Oggi un corteo di centinaia di persone ha attraversato le vie di zona 8 partendo da Piazza Gramsci per finire davanti alla Caserma Montello, dove dal 1 novembre si trovano 300 migranti provenienti da diversi Paesi.

Un corteo colorato e meticcio ha portato messaggi di solidarietà ai migranti, di denuncia di un sistema di accoglienza che non funziona, delle politiche europee di respingimento.

[ngg_images source=”galleries” container_ids=”299″ sortorder=”3385,3387,3386,3384,3390,3393,3391,3392,3388,3389″ display_type=”photocrati-nextgen_basic_thumbnails” override_thumbnail_settings=”1″ thumbnail_width=”100″ thumbnail_height=”70″ thumbnail_crop=”1″ images_per_page=”20″ number_of_columns=”0″ ajax_pagination=”0″ show_all_in_lightbox=”0″ use_imagebrowser_effect=”0″ show_slideshow_link=”1″ slideshow_link_text=”[Show slideshow]” order_by=”sortorder” order_direction=”ASC” returns=”included” maximum_entity_count=”500″]

Un corteo ha detto forte e chiaro che zona 8 e la città di Milano sono solidali, sono accoglienti e sono antirazziste e che le diversità culturali, etniche sono una ricchezza, e non un motivo di conflitto, e che insieme vogliamo costruire quartieri che pratichino accoglienza reale dal basso innanzitutto con l’incontro e la conoscenza reciproca.

Un corteo eterogeneo, come lo é il Comitato che lo ha voluto, attraversato da migranti di altri centri (come quello di Bresso), dagli stessi migranti ospiti alla Montello, da organizzazioni, associazioni e singoli cittadini solidali.

Siamo scesi in Piazza con un messaggio forte e chiaro: STOP WAR NOT PEOPLE – FERMARE LE GUERRE NON LE PERSONE.

Fermare il business delle armi, ritirare le truppe, smettere la devastazione di territori, opporsi a dittatori con cui invece si fanno affari. Il nostro nuovo premier è un guerrafondaio proprio come Renzi; poco prima di diventare capo del Governo è andato in Africa a stringere patti che sanciscono ancora violazioni dei diritti, costituzione di lager-hub oltre i confini della Fortezza Europa, per non parlare dei “buoni propositi” per l’anno nuovo della Pinotti, confermata ministro della Difesa, che ha dichiarato che la spesa militare italiana del 2017 corrisponderà a 2,6 milioni all’ora.

Non fermare le persone, ma accoglierle, e dignitosamente, nè in strutture-ghetto nè in condizioni pietose, nè facendo di loro una forza lavoro da sfruttare, ma garantendo loro diritti e dignità, in modo da poter autogestire la propria vita come meglio credono, senza doversi in alcun modo “scusare” per essere scappati da guerre o devastazioni che gli stessi Paesi europei hanno finanziato e su cui hanno guadagnato, e poi non li accolgono. Costruire territori meticci e solidali, resistenti, comunità autorganizzate dal basso, praticare il mutuo soccorso: sono ueste le nostre alternative a razzismo, crisi e paura su cui chi sta seduto in poltrona continua a soffiare, generando guerra tra poveri. E uesto continueremo a fare nei nostri territori. In zona 8 e nelle città nessuno è straniero!    


SABATO 17 DICEMBRE ORE 14.30 TUTTE E TUTTI IN PIAZZA GRAMSCI PER DIRE FORTE E CHIARO: STOP WAR NOT PEOPLE, QUI NESSUNO E’ STRANIERO!

Leggi il piccolo Manifesto della “buona accoglienza” di Zona 8 Solidale.

Il 17 Dicembre, un giorno prima della giornata internazionale del Migrante, un corteo attraverserà le vie della Zona 8 fino ad arrivare alla Caserma Montello.

Un momento per denunciare l’inconsistenza delle politiche di accoglienza che tendono a marginalizzare la vita dei migranti e a criminalizzarli, oltre che a negare loro un’accoglienza dignitosa.

Un momento per denunciare l’inconsistenza delle politiche di accoglienza che tendono a marginalizzare la vita dei migranti e a criminalizzarli, oltre che a negare loro un’accoglienza dignitosa. Per questo tutte le associazioni, organizzazioni politiche e sindacali, singoli cittadini che da mesi costruiscono il Comitato Zona 8 Solidale si stanno impegnando perchè la Caserma Montello non diventi un luogo di segregazione, ma venga aperta e che i suoi spazi siano resi accessibili a tutta la cittadinanza.

Non vogliamo che la caserma si trasformi in fortino assediato, e perciò lavoreremo insieme ai suoi nuovi ospiti e a tutti gli abitanti del quartiere per conoscerci e costruire un quartiere meticcio e solidale; vogliamo che la struttura non sia chiusa, ma al contrario che diventi un punto di riferimento per le attività del territorio, vogliamo che le persone che la abitano siano tra noi e con noi, cittadine e cittadini di questa città.

Siamo convinti che la via per realizzare questo incontro passi innanzitutto dalla creazione di una robusta e vivace rete di solidarietà: questo ci ha spinto a costituirci in comitato; questo territorio è ricco di realtà che già operano per la promozione di migliori condizioni di vita per tutte e tutti e che lottano contro il razzismo per promuovere diritti fondamentali e siamo convinti che altre ne sorgeranno.

I migranti non sono né pericolosi nemici né derelitti incapaci di badare a sé, ma donne e uomini sfortunati e coraggiosi che hanno affrontato condizioni spaventose nella speranza di una vita migliore; se averli tra noi sarà una fastidiosa incombenza o un’opportunità di trovare nuovi amici e alleati, questo lo deciderà in larga misura il nostro impegno, innanzitutto nella conoscenza reciproca.

Un corteo attraverserà le vie del quartiere intorno alla Montello perchè quel portone rimanga aperto, accessibile alla cittadinanza e con la possibilità per le persone di vivere il quartiere, la città.

Come Comitato Zona 8 Solidale invitiamo tutte e tutti a partecipare alla giornata del 17 Dicembre per portare solidarietà ai migranti e continuare a lavorare insieme per un quartiere che sappia rifiutare il razzismo e la paura del diverso, che sia solidale e attivo.

articoli

QUESTA SCUOLA CI STA UCCIDENDO! In piazza per Lorenzo

Venerdì pomeriggio a Udine uno studente di soli 18 anni, Lorenzo Parelli, è morto nelle ultime ore del suo ultimo giorno di alternanza scuola-lavoro. Lorenzo é morto, schiacciato da una trave , simbolo del sistema che ci schiaccia ogni giorno. Se non fai alternanza...

San Siro: i nostri diritti più in alto delle vostre speculazioni.

SAN SIRO: I NOSTRI DIRITTI PIU' IN ALTRO DELLE VOSTRE SPECULAZIONI San Siro è uno dei più grandi quartieri di edilizia residenziale pubblica a Milano ha un patrimonio abitativo di 5.996 abitazioni, 1416 sono vendute e solo 2521 sono assegnate, 800 occupate, 572 in...

NO al nucleare! Blitz alla sede dell’ Unione Europea!

NO NUKE IN OUR FUTURE! No scorie, No profitti, No Armi!   Siamo alla sede milanese dell'Unione europea perché domani sarà l'ultimo giorno per impedire che nucleare e gas vengano classificate come fonti di energia sostenibile SEGUICI SUI...

La DAD non è la soluzione: OCCUPIAMOCI di scuola!

La DAD non è la soluzione: OCCUPIAMOCI della scuola! La priorità del governo è aprire le scuole in presenza, ma cosa è stato fatto affinché questo avvenga? Solo dichiararlo!  Siamo tornati a scuola e nulla è cambiato: la scuola continua ad essere l’ultima ruota del...

Ciao Vito, continueremo a disegnare altri mondi possibili

Ciao Vito, compagno instancabile con il sole e con la pioggia. La tua ruvidezza sincera e il tuo brontolare operoso ci faranno compagnia non solo nei ricordi ma rimarrai per sempre presenza costante. Non dimenticheremo mai la tua creatività artigiana, l'entusiasmo...

Natale Solidale a SanSiro! 18 dicembre dalle 15 in pza Selinunte

Sabato 18 dicembre "NATALE SOLIDALE A SAN SIRO" dalle 15.00 in piazzale Selinunte! Programma della giornata:h 15:00 laboratorio artistico, stencil e colori per tutte tutti a cura della Bottega delle Arti di SMS Spazio di Mutuo Soccorso;h 15:30 lezione di boxe per...

Milano non dimentica Piazza Fontana. Ama la libertà, rifiuta fascismo e razzismo.

Non c'è futuro senza memoria: durante il corteo per non dimenticare la strage di #PiazzaFontana siamo passati di fianco al consolato Libico, dove abbiamo voluto lanciare un messaggio di solidarietà con le proteste che da settimane ormai proseguono sotto l' #Unhcr di...

Recovery Plan-et: Tax the rich! 7 Dic @Prima della Scala

Oggi è andato in scena il #MutuoSoccorso alla #PrimadellaScala perché costruire dal basso un'alternativa a questo sistema insostenibile è urgente e necessario! Questo modello di sviluppo si basa sullo sfruttamento del pianeta e di chi lo abita. Le conseguenze del...

10 Dicembre Corteo Studentesco – NON C’È FUTURO SENZA MEMORIA – Gli studenti non dimenticano Piazza Fontana!

Il 12 dicembre del 1969 in piazza Fontana esplode una bomba uccidendo 17 persone e ferendone quasi 100. A mettere la bomba fu il gruppo fascista Ordine Nuovo, con il mandato e l’appoggio dei servizi segreti dello stato. PerchéAlla fine degli anni ‘60, i movimenti...

Fantasie di complotto e cospirazioni neofasciste

OGGI ORE 18.30 IN DIRETTA LIVENelle piazze d'Italia e del mondo una vulgata che mischia individualismo, irrazionalismo e attrae anche generiche istanze di rabbia sociale si sta mobilitando, sostanzialmente nel nome della sfiducia nella scienza.PARLIAMO CONLeonardo...

eventi

Domenica 30 gennaio Cena Cinese al Cantiere

Domenica 30 gennaio dalle 20 al Cantiere Cena sociale cinese a sostegno delle spese legali del Cantiere! Questa domenica anche in occasione del capodanno cinese si potranno degustare gustosissimi piatti cinesi per sostenere quante e quanti ogni giorno attivano...

Venerdì 21 gennaio DISCHI VOLANTI al Cantiere

👽DischiVolanti👽🍺APERITIVO BEER&CHEESE🧀🔥MERCATINO DEL VINILE🔥🔸Venerdì 21 Gennaio, dalle 19:00, ci vediamo al Cantiere per un aperitivo genuino con le birre e i formaggi del Gruppo di Acquisto Solidale Popolare.🔸In contemporanea, un bellissimo mercatino di vinili...

Buss a Dinner/Space Dinner – Cena e dibattito sulla canapa

BUSS A DINNERCena e dibattito sulla Canapa Questo sabato al Cantiere una serata dedicata alla canapa e ai suoi benefici in cui approfondire il referendum sulla legalizzazione della cannabis. Cena a base di canapa powered by Taverna Sociale Clandestina  Parleremo...

Tributo a De Andrè e Cena ligure

“Non essendo padrone che di una piccola arte spesso dovetti cambiarla con il cibo” Sabato 15 Gennaio, a 24 anni dalla morte del cantautore, omaggiamo Fabrizio De Andrè con una CENA LIGURE. PER PRENOTARE https://www.eventbrite.com/.../cena-ligure-in-tributo-a......

AfroVibration: sabato 11 dicembre cena e musica

AfroVibrations w/ DJ Halo & DJ MadMattSABATO 11AFRO VIBRATIONSMUSIC AGAINST RACISM Al Cantiere, una serata antirazzista a base di ritmi afro Unire musica e antirazzismo, raccontando altri mondi possibili, senza confini e senza muri AI CONTROLLIDJ HALO outta...

19 dicembre – Cenone di Natale al Cantiere!

Cenone di Natale al Cantiere! Per prenotare clicca qui: https://www.eventbrite.it/e/gran-cenone-di-natale-tickets-222905756117 Domenica 19 dicembre dalle 20.00 un’ultima cena per chiudere in buona compagnia questo 2021 di lotta e solidarietà. Un menù ricco e gustoso...

Fantasie di complotto e cospirazioni neofasciste

OGGI ORE 18.30 IN DIRETTA LIVENelle piazze d'Italia e del mondo una vulgata che mischia individualismo, irrazionalismo e attrae anche generiche istanze di rabbia sociale si sta mobilitando, sostanzialmente nel nome della sfiducia nella scienza.PARLIAMO CONLeonardo...

Cena d’autunno per le spese legali del Cantiere.

Domenica 21 novembre 2021 dalle 20.00 al Cantiere CENA D’AUTUNNO PER LE SPESE LEGALI Una cena a km0 e solidale con prodotti del G.A.S.P. – Spazio Mutuo Soccorso Una cena come sempre all’insegna della socialità, del buon cibo e della buona musica, a sostegno delle...

ZeroCalcare: Proiezione della serie “Strappare lungo i bordi”

  Venerdi 19 novembre 2021 dalle 21.30 al Cantiere Dopo l'incontro "Quali libertà? Quali conflitti?" Strappare lungo i bordi / maratona della serie di Zerocalcare   Da Rebibbia arriva ''Strappare lungo i bordi'' la serie animata di ZeroCalcare (6 episodi da...

Incontro pubblico: quale libertà, quali conflitti?

Venerdì 19 Novembre, al Cantiere, alle 19.00 A nostro parere la contrapposizione tra libertà individuale e la libertà coniugata con la solidarietà e la responsabilità sociale è il discrimine attraverso cui leggere quelle piazze. [...]Invece di avere la Libertà di fare...

approfondimenti

Quale libertà?

Già da quest’estate manifestazioni e proteste contro il Green pass si sono verificate in molte città d’Italia.A nostro parere la contrapposizione tra libertà individuale e la libertà coniugata con la solidarietà e la responsabilità sociale è il discrimine attraverso...

Da Milano al Messico, “EL AGUA ES DEL PUEBLO”, #FueraBonafont! – azione solidale per l’acqua

#boycottdanone FUERA BONAFONT [ITALIANO] Oggi, 11 giugno, a 10 anni dal referendum contro la privatizzazione dell'acqua, siamo stati davanti alla sede del gruppo Danone, di cui fa parte Bonafont, e abbiamo lasciato davanti all’ingresso della loro sede vernice rossa a...

Pueblos Zapatistas Unidos contro il furto dell’acqua: #FueraBonafont

“Bonafont” è una impresa legata al gruppo francese “Danone” che si dedica all’imbottigliamento dell’acqua. Dal 1992 Bonafont si è installata nel territorio di Puebla, in Messico, senza che le popolazioni locali venissero in alcun modo consultate dallo Stato, che ha...

No Profit On Pandemic!

Nessun profitto sulla pandemia. Cure e vaccini per ciascun* ovunque e gratuiti.Durante entrambi gli incontri affronteremo, da vari punti di vista, la battaglia che vede contrapposti grandi attori globali di fronte alla sfida delle vaccinazioni contro il Covid 19 e le...

Restituiteci Sankara.

Restituiteci Sankara.L’Africa non è una macchia nella cartina del mondo, non può essere rimossa. Esiste non molto lontano, a due passi dal mare, che si chiama Africa. L'opinione pubblica europea sa che da lì partono le imbarcazioni dei migranti, in fuga dalla...

Vive la Commune!

150 anni fa, una delle più straordinarie esperienze rivoluzionarie della storia contemporanea: la Comune di parigi. Sconfitta dalle armi dell'esercito del Kaiser ha lasciato un'eredità raccolta per tutto il secolo successivo da chi ha alzato la Bandiera Rossa per la...

Un altro mondo è possibile: a 19 anni da Genova.

STOP GLOBAL WAR: AVEVAMO RAGIONE NOI. Non dimenticare genova per continuare a costruire altri mondi possibili. Nel 2001 a Genova migliaia e migliaia di persone da tutto il mondo invasero le strade contro il g8, il vertice dei "grandi potenti" del mondo. Era il...

Contro le passioni tristi, le sardine urtano il populismo

Di MARCO BASCETTA Nel cercare di comprendere la natura dei movimenti, la loro direzione di marcia, il posto che occupano nella sfera politica si rischia sempre di essere prematuri o inattuali. Del resto ogni movimento sociale è attraversato da flussi emotivi e bisogni...

In Cile il neoliberismo è in crisi

In Cile si sintetizza una combinazione esplosiva di un libero mercato senza anestesia e una democrazia completamente delegittimata, che conserva solo il suo nome. È degenerato in una plutocrazia che, fino a pochi giorni fa - ma non più - è stata misurata dalle...

Il Sud America si solleva contro il neoliberismo

Il neoliberismo è in crisi. In molti paesi dell'America latina le piazze sono piene: milioni di persone si oppongono, dal Cile all'Ecuador, alle politiche neoliberali applicate ai governi di destra. Nel frattempo le elezioni amministrative colombiane e quelle...