“Hanno ammazzato Abba!”

Così si é svegliata la nostra città ormai 10 anni fa. 

A 10 anni di distanza, oggi migliaia di persone hanno attraversato le vie di questa città con rabbia e desiderio di riscatto. 

Con rabbia per quello che in dieci anni non ha fatto altro che aumentare: il razzismo, quello portato avanti dai vari governi, prima dal PD che con la Minniti-Orlando ha aperto la strada alle scellerate politiche di Salvini, riaprendo gli accordi con la Libia e istituendo di nuovo luoghi detentivi per i migranti.

Adesso, dal governo attuale, che non ha nessuna intenzione di cambiare le politiche basate sui profitti invece che sulle persone e allora se la prende con un facile capro espiatorio: chi ha attraversato le frontiere, in fuga dalla guerra, dalla fame o semplicemente in cerca di un futuro. 

I leghisti che alimentano la retorica per cui i migranti rubano risorse e diritti sono gli stessi che hanno rubato 49 milioni di soldi pubblici, gli stessi che si rifanno al ventennio fascista, e che portano avanti decreti legge razzisti, negando la possibilità per le persone di vivere in libertà.   49 milioni di diritti rubati, rubati al diritto all’abitare, al diritto di curarsi, di andare a  scuola,  di muoversi e di restare. 

Ricordare Abba significa da 10 anni rifiutare il razzismo, rifiutare la guerra e la devastazione dei territori da cui le persone scappano, rifiutare confini e barriere fisiche e mentali. versi e di restare.  Significa anche battersi per la giustizia sociale e il welfare, la casa, la scuola, la sanità, il reddito.   Portare avanti la memoria di Abba, in modo che sia antidoto a tutto questo, perché ciò che ė successo non si ripeta e perché il mondo possa essere migliore, domani, ma anche oggi, grazie alle nostre lotte quotidiane.

 

[ngg_images source=”galleries” container_ids=”374″ display_type=”photocrati-nextgen_basic_thumbnails” override_thumbnail_settings=”0″ thumbnail_width=”120″ thumbnail_height=”90″ thumbnail_crop=”1″ images_per_page=”4″ number_of_columns=”0″ ajax_pagination=”0″ show_all_in_lightbox=”0″ use_imagebrowser_effect=”0″ show_slideshow_link=”1″ slideshow_link_text=”Guarda la galleria fotografica del presidio” order_by=”sortorder” order_direction=”ASC” returns=”included” maximum_entity_count=”500″]

APPELLO DEL COMITATO PER NON DIMENTICARE ABBA E FERMARE IL RAZZISMO

SABATO 22 SETTEMBRE MANIFESTAZIONE ANTIRAZZISTA
PARTENZA ORE 15.30 da PALESTRO

La Razza bianca per fortuna non esiste. 
Altrimenti ne avrebbe combinate di tutti i colori: crociate, colonialismo, schiavitù, , Olocausto, Porajimos e un fossato mortifero nel Mar Mediterraneo.
Esiste il fascismo, non soltanto quello delle ridicole marcette di 70 anni fa, che comunque ha lasciato dietro di sé milioni di morti. Può essere anche il nome contemporaneo del dominio che da secoli colpisce le donne, le moltitudini dei poveri e dei precari, le minoranze, gli stranieri.
La storia di Abba è solo un piccolo pezzo di questa storia, un pezzo grande come una vita.

CONTINUA A LEGGERE IL TESTO

“Negro di merda”, e poi sprangate e botte: così viene ammazzato Abba il 14 settembre 2008 in via Zuretti a Milano, vicino alla Stazione Centrale. Ad ucciderlo è stato il razzismo.
E’ lo stesso che ha ucciso Modou e Mor a Firenze il 13 dicembre 2011, Emmanuel a Fermo il 5 luglio 2016, Ibrahim a Napoli l’11 luglio 2017, e purtroppo tanti altri. 
E’ lo stesso che ha colpito Wilson, Omar, Jennifer, Gideon, Mahamadou e Festus lo scorso 3 febbraio a Macerata.
E’ lo stesso che ha ucciso Idy Diene a Firenze poco dopo.
È lo stesso che, intrecciato a mafia e sfruttamento ha ucciso Soumaila proprio lì dove una grande rivolta contro il caporalato è nata qualche anno fa: Rosarno, terra in cui il colore della pelle è diventato elemento della gerarchia del lavoro. È lo stesso che, al grido di “Salvini, Salvini” ha ferito Sekou e Daby nel Casertano. 
Per tutt* loro, come hanno detto le compagne di Marielle Franco a migliaia nelle piazze dopo il suo omicidio, “nessun minuto di silenzio, ma una vita intera di lotta”.

Non sarebbe successo se, dopo la crisi, una classe dirigente italiana ed Europea spaventata e senza idee, non avesse rovesciato una valanga di retorica razzista nel discorso pubblico, inquinandolo per nascondere le responsabilità di chi ha lasciato che enormi ingiustizie sociali si insediassero in ogni angolo d’Europa, arrivando al punto, con il potente veicolo di media main stream, da avere Salvini ministro degli Interni, all’interno di una cornica europea che vede sempre più l’ascesa delle destre al potere. Un ministro che in pochi giorni di governo parla di censimento su base etnica, ricordando uno dei periodi più bui della storia d’Europa iniziato proprio allo stesso modo, prendendosela ugualmente con gli ultimi, i poveri, gli emarginati.

Non sarebbe successo se in Italia non venisse concesso sempre più spazio ai gruppi neofascisti organizzati, coccolati dalla destra istituzionale. Organizzazioni criminali che pretendono (e ottengono) di essere difese dalla polizia dello Stato mentre propagandano odio.

Non sarebbero successe molte altre morti se i governi e le multinazionali dei paesi Occidentali non avessero da sempre, fino ad oggi, alimentato o combattuto guerre in Africa e in Asia, chiudendo poi ermeticamente i confini alle masse in fuga dalla miseria.

Non sarebbe un mondo così ingiusto senza il razzismo, con troppi uomini che ammazzano le donne e troppi poveri calpestati. Perché le ingiustizie si tengono sempre per mano, impediscono il legame tra gli esseri umani, con i loro desideri e le loro rivendicazioni, segmentandoli in un reticolo di soprusi in cui ciascuno deve obbedire quando è vittima e avere paura di cadere quanto non lo è.

La città meticcia che – intrecciata con quella femminista e queer, con quella delle lotte per il lavoro e dei quartieri solidali – convive con quella razzista, sottraendole terreno tutti i giorni, non può dimenticare “Abba” Abdoul Guibre, figlio nero di questa città, strappato alla vita dal razzismo amato con rabbia e desiderio di riscatto, come solo si ama ciò che non c’è più.

Per questo chiamiamo tutta la Milano meticcia, antirazzista e antifascista a scendere in piazza il 22 Settembre per inondare la città di messaggi, colori e memoria, per non dimenticare Abba contro ogni tipo di discriminazione.

Comitato per non dimenticare Abba e fermare il razzismo

REALTA' CHE ADERISCONO ALLA MOBILITAZIONE

** Abbiamo iniziato a raccogliere le adesioni alla manifestazione, se volete aggiungervi scrivete alla pagina ABBA VIVE**

Abareka nandree onlus
Allah Loves Equality
Argentinos para la victoria
ASGI – Associazione Studi Giuridici sull’Immigrazione
Asia USB Milano
Associazione Dax
Associazione Nabad onlus 
Associazione per i diritti umani 
Associazione Senegalesi Milano e provincia
BlackPanthers
Cantiere
Casc Lambrate
CISPM Italia – Coalizione Internazionale Sans-Papier e Migranti
Comitato degli Abitanti di San Siro
Convergenza delle culture
Coordinamento dei Collettivi Studenteschi di Milano e Provincia
Combatientes Populares
CSOA Baraonda 
CSOA Lambretta
Dimensioni Diverse
Europe’s people of colour
Federazione PRC – Milano
i Sentinelli di Milano
Le radici e le ali 
Lezioni al Campo – Lecco
LUME – Laboratorio Universitario Metropolitano
MACAO
Memoria Antifascista
Milano in Movimento
Milano Senza Frontiere
Nabad Onlus
Naga ONLUS
NoWalls
Ponte della Ghisolfa Milano
Partigiani in Ogni Quartiere
Rete della Conoscenza 
Rete Studenti
Scuola di italiano Abdoul Guibre
Spazio di Mutuo Soccorso
Zam
Zip
Zona 8 Solidale

English

SATURDAY, SEPTEMBER 22, ANTIRACIST PARADE
APPEAL OF THE COMMITTEE NOT TO FORGET ABBA AND STOP THE RACISM

The White Race fortunately does not exist.
Otherwise it would have combined all the colors: crusades, colonialism, slavery, Holocaust, Porajimos and a deadly moat in the Mediterranean Sea.
There is fascism, not only that of the ridiculous little wedges of 70 years ago, which has left millions of dead behind it. It can also be the contemporary name of domination that has been affecting women for centuries, the multitudes of the poor and the precarious, minorities, foreigners.
The story of Abba is just a small piece of this story, a piece as big as a life.


“Dirty N****r”, and then bolted and beaten: this is how Abba was killed on 14 September 2008 in via Zuretti in Milan, near the Central Station. Racism killed him.
It is the same that killed Modou and Mor in Florence on December 13, 2011, Emmanuel in Fermo on July 5, 2016, Ibrahim in Naples on July 11, 2017, and unfortunately many others.
It is the same that hit Wilson, Omar, Jennifer, Gideon, Mahamadou and Festus last February 3 in Macerata.
It is the same one who killed Idy Diene in Florence shortly thereafter.
It is the same that, linked with the mafia and exploitation, killed Soumaila right there where a great riot against the corporal was born a few years ago: Rosarno, a land where the skin color has become an element of the hierarchy of work. It is the same that, to the cry of “Salvini, Salvini” has wounded Sekou and Daby in the Casertano.
For all of them, as thousands Marielle Franco’s comrades told in the streets after her murder, “no minute of silence, but a whole life of fight.
It wouldn’t happened if, after the crisis, a frightened Italian and European ruling class had not overturned an fueled of racist rhetoric the public opinion, polluting it to hide the responsibilities of those who left enormous social injustices in every corner of Europe, coming to the point, with the powerful vehicle of media main stream, to have Salvini deputy Prime Minister, within a European frame that sees more and more the rise of the far right to power. A minister that in  few days of government have spoken of census on an ethnic basis, recalling one of the darkest periods of Europe’s history, that had started in the same way, criminalizing the last, the poorest, the marginalized.

It would not have happened if in Italy wasn’t given so much space to organized neo-fascist groups, protected by the institutional right wing.
These criminal organizations that claim (and obtain) to be protected by the state police while spreading hate speech.

Not many other deaths would have happened if the governments and big corporations of Western countries had not, until today, fed or fought wars in Africa and Asia, then hermetically closed the borders to the masses fleeing from poverty.

It would not be such an unjust world without racism, with too many men killing women and too many poor people trampled. Because the injustices  always held hand by hand, they prevent the link between human beings, their desires and their claims, segmenting them into a network of abuses in which everyone must obey when he is a victim and be afraid of falling as he is.

The multiethnic city that – connected with the feminist and queer, with labor struggles and solidarity neighborhoods – coexists with the racist side of it, taking space away from it every day, can not forget “Abba” Abdoul Guiebre, black son of this city, who is life has been taken by racism violence, loved with anger and a desire of redemption, just as who loves what is no longer there.

This is why we call the whole Milan, anti-racist and anti-fascist to take the streets on September 22th to flood the city with messages, colors and memory, not to forget Abba against any kind of discrimination.

Committee not to forget Abba and stop racism

Espanol

APELACIÓN POR LA MANIFESTACION DEL 22 DE SEPTIEMBRE
Comité para no olvidar Abba y para detener el racismo

La raza blanca afortunadamente no existe.

De lo contrario habría combinado de todos los colores: cruzadas, colonialismo, esclavitud, Holocausto, Porajimos y un foso mortal en el mar Mediterráneo.
Existe el fascismo, no solamente ese de las ridículas marchas de hace 70 años, que sin embargo ha dejado millones de muertos detrás de él. Puede ser  también el nombre contemporáneo del dominio que durante siglos han sufrido las mujeres, las multitudes de pobres y precarios, las minorías, los extranjeros.

La historia de Abba es solo una pequeña parte de esta historia, una pieza grande como una vida.

“Negro de mierda”, y después maltratado y golpeado: así fue asesinado Abba el 14 de septiembre de 2008 en la vía Zuretti en Milán, cerca de la Estación Central. El racismo lo ha matado.

Es lo mismo que mató a Modou y Mor en Florencia el 13 de diciembre de 2011, Emmanuel en Fermo el 5 de julio de 2016, Ibrahim en Nápoles el 11 de julio de 2017 y así muchos otros lamentablemente.

Es lo mismo que golpeó a Wilson, Omar, Jennifer, Gideon, Mahamadou y Festus el pasado 3 de febrero en Macerata.

Es el mismo que mató a Idy Diene en Florencia poco después.

 

 

Es el mismo que enlazado a la mafia y la explotación ha matado a Soumaila justo ahí donde una grande revuelta contra la explotación ilícita del inmigrante nació algunos años atrás: Rosarno, tierra donde el color de la piel se ha transformado en un elemento dentro de la jerarquía del trabajo.

Es el mismo que al grito de ”Salvini, Salvini” ha herido a Sekou e Daby en Caserta.

 

Por tod*s ellos, como dijo la compañera de Marielle Franco a miles de personas en la plaza después de su homicidio: ” ningún minuto de silencio sino una vida entera de lucha”

 

 

No habría ocurrido si después de la crisis, la clase dirigente italiana y europea asustada y sin ideas, no hubiesen lanzado una avalancha de retorica racista en el discurso publico, contaminándolo para ocultar las responsabilidades de aquellos que han dejado que enormes injusticias sociales se instalasen en cada rincón de Europa, llegando al punto, con el poderoso vehículo de los principales medios de comunicación , de tener a Salvini como Ministro del Interior, dentro de un marco europeo que ve cada vez más el aumento de la derecha al poder. Un ministro que en unos pocos días de gobierno habla de censar sobre una base étnica, recordando que uno de los períodos más oscuros de la historia de Europa inicio de idéntica forma, culpando igualmente a los últimos, los pobres, los marginados.

No habría sucedido si en Italia no se hubiera dado espacio a los grupos organizados neo-fascistas, mimados por la derecha institucional. Organizaciones criminales que reclaman (y consiguen) ser defendidas por la policía del estado mientras propagan el odio.

No habrían sucedido muchas otras muertes si el gobierno y las multinacionales de los países occidentales no hubieran desde siempre, hasta el día de hoy, alimentado o combatido guerras en África o en Asia, cerrando después herméticamente las fronteras a las masas que escapaban de la miseria.

 

No sería un mundo tan injusto sin racismo, con demasiados hombres matando mujeres y demasiados pobres pisoteados. Porque las injusticias van siempre de la mano, impidiendo el vínculo entre los seres humanos, con sus deseos y sus demandas, segmentandolos en un patrón de abusos en la que todos deben obedecer cuando se es la víctima y tener miedo de caer cuando no lo es.

La ciudad mestiza – entretejida con la feminista y queer, con la de la lucha por el trabajo y los barrios solidarios – coexiste con aquella racista, ganandole el terreno todos los días, no se puede olvidar “Abba” Abdoul Guibre, hijo negro de esta ciudad, arrancado de la vida por el racismo, amado con rabia y un deseo de redención, así como uno ama lo que ya no está allí.

Es por eso que llamamos a todo Milán mezclado, antirracista y antifascista a salir a la calle el 22 de septiembre e inundar la ciudad con mensajes, colores y memoria, para no olvidar a Abba, contra cualquier tipo de discriminación.

 

Comité para no olvidar a Abba y detener el racismo

 

Francais

APPEL POUR LA MANIFESTATION DU 22 SEPTEMBRE
Comité de ne pas oublier Abba et de mettre un terme au racisme

La race blanche n’existe heureusement pas.
Sinon, elle aurait combinée toutes les couleurs: croisades, colonialisme, esclavage, Holocauste, Porajimos et le fossé mortel de la Méditerranée.
Il y a le fascisme, pas seulement celui des petits coins ridicules d’il y a 70 ans, celui qui a laissé des millions de morts derrière lui. Ce peut être aussi le nom contemporain de domination qui affecte les femmes depuis des siècles, les multitudes de pauvres et de précaires, les minorités, les étrangers.
L’histoire d’Abba n’est qu’une petite partie de cette histoire, une pièce aussi grande qu’une vie.
“Negro de merde” poursuivi Et roué de coups : voilà comment Abba a été tué le 14 septembre 2008 à via Zuretti à Milan, près de la gare centrale. Le racisme l’a tué.
C’est le même qui a tué tant d’autres. Pour toutes et tous, comme les compagnons de Marielle Franco l’ont dit à des milliers de personnes après son assassinat, “aucune minute de silence, mais toute une vie de lutte”.

Il ne serait pas arrivé si, après la crise, une élite dirigeante italienne et européenne apeurée et sans idées, n’avait pas déversé une avalanche de discours racistes dans le discours public, polluer pour cacher la responsabilité de ceux qui sont partis quand les injustices sociales énormes étaient en place tous les coins de l’Europe.
Cela ne serait pas arrivé si, en Italie, il n’y avait plus d’espace pour les groupes néo-fascistes organisés, choyés par la droite institutionnelle.
Peu d’autres décès se seraient produits si les gouvernements et les multinationales des pays occidentaux n’avaient pas, jusqu’à présent, nourri ou combattu des guerres en Afrique et en Asie, puis fermé hermétiquement les frontières aux masses fuyant la pauvreté.
Ce ne serait pas un monde si injuste, avec trop d’hommes tuant des femmes et trop de pauvres piétinés.

La ville métisse ne peut pas oublier “Abba” Abdoul Guibre, fils noir de cette ville, arraché à la vie par le racisme, aimé avec colère et désir de rédemption, comme lorsqu’il est parti.
Nous serons donc présents, sur la place le 22 septembre.

articoli

QUESTA SCUOLA CI STA UCCIDENDO! In piazza per Lorenzo

Venerdì pomeriggio a Udine uno studente di soli 18 anni, Lorenzo Parelli, è morto nelle ultime ore del suo ultimo giorno di alternanza scuola-lavoro. Lorenzo é morto, schiacciato da una trave , simbolo del sistema che ci schiaccia ogni giorno. Se non fai alternanza...

San Siro: i nostri diritti più in alto delle vostre speculazioni.

SAN SIRO: I NOSTRI DIRITTI PIU' IN ALTRO DELLE VOSTRE SPECULAZIONI San Siro è uno dei più grandi quartieri di edilizia residenziale pubblica a Milano ha un patrimonio abitativo di 5.996 abitazioni, 1416 sono vendute e solo 2521 sono assegnate, 800 occupate, 572 in...

NO al nucleare! Blitz alla sede dell’ Unione Europea!

NO NUKE IN OUR FUTURE! No scorie, No profitti, No Armi!   Siamo alla sede milanese dell'Unione europea perché domani sarà l'ultimo giorno per impedire che nucleare e gas vengano classificate come fonti di energia sostenibile SEGUICI SUI...

La DAD non è la soluzione: OCCUPIAMOCI di scuola!

La DAD non è la soluzione: OCCUPIAMOCI della scuola! La priorità del governo è aprire le scuole in presenza, ma cosa è stato fatto affinché questo avvenga? Solo dichiararlo!  Siamo tornati a scuola e nulla è cambiato: la scuola continua ad essere l’ultima ruota del...

Ciao Vito, continueremo a disegnare altri mondi possibili

Ciao Vito, compagno instancabile con il sole e con la pioggia. La tua ruvidezza sincera e il tuo brontolare operoso ci faranno compagnia non solo nei ricordi ma rimarrai per sempre presenza costante. Non dimenticheremo mai la tua creatività artigiana, l'entusiasmo...

Natale Solidale a SanSiro! 18 dicembre dalle 15 in pza Selinunte

Sabato 18 dicembre "NATALE SOLIDALE A SAN SIRO" dalle 15.00 in piazzale Selinunte! Programma della giornata:h 15:00 laboratorio artistico, stencil e colori per tutte tutti a cura della Bottega delle Arti di SMS Spazio di Mutuo Soccorso;h 15:30 lezione di boxe per...

Milano non dimentica Piazza Fontana. Ama la libertà, rifiuta fascismo e razzismo.

Non c'è futuro senza memoria: durante il corteo per non dimenticare la strage di #PiazzaFontana siamo passati di fianco al consolato Libico, dove abbiamo voluto lanciare un messaggio di solidarietà con le proteste che da settimane ormai proseguono sotto l' #Unhcr di...

Recovery Plan-et: Tax the rich! 7 Dic @Prima della Scala

Oggi è andato in scena il #MutuoSoccorso alla #PrimadellaScala perché costruire dal basso un'alternativa a questo sistema insostenibile è urgente e necessario! Questo modello di sviluppo si basa sullo sfruttamento del pianeta e di chi lo abita. Le conseguenze del...

10 Dicembre Corteo Studentesco – NON C’È FUTURO SENZA MEMORIA – Gli studenti non dimenticano Piazza Fontana!

Il 12 dicembre del 1969 in piazza Fontana esplode una bomba uccidendo 17 persone e ferendone quasi 100. A mettere la bomba fu il gruppo fascista Ordine Nuovo, con il mandato e l’appoggio dei servizi segreti dello stato. PerchéAlla fine degli anni ‘60, i movimenti...

Fantasie di complotto e cospirazioni neofasciste

OGGI ORE 18.30 IN DIRETTA LIVENelle piazze d'Italia e del mondo una vulgata che mischia individualismo, irrazionalismo e attrae anche generiche istanze di rabbia sociale si sta mobilitando, sostanzialmente nel nome della sfiducia nella scienza.PARLIAMO CONLeonardo...

eventi

Domenica 30 gennaio Cena Cinese al Cantiere

Domenica 30 gennaio dalle 20 al Cantiere Cena sociale cinese a sostegno delle spese legali del Cantiere! Questa domenica anche in occasione del capodanno cinese si potranno degustare gustosissimi piatti cinesi per sostenere quante e quanti ogni giorno attivano...

Venerdì 21 gennaio DISCHI VOLANTI al Cantiere

👽DischiVolanti👽🍺APERITIVO BEER&CHEESE🧀🔥MERCATINO DEL VINILE🔥🔸Venerdì 21 Gennaio, dalle 19:00, ci vediamo al Cantiere per un aperitivo genuino con le birre e i formaggi del Gruppo di Acquisto Solidale Popolare.🔸In contemporanea, un bellissimo mercatino di vinili...

Buss a Dinner/Space Dinner – Cena e dibattito sulla canapa

BUSS A DINNERCena e dibattito sulla Canapa Questo sabato al Cantiere una serata dedicata alla canapa e ai suoi benefici in cui approfondire il referendum sulla legalizzazione della cannabis. Cena a base di canapa powered by Taverna Sociale Clandestina  Parleremo...

Tributo a De Andrè e Cena ligure

“Non essendo padrone che di una piccola arte spesso dovetti cambiarla con il cibo” Sabato 15 Gennaio, a 24 anni dalla morte del cantautore, omaggiamo Fabrizio De Andrè con una CENA LIGURE. PER PRENOTARE https://www.eventbrite.com/.../cena-ligure-in-tributo-a......

AfroVibration: sabato 11 dicembre cena e musica

AfroVibrations w/ DJ Halo & DJ MadMattSABATO 11AFRO VIBRATIONSMUSIC AGAINST RACISM Al Cantiere, una serata antirazzista a base di ritmi afro Unire musica e antirazzismo, raccontando altri mondi possibili, senza confini e senza muri AI CONTROLLIDJ HALO outta...

19 dicembre – Cenone di Natale al Cantiere!

Cenone di Natale al Cantiere! Per prenotare clicca qui: https://www.eventbrite.it/e/gran-cenone-di-natale-tickets-222905756117 Domenica 19 dicembre dalle 20.00 un’ultima cena per chiudere in buona compagnia questo 2021 di lotta e solidarietà. Un menù ricco e gustoso...

Fantasie di complotto e cospirazioni neofasciste

OGGI ORE 18.30 IN DIRETTA LIVENelle piazze d'Italia e del mondo una vulgata che mischia individualismo, irrazionalismo e attrae anche generiche istanze di rabbia sociale si sta mobilitando, sostanzialmente nel nome della sfiducia nella scienza.PARLIAMO CONLeonardo...

Cena d’autunno per le spese legali del Cantiere.

Domenica 21 novembre 2021 dalle 20.00 al Cantiere CENA D’AUTUNNO PER LE SPESE LEGALI Una cena a km0 e solidale con prodotti del G.A.S.P. – Spazio Mutuo Soccorso Una cena come sempre all’insegna della socialità, del buon cibo e della buona musica, a sostegno delle...

ZeroCalcare: Proiezione della serie “Strappare lungo i bordi”

  Venerdi 19 novembre 2021 dalle 21.30 al Cantiere Dopo l'incontro "Quali libertà? Quali conflitti?" Strappare lungo i bordi / maratona della serie di Zerocalcare   Da Rebibbia arriva ''Strappare lungo i bordi'' la serie animata di ZeroCalcare (6 episodi da...

Incontro pubblico: quale libertà, quali conflitti?

Venerdì 19 Novembre, al Cantiere, alle 19.00 A nostro parere la contrapposizione tra libertà individuale e la libertà coniugata con la solidarietà e la responsabilità sociale è il discrimine attraverso cui leggere quelle piazze. [...]Invece di avere la Libertà di fare...

approfondimenti

Quale libertà?

Già da quest’estate manifestazioni e proteste contro il Green pass si sono verificate in molte città d’Italia.A nostro parere la contrapposizione tra libertà individuale e la libertà coniugata con la solidarietà e la responsabilità sociale è il discrimine attraverso...

Da Milano al Messico, “EL AGUA ES DEL PUEBLO”, #FueraBonafont! – azione solidale per l’acqua

#boycottdanone FUERA BONAFONT [ITALIANO] Oggi, 11 giugno, a 10 anni dal referendum contro la privatizzazione dell'acqua, siamo stati davanti alla sede del gruppo Danone, di cui fa parte Bonafont, e abbiamo lasciato davanti all’ingresso della loro sede vernice rossa a...

Pueblos Zapatistas Unidos contro il furto dell’acqua: #FueraBonafont

“Bonafont” è una impresa legata al gruppo francese “Danone” che si dedica all’imbottigliamento dell’acqua. Dal 1992 Bonafont si è installata nel territorio di Puebla, in Messico, senza che le popolazioni locali venissero in alcun modo consultate dallo Stato, che ha...

No Profit On Pandemic!

Nessun profitto sulla pandemia. Cure e vaccini per ciascun* ovunque e gratuiti.Durante entrambi gli incontri affronteremo, da vari punti di vista, la battaglia che vede contrapposti grandi attori globali di fronte alla sfida delle vaccinazioni contro il Covid 19 e le...

Restituiteci Sankara.

Restituiteci Sankara.L’Africa non è una macchia nella cartina del mondo, non può essere rimossa. Esiste non molto lontano, a due passi dal mare, che si chiama Africa. L'opinione pubblica europea sa che da lì partono le imbarcazioni dei migranti, in fuga dalla...

Vive la Commune!

150 anni fa, una delle più straordinarie esperienze rivoluzionarie della storia contemporanea: la Comune di parigi. Sconfitta dalle armi dell'esercito del Kaiser ha lasciato un'eredità raccolta per tutto il secolo successivo da chi ha alzato la Bandiera Rossa per la...

Un altro mondo è possibile: a 19 anni da Genova.

STOP GLOBAL WAR: AVEVAMO RAGIONE NOI. Non dimenticare genova per continuare a costruire altri mondi possibili. Nel 2001 a Genova migliaia e migliaia di persone da tutto il mondo invasero le strade contro il g8, il vertice dei "grandi potenti" del mondo. Era il...

Contro le passioni tristi, le sardine urtano il populismo

Di MARCO BASCETTA Nel cercare di comprendere la natura dei movimenti, la loro direzione di marcia, il posto che occupano nella sfera politica si rischia sempre di essere prematuri o inattuali. Del resto ogni movimento sociale è attraversato da flussi emotivi e bisogni...

In Cile il neoliberismo è in crisi

In Cile si sintetizza una combinazione esplosiva di un libero mercato senza anestesia e una democrazia completamente delegittimata, che conserva solo il suo nome. È degenerato in una plutocrazia che, fino a pochi giorni fa - ma non più - è stata misurata dalle...

Il Sud America si solleva contro il neoliberismo

Il neoliberismo è in crisi. In molti paesi dell'America latina le piazze sono piene: milioni di persone si oppongono, dal Cile all'Ecuador, alle politiche neoliberali applicate ai governi di destra. Nel frattempo le elezioni amministrative colombiane e quelle...