Sfratto rinviato! Renzo e Lucia non escono.

Avevamo detto che “questo sfratto non s’ha da fare” e oggi lo sfratto non è stato eseguito e Renzo Lucia per ora restano a casa.
Un picchetto solidale alla porta e un gruppo di noi in casa. Lotte che si uniscono per rivendicare diritti e dignità, perché i CAV non solo speculano sulle fragilità delle persone ma sfrattano le famiglie! Non Una Di Meno – Milano

[ngg_images source=”galleries” container_ids=”355″ sortorder=”4503,4500,4502,4501″ display_type=”photocrati-nextgen_basic_thumbnails” override_thumbnail_settings=”0″ thumbnail_width=”120″ thumbnail_height=”90″ thumbnail_crop=”1″ images_per_page=”4″ number_of_columns=”0″ ajax_pagination=”0″ show_all_in_lightbox=”0″ use_imagebrowser_effect=”0″ show_slideshow_link=”1″ slideshow_link_text=”Guarda la galleria fotografica del presidio” order_by=”sortorder” order_direction=”ASC” returns=”included” maximum_entity_count=”500″]

Grazie alla solidarietà la forza pubblica non ha potuto eseguire lo sfratto! Con i sorrisi e la voglia di non lasciare nessuno da solo abbiamo resistito all’ennesima ingiustizia.
Ci è stato detto che gli sfratti sono inesorabili perché siamo in un sistema capitalista che difende la proprietà.
Per questo noi resistiamo! Per questo rivendichiamo diritti! Per questo costruiamo solidarietà e ci riprendiamo la nostra dignità! #stopsfratti #bastapersonesenzacasa

Leggi "QUESTO SFRATTO NON S'HA DA FARE"

QUESTO SFRATTO NON S’HA DA FARE! RENZO E LUCIA NON ESCONO.  Domani martedì 28 novembre saremo in presidio solidale in Viale Murillo 40, per impedire lo sfratto di Renzo e Lucia e le loro due bambine.

Renzo e Lucia vivevano a Segrate, dove erano in attesa di una casa popolare (37esimi in graduatoria). 

Due anni fa Lucia rimane incinta della seconda figlia, non potendo permettersi di mantenere la bambina si rivolse alla Mangiagalli per poter abortire ma venne indirizzata presso l’ufficio di un movimento Pro Life (il CAV, Centro Aiuto alla Vita della Mangiagalli) dove è stata convinta a non abortire con la promessa di un sostegno economico, un alloggio presso la loro struttura ed un lavoro per Renzo. 

Si sono così trasferiti in Viale Murillo 40 dove hanno convissuto con altre famiglie ospiti della struttura. Peccato che pochi mesi dopo la nascita della bimba questa associazione (probabilmente una volta intascato il contributo regionale pubblico previsto per i movimenti Pro Life che ospitano famiglie in simili condizioni e raccolto altri fondi con la loro storia) ha deciso di dare lo sfratto a questa famiglia. 

Pare che questa sia una pratica piuttosto consolidata, quella di offrire ospitalità per pochi mesi e poi dover allontanare chi prima si era fidato delle loro promesse.

 Renzo e Lucia non si sono lasciati intimidire perché senza una casa non possono garantire alcun diritto per sé e per le proprie figlie e si sono rivolti al Comitato abitanti di San Siro e al sindacato Asia per fare uscire la denuncia pubblica di questa truffa vera e propria e per difendere il proprio diritto ad avere un tetto sopra la testa.Abbiamo fatto insieme la domanda di casa popolare: sono alla posizione 2655 della graduatoria. 

Aspetteremo l’arrivo dell’ufficiale giudiziario e della polizia con una colazione e un picchetto antisfratto sotto casa di Renzo e Lucia in via Murillo 40 per difendere il loro diritto all’abitare, anche perchè il movimento Pro Life non si è dimostrato disponibile ad accettare un rinvio e ha richiesto l’intervento della forza pubblica. 

Chiediamo un rinvio, e la possibilità di avere un pasaggio da casa a casa: Ci sono 10mila case popolari vuote! Le soluzioni ci sono!

 QUESTO SFRATTO NON S’HA DA FARE!

COMITATO ABITANTI SAN SIRO – ASIA MILANO

 

 

Author: Ale

Share This Post On