14 Dic – Dall’Italia alla Francia: cacciare la casta, cambiare il sistema!

14 dicembre ore 9.30 L.go Cairoli corteo studenteco! DALL’ITALIA ALLA FRANCIA: CACCIARE LA CASTA CAMBIARE IL SISTEMA!

In questi mesi abbiamo visto le conseguenze delle politiche ignoranti, razziste e autoritarie dei governi a livello mondiale, da Trump a Bolsonaro, da Macron a Salvini. Negli USA Trump schiera migliaia di soldati al confine pur di fermare la Carovana Migrante che attraversa l’America Latina, partendo dall’Honduras e rivendicando migliori condizioni di vita.

Proprio come aveva fatto Trump, in Brasile Bolsonaro ha costruito la sua propaganda su ignoranza e discriminazione e appena salito al governo favorisce la deforestazione dell’Amazzonia sostenendo che la crisi ambientale non esista.

In italia la storia è la stessa, il cosiddetto governo del cambiamento perpetua simili politiche,  il mediterraneo è un confine invalicabile che uccide migliaia di persone che tentano di attraversarlo. Chi non accetta queste imposizioni dall’alto e sperimenta soluzioni alternative viene criminalizzato, come il caso di Mimmo Lucano e del modello Riace. Controllo, lavoro gratuito ed ignoranza sostituiscono la formazione come nel caso del decreto Scuole Sicure.

Non lontano da noi, in Francia il movimento dei #giletjaunes (gilet gialli), nato in maniera spontanea da una petizione web contro l’aumento delle tasse sul carburante, ha preso corpo tramite manifestazioni enormi e radicali che non si sono bloccate su questo punto, ma hanno adottato altre rivendicazioni legate a lavoro e reddito, welfare e diritti sociali.

Più di 400 licei ed università sono stati bloccati ed occupati, gli studenti hanno partecipato ai cortei in tutta Francia, con messaggi  riguardanti la mancanza di fondi per l’istruzione che porta all’aumento delle tasse per chi non è cittadino europeo ed il rifiuto delle guerre. E’ lampante l’esasperazione nei confronti della casta padrona di ogni privilegio e dei suoi tentativi di arricchirsi a spese della popolazione.

E’ per queste ragioni che a Milano e in tutta Italia il 16Nov siamo scesi in piazza in più di 100mila studenti al grido No Salvini Day, siamo arrivati fino al consolato americano sfondando le transenne per portare solidarietà alla carovana migrante.

Il 7 dicembre invece nel pomeriggio della Prima della Scala abbiamo sanzionato il luogo che ospitava la cena del gran gala, sottolineando il paradosso di biglietti costosissimi e cene di lusso per pochi quando i soldi per la cultura, per il welfare e per i diritti. Intanto il governo ci dà le briciole con un finto reddito di cittadinanza e Salvini ha rubato 49 milioni di euro con rimborsi elettorali gonfiati.

Da Parigi a Milano, la casta non la vogliamo! non vogliamo più che un piccolo gruppo di persone si arricchisca sulle nostre spalle: ci riprenderemo il potere di decidere, i nostri diritti e i soldi che ci avete rubato.

LA CASTA RAZZISTA E NEOLIBERISTA DEVE ANDARSENE, QUE SE VAYAN TODOS E DEGAGE’ SONO I GRIDI DI BATTAGLIA!

VERSO IL 14 DICEMBRE, DOPO IL NO SALVINI DAY.

Il 16 novembre migliaia di studenti hanno attraversato il centro di Milano in corteo dietro allo striscione “Disobbedire alle leggi ingiuste, conquistare diritti, scavalcare le frontiere”. Contemporaneamente in più di 100mila studenti sono scesi in piazza in tutta Italia.

Dal mattino presto gli spezzoni di decine di scuole hanno raggiunto piazza Cairoli per muoversi insieme contro Salvini il cui ultimo regalo fatto al mondo dell’istruzione è il Decreto Scuole Sicure, che  stanzia 2,5 milioni di euro per introdurre impianti di video sorveglianza e incrementare i controlli all’interno e all’esterno delle scuole: “Le scuole sicure le fanno gli studenti, ci vogliono ignoranti ci avranno ribelli” è il messaggio con cui abbiamo rimandato al mittente questi provvedimenti, ben consapevoli che Salvini e co. proprio sull’ignoranza si fanno campagna elettorale e scatenano la loro guerra ai poveri.

Scuola e cultura contro barbarie e ignoranza, Salvini , Trump, Bolsonaro e Co.  “Que se vayan todos !” è infatti lo stendardo che ha aperta il corteo, perché sono consapevoli che la cultura sia l’unico antidoto alle barbarie razziste  e guerrafondaia che da un capo all’altro dell’oceano  sta imbarbarendo il nostro pianeta. Dopo il corteo Matteo Salvini non ha perso occasione per accanirsi e bulleggiare una studentessa minorenne , mettendola sulla gogna pubblica , insultandola sui social e invitando i suoi seguaci a fare lo stesso  (in pochi giorni ci sono stati più di 10 mila commenti di insulti e minacce), dimostrando ancora un volta la vera faccia violenta e discriminatoria delle sue azioni.

Organizzarsi e diffondere Pratiche di solidarietà attiva , di resistenza e di disobbedienza è quanto più necessario  per costruire ponti solidali , per scavalcare le frontiere: per questo abbiamo voluto concludere  il corteo davanti all’ambasciata degli Stati Uniti , portando un messaggio di solidarietà alla #CaravanaMigrante.

Da metà ottobre migliaia di uomini, donne, bambini e anziani si sono messi in marcia dall’ Honduras attraversando il centro america di varcare la frontiera tra Messico e stati uniti, rivendicando un futuro dignitoso lontano dalla miseria e dalla violenza a cui sono stati costretti nei loro territori, conseguenti alle politiche neoliberiste spinte dal FMI e dagli USA.

Ora stanno sfidando il confine USA, dove sono schierati più di 15mila soldati. Hanno deciso di sfidare Trump e il modello liberista. Negli ultimi anni migliaia di migranti hanno perso la vita nel mediterraneo, anche loro cercano una vita migliore e dignitosa, scappando da guerra e miseria . Pratiche come la carovana migrante e come l’operazione di solidarietà Mediterranea , che solo pochi giorni fa ha lanciato l’allarme grazie al quale 120 migranti abbandonati alla deriva sono stati salvati, sono da supportare e per questo chiamiamo alla mobilitazione.

Continueremo a mobilitarci per ribadire che un altro modello di sviluppo è possibile e necessario, che non accetteremo questa deriva razzista e securitaria, ne qui ne altrove!  Non accetteremo l’ignoranza di Trump, Non accettiamo le ruberie di Salvini e della Lega Nord che fanno sparire 49 Milioni di euro pubblici !

Restate aggiornati per nuove iniziative, ci vediamo il 14 Dicembre in L.go Cairoli alle H 9:30

 
 
Organizzati, Partecipa e lotta!
 

ASSEMBLEA DEL COORDINAMENTO DEI COLLETTIVI STUDENTESCHI OGNI MERCOLEDI’

H 15:30 AL CS CANTIERE  Lotto M1/M5   Bus 90/91 

Organizzati e partecipa !

Author:

Share This Post On

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *