CANTIERE.ORG

CANTIERE

.ORG

CHI SALVA UNA VITA, SALVA IL MONDO INTERO

Mercoledi, nel Mediterraneo centrale, c’e’ stato un naufragio con un numero imprecisato di morti. Contemporaneamente la nave Mare Jonio, messa in mare da Operazione Mediterranea, salvava 49 naufraghi.

Mercoledì a San Donato Milanese un uomo di 50 anni ha sequestrato uno scuola bus. I media, riprendendo alcune sue dichiarazioni, hanno associato il grido “Mai più morti in mare” ad un atto folle che attenta alla vita dei bambini.

E’ perché nessuna vita sia messa a rischio dalla violenza e dall’ingiustizia, che ci battiamo per un mondo senza frontiere militarizzate, che Mediterranea e tante altre navi si sono messe in mare, che tutti i giorni nei nostri territori tessiamo lotte sociali e solidarietà.

Chi salva una vita salva il mondo intero, salva la possibilità (ideale, e materiale) della cooperazione tra gli esseri umani per costruire un mondo più giusto.

CUI PRODEST
Impossibile non chiedersi a chi giova questo.
Non certo alla causa di chi si batte proprio perché non ci siano più morti e meno odio, non  certo a chi vuole evitare il Mare pieno di naufraghi e i lager libici, ma anche una stupida guerra civile europea su cui i sovranisti scommettono.
E’ importante non smettere di approfondire una vicenda paradossale, in un momento delicato, in un paese segnato da sempre da molteplici strategie della tensione. Ci avviciniamo al 50ennale di Piazza Fontana e abbiamo nella memoria una lunga storia di depistaggi ed interventi dello “Stato profondo” nel nostro paese.
Però la vera strategia della tensione in atto non ha bisogno necessariamente di servizi deviati o altri strumenti tipici del potere: è sufficiente alimentare un circolo vizioso di odio inter-etnico e nazionalistico, attendendo che ci pensino “gli squilibrati”, gli “opposti estremismi” (in questo caso separati dalla linea della razza) a condurre la società verso un circolo vizioso di insicurezza, paura e morte.

CACCIA ALL’UNTORE

Quando Gianluca Casseri, militante neofascista, ha sparato e ucciso i due ragazzi senegalesi Modou e More nel mezzo del mercato di Firenze, quasi tutti i media hanno detto che si trattava di un pazzo isolato, come accade sempre quando i fascisti sparano e uccidono: da Breivik a Traini. In questo caso hanno invece dato grande visibilità alla presunta rivendicazione: questa persona squilibrata avrebbe minacciato la vita dei bambini di Crema, in nome della vita dei bambini africani che muoiono nel Mediterraneo.
Da subito l’episodio di ieri è stato strumentalizzato cercando di generare un clima odioso, in una città metropolitana che affronta molte sfide, vive molte ingiustizie e tante diseguaglianze ma oggi non è e domani non diventerà terreno di scontro inter-etnico.

 

IL FUTURO (NON) E’ SCRITTO
Abbiamo attraversato, poche settimane fa, la piazza dei 250.00 antirazzisti di Milano, proprio assieme alla comunità senegalese e a Mediterranea.
Ci siamo ritrovati il week end dopo di nuovo in piazza con migliaia e migliaia di giovanissime e giovanissimi dentro a manifestazioni femministe che parlavano tutte le lingue del mondo.
Siamo stati sommersi nella piazza del Fridays For Future dall’esplosione di un movimento capace di porre questioni globali all’attenzione delle comunità locali, qui ed ora, a partire da un dato generazionale importantissimo: una età media inferiore ai vent’anni.
Però la prova del nove di queste generazioni meticce, capaci di pensare globalmente e piene di desiderio di rivendicare un mondo più giusto non è nelle manifestazioni, ma quando un fatto eccezionale incontra la vita quotidiana.
Ai razzisti che affilavano le armi hanno risposto Rami, Adam e tutti gli altri ragazzi di quella classe che ha saputo disobbedire alla minaccia, cooperare e mettere in campo una intelligenza collettiva che si trova solo dentro la ricchezza di prospettive diverse.
Il multilinguismo, caratteristica tipica delle nostre scuole, ha consentito di trovare un idioma non conosciuto dal sequestratore per lanciare l’allarme; per colmo del paradosso, agli occhi di chi propugna lo scontro di civiltà, l’idioma che ha salvato le vite è stato l’arabo.

 

CITTADINO PER MERITO.
Il governo ipocritamente è corso ai ripari, cercando di ricondurre la questione della cittadinanza dentro ad una polemica su chi se la merita, fingendo di non capire che è emersa una evidente ingiustizia: l’impossibilità  di bambini, ragazzi, che diventano adulti, di avere tra loro gli stessi diritti. Non servono molte parole, perché a loro ha risposto Rami.”Se mi daranno davvero la cittadinanza italiana sarò felice. Per essere schietti, è il mio sogno. Ma allora dovrebbero darla anche a mio fratello e ai miei compagni di classe di origine straniera che vivono in Italia da tanto tempo e magari sono pure nati qui”.

Ramy Shehata, 13 anni.

 CANTIERE – MILANO – EUROPA – MONDO

 

articoli

Per un 25 Aprile di Liberazione: Resistenza, Diserzione, Decolonialità

Per un 25 Aprile di Liberazione, disertiamo la guerra. Siamo partigian3, dalla parte della resistenza palestinese! Palestina Libera

SMS in Festa! 11 Anni di Mutuo Soccorso

Dal 2 al 5 Maggio, SMS in festa! 11 anni di mutuo soccorso, 4 giorni di festival: concerti, dibattiti, sport, cibo e socialità, in Piazza Stuparich 18.

19A Global Strike di Fridays For Future

19 Aprile – 9:30 Largo Cairoli – Global Strike di Fridays For Future! – #FreePalestine – #ClimateJusticeNow – #BoycottGenocide – #BoycottFossilCapitalsim

8M #lungavitasms, difendiamo gli spazi transfemministi

  MUTUO SOCCORSO È SORELLANZA Lo Spazio di Mutuo Soccorso si prepara alla giornata del #LottoMarzo. Giovedì 7 marzo dalle 16:00 - Laboratorio scenografie: prepariamo insieme cartelli, striscioni, cori, panuelos per i cortei dello sciopero. - Vieni a conoscere i...

24 Febbraio Corteo Nazionale #FreePalestine

Sabato 24 Febbraio – Ore 14:30 – Piazzale Loreto
Corteo nazionale contro il genocidio del popolo Palestinese
Segui lo spezzone Decolonize!

Otto Marzo 2024 – Corteo Studentesco

Lotto Marzo! – Venerdì otto Marzo corteo studentesco e dello sciopero – ore 9:30 largo Cairoli – #NonUnaDiMeno #Student3Disobbedient3

Memori(a)E: sostantivo plurale, verbo attivo. 2024.

A cosa serve la memoria? La memoria, o meglio, le memorie degli orrori del passato devono servire a fermare immediatamente i genocidi del present

Iniziativa in Unimi per la laurea di Liliana Segre #GiornataDelleMemorie

Giornata della memoria - Iniziativa in Unimi "L'indifferenza è peggiore della violenza." -Liliana segre Queste le parole di Liliana Segre con cui abbiamo voluto accoglierla all'università statale di Milano, come studenti non indifferenti. Ricordare i genocidi della...

Incontro: memorie Antifasciste per un futuro di libertà

Domenica 28 Gennaio Memorie Antifasciste per un futuro di Libertà Incontro con Franco "Bifo" Berardi e Alessia Manera A seguire Polentata: cena per le spese legali del Cantiere! Il 27 gennaio venne istituita la Giornata della Memoria, per fare i conti su un passato...

Lunga Vita SMS: giornata resistente allo Spazio di Mutuo Soccorso

#LUNGAVITASMS Lo Spazio di Mutuo Soccorso è una casa per chi, tra le speculazioni milanesi e la svendita dell’edilizia pubblica, una casa non la può avere. Lo Spazio di Mutuo Soccorso è riqualificazione dal basso, auto recupero e trasformazione dello spazio urbano, su...

eventi

SMS in Festa! 11 Anni di Mutuo Soccorso

Dal 2 al 5 Maggio, SMS in festa! 11 anni di mutuo soccorso, 4 giorni di festival: concerti, dibattiti, sport, cibo e socialità, in Piazza Stuparich 18.

20 Aprile, Serata Groove w/Paprika

20 Aprile 2024 – Serata solo Groove w/Paprika @Cantiere, Via Monterosa 84

Cena di primavera per le spese legali del Cantiere.

Cena di primavera per le spese legali del Cantiere! Domenica 14 aprile 2024 dalle 20:00

Sabato 13/4: Stay Punk Stay Antifa!

Stay Punk Stay Antifa!
sabato 13 aprile 24
Dirty Noise, Punk-o-Mat, Fondamenta Nuove
dalle 22 @Cantiere, via Monterosa 84

12 Aprile: Spettacolo “Una lepre con la faccia di Bambina”

H. 18:30 presentazione dello Strike del 19A con FridaysForFuture Milano;
H. 20:00 Cena veg;
H. 22:00 Spettacolo “Una Lepre con la faccia di Bambina

6/4 DecolonizeTheCity presenta: Krash!

Krash! Ballroom Party Sabato 6 Aprile.
Approda al Cantiere una serata dedicata alla Ballroom scene!
#DecolonizeTheCity

23/3 Vaeva, Youngover, Narratore Urbano Live @Cantiere

Ama la musica, odia il fascismo!
Sabato 23 Vaeva, Narratore Urbano e Youngover live @Cantiere

23F Preparazione Corteo e Proiezione “A World Not Ours”

h. 16 preparazione corteo
h. 20 cena sociale
h.21:30 proiezione di A World Not Ours

“Fare Comunità nei margini della città”: tour immersivo e cena sociale a SMS per il World Antropology Day!

"Fare Comunità nei margini della città" Tour Immersivo e cena sociale allo Spazio di Mutuo Soccorso in occasione del World Anthropology Day 2024. Giovedì 15 febbraio H.18.00 tour immersivo allo Spazio di Mutuo Soccorso H.20.00 cena sociale con piatti dal mondo...

Decolonize The City: passeggiata decoloniale a San Siro

Decolonize the city: trekking urbano tra le storie che hanno fatto la Storia della resistenza al colonialismo. Partenza ore 11:30 M5 San Siro Stadio Vi invitiamo a unirvi a una passeggia per attraversare insieme quelle strade di San Siro che portano nomi di città...

approfondimenti

“Al lavoro! Priorità, sicurezza, diritti”

Al lavoro! Il nuovo governo si è già messo al lavoro.  Oh, finalmente. Certo, perchè con tutti i problemi che abbiamo in questo Paese, non c'era da perdere tempo. C'è la guerra e la bomba atomica viene seriamente presa sul serio dai potenti della guerra. C'è una crisi...

SPECIALE STOP WAR: Di fronte ad ogni guerra la parola NO e l’azione Ribelle

CLICCA e vai alla raccolta di contributi, approfondimenti e call to action #STOPTHEWAR!   di seguito intanto trovi il nostro contributo. Per seguirci @cantieremilano su twitterDi fronte ad ogni guerra c’è solo una parola degna e una azione conseguente, la parola...

Quale libertà?

Già da quest’estate manifestazioni e proteste contro il Green pass si sono verificate in molte città d’Italia.A nostro parere la contrapposizione tra libertà individuale e la libertà coniugata con la solidarietà e la responsabilità sociale è il discrimine attraverso...

Da Milano al Messico, “EL AGUA ES DEL PUEBLO”, #FueraBonafont! – azione solidale per l’acqua

#boycottdanone FUERA BONAFONT [ITALIANO] Oggi, 11 giugno, a 10 anni dal referendum contro la privatizzazione dell'acqua, siamo stati davanti alla sede del gruppo Danone, di cui fa parte Bonafont, e abbiamo lasciato davanti all’ingresso della loro sede vernice rossa a...

Pueblos Zapatistas Unidos contro il furto dell’acqua: #FueraBonafont

“Bonafont” è una impresa legata al gruppo francese “Danone” che si dedica all’imbottigliamento dell’acqua. Dal 1992 Bonafont si è installata nel territorio di Puebla, in Messico, senza che le popolazioni locali venissero in alcun modo consultate dallo Stato, che ha...

No Profit On Pandemic!

Nessun profitto sulla pandemia. Cure e vaccini per ciascun* ovunque e gratuiti.Durante entrambi gli incontri affronteremo, da vari punti di vista, la battaglia che vede contrapposti grandi attori globali di fronte alla sfida delle vaccinazioni contro il Covid 19 e le...

Restituiteci Sankara.

Restituiteci Sankara.L’Africa non è una macchia nella cartina del mondo, non può essere rimossa. Esiste non molto lontano, a due passi dal mare, che si chiama Africa. L'opinione pubblica europea sa che da lì partono le imbarcazioni dei migranti, in fuga dalla...

Vive la Commune!

150 anni fa, una delle più straordinarie esperienze rivoluzionarie della storia contemporanea: la Comune di parigi. Sconfitta dalle armi dell'esercito del Kaiser ha lasciato un'eredità raccolta per tutto il secolo successivo da chi ha alzato la Bandiera Rossa per la...

Un altro mondo è possibile: a 19 anni da Genova.

STOP GLOBAL WAR: AVEVAMO RAGIONE NOI. Non dimenticare genova per continuare a costruire altri mondi possibili. Nel 2001 a Genova migliaia e migliaia di persone da tutto il mondo invasero le strade contro il g8, il vertice dei "grandi potenti" del mondo. Era il...

Contro le passioni tristi, le sardine urtano il populismo

Di MARCO BASCETTA Nel cercare di comprendere la natura dei movimenti, la loro direzione di marcia, il posto che occupano nella sfera politica si rischia sempre di essere prematuri o inattuali. Del resto ogni movimento sociale è attraversato da flussi emotivi e bisogni...