Il popolo vince in piazza, FMI vince al tavolo.

Domenica 13 ottobre a Quito c’è stato un incontro, dopo un’altra durissima giornata di manifestazioni e di implacabile repressione, ulteriormente complicata dal coprifuoco disposto a partire dal pomeriggio del sabato, quando migliaia di indigeni, studenti e altre organizzazioni sociali erano ancora in strada senza sapere dove rifugiarsi.

Dopo 11 giorni, tutti i settori sono stati colpiti: 7 morti, 1152 persone arrestate, 1340 cure mediche nei centri sanitari, ragazze e ragazzi esposti alla violenza, manifestanti,, polizia e militari attaccati, uso di forza eccessiva come forma di repressione contro proteste pacifiche, ritenzione di membri della polizia e militari, attacchi ai giornalisti, paralisi di attività economiche.

La mobilitazione era iniziata, secondo un tweet ufficiale del CONAIE (Confederación de Nacionalidades indigenas), per porre fine alle politiche economiche di morte e miseria generate dal FMI e alle politiche estrattive che colpiscono i nostri territori, evidenziato come il rifiuto più eccezionale alle misure economiche chiamate “Pachetazo”. Inoltre è stato aggiunto che “chiediamo il completo annullamento della lettera di intenti firmata con il Fondo monetario internazionale il cui contenuto non è stato reso pubblico in violazione dell’obbligo di trasparenza degli atti dell’esecutivo; così come la fine dei tentativi di privatizzare le società pubbliche sotto la forma di “concessione”.

L’agenda e le altre dichiarazioni del CONAIE hanno anche denunciato” gli enormi benefici che la borghesia continua a ricevere attraverso molteplici politiche di ripresa economica “e che era arrivato il momento di un’azione per conquistare le richieste popolari”, secondo i leader del movimento, sono state esentate dal pagamento di 4.295 milioni di dollari in tasse, misure scandalose a favore delle banche e delle grandi società, atte a favorire la “colonizzazione” da parte dei loro rappresentanti nelle principali posizioni della pubblica amministrazione, nonché dalla deregolamentazione e dal lavoro precario richiesto nel “pacchetto” dell’FMI.

Bisogna ricordare che le misure annunciate da Moreno il 1 ° ottobre prevedevano che i lavoratori delle società pubbliche “dovessero contribuire un giorno del loro stipendio ogni mese” con l’obbiettivo di “ridurre la massa salare, i contratti occasionali sarebbero stati rinnovati con il meno 20% di retribuzione, mentre il tempo della loro vacanza è ridotto da 30 a 15 giorni.

È sorprendente che questa agenda frondosa sia completamente rimasta fuori dalla discussione tra la leadership dei popoli nativi e il presidente ecuadoriano Lenin Moreno. Non si comprende, quindi, il trionfalismo che alcuni protagonisti e osservatori del conflitto sostengono quando parlano della “negoziazione” che ha posto fine alla rivolta. Tranne la questione del prezzo della benzina – senza dubbio importante – tutto il resto rimane intatto, come se l’enorme mobilitazione popolare contro le imposizioni del FMI non fosse avvenuta.

Ciò che è realmente accaduto è stata la consumazione di una sconfitta della ribellione popolare, il cui enorme sacrificio è stato offerto senza nulla di concreto in cambio e per finire in un falso tavolo negoziale. Una leadership indigena ingenua o altrimenti corrotta perché, parafrasando ciò che il Che ha detto sull’imperialismo, ” A Moreno non gli si può credere, neanche un po’, niente!” E questa leadership riteneva il “capo” di un regime francamente dittatoriale e corrotto fino al midollo.

Hanno creduto in un personaggio come Moreno, un traditore seriale che se avesse mancato le sue promesse cento volte lo avrebbe fatto centouno, senza scrupoli e morendo di risate dai negoziatori indigeni! Naturalmente, anche il presidente è uscito indebolito dal conflitto: fuggendo da Quito e iniziando una trattativa fraudolenta ma efficace davanti alle telecamere.

L’FMI lo rimprovererà per il suo atteggiamento e tornerà alla carica, costringendolo a rispettare ciò che ha concordato, nonostante le promesse fatte al CONAIE. Non passerà molto tempo prima che le masse popolari dell’Ecuador, non solo le popolazioni native, ma anche i poveri strati della città e della campagna, i settori medi impoveriti e senza potere, in breve, la maggior parte della popolazione dell’Ecuador prenda consapevolezza della grande truffa perpetrata da Moreno e dai suoi testardi consiglieri con l’imperdonabile complicità della leadership del CONAIE.