La controffensiva della destra perde forza in America Latina.

Dopo un primo decennio segnato dai governi anti neoliberisti in America Latina, che hanno proiettato Hugo Chávez, Lula, Néstor e Cristina Kirchner, Pepe Mujica, Evo Morales e Rafael Correa come i grandi leader della sinistra su scala mondiale, la destra è ripresa l’iniziativa e l’offensiva nel secondo decennio del secolo. Riuscì a isolare il governo di Nicolás Maduro, erigere Mauricio Macri, imporre una sconfitta a Evo Morales, abbattere Dilma Rousseff, prendere prigioniero e condannare Lula, erigere Bolsonaro, invertire la vittoria in Ecuador ed erigere Ivan Duque e Sebastián Piñera

La scena politica latinoamericana è cambiata radicalmente nel secondo decennio del secolo. Furono cambiamenti concomitanti con quelli avvenuti in tutto il mondo, con l’elezione di Donald Trump, Brexit, governi di destra in Italia, in Polonia, in Ungheria.

L’offensiva di destra ha perso fiato, con Johnson che ha perso la maggioranza in parlamento, con Trump che ha dovuto sbarazzarsi di Bolton, il suo “signore della guerra”, oltre a dover affrontare la difensiva con impeachment. Con la sconfitta del governo di destra in Italia. Nella stessa America Latina, la situazione ha nuovamente subito cambiamenti nella direzione progressiva, con l’elezione di López Obrador in Messico. In Argentina, la spettacolare vittoria di Macri quattro anni fa, con il ripristino del modello neoliberista, ha portato il suo governo a un rifiuto non meno spettacolare, confermando l’incapacità di quel modello di conquistare basi sociali stabili di sostegno. Ha confermato che il diritto non ha alternative a quel modello, che promuove gli interessi del capitale finanziario a spese dei diritti della stragrande maggioranza della popolazione. Ecco perché si esaurisce rapidamente e fallisce. Alberto Fernández e Cristina Fernandez hanno vinto le elezioni presidenziali con un risultato molto più clamoroso di quello raggiunto all’epoca da Mauricio Macri. 

Lo scenario latinoamericano cambia di nuovo, con due dei tre principali paesi latinoamericani – Messico e Argentina – con governi progressisti, anti-neoliberisti, che isolano il governo di estrema destra del Brasile. In Bolivia Evo è stato rieletto al primo turno, mentre la disputa al secondo turno è aperta in Uruguay.

Ma il colpo più forte per la destra filoamericana è successo in Colombia Il vento Bolivariano che soffia sull’America Latina ha investito anche il baluardo statunitense, la schiacciante sconfitta del Partito  centro democratico, al quale appartengono l’ex presidente Álvaro Uribe e il presidente Iván Duque ,  ha perso le elezioni regionali  in tutte le principali città: Bogota vince Claudia López prima donna eletta sindaco della capitale colombiana, Cali, Barranquilla, Cucuta, in Turbarco dipartimento di Bolivar ha vinto Guillermo Torres ex combattente guerrigliero delle FARC, anche in  Medellin  patria dell’Uribismo hanno perso .

La controffensiva conservatrice sta quindi perdendo forza, dimostrando che non ha alcuna proposta di rilanciare l’economia globale, né di pacificare gli scoppi di guerra, né di diminuire le disuguaglianze nel mondo e in ogni paese. Abbiamo un mondo in cui si moltiplicano gli scoppi di guerra, in cui arriva un nuovo ciclo recessivo, in cui i governi sono sempre più instabili, le organizzazioni internazionali sempre più logore, un mondo sempre più insicuro.

L’impulso conservatore perde fiato, perché non ha nulla da proporre, ma più violenza e più profitti per il capitale finanziario. I loro governi si esauriscono rapidamente e falliscono.

Author: Ale

Share This Post On

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *