MobilitazioneLa ricchezza e l’importanza della recente assemblea di Abitare nella Crisi, risulta evidente dalle numerose realtà presenti il 21 Dicembre a Milano. Da tutta Italia diverse esperienze hanno portato il loro contributo specifico in continua relazione a quello nazionale, rispetto all’autunno appena passato e desiderose di andare avanti con energia e forza.

La lotta sull’abitare infatti, rimane centrale in tutto il paese e assume forme e caratteristiche diverse nei territori in base alla loro storia e alle contraddizioni che si vivono sia nelle grandi metropoli che nelle città di provincia. Le mobilitazioni importanti del 2013 hanno dato la forza e il coraggio necessario a tante realtà, piccole e meno piccole, di osare sul terreno della lotta per la casa, e non solo, e di costruire nelle proprie città spazi importanti di conflitto.

Un aspetto positivo di questo autunno è stato sicuramente quello di aver avuto la capacità di andare oltre i confini della lotta per la casa e di estendere di fatto la battaglia a tutto quello che concerne l’abitare e il vivere nei territori. L’unione delle lotte che hanno attraversato le giornate autunnali rappresenta la capacità di un movimento come quello dell’abitare che sa e vuole comunicare e mescolarsi alle altre lotte. Ma non si tratta solo di sommatorie artificiali e alleanze di ceto politico, ma molto di più. Siamo consapevoli che separare gli ambiti di sfruttamento e di impoverimento serve alla nostra controparte per controllare un proletariato sempre più marginalizzato e frammentato; un soggetto che allo stesso tempo lo ritroviamo a lottare per la casa tanto quanto nei posti di lavoro e contro il saccheggio e la devastazione dei territori.

Tuttavia il nostro agire risulta ancora insufficiente ma è in corso un processo ricompositivo interessante che dobbiamo favorire grazie anche a nuove possibilità che si aprono all’orizzonte. Le periferie infatti sono parte della scommessa che dobbiamo saper cogliere; luoghi in cui si riproducono le contraddizioni esistenti arrivando, nel bene e nel male, a toccare momenti di conflitto importanti. I territori spesso e volentieri sono sconosciuti alle nostre soggettività politiche e dobbiamo avere la capacità, e in questo la lotta per la casa è dirimente, di costruire un intervento quotidiano e metodico dotandoci degli strumenti necessari, come gli sportelli all’interno delle occupazioni su cui abbiamo ragionato tanto nell’appuntamento dello scorso anno a Napoli.

In questi mesi ci siamo resi conto come impedire che il piano casa in tutte le sue declinazioni, come l’art.3 e l’art.5, venga applicato è già di per se una vittoria perché, come abbiamo visto nelle strade milanesi, questo processo crea giorno dopo giorno comunità resistenti nei territori. Le amministrazioni locali tanto quanto i governi nazionali, trovano di fronte a se delle rigidità importanti che rendono ingovernabili i territori consegnandoci dei risultati non indifferenti. Ma è necessario allo stesso tempo disporsi su più piani del conflitto, non basta “organizzare” la povertà ma anche strappare pezzo dopo pezzo quello che ci spetta. E’ indispensabile resistere agli attacchi ma anche pretendere che ciò di cui abbiamo bisogno ci venga restituito.

Ecco perché pensiamo sia necessario iniziare il nuovo anno con un mese di mobilitazioni che mira a strappare ai municipi, agli uffici delle anagrafe, a chi ne è responsabile le residenze negate a chi vive in occupazione, togliendo di fatto una serie di diritti connessi alla residenze: la scuola, la sanità che si può legare alla crisi generale dei servizi e del welfare.

Immaginiamo anche una importante giornata di mobilitazione nazionale, il 31 gennaio, in cui in maniera dislocata ci si muove dalle periferie contro il governo dei sacrifici e della gestione dell’emergenza, contro chi vorrebbe criminalizzare le forme autorganizzate di riappropriazione dei bisogni tanto quanto mettere all’asta il patrimonio residenziale pubblico.

Ci troviamo di fronte spesso ad una guerra tra poveri alimentata dall’alto che vorrebbe direzionare la rabbia verso i propri simili piuttosto che verso i governi che vorrebbero mostrare a nostro discapito un volto falso del paese al passo con l’Europa e questo lo dobbiamo impedire. I nostri nemici sono

coloro che ci sfruttano, che ci impoveriscono, che devastano l’ambiente, che cementificano, che usano l’emergenza per fare profitti che utilizzano le risorse pubbliche per le grandi opere.

A tal proposito l’assemblea di Abitare nella crisi ha discusso anche dell’Expo 2015 un evento contro il quale non può mancare il nostro contributo fattivo. Come movimento di lotta per l’Abitare vogliamo dire la nostra sulle risorse che andrebbero destinate a ben altro, e sul modello expo che viene venduto a milioni di italiani come opportunità.

Studenti, precari, disoccupati verranno attratti da una vetrina nella quale si vendono lavoro gratuito e cibo alternativo da ogni parte del mondo come possibilità di avanzamento per l’intera collettività.

Ma noi sappiamo benissimo cosa si nasconde dietro la vetrina mediatica e luccicante del nuovo scempio di Milano: sfruttamento di forza lavoro globale per quanto riguarda le merci esposte, sfruttamento di forza lavoro gratuita per chi lavorerà durante i sei mesi di expo, sfruttamento di suolo e cementificazione.

L’expo rappresenta un modello di sviluppo già fallito, un modo di fare profitto sotto forma di grandi eventi, non a caso dobbiamo guardare all’expo proprio come è avvenuto per le olimpiadi quelle già passate come Torino 2006 o Atene 2004 e come faranno a Roma per le olimpiadi del 2024. Opere che, sebbene vendute come occasione nel momento in cui vengono terminate e si concludono gli eventi ad esse legati, sportivi o culturali che siano, lasciano a chi abita i territori esclusivamente cadaveri di cemento dentro e intorno le metropoli e lauti profitti per i pochi vincitori di appalti.

Per questo parteciperemo convinti all’assemblea promossa per il 17 gennaio a Milano dalle realtà milanesi Noexpo. Così come intendiamo sostenere l’iniziativa della rete Genuino Clandestino del 24 gennaio. In questo modo il cammino verso e dentro le mobilitazioni Noexpo si allarga e si rafforza.

Le prossime tappe di abitare nella crisi saranno più a sud, per consentire la partecipazione del meridione, a Febbraio a Napoli dove approfondire ancora di più i temi di cui abbiamo discusso, per condividere l’esperienza degli sportelli di lotta e il lavoro nelle periferie. A marzo si vuole dare vita a Milano, ad un vero e proprio convegno di abitare nella crisi sulle forme dell’autorganizzazione, sul linguaggio e sulle pratiche di riappropriazione, auto recupero e autocostruzione. Sempre più spesso le parole usate dal governo, dalle amministrazioni locali e dagli stessi signori del cemento, dei grandi eventi e delle grandi opere, prendono forme ammiccanti e intriganti: rigenerazione urbana, housing sociale, green economy, nascondendo sempre e comunque speculazioni e messa a profitto del suolo e dei territori. Per questo è necessario riappropriarsi di un immaginario che altrimenti viene rielaborato e gestito attraverso la farsa della partecipazione consultiva.

24 dicembre 2014foto1

articoli

NO al nucleare! Blitz alla sede dell’ Unione Europea!

NO NUKE IN OUR FUTURE! No scorie, No profitti, No Armi!   Siamo alla sede milanese dell'Unione europea perché domani sarà l'ultimo giorno per impedire che nucleare e gas vengano classificate come fonti di energia sostenibile SEGUICI SUI...

La DAD non è la soluzione: OCCUPIAMOCI di scuola!

La DAD non è la soluzione: OCCUPIAMOCI della scuola! La priorità del governo è aprire le scuole in presenza, ma cosa è stato fatto affinché questo avvenga? Solo dichiararlo!  Siamo tornati a scuola e nulla è cambiato: la scuola continua ad essere l’ultima ruota del...

Ciao Vito, continueremo a disegnare altri mondi possibili

Ciao Vito, compagno instancabile con il sole e con la pioggia. La tua ruvidezza sincera e il tuo brontolare operoso ci faranno compagnia non solo nei ricordi ma rimarrai per sempre presenza costante. Non dimenticheremo mai la tua creatività artigiana, l'entusiasmo...

Natale Solidale a SanSiro! 18 dicembre dalle 15 in pza Selinunte

Sabato 18 dicembre "NATALE SOLIDALE A SAN SIRO" dalle 15.00 in piazzale Selinunte! Programma della giornata:h 15:00 laboratorio artistico, stencil e colori per tutte tutti a cura della Bottega delle Arti di SMS Spazio di Mutuo Soccorso;h 15:30 lezione di boxe per...

Milano non dimentica Piazza Fontana. Ama la libertà, rifiuta fascismo e razzismo.

Non c'è futuro senza memoria: durante il corteo per non dimenticare la strage di #PiazzaFontana siamo passati di fianco al consolato Libico, dove abbiamo voluto lanciare un messaggio di solidarietà con le proteste che da settimane ormai proseguono sotto l' #Unhcr di...

Recovery Plan-et: Tax the rich! 7 Dic @Prima della Scala

Oggi è andato in scena il #MutuoSoccorso alla #PrimadellaScala perché costruire dal basso un'alternativa a questo sistema insostenibile è urgente e necessario! Questo modello di sviluppo si basa sullo sfruttamento del pianeta e di chi lo abita. Le conseguenze del...

10 Dicembre Corteo Studentesco – NON C’È FUTURO SENZA MEMORIA – Gli studenti non dimenticano Piazza Fontana!

Il 12 dicembre del 1969 in piazza Fontana esplode una bomba uccidendo 17 persone e ferendone quasi 100. A mettere la bomba fu il gruppo fascista Ordine Nuovo, con il mandato e l’appoggio dei servizi segreti dello stato. PerchéAlla fine degli anni ‘60, i movimenti...

Fantasie di complotto e cospirazioni neofasciste

OGGI ORE 18.30 IN DIRETTA LIVENelle piazze d'Italia e del mondo una vulgata che mischia individualismo, irrazionalismo e attrae anche generiche istanze di rabbia sociale si sta mobilitando, sostanzialmente nel nome della sfiducia nella scienza.PARLIAMO CONLeonardo...

Piantum/Azione: lunedi 29 novembre in piazza Stuparich

Un piccolo gesto per costruire città più vivibili contro la cementificazione selvaggia.  Continuano le nostre Piantum/Azioni, perchè prendersi cura del verde di piazza Stuparich significa prendersi cura del nostro pianeta! Lunedi 29 l'appuntamento è alle 8, per...

San Siro: basta sgomberi, la casa è un diritto!

Stamattina San Siro si è svegliata con le camionette, un quartiere militarizzato e una mattina di sgomberi.In via Abbiati una donna occupante per necessità, sola con tre figli, di cui una minorenne che era a scuola è stata buttata per strada. Tanti soldi pubblici per...

eventi

Venerdì 21 gennaio DISCHI VOLANTI al Cantiere

👽DischiVolanti👽🍺APERITIVO BEER&CHEESE🧀🔥MERCATINO DEL VINILE🔥🔸Venerdì 21 Gennaio, dalle 19:00, ci vediamo al Cantiere per un aperitivo genuino con le birre e i formaggi del Gruppo di Acquisto Solidale Popolare.🔸In contemporanea, un bellissimo mercatino di vinili...

Buss a Dinner/Space Dinner – Cena e dibattito sulla canapa

BUSS A DINNERCena e dibattito sulla Canapa Questo sabato al Cantiere una serata dedicata alla canapa e ai suoi benefici in cui approfondire il referendum sulla legalizzazione della cannabis. Cena a base di canapa powered by Taverna Sociale Clandestina  Parleremo...

Tributo a De Andrè e Cena ligure

“Non essendo padrone che di una piccola arte spesso dovetti cambiarla con il cibo” Sabato 15 Gennaio, a 24 anni dalla morte del cantautore, omaggiamo Fabrizio De Andrè con una CENA LIGURE. PER PRENOTARE https://www.eventbrite.com/.../cena-ligure-in-tributo-a......

AfroVibration: sabato 11 dicembre cena e musica

AfroVibrations w/ DJ Halo & DJ MadMattSABATO 11AFRO VIBRATIONSMUSIC AGAINST RACISM Al Cantiere, una serata antirazzista a base di ritmi afro Unire musica e antirazzismo, raccontando altri mondi possibili, senza confini e senza muri AI CONTROLLIDJ HALO outta...

19 dicembre – Cenone di Natale al Cantiere!

Cenone di Natale al Cantiere! Per prenotare clicca qui: https://www.eventbrite.it/e/gran-cenone-di-natale-tickets-222905756117 Domenica 19 dicembre dalle 20.00 un’ultima cena per chiudere in buona compagnia questo 2021 di lotta e solidarietà. Un menù ricco e gustoso...

Fantasie di complotto e cospirazioni neofasciste

OGGI ORE 18.30 IN DIRETTA LIVENelle piazze d'Italia e del mondo una vulgata che mischia individualismo, irrazionalismo e attrae anche generiche istanze di rabbia sociale si sta mobilitando, sostanzialmente nel nome della sfiducia nella scienza.PARLIAMO CONLeonardo...

Cena d’autunno per le spese legali del Cantiere.

Domenica 21 novembre 2021 dalle 20.00 al Cantiere CENA D’AUTUNNO PER LE SPESE LEGALI Una cena a km0 e solidale con prodotti del G.A.S.P. – Spazio Mutuo Soccorso Una cena come sempre all’insegna della socialità, del buon cibo e della buona musica, a sostegno delle...

ZeroCalcare: Proiezione della serie “Strappare lungo i bordi”

  Venerdi 19 novembre 2021 dalle 21.30 al Cantiere Dopo l'incontro "Quali libertà? Quali conflitti?" Strappare lungo i bordi / maratona della serie di Zerocalcare   Da Rebibbia arriva ''Strappare lungo i bordi'' la serie animata di ZeroCalcare (6 episodi da...

Incontro pubblico: quale libertà, quali conflitti?

Venerdì 19 Novembre, al Cantiere, alle 19.00 A nostro parere la contrapposizione tra libertà individuale e la libertà coniugata con la solidarietà e la responsabilità sociale è il discrimine attraverso cui leggere quelle piazze. [...]Invece di avere la Libertà di fare...

Storiemigranti con Nicola Bernardi e il fumettista Sio

Venerdì 12 Novembre 2021 alle h. 19 al Cantiere Presentazione del libro Storiemigranti con Nicola Bernardi e il fumettista Sio. Prenota qui per te e amici per aiutarci a organizzare al meglio lo spazio e garantire la salute di tutt* Serata benefit per Mediterranea con...

approfondimenti

Quale libertà?

Già da quest’estate manifestazioni e proteste contro il Green pass si sono verificate in molte città d’Italia.A nostro parere la contrapposizione tra libertà individuale e la libertà coniugata con la solidarietà e la responsabilità sociale è il discrimine attraverso...

Da Milano al Messico, “EL AGUA ES DEL PUEBLO”, #FueraBonafont! – azione solidale per l’acqua

#boycottdanone FUERA BONAFONT [ITALIANO] Oggi, 11 giugno, a 10 anni dal referendum contro la privatizzazione dell'acqua, siamo stati davanti alla sede del gruppo Danone, di cui fa parte Bonafont, e abbiamo lasciato davanti all’ingresso della loro sede vernice rossa a...

Pueblos Zapatistas Unidos contro il furto dell’acqua: #FueraBonafont

“Bonafont” è una impresa legata al gruppo francese “Danone” che si dedica all’imbottigliamento dell’acqua. Dal 1992 Bonafont si è installata nel territorio di Puebla, in Messico, senza che le popolazioni locali venissero in alcun modo consultate dallo Stato, che ha...

No Profit On Pandemic!

Nessun profitto sulla pandemia. Cure e vaccini per ciascun* ovunque e gratuiti.Durante entrambi gli incontri affronteremo, da vari punti di vista, la battaglia che vede contrapposti grandi attori globali di fronte alla sfida delle vaccinazioni contro il Covid 19 e le...

Restituiteci Sankara.

Restituiteci Sankara.L’Africa non è una macchia nella cartina del mondo, non può essere rimossa. Esiste non molto lontano, a due passi dal mare, che si chiama Africa. L'opinione pubblica europea sa che da lì partono le imbarcazioni dei migranti, in fuga dalla...

Vive la Commune!

150 anni fa, una delle più straordinarie esperienze rivoluzionarie della storia contemporanea: la Comune di parigi. Sconfitta dalle armi dell'esercito del Kaiser ha lasciato un'eredità raccolta per tutto il secolo successivo da chi ha alzato la Bandiera Rossa per la...

Un altro mondo è possibile: a 19 anni da Genova.

STOP GLOBAL WAR: AVEVAMO RAGIONE NOI. Non dimenticare genova per continuare a costruire altri mondi possibili. Nel 2001 a Genova migliaia e migliaia di persone da tutto il mondo invasero le strade contro il g8, il vertice dei "grandi potenti" del mondo. Era il...

Contro le passioni tristi, le sardine urtano il populismo

Di MARCO BASCETTA Nel cercare di comprendere la natura dei movimenti, la loro direzione di marcia, il posto che occupano nella sfera politica si rischia sempre di essere prematuri o inattuali. Del resto ogni movimento sociale è attraversato da flussi emotivi e bisogni...

In Cile il neoliberismo è in crisi

In Cile si sintetizza una combinazione esplosiva di un libero mercato senza anestesia e una democrazia completamente delegittimata, che conserva solo il suo nome. È degenerato in una plutocrazia che, fino a pochi giorni fa - ma non più - è stata misurata dalle...

Il Sud America si solleva contro il neoliberismo

Il neoliberismo è in crisi. In molti paesi dell'America latina le piazze sono piene: milioni di persone si oppongono, dal Cile all'Ecuador, alle politiche neoliberali applicate ai governi di destra. Nel frattempo le elezioni amministrative colombiane e quelle...