europea sa che da lì partono le imbarcazioni dei migranti, in fuga dalla...

Vive la Commune!

150 anni fa, una delle più straordinarie esperienze rivoluzionarie della storia contemporanea: la Comune di parigi. Sconfitta dalle armi dell'esercito del Kaiser ha lasciato un'eredità raccolta per tutto il secolo successivo da chi ha alzato la Bandiera Rossa per la...

Un altro mondo è possibile: a 19 anni da Genova.

STOP GLOBAL WAR: AVEVAMO RAGIONE NOI. Non dimenticare genova per continuare a costruire altri mondi possibili. Nel 2001 a Genova migliaia e migliaia di persone da tutto il mondo invasero le strade contro il g8, il vertice dei "grandi potenti" del mondo. Era il...

Contro le passioni tristi, le sardine urtano il populismo

Di MARCO BASCETTA Nel cercare di comprendere la natura dei movimenti, la loro direzione di marcia, il posto che occupano nella sfera politica si rischia sempre di essere prematuri o inattuali. Del resto ogni movimento sociale è attraversato da flussi emotivi e bisogni...