NO NAZI IN MY TOWN! Oggi in piazza contro il convegno revisionista

Un presidio numeroso, meticcio, antirazzista e antifascista si è riunito questa sera di fronte al Municipio 4, che si è macchiato di vergogna decidendo di dare spazio ad un convegno revisionista sugli anni dell’occupazione e dei crimini di guerra fascisti in ex Jugoslavia, organizzato da ADES, un’associazione fantoccio usata come copertura dalla neonazista Lealtà e Azione.

Come tristemente troppo spesso accade, le forze dell’ordine si sono schierate a difesa del convegno neofascista, caricando il presidio, che ha poi deciso di muoversi in corteo per le strade di Corvetto, per spiegare agli abitanti cosa stesse succedendo nel loro municipio.

———————————————————————————————–

Nei giorni precedenti:

Dopo aver annunciato lo svolgimento di un convegno vergognosamente revisionista sugli anni dell’occupazione e dei crimini di guerra fascisti nella ex jugoslavia, una associazione-copertura di Lealtà e Azione (ADES) si è viste revocare per motivi formali l’utilizzo degli spazi della palazzina Liberty, in gestione al Comune.

Il 9 febbraio scorso si è tenuta la seduta del Consiglio e il presidente del Municipio 4 ha invece confermato la sua complicità con i fascisti di Lealtà Azione. La Lega Nord ha ormai consolidato questa alleanza in tutta Milano e non solo, dimostrata dalla presenza del fascista Stefano Pavesi nel Municipio 8 in occasione delle ultime amministrative e ieri, se c’era bisogno di una conferma, la Lega Nord si è prestata per concedere la Sala Alessi di Palazzo Marino proprio a Lealtà Azione.

Il presidente del Municipio 4 ha testardamente proseguito con lo stesso atteggiamento, non riuscendo a dare risposte ai cittadini e agli antifascisti chehanno affollato la seduta del consiglio, i quali chiedevano spiegazioni dei motivi per cui viene concessa una sala ai fascisti con patrocinio oneroso rifiutandosi di modificare il programma per un dibattito serio, invece ha permesso ai fascisti trovare agibilità politica nella milano medaglia d’oro alla resistenza.

 

Author:

Share This Post On

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *