CANTIERE.ORG

CANTIERE

.ORG

In questi giorni la #CaravanaMigrante dopo migliaia di kilometri percorsi sta sfidando il confine USA e le minacce di Trump!

Circa 5 mila migranti (altri stanno ancora arrivando), più di un mese fa, hanno lasciato la propria terra, a causa di miseria e violenza, causate da politiche neoliberiste e imperialiste, portate avanti e sostenute anche degli USA. Da stamattina uno dei varchi di frontiera principali (El Chaparral, confine con San Ysidro e San Diego) è stato chiuso. 

In migliaia si sono mossi oggi in corteo verso questo varco, hanno superato i cordoni della polizia messicana, e hanno cercato di raggiungere El Chaparral, dove sono stati respinti dai gas lacrimogeni e dalle pallottole di gomma dell’esercito USA. 

Nonostante Trump avesse minacciato l’uso della violenza, su chi avrebbe provato a “violare” i confini, nonostante i tentativi di creare #HotSpot in Messico che frenassero la Carovana, i migranti hanno deciso di rimanere uniti e sfidare il confine USA.

Non hanno accettato le proposte fatte da Pueblo Sin Fronteras, una #ONG che sta accompagnando la carovana dall’inizio, di formare delle liste per chiedere asilo dal Messico e attendere la risposta USA sulla domanda. 
Hanno deciso di disobbedire alle leggi ingiuste, ai confini e ai vincoli burocratici sull’asilo che avrebbero sicuramente lasciato qualcuno indietro.
Il corteo continuerà nelle prossime ore. 
Siamo solidali e complici con le migliaia di persone che stanno mettendo in gioco le proprie vite per rivendicare una vita degna! #stopwarnotpeople #nooneisilegal #nessunapersonaèillegale#migrantesvalientes

Da metà ottobre migliaia di uomini, donne, bambini e anziani si sono messi in marcia dall’Honduras, attraversando il centro America con l’obiettivo di varcare la frontiera tra Messico e Stati Uniti, rivendicando un futuro dignitoso lontano dalla miseria e dalla violenza a cui sono stati costretti nei loro territori. 

Questa marcia è partita da San Pedro Sula, in Honduras, il 12 di ottobre 2018, con lo slogan “No nos vamos porque queremos, nos expulsa la violencia y la pobreza” cioè: “non ce ne andiamo perché vogliamo, ma ci espelle la violenza e la miseria.”

In 160 si sono radunati nel giorno simbolico del 12 Ottobre, data della “scoperta delle Americhe”, data in cui iniziò la depredazione e il genocidio di un intero continente. Il giorno dopo, pronti per la partenza, erano più di un migliaio. Hanno attraversato il Guatemala crescendo di numero giorno dopo giorno. 

Il 19 ottobre più di 3mila migranti arrivarono al confine tra Guatemala e Messico, trovandosi il confine chiuso e custodito da centinaia di poliziotti, e decisero di sfondare il confine, scavalcando i cancelli e attraversando a nuoto il fiume Suchiate che divide i due stati. 

Ora questa carovana continua la sua strada verso il confine Statunitense, ridisegnando il suo percorso quotidianamente, crescendo ogni giorno.

CONTINUA A LEGGERE

Questa carovana in questo momento rappresenta una rivendicazione storica per il Centro America, partita da uno dei paesi più poveri e violenti del mondo, che individua puntualmente gli Stati Uniti come responsabile politico e materiale dello stato attuale economico e sociale dell’Honduras e in generale dei paesi centro americani. 

Nel 2009 il Presidente dell’Honduras legittimamente eletto Josè Manuel Celaya fu deposto da un Golpe finanziato dagli Stati Uniti e dall’oligarchia militare honduregna, stabilendo una dittatura che governa tutt’ora e che ha ridotto questo stato ad avere uno degli indici più alti di violenza nel mondo e una corruzione che lo rende invivibile, lasciando ampio spazio alla criminalità organizzata, al landgrabbing estero, fenomeno che si sta diffondendo in tutto il continente anche a causa di accordi internazionali utili solo a creare profitto per pochi e lasciare miseria nei territori. Uno dei paesi che più a sofferto in questi anni i riflessi dei cambiamenti climatici, come la distruzione portata dall’ultimo uragano Michael. 

Purtroppo questa è una storia che in Centro e Sud America si ripete da decenni, con le dittature militari e i governi fantocci, che hanno permesso agli Usa e alle loro multinazionali di sfruttare e speculare a discapito della vita di milioni di persone. Non è una novità questo rotta migratoria, che come il Mediterraneo, negli scorsi decenni ha lasciato migliaia di morti lungo le sue strade. 

La forza di questa carovana è stata quella di rompere gli argini della scelta individuale di migrare, facendone una scelta collettiva forzata dalle condizioni ma con una forte rivendicazione politica e sociale, creando una pratica potente e riproducibile, riprendendo la forza de las Marchas Zapatistas. 

Già si vede la forza dell’immaginario creato, nelle notizie di altre carovane che si stanno formando in altri paesi, come il Salvador, con altrettante migliaia di persone pronte a sfidare i confini per inseguire il sogno di una vita degna. 

Allo stesso tempo questo immaginario sta terrorizzando gli Stati Uniti, che nei giorni della partenza ha minacciato ad alta voce di togliere gli aiuti umanitari all’Honduras se avessero varcato i confini guatemaltechi, ed in questi giorni arriva addirittura a dichiarare che manderà 5200 soldati al confine con il Messico per fermare queste carovane, un numero pari a quelli presenti in Iraq. 

Trump deve rivendicare ancora una volta il suo ruolo di uomo xenofobo e con il pugno duro in vista delle elezioni del MidTerm e quindi si preannuncia uno scontro politicamente centrale tra chi rivendica una vita migliore denunciando i veri colpevoli della povertà di un intero continente e una classe politica che vuole mantenere la proprio supremazia anche attraverso l’uso della forza. 

Da così lontano non rimaniamo indifferenti a questa mobilitazione e ci prepareremo per un momento di solidarietà attiva alle Carovane. 

La carovana, è una crepa spontanea, costituente e potente che rompe la superficie di una deriva razzista, xenofoba e nazionalista che sta appestando il continente (e non solo!). Nel secolo scorso l’America Latina ha mostrato al mondo il sogno della Patria Grande, di essere tutte e tutti sorelle e fratelli di una madre terra oltre i confini arbitrari e violenti, con una convinzione mai provata nella storia Europea.
 
Sostenere la carovana è importante perchè significa combattere la xenofobia contro i migranti venezuelani, opporsi fin da subito al “modello Bolsonaro”, alle nuove forme di Plan Condor del ventunesimo secolo.

Vogliamo che questa pratica di disobbedienza ai confini riesca a violare le norme ingiuste impostaci e sia una pratica che venga riprodotta in tutto il mondo. 

 

SEGUI QUESTI HASHTAG

#CarovanaMigrante #HondurasCaravan #NadieEsIllegal

articoli

Per un 25 Aprile di Liberazione: Resistenza, Diserzione, Decolonialità

Per un 25 Aprile di Liberazione, disertiamo la guerra. Siamo partigian3, dalla parte della resistenza palestinese! Palestina Libera

SMS in Festa! 11 Anni di Mutuo Soccorso

Dal 2 al 5 Maggio, SMS in festa! 11 anni di mutuo soccorso, 4 giorni di festival: concerti, dibattiti, sport, cibo e socialità, in Piazza Stuparich 18.

19A Global Strike di Fridays For Future

19 Aprile – 9:30 Largo Cairoli – Global Strike di Fridays For Future! – #FreePalestine – #ClimateJusticeNow – #BoycottGenocide – #BoycottFossilCapitalsim

8M #lungavitasms, difendiamo gli spazi transfemministi

  MUTUO SOCCORSO È SORELLANZA Lo Spazio di Mutuo Soccorso si prepara alla giornata del #LottoMarzo. Giovedì 7 marzo dalle 16:00 - Laboratorio scenografie: prepariamo insieme cartelli, striscioni, cori, panuelos per i cortei dello sciopero. - Vieni a conoscere i...

24 Febbraio Corteo Nazionale #FreePalestine

Sabato 24 Febbraio – Ore 14:30 – Piazzale Loreto
Corteo nazionale contro il genocidio del popolo Palestinese
Segui lo spezzone Decolonize!

Otto Marzo 2024 – Corteo Studentesco

Lotto Marzo! – Venerdì otto Marzo corteo studentesco e dello sciopero – ore 9:30 largo Cairoli – #NonUnaDiMeno #Student3Disobbedient3

Memori(a)E: sostantivo plurale, verbo attivo. 2024.

A cosa serve la memoria? La memoria, o meglio, le memorie degli orrori del passato devono servire a fermare immediatamente i genocidi del present

Iniziativa in Unimi per la laurea di Liliana Segre #GiornataDelleMemorie

Giornata della memoria - Iniziativa in Unimi "L'indifferenza è peggiore della violenza." -Liliana segre Queste le parole di Liliana Segre con cui abbiamo voluto accoglierla all'università statale di Milano, come studenti non indifferenti. Ricordare i genocidi della...

Incontro: memorie Antifasciste per un futuro di libertà

Domenica 28 Gennaio Memorie Antifasciste per un futuro di Libertà Incontro con Franco "Bifo" Berardi e Alessia Manera A seguire Polentata: cena per le spese legali del Cantiere! Il 27 gennaio venne istituita la Giornata della Memoria, per fare i conti su un passato...

Lunga Vita SMS: giornata resistente allo Spazio di Mutuo Soccorso

#LUNGAVITASMS Lo Spazio di Mutuo Soccorso è una casa per chi, tra le speculazioni milanesi e la svendita dell’edilizia pubblica, una casa non la può avere. Lo Spazio di Mutuo Soccorso è riqualificazione dal basso, auto recupero e trasformazione dello spazio urbano, su...

eventi

iN/Stabile: NarrAzione di Comunità.

iN/Stabile: NarrAzione di Comunità Giovedì 2 maggio, h.19, grande inaugurazione e vernissage della mostra immersiva e comunitaria! Lo Spazio di Mutuo Soccorso compie 11 anni.Per l'occasione, abbiamo deciso di narrarci, e trasformare il mondo attraverso la parola,...

SMS in Festa! 11 Anni di Mutuo Soccorso

Dal 2 al 5 Maggio, SMS in festa! 11 anni di mutuo soccorso, 4 giorni di festival: concerti, dibattiti, sport, cibo e socialità, in Piazza Stuparich 18.

20 Aprile, Serata Groove w/Paprika

20 Aprile 2024 – Serata solo Groove w/Paprika @Cantiere, Via Monterosa 84

Cena di primavera per le spese legali del Cantiere.

Cena di primavera per le spese legali del Cantiere! Domenica 14 aprile 2024 dalle 20:00

Sabato 13/4: Stay Punk Stay Antifa!

Stay Punk Stay Antifa!
sabato 13 aprile 24
Dirty Noise, Punk-o-Mat, Fondamenta Nuove
dalle 22 @Cantiere, via Monterosa 84

12 Aprile: Spettacolo “Una lepre con la faccia di Bambina”

H. 18:30 presentazione dello Strike del 19A con FridaysForFuture Milano;
H. 20:00 Cena veg;
H. 22:00 Spettacolo “Una Lepre con la faccia di Bambina

6/4 DecolonizeTheCity presenta: Krash!

Krash! Ballroom Party Sabato 6 Aprile.
Approda al Cantiere una serata dedicata alla Ballroom scene!
#DecolonizeTheCity

23/3 Vaeva, Youngover, Narratore Urbano Live @Cantiere

Ama la musica, odia il fascismo!
Sabato 23 Vaeva, Narratore Urbano e Youngover live @Cantiere

23F Preparazione Corteo e Proiezione “A World Not Ours”

h. 16 preparazione corteo
h. 20 cena sociale
h.21:30 proiezione di A World Not Ours

“Fare Comunità nei margini della città”: tour immersivo e cena sociale a SMS per il World Antropology Day!

"Fare Comunità nei margini della città" Tour Immersivo e cena sociale allo Spazio di Mutuo Soccorso in occasione del World Anthropology Day 2024. Giovedì 15 febbraio H.18.00 tour immersivo allo Spazio di Mutuo Soccorso H.20.00 cena sociale con piatti dal mondo...

approfondimenti

“Al lavoro! Priorità, sicurezza, diritti”

Al lavoro! Il nuovo governo si è già messo al lavoro.  Oh, finalmente. Certo, perchè con tutti i problemi che abbiamo in questo Paese, non c'era da perdere tempo. C'è la guerra e la bomba atomica viene seriamente presa sul serio dai potenti della guerra. C'è una crisi...

SPECIALE STOP WAR: Di fronte ad ogni guerra la parola NO e l’azione Ribelle

CLICCA e vai alla raccolta di contributi, approfondimenti e call to action #STOPTHEWAR!   di seguito intanto trovi il nostro contributo. Per seguirci @cantieremilano su twitterDi fronte ad ogni guerra c’è solo una parola degna e una azione conseguente, la parola...

Quale libertà?

Già da quest’estate manifestazioni e proteste contro il Green pass si sono verificate in molte città d’Italia.A nostro parere la contrapposizione tra libertà individuale e la libertà coniugata con la solidarietà e la responsabilità sociale è il discrimine attraverso...

Da Milano al Messico, “EL AGUA ES DEL PUEBLO”, #FueraBonafont! – azione solidale per l’acqua

#boycottdanone FUERA BONAFONT [ITALIANO] Oggi, 11 giugno, a 10 anni dal referendum contro la privatizzazione dell'acqua, siamo stati davanti alla sede del gruppo Danone, di cui fa parte Bonafont, e abbiamo lasciato davanti all’ingresso della loro sede vernice rossa a...

Pueblos Zapatistas Unidos contro il furto dell’acqua: #FueraBonafont

“Bonafont” è una impresa legata al gruppo francese “Danone” che si dedica all’imbottigliamento dell’acqua. Dal 1992 Bonafont si è installata nel territorio di Puebla, in Messico, senza che le popolazioni locali venissero in alcun modo consultate dallo Stato, che ha...

No Profit On Pandemic!

Nessun profitto sulla pandemia. Cure e vaccini per ciascun* ovunque e gratuiti.Durante entrambi gli incontri affronteremo, da vari punti di vista, la battaglia che vede contrapposti grandi attori globali di fronte alla sfida delle vaccinazioni contro il Covid 19 e le...

Restituiteci Sankara.

Restituiteci Sankara.L’Africa non è una macchia nella cartina del mondo, non può essere rimossa. Esiste non molto lontano, a due passi dal mare, che si chiama Africa. L'opinione pubblica europea sa che da lì partono le imbarcazioni dei migranti, in fuga dalla...

Vive la Commune!

150 anni fa, una delle più straordinarie esperienze rivoluzionarie della storia contemporanea: la Comune di parigi. Sconfitta dalle armi dell'esercito del Kaiser ha lasciato un'eredità raccolta per tutto il secolo successivo da chi ha alzato la Bandiera Rossa per la...

Un altro mondo è possibile: a 19 anni da Genova.

STOP GLOBAL WAR: AVEVAMO RAGIONE NOI. Non dimenticare genova per continuare a costruire altri mondi possibili. Nel 2001 a Genova migliaia e migliaia di persone da tutto il mondo invasero le strade contro il g8, il vertice dei "grandi potenti" del mondo. Era il...

Contro le passioni tristi, le sardine urtano il populismo

Di MARCO BASCETTA Nel cercare di comprendere la natura dei movimenti, la loro direzione di marcia, il posto che occupano nella sfera politica si rischia sempre di essere prematuri o inattuali. Del resto ogni movimento sociale è attraversato da flussi emotivi e bisogni...