Ribellarsi è giusto, disobbedire è necessario.


Non è forse la legalità l’insieme di regole che ha dettato, in ciascun momento storico, il potere costituito?
La schiavitù, l’Olocausto e il Porajmos e la altre persecuzioni naziste, l’apartheid in Sud Africa (e quello che oggi vige in altri posti del mondo tra cui la Palestina) erano realizzati secondo la volontà del potere vigente, tanto che i più importanti gerarchi nazisti dissero alla fine della guerra che “eseguivano degli ordini”, in questo senso non facevano altro che rispettare la legge.

Al contrario lo sciopero fu illegale ed ancora oggi lo è in date condizioni ed in molte parti del mondo; lo stesso si può dire del divorzio e del matrimonio eguale, dei libri messi all’indice e dell’obiezione al servizio militare.

 

Da anni la quasi totalità dei governi europei e il Consiglio d’Europa da essi nominato lavorano per fare dell’Europa una fortezza inespugnabile. Peccato che ad espugnarla sarebbero soltanto persone che vengono in pace
Il razzismo e la paura che in questa fase dilagano servono come arma di distrazione di massa da parte di chi continua a promuovere la precarizzazione dei diritti e la distribuzione ineguale della ricchezza, secondo il dogma della politica economica neoliberista.

Il Mediterraneo assomiglia sempre più a un cimitero, migliaia di persone in fuga da guerra e povertà dapprima incontrano il deserto e i lager istituiti in libia dai patti bilaterali fatti con il “nostro” governo. Chi riesce a sopravvivere è costretto ad affidarsi a imbarcazioni di fortuna sovraccariche di persone e con la quasi assoluta certezza di non riuscire a concludere questo viaggio. Se non fosse per Ong come Mediterranea e Sea watch, organizzazioni che decidono di disobbedire alle imposizioni dei governi europei andando a prestare soccorso  a chi in mare rischia la vita, queste persone sarebbero invisibili ai nostri occhi.


Da più di 15 giorni le navi delle due Ong tedesche Sea Eye e Sea Watch sono bloccate in mare con a bordo 49 persone senza la possibilità di attraccare  e fornire adeguate cure mediche. La scelta dell’attuale governo è quella di abbandonare queste e tantissime altre persone nella stessa situazione, di continuare a  disumanizzare i migranti e renderli il capro espiatorio di anni di politiche che arricchiscono ancora i ricchi e impoveriscono i poveri oltre che privare nel tempo i cittadini di qualsiasi forma di welfare. Abbiamo ribadito più volte in piazza e non solo che non accetteremo questa strumentalizzazione, ora sono svariati i sindaci che in tutta italia chiedono lo stesso. Siamo solidali con le ong che stanno disobbedendo a questa tendenza, rivendichiamo il diritto di disobbedire a leggi e imposizioni ingiuste come è anche il recente decreto sicurezza.

Tuttavia non bastano questi confini armati, le mura vanno portate anche dentro casa e possono assumere la forma di ostacoli burocratici.
L’articolo 13 del decreto impedisce l’iscrizione all’anagrafe persino ai richiedenti asilo (che pure sono regolarmente sul territorio), di fatto impedendogli di registrare una residenza e conseguentemente di accedere ai servizi di base come istruzione e sanità, rendendo migliaia di persone invisibili.
La prima sperimentazione di questo “ricatto della residenza” risale a 3 anni fa, quando il decreto Renzi-Lupi “cosiddetto Piano Casa” ha sancito l’impossibilità per tutti coloro che abitano una casa senza titolo (occupanti per necessità, persone che non sono riuscite a pagare regolarmente l’affitto o vittime della malagestione di Aler) di registrare la residenza.


Questa è la riprova che il razzismo non è che un pezzo di una complessiva guerra ai poveri e alle moltitudini dei precari, condotta separandoli gli uni dagli altri per colpirli divisi.
Questa è la logica leghista: costruire una campagna mediatica contro povertà e clandestinità e nei fatti alimentarle con qualsiasi mezzo per poter gridare ancora più forte contro l’inesistente invasione di clandestini. Sappiamo bene che questo circolo vizioso non ha nulla a che fare con la provenienza delle persone: togli a qualcuno qualsiasi possibilità di vivere legalmente e questa sarà costretta a rubare. E’ persino un modo di spingere migliaia di persone nelle mani della criminalità organizzata, mafia, camorra e ‘ndrine che sappiamo bene essere legate a doppio filo alla Lega, in molti territori.

Non bastano le prove più schiaccianti per far terminare questo sproloquio delirante, per fare capire che il problema non sono 49 persone che vedono in queste ore la morte in faccia ma lo sono i 49 milioni di soldi pubblici rubati dalla lega.


Si avvicina il 27 gennaio, la giornata della memoria, come l’anno scorso saremo in piazza e ancora pensiamo che il fine di questa giornata non si limiti a ricordare gli eccidi nazisti del secolo scorso. La memoria, senza la capacità di confrontare criticamente il passato con il presente, è fine a se stessa. In questa giornata come nel resto dell’anno ribadiremo che la legalità non è la giustizia, che le leggi razziali e i lager accompagnati da politiche autoritarie e totalitariste erano legali ma non giuste.
La logica leghista, i cpr e il dl sicurezza, come il decreto scuole sicure sono legali ma nonostante questo rappresentano l’abbattimento dei diritti fondamentali di tantissime persone.

E’ dovere di ognuno di noi disobbedire alle leggi ingiuste, con spirito partigiano, prendere posizione e mettere in gioco i nostri corpi contro le ingiustizie.

Continueremo a mobilitarci, a scendere in piazza contro il la xenofobia, il controllo, e l’autoritarismo.

 

 

 

Stay Tuned…

articoli

QUESTA SCUOLA CI STA UCCIDENDO! In piazza per Lorenzo

Venerdì pomeriggio a Udine uno studente di soli 18 anni, Lorenzo Parelli, è morto nelle ultime ore del suo ultimo giorno di alternanza scuola-lavoro. Lorenzo é morto, schiacciato da una trave , simbolo del sistema che ci schiaccia ogni giorno. Se non fai alternanza...

San Siro: i nostri diritti più in alto delle vostre speculazioni.

SAN SIRO: I NOSTRI DIRITTI PIU' IN ALTRO DELLE VOSTRE SPECULAZIONI San Siro è uno dei più grandi quartieri di edilizia residenziale pubblica a Milano ha un patrimonio abitativo di 5.996 abitazioni, 1416 sono vendute e solo 2521 sono assegnate, 800 occupate, 572 in...

NO al nucleare! Blitz alla sede dell’ Unione Europea!

NO NUKE IN OUR FUTURE! No scorie, No profitti, No Armi!   Siamo alla sede milanese dell'Unione europea perché domani sarà l'ultimo giorno per impedire che nucleare e gas vengano classificate come fonti di energia sostenibile SEGUICI SUI...

La DAD non è la soluzione: OCCUPIAMOCI di scuola!

La DAD non è la soluzione: OCCUPIAMOCI della scuola! La priorità del governo è aprire le scuole in presenza, ma cosa è stato fatto affinché questo avvenga? Solo dichiararlo!  Siamo tornati a scuola e nulla è cambiato: la scuola continua ad essere l’ultima ruota del...

Ciao Vito, continueremo a disegnare altri mondi possibili

Ciao Vito, compagno instancabile con il sole e con la pioggia. La tua ruvidezza sincera e il tuo brontolare operoso ci faranno compagnia non solo nei ricordi ma rimarrai per sempre presenza costante. Non dimenticheremo mai la tua creatività artigiana, l'entusiasmo...

Natale Solidale a SanSiro! 18 dicembre dalle 15 in pza Selinunte

Sabato 18 dicembre "NATALE SOLIDALE A SAN SIRO" dalle 15.00 in piazzale Selinunte! Programma della giornata:h 15:00 laboratorio artistico, stencil e colori per tutte tutti a cura della Bottega delle Arti di SMS Spazio di Mutuo Soccorso;h 15:30 lezione di boxe per...

Milano non dimentica Piazza Fontana. Ama la libertà, rifiuta fascismo e razzismo.

Non c'è futuro senza memoria: durante il corteo per non dimenticare la strage di #PiazzaFontana siamo passati di fianco al consolato Libico, dove abbiamo voluto lanciare un messaggio di solidarietà con le proteste che da settimane ormai proseguono sotto l' #Unhcr di...

Recovery Plan-et: Tax the rich! 7 Dic @Prima della Scala

Oggi è andato in scena il #MutuoSoccorso alla #PrimadellaScala perché costruire dal basso un'alternativa a questo sistema insostenibile è urgente e necessario! Questo modello di sviluppo si basa sullo sfruttamento del pianeta e di chi lo abita. Le conseguenze del...

10 Dicembre Corteo Studentesco – NON C’È FUTURO SENZA MEMORIA – Gli studenti non dimenticano Piazza Fontana!

Il 12 dicembre del 1969 in piazza Fontana esplode una bomba uccidendo 17 persone e ferendone quasi 100. A mettere la bomba fu il gruppo fascista Ordine Nuovo, con il mandato e l’appoggio dei servizi segreti dello stato. PerchéAlla fine degli anni ‘60, i movimenti...

Fantasie di complotto e cospirazioni neofasciste

OGGI ORE 18.30 IN DIRETTA LIVENelle piazze d'Italia e del mondo una vulgata che mischia individualismo, irrazionalismo e attrae anche generiche istanze di rabbia sociale si sta mobilitando, sostanzialmente nel nome della sfiducia nella scienza.PARLIAMO CONLeonardo...

eventi

Domenica 30 gennaio Cena Cinese al Cantiere

Domenica 30 gennaio dalle 20 al Cantiere Cena sociale cinese a sostegno delle spese legali del Cantiere! Questa domenica anche in occasione del capodanno cinese si potranno degustare gustosissimi piatti cinesi per sostenere quante e quanti ogni giorno attivano...

Venerdì 21 gennaio DISCHI VOLANTI al Cantiere

👽DischiVolanti👽🍺APERITIVO BEER&CHEESE🧀🔥MERCATINO DEL VINILE🔥🔸Venerdì 21 Gennaio, dalle 19:00, ci vediamo al Cantiere per un aperitivo genuino con le birre e i formaggi del Gruppo di Acquisto Solidale Popolare.🔸In contemporanea, un bellissimo mercatino di vinili...

Buss a Dinner/Space Dinner – Cena e dibattito sulla canapa

BUSS A DINNERCena e dibattito sulla Canapa Questo sabato al Cantiere una serata dedicata alla canapa e ai suoi benefici in cui approfondire il referendum sulla legalizzazione della cannabis. Cena a base di canapa powered by Taverna Sociale Clandestina  Parleremo...

Tributo a De Andrè e Cena ligure

“Non essendo padrone che di una piccola arte spesso dovetti cambiarla con il cibo” Sabato 15 Gennaio, a 24 anni dalla morte del cantautore, omaggiamo Fabrizio De Andrè con una CENA LIGURE. PER PRENOTARE https://www.eventbrite.com/.../cena-ligure-in-tributo-a......

AfroVibration: sabato 11 dicembre cena e musica

AfroVibrations w/ DJ Halo & DJ MadMattSABATO 11AFRO VIBRATIONSMUSIC AGAINST RACISM Al Cantiere, una serata antirazzista a base di ritmi afro Unire musica e antirazzismo, raccontando altri mondi possibili, senza confini e senza muri AI CONTROLLIDJ HALO outta...

19 dicembre – Cenone di Natale al Cantiere!

Cenone di Natale al Cantiere! Per prenotare clicca qui: https://www.eventbrite.it/e/gran-cenone-di-natale-tickets-222905756117 Domenica 19 dicembre dalle 20.00 un’ultima cena per chiudere in buona compagnia questo 2021 di lotta e solidarietà. Un menù ricco e gustoso...

Fantasie di complotto e cospirazioni neofasciste

OGGI ORE 18.30 IN DIRETTA LIVENelle piazze d'Italia e del mondo una vulgata che mischia individualismo, irrazionalismo e attrae anche generiche istanze di rabbia sociale si sta mobilitando, sostanzialmente nel nome della sfiducia nella scienza.PARLIAMO CONLeonardo...

Cena d’autunno per le spese legali del Cantiere.

Domenica 21 novembre 2021 dalle 20.00 al Cantiere CENA D’AUTUNNO PER LE SPESE LEGALI Una cena a km0 e solidale con prodotti del G.A.S.P. – Spazio Mutuo Soccorso Una cena come sempre all’insegna della socialità, del buon cibo e della buona musica, a sostegno delle...

ZeroCalcare: Proiezione della serie “Strappare lungo i bordi”

  Venerdi 19 novembre 2021 dalle 21.30 al Cantiere Dopo l'incontro "Quali libertà? Quali conflitti?" Strappare lungo i bordi / maratona della serie di Zerocalcare   Da Rebibbia arriva ''Strappare lungo i bordi'' la serie animata di ZeroCalcare (6 episodi da...

Incontro pubblico: quale libertà, quali conflitti?

Venerdì 19 Novembre, al Cantiere, alle 19.00 A nostro parere la contrapposizione tra libertà individuale e la libertà coniugata con la solidarietà e la responsabilità sociale è il discrimine attraverso cui leggere quelle piazze. [...]Invece di avere la Libertà di fare...

approfondimenti

Quale libertà?

Già da quest’estate manifestazioni e proteste contro il Green pass si sono verificate in molte città d’Italia.A nostro parere la contrapposizione tra libertà individuale e la libertà coniugata con la solidarietà e la responsabilità sociale è il discrimine attraverso...

Da Milano al Messico, “EL AGUA ES DEL PUEBLO”, #FueraBonafont! – azione solidale per l’acqua

#boycottdanone FUERA BONAFONT [ITALIANO] Oggi, 11 giugno, a 10 anni dal referendum contro la privatizzazione dell'acqua, siamo stati davanti alla sede del gruppo Danone, di cui fa parte Bonafont, e abbiamo lasciato davanti all’ingresso della loro sede vernice rossa a...

Pueblos Zapatistas Unidos contro il furto dell’acqua: #FueraBonafont

“Bonafont” è una impresa legata al gruppo francese “Danone” che si dedica all’imbottigliamento dell’acqua. Dal 1992 Bonafont si è installata nel territorio di Puebla, in Messico, senza che le popolazioni locali venissero in alcun modo consultate dallo Stato, che ha...

No Profit On Pandemic!

Nessun profitto sulla pandemia. Cure e vaccini per ciascun* ovunque e gratuiti.Durante entrambi gli incontri affronteremo, da vari punti di vista, la battaglia che vede contrapposti grandi attori globali di fronte alla sfida delle vaccinazioni contro il Covid 19 e le...

Restituiteci Sankara.

Restituiteci Sankara.L’Africa non è una macchia nella cartina del mondo, non può essere rimossa. Esiste non molto lontano, a due passi dal mare, che si chiama Africa. L'opinione pubblica europea sa che da lì partono le imbarcazioni dei migranti, in fuga dalla...

Vive la Commune!

150 anni fa, una delle più straordinarie esperienze rivoluzionarie della storia contemporanea: la Comune di parigi. Sconfitta dalle armi dell'esercito del Kaiser ha lasciato un'eredità raccolta per tutto il secolo successivo da chi ha alzato la Bandiera Rossa per la...

Un altro mondo è possibile: a 19 anni da Genova.

STOP GLOBAL WAR: AVEVAMO RAGIONE NOI. Non dimenticare genova per continuare a costruire altri mondi possibili. Nel 2001 a Genova migliaia e migliaia di persone da tutto il mondo invasero le strade contro il g8, il vertice dei "grandi potenti" del mondo. Era il...

Contro le passioni tristi, le sardine urtano il populismo

Di MARCO BASCETTA Nel cercare di comprendere la natura dei movimenti, la loro direzione di marcia, il posto che occupano nella sfera politica si rischia sempre di essere prematuri o inattuali. Del resto ogni movimento sociale è attraversato da flussi emotivi e bisogni...

In Cile il neoliberismo è in crisi

In Cile si sintetizza una combinazione esplosiva di un libero mercato senza anestesia e una democrazia completamente delegittimata, che conserva solo il suo nome. È degenerato in una plutocrazia che, fino a pochi giorni fa - ma non più - è stata misurata dalle...

Il Sud America si solleva contro il neoliberismo

Il neoliberismo è in crisi. In molti paesi dell'America latina le piazze sono piene: milioni di persone si oppongono, dal Cile all'Ecuador, alle politiche neoliberali applicate ai governi di destra. Nel frattempo le elezioni amministrative colombiane e quelle...