CANTIERE.ORG

CANTIERE

.ORG

Un’industria altamente inquinante, una di quelle che oggi dovrebbero essere sostituite o radicalmente trasformate se si volesse prendere sul serio la crisi e l’emergenza climatica.

Una città del meridione d’Italia, in cui la possibilità di ospitare una delle grandi industrie nazionali è stata vissuta negli anni ’60 come una grande opportunità, tanto da dare forma alla città stessa.

Un coacervo di interessi pubblici e privati, dove il profitto (il massimo profitto possibile) viene prima dei diritti dei lavoratori, ma soprattutto prima della verità e del diritto alla salute dei cittadini.

Una serie di speculatori, su tutti la famiglia Riva ed oggi le multinazionali globali, che sono disposti a violare qualunque principio pur di guadagnare miliardi senza assumere nessuna responsabilità sociale e che sono, infine, immuni dalla legge.

Uno scontro tra oppressi, alimentato ad arte dai “padroni delle acciaierie” , dove il diritto al reddito di decine di migliaia di lavoratori viene giocata contro la salute degli abitanti del quartiere Tamburi.

COSA E’ SUCCESSO, COSA STA SUCCEDENDO?
La vicenda recente di ILVA è cominciata nel 2012, quando la magistratura aveva disposto il sequestro dell’acciaieria e l’arresto di alcuni suoi dirigenti, tra cui i proprietari, la famiglia Riva, per violazioni ambientali. Nell’ordinanza di sequestro c’era scritto che chi gestiva e continuava a gestire l’ILVA aveva «continuato nell’attività inquinante con coscienza e volontà per la logica del profitto, calpestando le più elementari regole di sicurezza».
Leggi l’articolo del post del Luglio 2018, che ricostruisce la vicenda dal 2012

Nel 2014, anche il giornalista tarantino Alessandro Leogrande avvisava che: nazionalizzare l’Ilva è possibile (probabilmente l’unica soluzione), ma “Si tratta di ripensare, a partire proprio da Taranto, la politica dell’acciaio per l’intero paese e di ricreare un alto livello di competenze pubbliche per la gestione di un caso delicatissimo. Soprattutto, occorre non nascondere sotto il tappeto i cumuli di polvere prodotti da quel disastro ambientale che secondo la procura del capoluogo jonico è ancora in atto.”
Leggi l’articolo di Alessandro Leogrande su Internazionale: “Ha senso nazionalizzare l’Ilva”?

Il dibattito politico è proseguito nel segno del ricatto. Salute contro lavoro. Riconversione totale della fabbrica oppure ripristino della produzione “pur che sia”. Sempre Alessandro Leogrande faceva il punto della situazione nel 2015.
Dovrebbero allora intervenire i nuovi colossi mondiali dell’acciaio, come gli indiano-lussemburghesi dell’ArcelorMittal. Ma questi, dopo aver mostrato un interesse iniziale, si sono dimostrati ultimamente molto più freddi. Dal momento che vorrebbero intervenire solo dopo che il governo italiano avrà già ultimato tutti i lavori di trasformazione degli impianti, giudicano ancora il caso Ilva un enorme grattacapo.
Leggi l’articolo di Alessandro Leogrande su Internazionale: “Due incognite sul futuro dell’Ilva”.

Moltissime voci hanno ricominciato a dire che la chiusura dell’area a caldo, la riconversione immediata della fabbrica con soldi pubblici è l’unica soluzione. Tra essi USB che aveva firmato l’accordo di Agosto 2018, pur senza trionfalismi.
Ritenendo del tutto pretestuose le ragioni addotte dalla multinazionale, Conte ha invocato l’unità di tutto il Paese allo scopo di salvare la siderurgia italiana e respingere il ricatto di un’azienda che solo un anno fa ha acquisito con gara pubblica Ilva e che ora pretende 5000 nuovi esuberi, una legislazione ad hoc su immunità e sicurezza. Conte ha preannunciato iniziative giudiziarie a tutela degli interessi dello Stato per un disimpegno che appare allo stato attuale irreversibile, immotivato ed illegittimo.
I sindaci dei comuni di Taranto, Crispiano, Massafra ed il presidente della regione Emiliano hanno esplicitamente chiesto al governo l’avvio di un percorso con risorse pubbliche per l’eliminazione delle fonti inquinanti – spiegano i due esponenti sindacali -. Un ‘Piano B’ per Taranto in nome del diritto alla salute negato da decenni. La stessa Confindustria, pur sottolineando la strategicità della produzione di acciaio non ha escluso che in tempi brevissimi si debba ricorrere al ‘Piano B’.
Conferenza stampa di USB, all’uscita dal tavolo del MISE.

A seguito dell’incontro tra la proprietà e il governo Arcelor Mittal ha tolto il velo di ipocrisia che attribuiva allo scudo fiscale la retrocessione dal contratto.
È UN RICATTO. È la lista di condizioni poste da chi sente di avere in mano il coltello dalla parte del manico. Per il governo e per la maggioranza la scelta è tra le più difficili. La chiusura dell’Ilva implicherebbe un disastro di vastissima portata. Oltre 50mila posti di lavoro a rischio e una mazzata tra l’1,2% e l’1,4% del Pil secondo Svimez. Senza contare la possibilità, per la Germania, di fissare a proprio piacimento il prezzo dell’acciaio. La resa, perché questo significherebbe accogliere per intero le richieste di Mittal, vorrebbe dire non solo ammettere che le aziende sono in qualche misura al di sopra della legge ma anche mettere a rischio la sopravvivenza del governo.
Il ricatto di Mittal: scudo penale e 5000 esuberi, Andrea Colombo dal Manifesto.

APPROFONDIMENTI:
Sull’incontro tra comitati ambientalisti e civici, e il premier Conte, al quale è stato consegnato un documento che indica un possibile piano B per Taranto sentiamo Mirko Maiorino, portavoce del Comitato Cittadini e Lavoratori Liberi E Pensanti.
Ascolta lo speciale di Radio Onda d’Urto: Ilva. Conte incontra i Comitati: non ho la soluzione in tasca.

Sull’annuncio e la decisione di Arcelor Mittal di avviare la restituzione degli impianti, ascolta i due speciali di Radio Onda d’urtp:
Arcelor Mittal avvia le procedure per la restituzione degli impianti
Con le interviste a Sergio Bellavita (USB) e  Raffaele (lavoratore Ilva) e con un confronto tra Raffaele Cataldi (Cittadini liberi e pensanti e Giuseppe Romano Fiom-Cgil).
Ilva annuncia l’addio agli imianti di Taranto.
Con le interviste a Roberto Romano (Sbilanciamoci), Celeste (Comitato Mamme quartiere Tamburi), Raffaele Cataldi (Comitato Cittadini liberi e pensanti)

Girolamo De Michele su Euronomade.
La Fabbrica – Italsider-Ilva-Arcelo Mittal – ha costituito per Taranto una sorta di Alien che, mentre la teneva in vita, le succhiava ogni risorsa vitale, fino a ucciderla. Avvelenandone non solo l’aria, con emissioni e polveri, e il sottosuolo, con scarichi dei quali tutt’ora si sa poco – come l’affiorare di catrame alla gravina Leucaspide, o le misteriose emissioni di gas nelle scuole del rione Tamburi –; ma anche devastandone la struttura sociale, e imponendosi come la tetra forma mentale di un destino al quale non si può sfuggire. Un mostruoso impasto organico di metalli e carni umane che attira le vite al proprio interno e chiede, come un moderno Minotauro, un tributo di morte in tumori e leucemie, che invade con le proprie metastasi i corpi, saturando di polveri sottili bronchi e polmoni.
Leggi: A Taranto, nemmeno i morti sono al Sicuro, di Girolamo De Michele, da Euronomade

 

IN TUTTO QUESTO I “SOVRANISTI”:
https://twitter.com/Cantiere/status/1193096865652396032?s=19

articoli

Di perquisizioni e imbrattamento .. e la guerra?

DI PERQUISIZIONE E IMBRATTAMENTO ... E LA GUERRA? Comunicato sulle perquisizioni di questa mattina contro studentesse e student* del Coordinamento Dei Collettivi Studenteschi , del Cantiere Milano e del movimento milanese contro la Guerra al futuro. Ci sono 59 guerre...

Spazio di Mutuo Soccorso in Festa! 5-6-7-8 maggio

La festa continua! Vi aspettiamo a SMS per l'ultima giornata con le attività in programma.  Immagini della festa  5, 6, 7, 8 Maggio Mutuo Soccorso in festa Per festeggiare i 9 anni dello spazio di Mutuo Soccorso, di lotta per il diritto all’abitare, di pratiche...

25 Aprile 2022 – La resistenza è diserzione

"Disertori", "ribelli", "sabotatori", così venivano chiamatə le partigiane e i partigiani dalla propaganda fascista della RSI. La resistenza era formata da disertori e sbandati, non da un eserciti e militari. Resistere significava scappare, evitare la leva...

#SafePassage – E’ partita la seconda missione * PACE DISARMO FUTURO * #stopwar

La carovana #SafePassage di Mediteranea Saving Humans riparte per la seconda missione. A una settimana dal ritorno della prima missione i van sono di nuovo carichi per portare ulteriori aiuti umanitari nella città di Leopoli, sono pronti a riportare al sicuro le...

Milano in piazza ogni Sabato contro la guerra!

OGNI SABATO, H.15 @ LARGO CAIROLI: CORTEO CITTADINO "MILANO CONTRO LA GUERRA"  Tutti i sabati Milano in piazza contro la guerra!   Pace. Disarmo. Futuro. Ci siamo battuti in ogni occasione per la Pace, eppure i conflitti sono aumentati. Forse perché è stato perso...

#SafePassage: parte la seconda missione.

La carovana #SafePassage di Mediteranea Saving Humans riparte per la seconda missione.   Dopo l'ottimo risultato della scorsa settiamana i van sono di nuovo carichi per portare ulteriori aiuti nella città di Leopoli e riportare al sicuro le persone che fuggono d...

Raccolta Solidale a SMS per la Missione #SAFEPASSAGE

MEDITERRANEA FOR UKRAINE: #SAFEPASSAGE Mediterranea Saving Humans si occupa dal 2018 di osservazione e monitoraggio, ricerca e soccorso a tutela dei diritti umani nel Mediterraneo Centrale. Il prossimo 21 marzo, con la nostra nave Mare Jonio, salperemo per la nostra...

25/3 – Global Strike contro la guerra di Fridays for Future

Venerdì 25 Marzo, ore 9:30 Largo Cairoli Corteo studentesco contro la guerra per il #GlobalStrike di Fridays For Future #PeopleNotProfit"Di fronte ad ogni guerra una sola parola è giusta ed una sola azione è degna: la parola è NO, l’azione è ribelle." LA GUERRA CI FA...

LE MOBILITAZIONI NON SI FERMANO: Scuole occupate contro la guerra!

LE MOBILITAZIONI NON SI FERMANO Continuano le occupazioni delle scuole superiori di Milano, con una rivendicazione centrale: siamo contro la guerra. La mobilitazione studentesca contro la guerra è PERMANENTE, e andrà avanti fino alla fine del conflitto. Continueremo...

Mobilitazione permanente studentesca contro la guerra

Oggi, noi studentesse e studenti del Coordinamento dei Collettivi Studenteschi di Milano e Provincia, siamo stati davanti alla sede di UniCredit in piazza Gae Aulenti per denunciare chi fa profitto finanziando guerre ed eserciti e per opporci al conflitto armato....

eventi

3.06.2022 – Sapore di Trash w/ Red Gipsy, ITB & Los Machetes

3.06.2022 - Sapore di Trash w/ Red Gipsy, ITB & Los Machetes👉🏽VEN 3👈🏽 ➖SAPORE DI TRASH➖ 🔺LOVE MUSIC HATE FASCISM🔻   Sul palco del Cantiere ritorna un po’ di sana trash per farci ballare indecorosə e divertitə.  Dai remix più pazzi alle canzoni che canteremo a...

Decolonize the City w/ Sayri

Decolonize the City w/ Sayri @Cantiere“Il perreo è come una tecnologia, un modo di vivere il nostro presente, la connessione del passato e del futuro attraverso il rituale” @idkebra Rivendichiamo la forza della distruzione di cui è costituita ogni nostra resistenza....

4.06.2022 – DischiVolanti – Urban Episode

DischiVolanti - Urban Episode⚠️SAB 4⚠️ 👽DISCHI VOLANTI👽 🔹URBAN EDITION🔹   ❗️Sabato 4 giugno al Cantiere torna DischiVolanti, il party vinilico più ribelle della città! ❗️Questa volta i nostri DJs ci delizieranno in una session tutta dedicata alla musica urban,...

28/05 BUSS A VIBE – Dancer Invasion w/ Aurora Rah & Royal Vibes

28/05 BUSS A VIBE Dancers' Invasion w/ Aurora Rah & Royal VibesDANCERS, PAY ATTENTION‼️ Sabato 28 maggio ci sarà un'edizione speciale delle BUSS A VIBE NIGHTS 😏 🔥 DANCERS' INVASION EDITION 🔥 Dopo il workshop di @aurorarah allo @spaziomutuosoccorso continuiamo con...

20/05 – Dischi Volanti @Cantiere

22/05 - Dischi Volanti @Cantiere🔥VENERDÌ 20🔥👽DISCHI VOLANTI👽 🔹Venerdì 20 maggio balliamo a ritmo di vinile!Vieni a scoprire il mercatino del vinile in cui rovistare e trovare chicche a prezzi Pop.Oltre alla buona musica troverai un aperitivo con le birre del Gruppo di...

SERATA STUDENTESCA SABATO 30 APRILE

Per sostenere le mobilitazioni studentesche dei collettivi studenteschi, torna in Cantiere la musica dal vivo degli Youngover, lo stoner punk degli Empty Stomach, l'hardcore dei Drunken Unicorns e il punk brianzolo antifa dei Medium Beer, per la festa del collettivo...

Cena messicana per le spese legali del Cantiere

❗CENA MESSICANA PER LE SPESE LEGALI DEL CANTIERE❗ In occasione dell’anniversario della morte di Emiliano Zapata, rivoluzionario messicano che guidò la ribellione contro i latifondisti del Morelos per i diritti dei nativi, deceduto il 10 aprile 1919, questa domenica 10...

Serata Studentesca – 9 Aprile 2022

TORNA IN CANTIERE LA MUSICA DAL VIVO DI CULT OF THE SUN E EMPTY STOMACH CI VEDIAMO SABATO 9 APRILE PER UNA SERATA STUDENTESCA PER SOSTENERE LE MOBILITAZIONI CONTRO LA GUERRA DEL COORDINAMENTO DEI COLLETTIVI STUDENTESCHI 🤘NO SEXISM🤘NO RACISM🤘NO HARD DRUGS...

RADICI SCOPERTE: serata palestinese al Cantiere.

Le associazioni "Giovani Palestinesi d'Italia" e "Giovani e Palestina" presentano l'evento "RADICI SCOPERTE": in occasione della Giornata della Terra (Yom Al Ard) e della Israeli apartheid week, vi invitiamo a scoprire la Palestina dalla storia della sua terra e del...

Dischivolanti – Love Music Hate Bombs

LOVE MUSIC HATE BOMBS VENERDÌ 25DISCHI VOLANTICRAZY VINYL PARTY Venerdì 25 marzo, dopo lo sciopero globale contro la guerra di Fridays For Future, l'appuntamento con i migliori vinili della galassia. Vieni a scoprire il mercatino del vinile in cui rovistare e trovare...

approfondimenti

SPECIALE STOP WAR: Di fronte ad ogni guerra la parola NO e l’azione Ribelle

CLICCA e vai alla raccolta di contributi, approfondimenti e call to action #STOPTHEWAR!   di seguito intanto trovi il nostro contributo. Per seguirci @cantieremilano su twitterDi fronte ad ogni guerra c’è solo una parola degna e una azione conseguente, la parola...

Quale libertà?

Già da quest’estate manifestazioni e proteste contro il Green pass si sono verificate in molte città d’Italia.A nostro parere la contrapposizione tra libertà individuale e la libertà coniugata con la solidarietà e la responsabilità sociale è il discrimine attraverso...

Da Milano al Messico, “EL AGUA ES DEL PUEBLO”, #FueraBonafont! – azione solidale per l’acqua

#boycottdanone FUERA BONAFONT [ITALIANO] Oggi, 11 giugno, a 10 anni dal referendum contro la privatizzazione dell'acqua, siamo stati davanti alla sede del gruppo Danone, di cui fa parte Bonafont, e abbiamo lasciato davanti all’ingresso della loro sede vernice rossa a...

Pueblos Zapatistas Unidos contro il furto dell’acqua: #FueraBonafont

“Bonafont” è una impresa legata al gruppo francese “Danone” che si dedica all’imbottigliamento dell’acqua. Dal 1992 Bonafont si è installata nel territorio di Puebla, in Messico, senza che le popolazioni locali venissero in alcun modo consultate dallo Stato, che ha...

No Profit On Pandemic!

Nessun profitto sulla pandemia. Cure e vaccini per ciascun* ovunque e gratuiti.Durante entrambi gli incontri affronteremo, da vari punti di vista, la battaglia che vede contrapposti grandi attori globali di fronte alla sfida delle vaccinazioni contro il Covid 19 e le...

Restituiteci Sankara.

Restituiteci Sankara.L’Africa non è una macchia nella cartina del mondo, non può essere rimossa. Esiste non molto lontano, a due passi dal mare, che si chiama Africa. L'opinione pubblica europea sa che da lì partono le imbarcazioni dei migranti, in fuga dalla...

Vive la Commune!

150 anni fa, una delle più straordinarie esperienze rivoluzionarie della storia contemporanea: la Comune di parigi. Sconfitta dalle armi dell'esercito del Kaiser ha lasciato un'eredità raccolta per tutto il secolo successivo da chi ha alzato la Bandiera Rossa per la...

Un altro mondo è possibile: a 19 anni da Genova.

STOP GLOBAL WAR: AVEVAMO RAGIONE NOI. Non dimenticare genova per continuare a costruire altri mondi possibili. Nel 2001 a Genova migliaia e migliaia di persone da tutto il mondo invasero le strade contro il g8, il vertice dei "grandi potenti" del mondo. Era il...

Contro le passioni tristi, le sardine urtano il populismo

Di MARCO BASCETTA Nel cercare di comprendere la natura dei movimenti, la loro direzione di marcia, il posto che occupano nella sfera politica si rischia sempre di essere prematuri o inattuali. Del resto ogni movimento sociale è attraversato da flussi emotivi e bisogni...

In Cile il neoliberismo è in crisi

In Cile si sintetizza una combinazione esplosiva di un libero mercato senza anestesia e una democrazia completamente delegittimata, che conserva solo il suo nome. È degenerato in una plutocrazia che, fino a pochi giorni fa - ma non più - è stata misurata dalle...