Scuola e cultura contro ignoranza e sessismo

8 MARZO ORE 9,30 LARGO CAIROLI
Vogliamo distruggere la cultura della violenza attraverso la formazione

>>> GUARDA LO SPECIALE IN COSTRUZIONE sulle assemblee nelle scuole in preparazione all’8 marzo

 

Ni una menos è un grido collettivo contro la violenza macista.

Ni una menos nasce in Argentina, lo scorso ottobre, in seguito allo stupro di una ragazza di 16 anni da parte di un gruppo di uomini, che l’hanno impalata ed uccisa.

Questa è stata la goccia che ha fatto traboccare il vaso e ha fatto sì che le donne, il 19 ottobre, si riappropriassero delle strade e finalmente manifestassero la loro rabbia contro un sistema patriarcale e contro la continua violenza di genere.

Questo grido di disperazione si è propagato in tutto il mondo e ha dato una spinta al movimento globale di manifestarsi , di voler risvegliare la coscienza della società riguardante l’incessante e sfiancante separazione binaria della realtà umana, basata su una visione misogena e maschilista.

In Italia 1 donna su 3 subisce abusi fisici, il 31,5 % tra i 16 e i 60 anni ha subito almeno una violenza.

Come studentesse e studenti, riteniamo che questa escalation di abusi sia generata dalla disinformazione e dall’ignoranza, per questo pensiamo che per combatterla sia fondamentale una rivoluzione culturale, che parta dalle scuole e si sviluppi in tutta la società.
Rifiutando la legge 107 della Buna Scuola e le su deleghe (in votazione proprio a inizio Marzo) che propongono un lettura della violenza volutamente generica e super partes e non mette in discussione i rapporti di genere su cui si basa la nostra società, pensiamo sia necessario introdurre nel percorso formativo, elemento non previsto nella nuova riforma scolastica, un corso obbligatorio che affronti le tematiche di educazione al genere e di educazione sessuale, rigorosamente laici e non giudicanti.
Il tutto anche a partire dalle scuole elementari, dove i bambini già vengono influenzati maggiormente dagli stereotipi imposti dall’ignoranza di questa società.
Tramite queste iniziative sarà possibile, passo dopo passo, porre fine alle costrizioni di genere e migliorare negli adolescenti la sensibilità e percezione di sé e degli altri, poiché sono loro ad affrontare la crescita in modo più travagliato. Attraverso anche un’approfondita conoscenza del proprio corpo , sarà più facile per l’individuo la costruzione di un’identità pacifica e armoniosa, grazie anche ad una maggiore accettazione del diverso.

Progetti e attività culturali nelle scuole ci aiuteranno a scardinare la paura nei confronti di chi ha scelto , consapevolmente, di vivere in base alla propria identità, senza che pregiudizi e stereotipi ne influenzino la vita.

“L’essere umano è un universo molto complesso, ed è impossibile ridurlo in pochi ruoli circoscritti e integrati nella nostra società”. Perciò noi sosteniamo un cambiamento, che con Ni Una Menos sentiamo sempre più vicino e reale.

CI VEDIAMO IN PIAZZA L’8 MARZO H 9:30  e alle 18,30 PER LA MANIFESTAZIONE CITTADINA IN CONTEMPORANEA CON GLI APPUNTAMENTI IN OGNI PAESE DEL MONDO!
“Ni una menos, vivas nos queremos”