CANTIERE.ORG

CANTIERE

.ORG

Il 15 Novembre a Bologna era atteso Salvini per il lancio dell’ennesima campagna elettorale condita da hate speech e caratterizzata dalla retorica del populismo nazionalista.
Mentre molte realtà sociale si sono mobilitate con una manifestazione (che è stata anche caricata dalla polizia) Piazza Maggiore si riempiva di migliaia di persone accorse per partecipare ad un flash mob lanciato da alcuni ragazzi senza organizzazioni né grandi storie di attivismo alle spalle. Il fenomeno è rapidamente cresciuto e si è posto l’obiettivo di fermare Salvini e la sua ascesa.
Chi sono le Sardine? E’ diventata dal 15 Novembre una domanda ricorrente. Noi abbiamo scelto di essere Sardine per  nuotare nel mare di questo movimento di persone che, stanche di come nel discorso pubblico del nostro paese l’hate speech, i pregiudizi, la violenza discriminatoria siano diventati il principale linguaggio di alcune forze politiche istituzionali, hanno deciso di scendere in piazza e riappropriarsi (anche fisicamente) delle strade.Le prime piazze che hanno ripreso le Sardine sono state in Emilia Romagna, la prima, dopo Bologna1, a Modena.
Bella Ciao è diventata l’inno del movimento, mentre nello stesso tempo con una curiosa coincidenza, questa canzone veniva adottata da diverse piazze in tutto il mondo

La piazza di Milano, a cui abbiamo partecipato è stata fortemente caratterizzata dal Soccorso in Mare. Coperte termiche che ricoprivano gli ombrelli (in una serata di diluvio che ha visto scendere in piazza decine di migliaia di persone) ed erano sul piccolo risciò-palco con impianto ecologico a batteria.
InstagramFacebookTwitter
Il messaggio antirazzista è stato predominante in moltissime piazze e non è un caso se il 14 Dicembre, un mese dopo la nascita del movimento, a Roma, le sardine abbiano chiesto un intervento di Sea Watch sul tema dei decreti sicurezza.
Il 15, a Spin Time Labs, uno spazio occupato romano, dalla prima riunione delle Sardine è uscito un comunicato in 6 punti.
La prima rivendicazione precisa delle Sardine è dunque l’abolizione dei cosiddetti decreti sicurezza che multano le navi che salvano vite umane, distruggono il tessuto dell’accoglienza.In moltissime piazze (e non solo a MIlano) il movimento antirazzista ha riempito le sardine con contenuti che sono semplici e irrinunciabili, ma che il mainstream presenta come “radicali e di estrema sinistra” (come ad es. “salvare le vite umane”).
Per queste ragioni bisognerebbe proseguire su questa strada: no agli accordi con la Libia, no alla violazione dei diritti umani. Non è una posizione di pochi settari di estrema sinistra quella che vuole salvare vite, che odia i lager, che vuole una società coesa e fatta di diritti.

Il discorso più importante e fondativo dell Sardine è il contrasto al populismo sovranista e al suo linguaggio d’odio. L’appello al rifiuto della violenza nella politica, se non si abbina alla libertà di manifestare ed esprimere il dissenso, ha anche un aspetto pericoloso. Basta pensare alle pene severissime che il Decreto Sicurezza applica al blocco stradale (forma tipica e storica di protesta del movimento operaio e dei movimenti sociali, ecologisti, per i diritti civili da sempre).
E’ chiaro però che la dimensione sociale, il bisogno da cui nasce questo appello è di porre un argine al dilagare della violenza razzista, fascista di quello che nel mondo chiamano “Hate Speech”.

Inutile negare che il primo risultato concreto del movimento è stato quello desiderato attraverso le elezioni in Emilia Romagna, dove la Bestia si è inceppata e la macchina di consensi salviniana è entrata in crisi, sebbene a beneficiarne sono state inevitabilmente altri partiti “di sistema”, primo fra tutti il PD.
Il Concerto di Bologna, che ha raccolto decine e decine di artisti e migliaia di persone, ma anche la manifestazione a Bibbiano, teatro di una disgustosa campagna mediatica che, sullo spunto di una vicenda di cronaca giudiziaria, ha riesumato tutto l’armamentario religioso-tradizionalista accusando sostanzialmente i “comunisti di mangiare i bambini” e “gli omosessuali di rubarli”.

Dopo questo primo risultato le Sardine si sono date un appuntamento a Scampia, il 14 e il1 15, cegliendo un luogo che non compare nelle riviste patinate, ma dove moltissime realtà sociali operano, da decenni, in condizioni difficilissime per rafforzare il tessuto di una comunità. Anche a Riace una bellissima manifestazione ha portato questo movimento in uno dei luoghi simbolo dell’accoglienza degna in Italia e non è un caso che la manifestazione si sia portata con sè un corollario di “hate speech” con la sequela di Minacce a Jasmine Cristallo, Globalist.

Hanno scritto una lettera al presidente del Consiglio di cui riportiamo un passaggio:

Quando il concetto di Sicurezza viene messo in contrapposizione al salvataggio di vite umane, alla tutela dei diritti fondamentali della persona dentro e fuori i confini nazionali o di percorsi d’integrazione e cittadinanza, si generano eclissi della ragione e sonni della civiltà. Quando il problema del Sud diventa l’invasione degli stranieri e non la fuga degli autoctoni o l’assenza di opportunità, si esclude ogni possibile sinergia tra l’accoglienza e la permanenza.

Non sono mancati gli scivoloni, come l’improvvida visita dei 4 ragazzi di Bologna che hanno “fondato” il movimento inventando il flash mob di piazza maggiore con Luciano Benetton, patron della multinazionale che sfrutta e uccide dalla Patagonia al Bangladesh, passando per il Ponte Morandi di Genova.
Si rimettiamo a questo proposito alle parole di un’altra portavoce delle sardine Jasmine Cristallo: L’incontro con Benetton sbagliato e improvvido e anche alle dichiarazioni che hanno rilasciato in seguito i 4 ragazzi. Pentiti e arrabbiati, sardine contro Toscani.

In tutto il mondo ci si è chiesti se questo movimento è un modello di quello che si può fare per battere l’ondata nazionalista. Noi siamo abituati a chiederci queste cose facendole, assieme agli altri.

The Guardian view on Italy’s “Sardine” movement: politics with panache can defeat the hard right
Swimming against the tide, who are italy’s antifascist’sardines?
Simpatia per le sardine, di Girolamo De Michele, da Euronomade
Contro le passioni tristi, le sardine urtano il populismo, di Marco Bascetta, da Il Manifesto e Euronomade

Attraverso il lavoro fatto insieme le Sardine di Milano hanno deciso di sostenere la campagna “Milano si unisce alla flotta” (www.abbavive.org) per dimostrare concretamente il supporto al soccorso in mare.

articoli

Acampada per la Palestina in Unimi. #stopgenocide Racconto giorno per giorno

ACAMPADA IN UNIVERSITÀ STATALE PER LA PALESTINA LIBERA! Raccogliamo l'invito dell3 studenti dell'università di Birzeit a riprenderci gli spazi delle università, per la resistenza P4l3st1n3s3. Occupiamo per l3 nostr3 compagn3 in Palestina le cui scuole e università...

9 maggio 2024 Lunga Vita SMS: una giornata di Resistenza.

9 maggio 2024 Lunga Vita SMS: una giornata di Resistenza. Per altri undici anni di vita, lo Spazio di Mutuo Soccorso ha bisogno di tutta la nostra forza.Il 9 maggio vi aspettiamo in piazza Stuparich 18 per una giornata di incontri e attività a partire dalle 6.00 del...

Per un 25 Aprile di Liberazione: Resistenza, Diserzione, Decolonialità

Questo 25 Aprile eravamo centomila in piazza gridando Ora e sempre Resistenza! Abbiamo invaso Milano con migliaia di bandiere palestinesi!

SMS in Festa! 11 Anni di Mutuo Soccorso

Dal 2 al 5 Maggio, SMS in festa! 11 anni di mutuo soccorso, 4 giorni di festival: concerti, dibattiti, sport, cibo e socialità, in Piazza Stuparich 18.

19A Global Strike di Fridays For Future

Free Palestine = Climate Justice.
Siamo sces3 in piazza insieme a Fridays For Future in occasione dello sciopero studentesco globale per il clima

8M #lungavitasms, difendiamo gli spazi transfemministi

  MUTUO SOCCORSO È SORELLANZA Lo Spazio di Mutuo Soccorso si prepara alla giornata del #LottoMarzo. Giovedì 7 marzo dalle 16:00 - Laboratorio scenografie: prepariamo insieme cartelli, striscioni, cori, panuelos per i cortei dello sciopero. - Vieni a conoscere i...

24 Febbraio Corteo Nazionale #FreePalestine

Sabato 24 Febbraio – Ore 14:30 – Piazzale Loreto
Corteo nazionale contro il genocidio del popolo Palestinese
Segui lo spezzone Decolonize!

Otto Marzo 2024 – Corteo Studentesco

Lotto Marzo! – Venerdì otto Marzo corteo studentesco e dello sciopero – ore 9:30 largo Cairoli – #NonUnaDiMeno #Student3Disobbedient3

Memori(a)E: sostantivo plurale, verbo attivo. 2024.

A cosa serve la memoria? La memoria, o meglio, le memorie degli orrori del passato devono servire a fermare immediatamente i genocidi del present

Iniziativa in Unimi per la laurea di Liliana Segre #GiornataDelleMemorie

Giornata della memoria - Iniziativa in Unimi "L'indifferenza è peggiore della violenza." -Liliana segre Queste le parole di Liliana Segre con cui abbiamo voluto accoglierla all'università statale di Milano, come studenti non indifferenti. Ricordare i genocidi della...

eventi

SAYRI X DECOLONIZE THE CITY!

VENERDI' 24 MAGGIO AL CANTIERE ✧・゚SAYRI X DECOLONIZE THE CITY ・゚✧ Torniamo al @cantiere_milano presentando, per la prima volta in italia, @ojosfinos 🇺🇾 e @_ast.er 🇵🇪 Ojosfinos è un artista multidisciplinare uruguaiano con base a Montevideo. È uno dei pionieri del club...

Decolonize the city: incontro all’Acampada

DECOLONIZE THE CITY In che modo i nostri luoghi di sapere riproducono e legittimano sapere coloniale? In che modo le stesse università che ci danno strumenti per sovvertire i paradigmi di oppressione in cui siamo immersə sono le stesse che li reiterano? In che modo...

Pazzesk@: laboratorio sulla salute mentale. Il carattere sovversivo del disagio.

Pazzesk@ Laboratorio sulla Salute Mentale Il carattere sovversivo del disagio.Primi appuntamenti, dalle 16.00 alle 18.00 a SMS Spazio di Mutuo Soccorso, piazza Stuparich 18 Giovedì 23 maggio “Il normale è patologico” Giovedì 30 maggio “Competizione e Merito” Giovedì...

Presentazione di “Il libro Antirazzista – 20 lezioni per agire contro il razzismo” con Tiffany Jewell

📌Mercoledì 8 Maggio presentiamo "Il libro Antirazzista - 20 lezioni per agire contro il razzismo" con Tiffany Jewell. Un evento per costruire insieme una scuola capace di denunciare e contrastare il razzismo, dentro e fuori dalle aule. 🕢19:00Presentazione del libro...

iN/Stabile: NarrAzione di Comunità.

iN/Stabile: NarrAzione di Comunità Giovedì 2 maggio, h.19, grande inaugurazione e vernissage della mostra immersiva e comunitaria! Lo Spazio di Mutuo Soccorso compie 11 anni.Per l'occasione, abbiamo deciso di narrarci, e trasformare il mondo attraverso la parola,...

SMS in Festa! 11 Anni di Mutuo Soccorso

Dal 2 al 5 Maggio, SMS in festa! 11 anni di mutuo soccorso, 4 giorni di festival: concerti, dibattiti, sport, cibo e socialità, in Piazza Stuparich 18.

20 Aprile, Serata Groove w/Paprika

20 Aprile 2024 – Serata solo Groove w/Paprika @Cantiere, Via Monterosa 84

Cena di primavera per le spese legali del Cantiere.

Cena di primavera per le spese legali del Cantiere! Domenica 14 aprile 2024 dalle 20:00

Sabato 13/4: Stay Punk Stay Antifa!

Stay Punk Stay Antifa!
sabato 13 aprile 24
Dirty Noise, Punk-o-Mat, Fondamenta Nuove
dalle 22 @Cantiere, via Monterosa 84

12 Aprile: Spettacolo “Una lepre con la faccia di Bambina”

H. 18:30 presentazione dello Strike del 19A con FridaysForFuture Milano;
H. 20:00 Cena veg;
H. 22:00 Spettacolo “Una Lepre con la faccia di Bambina

approfondimenti

“Al lavoro! Priorità, sicurezza, diritti”

Al lavoro! Il nuovo governo si è già messo al lavoro.  Oh, finalmente. Certo, perchè con tutti i problemi che abbiamo in questo Paese, non c'era da perdere tempo. C'è la guerra e la bomba atomica viene seriamente presa sul serio dai potenti della guerra. C'è una crisi...

SPECIALE STOP WAR: Di fronte ad ogni guerra la parola NO e l’azione Ribelle

CLICCA e vai alla raccolta di contributi, approfondimenti e call to action #STOPTHEWAR!   di seguito intanto trovi il nostro contributo. Per seguirci @cantieremilano su twitterDi fronte ad ogni guerra c’è solo una parola degna e una azione conseguente, la parola...

Quale libertà?

Già da quest’estate manifestazioni e proteste contro il Green pass si sono verificate in molte città d’Italia.A nostro parere la contrapposizione tra libertà individuale e la libertà coniugata con la solidarietà e la responsabilità sociale è il discrimine attraverso...

Da Milano al Messico, “EL AGUA ES DEL PUEBLO”, #FueraBonafont! – azione solidale per l’acqua

#boycottdanone FUERA BONAFONT [ITALIANO] Oggi, 11 giugno, a 10 anni dal referendum contro la privatizzazione dell'acqua, siamo stati davanti alla sede del gruppo Danone, di cui fa parte Bonafont, e abbiamo lasciato davanti all’ingresso della loro sede vernice rossa a...

Pueblos Zapatistas Unidos contro il furto dell’acqua: #FueraBonafont

“Bonafont” è una impresa legata al gruppo francese “Danone” che si dedica all’imbottigliamento dell’acqua. Dal 1992 Bonafont si è installata nel territorio di Puebla, in Messico, senza che le popolazioni locali venissero in alcun modo consultate dallo Stato, che ha...

No Profit On Pandemic!

Nessun profitto sulla pandemia. Cure e vaccini per ciascun* ovunque e gratuiti.Durante entrambi gli incontri affronteremo, da vari punti di vista, la battaglia che vede contrapposti grandi attori globali di fronte alla sfida delle vaccinazioni contro il Covid 19 e le...

Restituiteci Sankara.

Restituiteci Sankara.L’Africa non è una macchia nella cartina del mondo, non può essere rimossa. Esiste non molto lontano, a due passi dal mare, che si chiama Africa. L'opinione pubblica europea sa che da lì partono le imbarcazioni dei migranti, in fuga dalla...

Vive la Commune!

150 anni fa, una delle più straordinarie esperienze rivoluzionarie della storia contemporanea: la Comune di parigi. Sconfitta dalle armi dell'esercito del Kaiser ha lasciato un'eredità raccolta per tutto il secolo successivo da chi ha alzato la Bandiera Rossa per la...

Un altro mondo è possibile: a 19 anni da Genova.

STOP GLOBAL WAR: AVEVAMO RAGIONE NOI. Non dimenticare genova per continuare a costruire altri mondi possibili. Nel 2001 a Genova migliaia e migliaia di persone da tutto il mondo invasero le strade contro il g8, il vertice dei "grandi potenti" del mondo. Era il...

Contro le passioni tristi, le sardine urtano il populismo

Di MARCO BASCETTA Nel cercare di comprendere la natura dei movimenti, la loro direzione di marcia, il posto che occupano nella sfera politica si rischia sempre di essere prematuri o inattuali. Del resto ogni movimento sociale è attraversato da flussi emotivi e bisogni...