In Cile si sintetizza una combinazione esplosiva di un libero mercato senza anestesia e una democrazia completamente delegittimata, che conserva solo il suo nome. È degenerato in una plutocrazia che, fino a pochi giorni fa – ma non più – è stata misurata dalle dimissioni, dalla demoralizzazione e dall’apatia dei cittadini, abilmente ingannate dall’oligarchia mediatica dei media della classe dominante.

Un segnale di avvertimento di disordini sociali è stato che oltre la metà della popolazione (53,3 per cento) in età di voto non si è nemmeno preoccupata di andare alle urne al primo turno delle elezioni presidenziali del 2017. l’astensione dal voto è stata ridotta al 51%. Sebastián Piñera è stato eletto con appena il 26,4% degli elettori registrati. In poche parole, solo un cittadino su quattro si è sentito rappresentato da lui.

Oggi quella cifra deve essere molto più bassa e in un clima in cui il neoliberismo è ovunque assediato dalle proteste sociali. Il tempo è cambiato e non solo in America Latina. Le loro false promesse non sono più credibili e i popoli si ribellano: alcuni, come in Argentina, sfrattano i loro portavoce dal governo attraverso il meccanismo elettorale, e altri tentano con le loro enormi mobilitazioni – Cile, Ecuador, Haiti, Honduras – di finire a un progetto follemente ingiusto, disumano e predatore. È vero: c’è una “fine del ciclo” nella regione. Ma non, come alcuni ipotizzano, quello del progressismo ma quello del neoliberismo, che può essere sostenuto, e non per molto tempo, con la forza di brutali repressioni.

Prima furono i colpi, le umiliazioni e le minacce, ma nelle ultime ore le torture e gli stupri delle donne in Cile sono diventati realtà. Lo stato di eccezione attuato dal governo di Sebastián Piñera ha portato le pratiche della dittatura, anche per quanto riguarda le sparizioni. Molte delle donne che sono state arrestate finora sono scomparse. Inoltre, le persone incarcerate a Santiago del Cile sono state spogliate di fronte allo staff maschile, tentate nei loro genitali e “hanno messo la punta del fucile nella loro vagina mentre minacciavano di violentarle e ucciderle”, come emerge dalle testimonianze raccolte dalle compagne di detenzione.

Secondo i dati dell’Istituto nazionale per i diritti umani (NHRI), dopo i giorni di protesta di domenica, sono state arrestate 2138 persone, tra cui 243 bambini e adolescenti e 407 donne. Nove di loro sono stati spogliati in procedimenti di polizia.
Come nella dittatura, ci sono madri disperate che cercano i loro figli e le loro figlie dai tribunali della giustizia.
Cile è un paese ideologicamente molto debole, la sinistra cilena è nel suo peggiore momento, non c’è un’alternativa e la rabbia popolare, l’ira delle classi popolari, si manifesta in questa maniera. Ma la risposta della repressione ci può portare verso tempi tremendamente brutti.


«Farla finita col nazi-liberismo», di Franco Berardi Bifo

Il lungo disastroso ciclo neoliberista si sta esaurendo nel sangue e nella violenza come nel sangue e nella violenza cominciò. Esso si è caratterizzato come devastazione sistematica dell’ambiente, impoverimento della vita sociale, riduzione del salario, precarietà del lavoro, privatizzazione dei servizi pubblici, incitamento alla guerra di tutti contro tutti.

Questo ciclo cominciò nel 1973, quando gli ideologi neoliberisti nord-americani usarono un assassino chiamato Pinochet per distruggere l’esperimento democratico di Salvador Allende, eletto dalla maggioranza del suo popolo e ucciso dai fascisti nell’interesse dell’economia di profitto.

Il liberismo globalitario, che si presenta sotto spoglie umanitarie e democratiche si affermò grazie alla dittatura militare e alla violenza autoritaria. Negli anni di Thatcher e di Reagan la controrivoluzione sperimentata in Cile e in Argentina si generalizzò a tutto l’Occidente come violenza economica e repressione di ogni tentativo di difesa della società.Non dobbiamo dimenticare del resto che la filosofia del Neoliberismo si fonda essenzialmente sugli stessi principi su cui si fonda il nazismo hitleriano: selezione naturale, imposizione della legge del più forte nella sfera sociale,  eliminazione di ogni differenza tra la società e la giungla.

Questa filosofia nazi-liberista si è imposta nel mondo attraverso l’eliminazione delle avanguardie operaie, la ristrutturazione tecnica della produzione, la privatizzazione della scuola, del sistema sanitario, dei trasporti pubblici e attraverso l’occupazione privata dei media.

Quaranta anni di violenza nazi-liberista hanno condotto allo smantellamento dell’edificio della democrazia, all’esaurimento delle risorse fisiche del pianeta, al cambiamento climatico, alla diffusione massiccia di psicopatie aggressive talvolta suicide. Però negli ultimi giorni cominciamo a capire che dal Cile dove questa follia nazi-liberista incominciò, presto potrebbe iniziare il suo crollo.

Nelle ultime settimane abbiamo assistito a un’esplosione di rivolte distinte, disomogenee, perfino contraddittorie nelle forme e negli obiettivi: l’insurrezione ecuadoriana, la rivolta dei giovani di Hong Kong, l’ondata massiccia di protesta contro il centralismo spagnolo in Catalogna, la resistenza armata del popolo curdo contro il fascismo genocida turco.

Ora la sollevazione degli studenti e dei lavoratori cileni, iniziata come protesta contro l’aumento del prezzo dei trasporti urbani si trasforma in una critica pratica e massiccia della violenza finanziaria e chiama gli studenti e i lavoratori di tutto il mondo a scendere in strada a fianco dei ragazzini che ogni venerdì marciano contro il cambiamento climatico.

Il capitalismo è un cadavere nel quale siamo intrappolati: esso incancrenisce le potenzialità di invenzione di progresso di solidarietà.

Ci dicono che non ci sono alternative al capitalismo: in questo caso dobbiamo prepararci alla guerra, all’apocalissi ambientale e alla estinzione sempre più probabile della razza umana.

Ma in verità l’alternativa esiste: si fonda sul superamento dell’ossessione economica della crescita, sulla redistribuzione delle risorse, sulla riduzione del tempo di lavoro salariato e l’allargamento del tempo di attività libera (insegnamento, terapia, azione solidale).

In ogni paese del mondo dobbiamo esprimere solidarietà agli insorti cileni, ecuadoriani, hongkonghini, ma soprattutto dobbiamo prepararci a scendere nelle strade, a fermare le attività lavorative e la circolazione del traffico urbano, ad attaccare i centri del potere economico e finanziario e a costruire le strutture per la riconversione ecologica e sociale di cui l’umanità ha urgente bisogno.

Forse è adesso il momento, da tanto tempo aspettato, per assestare il colpo finale a questo modo di produzione che produce morte: attaccandolo senza respiro in tutti i luoghi.

Sosteniamo gli insorti che non si arrendono e lottano contro il privilegio. La rivolta cilena chiama la solidarietà internazionale contro il genocidio, perché si chiuda il tempo dell’orrore e dell’indegnità e inizi un’epoca degna di essere vissuta.

Franco Berardi Bifo,

Hugo Nicolás Sir Retamales,

Colectivo Vitrina Dystópica, Santiago

articoli

NO al nucleare! Blitz alla sede dell’ Unione Europea!

NO NUKE IN OUR FUTURE! No scorie, No profitti, No Armi!   Siamo alla sede milanese dell'Unione europea perché domani sarà l'ultimo giorno per impedire che nucleare e gas vengano classificate come fonti di energia sostenibile SEGUICI SUI...

La DAD non è la soluzione: OCCUPIAMOCI di scuola!

La DAD non è la soluzione: OCCUPIAMOCI della scuola! La priorità del governo è aprire le scuole in presenza, ma cosa è stato fatto affinché questo avvenga? Solo dichiararlo!  Siamo tornati a scuola e nulla è cambiato: la scuola continua ad essere l’ultima ruota del...

Ciao Vito, continueremo a disegnare altri mondi possibili

Ciao Vito, compagno instancabile con il sole e con la pioggia. La tua ruvidezza sincera e il tuo brontolare operoso ci faranno compagnia non solo nei ricordi ma rimarrai per sempre presenza costante. Non dimenticheremo mai la tua creatività artigiana, l'entusiasmo...

Natale Solidale a SanSiro! 18 dicembre dalle 15 in pza Selinunte

Sabato 18 dicembre "NATALE SOLIDALE A SAN SIRO" dalle 15.00 in piazzale Selinunte! Programma della giornata:h 15:00 laboratorio artistico, stencil e colori per tutte tutti a cura della Bottega delle Arti di SMS Spazio di Mutuo Soccorso;h 15:30 lezione di boxe per...

Milano non dimentica Piazza Fontana. Ama la libertà, rifiuta fascismo e razzismo.

Non c'è futuro senza memoria: durante il corteo per non dimenticare la strage di #PiazzaFontana siamo passati di fianco al consolato Libico, dove abbiamo voluto lanciare un messaggio di solidarietà con le proteste che da settimane ormai proseguono sotto l' #Unhcr di...

Recovery Plan-et: Tax the rich! 7 Dic @Prima della Scala

Oggi è andato in scena il #MutuoSoccorso alla #PrimadellaScala perché costruire dal basso un'alternativa a questo sistema insostenibile è urgente e necessario! Questo modello di sviluppo si basa sullo sfruttamento del pianeta e di chi lo abita. Le conseguenze del...

10 Dicembre Corteo Studentesco – NON C’È FUTURO SENZA MEMORIA – Gli studenti non dimenticano Piazza Fontana!

Il 12 dicembre del 1969 in piazza Fontana esplode una bomba uccidendo 17 persone e ferendone quasi 100. A mettere la bomba fu il gruppo fascista Ordine Nuovo, con il mandato e l’appoggio dei servizi segreti dello stato. PerchéAlla fine degli anni ‘60, i movimenti...

Fantasie di complotto e cospirazioni neofasciste

OGGI ORE 18.30 IN DIRETTA LIVENelle piazze d'Italia e del mondo una vulgata che mischia individualismo, irrazionalismo e attrae anche generiche istanze di rabbia sociale si sta mobilitando, sostanzialmente nel nome della sfiducia nella scienza.PARLIAMO CONLeonardo...

Piantum/Azione: lunedi 29 novembre in piazza Stuparich

Un piccolo gesto per costruire città più vivibili contro la cementificazione selvaggia.  Continuano le nostre Piantum/Azioni, perchè prendersi cura del verde di piazza Stuparich significa prendersi cura del nostro pianeta! Lunedi 29 l'appuntamento è alle 8, per...

San Siro: basta sgomberi, la casa è un diritto!

Stamattina San Siro si è svegliata con le camionette, un quartiere militarizzato e una mattina di sgomberi.In via Abbiati una donna occupante per necessità, sola con tre figli, di cui una minorenne che era a scuola è stata buttata per strada. Tanti soldi pubblici per...

eventi

Venerdì 21 gennaio DISCHI VOLANTI al Cantiere

👽DischiVolanti👽🍺APERITIVO BEER&CHEESE🧀🔥MERCATINO DEL VINILE🔥🔸Venerdì 21 Gennaio, dalle 19:00, ci vediamo al Cantiere per un aperitivo genuino con le birre e i formaggi del Gruppo di Acquisto Solidale Popolare.🔸In contemporanea, un bellissimo mercatino di vinili...

Buss a Dinner/Space Dinner – Cena e dibattito sulla canapa

BUSS A DINNERCena e dibattito sulla Canapa Questo sabato al Cantiere una serata dedicata alla canapa e ai suoi benefici in cui approfondire il referendum sulla legalizzazione della cannabis. Cena a base di canapa powered by Taverna Sociale Clandestina  Parleremo...

Tributo a De Andrè e Cena ligure

“Non essendo padrone che di una piccola arte spesso dovetti cambiarla con il cibo” Sabato 15 Gennaio, a 24 anni dalla morte del cantautore, omaggiamo Fabrizio De Andrè con una CENA LIGURE. PER PRENOTARE https://www.eventbrite.com/.../cena-ligure-in-tributo-a......

AfroVibration: sabato 11 dicembre cena e musica

AfroVibrations w/ DJ Halo & DJ MadMattSABATO 11AFRO VIBRATIONSMUSIC AGAINST RACISM Al Cantiere, una serata antirazzista a base di ritmi afro Unire musica e antirazzismo, raccontando altri mondi possibili, senza confini e senza muri AI CONTROLLIDJ HALO outta...

19 dicembre – Cenone di Natale al Cantiere!

Cenone di Natale al Cantiere! Per prenotare clicca qui: https://www.eventbrite.it/e/gran-cenone-di-natale-tickets-222905756117 Domenica 19 dicembre dalle 20.00 un’ultima cena per chiudere in buona compagnia questo 2021 di lotta e solidarietà. Un menù ricco e gustoso...

Fantasie di complotto e cospirazioni neofasciste

OGGI ORE 18.30 IN DIRETTA LIVENelle piazze d'Italia e del mondo una vulgata che mischia individualismo, irrazionalismo e attrae anche generiche istanze di rabbia sociale si sta mobilitando, sostanzialmente nel nome della sfiducia nella scienza.PARLIAMO CONLeonardo...

Cena d’autunno per le spese legali del Cantiere.

Domenica 21 novembre 2021 dalle 20.00 al Cantiere CENA D’AUTUNNO PER LE SPESE LEGALI Una cena a km0 e solidale con prodotti del G.A.S.P. – Spazio Mutuo Soccorso Una cena come sempre all’insegna della socialità, del buon cibo e della buona musica, a sostegno delle...

ZeroCalcare: Proiezione della serie “Strappare lungo i bordi”

  Venerdi 19 novembre 2021 dalle 21.30 al Cantiere Dopo l'incontro "Quali libertà? Quali conflitti?" Strappare lungo i bordi / maratona della serie di Zerocalcare   Da Rebibbia arriva ''Strappare lungo i bordi'' la serie animata di ZeroCalcare (6 episodi da...

Incontro pubblico: quale libertà, quali conflitti?

Venerdì 19 Novembre, al Cantiere, alle 19.00 A nostro parere la contrapposizione tra libertà individuale e la libertà coniugata con la solidarietà e la responsabilità sociale è il discrimine attraverso cui leggere quelle piazze. [...]Invece di avere la Libertà di fare...

Storiemigranti con Nicola Bernardi e il fumettista Sio

Venerdì 12 Novembre 2021 alle h. 19 al Cantiere Presentazione del libro Storiemigranti con Nicola Bernardi e il fumettista Sio. Prenota qui per te e amici per aiutarci a organizzare al meglio lo spazio e garantire la salute di tutt* Serata benefit per Mediterranea con...

approfondimenti

Quale libertà?

Già da quest’estate manifestazioni e proteste contro il Green pass si sono verificate in molte città d’Italia.A nostro parere la contrapposizione tra libertà individuale e la libertà coniugata con la solidarietà e la responsabilità sociale è il discrimine attraverso...

Da Milano al Messico, “EL AGUA ES DEL PUEBLO”, #FueraBonafont! – azione solidale per l’acqua

#boycottdanone FUERA BONAFONT [ITALIANO] Oggi, 11 giugno, a 10 anni dal referendum contro la privatizzazione dell'acqua, siamo stati davanti alla sede del gruppo Danone, di cui fa parte Bonafont, e abbiamo lasciato davanti all’ingresso della loro sede vernice rossa a...

Pueblos Zapatistas Unidos contro il furto dell’acqua: #FueraBonafont

“Bonafont” è una impresa legata al gruppo francese “Danone” che si dedica all’imbottigliamento dell’acqua. Dal 1992 Bonafont si è installata nel territorio di Puebla, in Messico, senza che le popolazioni locali venissero in alcun modo consultate dallo Stato, che ha...

No Profit On Pandemic!

Nessun profitto sulla pandemia. Cure e vaccini per ciascun* ovunque e gratuiti.Durante entrambi gli incontri affronteremo, da vari punti di vista, la battaglia che vede contrapposti grandi attori globali di fronte alla sfida delle vaccinazioni contro il Covid 19 e le...

Restituiteci Sankara.

Restituiteci Sankara.L’Africa non è una macchia nella cartina del mondo, non può essere rimossa. Esiste non molto lontano, a due passi dal mare, che si chiama Africa. L'opinione pubblica europea sa che da lì partono le imbarcazioni dei migranti, in fuga dalla...

Vive la Commune!

150 anni fa, una delle più straordinarie esperienze rivoluzionarie della storia contemporanea: la Comune di parigi. Sconfitta dalle armi dell'esercito del Kaiser ha lasciato un'eredità raccolta per tutto il secolo successivo da chi ha alzato la Bandiera Rossa per la...

Un altro mondo è possibile: a 19 anni da Genova.

STOP GLOBAL WAR: AVEVAMO RAGIONE NOI. Non dimenticare genova per continuare a costruire altri mondi possibili. Nel 2001 a Genova migliaia e migliaia di persone da tutto il mondo invasero le strade contro il g8, il vertice dei "grandi potenti" del mondo. Era il...

Contro le passioni tristi, le sardine urtano il populismo

Di MARCO BASCETTA Nel cercare di comprendere la natura dei movimenti, la loro direzione di marcia, il posto che occupano nella sfera politica si rischia sempre di essere prematuri o inattuali. Del resto ogni movimento sociale è attraversato da flussi emotivi e bisogni...

Il Sud America si solleva contro il neoliberismo

Il neoliberismo è in crisi. In molti paesi dell'America latina le piazze sono piene: milioni di persone si oppongono, dal Cile all'Ecuador, alle politiche neoliberali applicate ai governi di destra. Nel frattempo le elezioni amministrative colombiane e quelle...

Taranto. Il costo del lavoro.

Un'industria altamente inquinante, una di quelle che oggi dovrebbero essere sostituite o radicalmente trasformate se si volesse prendere sul serio la crisi e l'emergenza climatica. Una città del meridione d'Italia, in cui la possibilità di ospitare una delle grandi...