A due giorni dal seminario di Commonware ed Effimera (vedi articolo) ospitato dal Cantiere e dallo Spazio di Mutuo Soccorso, a Milano, pubblichiamo questo interessante contributo sulla crisi e la composizione di classe globale
 
di Franco Berardi Bifo.
 
Nel bunker
Alla fine del 2013 un gruppo di attivisti della Baia di San Francisco lanciò una protesta contro i Google bus che portano ogni giorni i lavoratori cognitivi dalla città a Mountain View, 60 chilometri di distanza. I Google bus sono degli ingombranti mezzi di trasporto che funzionano in realtà come uffici mobili per i lavoratori della net-corporation. A bordo del bus i nerd lavorano con l’allegra coscienza di essere i protagonisti della virtualizzazione finale e della bunkerizzazione definitiva. Al di là dei suoi aspetti immediati (difesa dello spazio pubblico dall’invadenza di mezzi privati) quella protesta illumina la nuova stratificazione del lavoro. Una stratificazione che richiede concetti nuovi.La composizione della società globale contemporanea si articola intorno a una fondamentale separazione tra sfera sociale bunkerizzata e sfera sociale non bunkerizzata.Il bunker è l’area tecno-produttiva e urbano-esistenziale in cui agiscono la classe finanziaria e i lavoratori cognitivi. E’ la sfera in cui si svolgono le due funzioni sociali connesse e ricombinanti: quella della decisione finanziaria che domina e sfrutta il ciclo del lavoro sociale
complessivo, e quella del lavoro cognitivo prevalentemente precarizzato, ma parzialmente protetto dal bunker in quanto lavoro necessario all’accumulazione di capitale.Naturalmente entrambe queste funzioni sono estremamente stratificate e frammentate al loro interno. Questa sfera tende a divenire sempre più connessa, virtualizzata e sigillata rispetto alla società territoriale che vive al di fuori del bunker, nella quale si trovano ad agire i lavoratori industriali, e l’area crescente della povertà e dell’emarginazione.

La sfera extra-bunker è composta da tutti coloro che non hanno una collocazione all’interno del ciclo connettivo. Possono disporre o meno di congegni tecnici connettivi per la loro vita privata, ma il loro lavoro e le loro forme di socializzazione si svolgono nel rapporto diretto con la materia fisica della produzione e nel territorio non protetto della metropoli.

Extra bunker

Là fuori si estende inoltre l’immensa e crescente area degli emarginati da ogni tipo di garanzia sociale, spinti al margine del rapporto salariato: disoccupati, poveri, migranti, rifugiati.

La borghesia industriale del passato era interessata alla salvaguardia del territorio fisico perché, per quanto separata dalle classi subalterne, viveva comunque in quello spazio, ma anche perché la borghesia moderna era interessata a predisporre le condizioni del futuro, in quanto i rientri economici della produzione dipendevano dalle vendite di merci da realizzare nel futuro, e perché la crescita economica era un processo che si svolgeva in un tempo esteso.

Il capitale finanziario non ha più alcun interesse al territorio, né al futuro della comunità in quanto non ha più alcun contatto con gli spazi esterni al bunker e perché i suoi profitti si realizzano nella dimensione istantanea e virtuale. La classe finanziaria abita all’interno di gate community protette militarmente, e va in vacanza in luoghi simulati protetti da guardie armate, nei quali il mare è finto, la neve è finta, le montagne sono finte, gli esseri umani esprimono sentimenti finti. Inoltre il capitale finanziario realizza i suoi profitti nell’immediatezza dello scambio virtuale, e progetta il futuro come progressiva devastazione di ogni residuo spazio del territorio fisico esistente.

Perciò all’accumulazione di capitale finanziario corrisponde una devastazione del territorio e del futuro della comunità.

I lavoratori cognitivi vivono una condizione intermedia: sono bunkerizzati fin quando svolgono le loro funzioni produttive, ma affondano poi nella realtà del territorio urbano e della comunità sociale quando interrompono il loro rapporto con lo schermo e con la rete ed escono dagli edifici super-protetti delle corporation globali.

Fuori dal bunker vivono e lavorano tutti coloro che non appartengono al ciclo virtuale o finanziario. Il lavoro industriale non è affatto diminuito rispetto al passato. Al contrario il numero degli operai industriali è aumentato da quando la globalizzazione del mercato del lavoro ha inserito nuove masse di lavoratori all’interno del processo produttivo nei paesi di nuova industrializzazione. Ma questi sono spossessati di potere politico e di forza sindacale. A causa della globalizzazione del mercato del lavoro sono sottoposti al continuo ricatto della delocalizzazione, e d’altra parte non hanno la possibilità di intervenire sui processi decisionali perché questi si svolgono all’interno del bunker al quale non possono aver accesso. Gli extra-bunker possono bruciare interi quartieri, ma questo non ha alcuna conseguenza sui luoghi della decisione che non sono sul territorio.

Necro-lavoro: Daesh

C’è un settore del lavoro extra-bunker che tende ad assumere un rilievo crescente: è il settore del necro-lavoro, ovvero del lavoro destinato a incrementare il profitto di alcune global corporation il cui prodotto concreto è la morte per sterminio.

Roberto Saviano ha descritto la camorra napoletana come un punto cruciale del ciclo globale del necro-lavoro: questa sezione del processo di accumulazione capitalistica si sta espandendo man mano che si espande la pauperizzazione, l’emarginazione, l’umiliazione di un numero crescente di giovani delle periferie urbane del mondo intero.

Prendiamo due esempi di questo fenomeno.

Il primo è Daesh, noto anche come Califfato Islamico.

Non è possibile comprendere la vera natura di questo originale organismo se non si tiene conto che, oltre ad amministrare un territorio abitato da circa cinque milioni di iracheni e tre milioni di siriani, esso funziona più come una corporation globale che come uno stato territorializzato.

Oltre all’appropriazione dei soldi trovati nelle banche irachene e siriane delle città conquistate, oltre alle cospicue donazioni di sostenitori sauditi, oltre ai proventi dei sequestri, oltre alla tassazione degli abitanti delle aree occupate Daesh incassa i profitti provenienti dal
petrolio delle zone occupate.

Secondo la giornalista franco-libanese Mona Alemi: “i metodi di produzionepetrolifera dello Stato Islamico sono piuttosto primitivi, con un livello di produzione più basso di quello che si verificava prima del conflitto.

Ciononostante il guadagno dello stato Islamico dal mercato petrolifero è di un milione di dollari al giorno solo dall’Iraq.” Daesh è diventato un’azienda che garantisce lavoro a giovani disoccupati delle periferie delle città arabe, ma anche a giovani emarginati delle città europee o perfino canadesi. Scrive Wassim Bassem: “Da quando l’IS ha conquistato Falluja un numero crescente di giovani ha cominciato a unirsi all’esercito islamista per svolgere il loro lavoro come combattenti in cambio di un salario mensile di 400 o 500 dollari che però è intermittente e non stabile.” (http://www.usnews.com/news/articles/2014/08/13/money-power-draw-young-iraqis-to-the-islamic-state).

È facile capire che Daesh non sarà facilmente sradicato dai valorosi bombardieri americani, visto che il suo serbatoio di reclutamento è costituito da milioni di giovani arabi inglesi ed europei che arruolandosi si garantiscono un salario mensile che l’austeritarismo della Banca Centrale europea non sarà mai in grado di dargli, oltre ad avere la possibilità di tagliare la gola a qualche occidentale per vendicare l’umiliazione di Abou Ghraib.
Necro-lavoro e petrolio

Un secondo esempio di necro-corporation lo troviamo in Messico: è il ciclo del sequestro ed eliminazione. Siamo abituati a identificare l’industria criminale messicana con il narcotraffico, ma forse si tratta di un’identificazione riduttiva, o superata.

Secondo un giornalista italiano che da anni lavora in Messico (Federico Mastrogiovanni autore di un libro recentemente pubblicato in Messico con il titolo Ni vivos ni muertos) le formazioni armate che agiscono spesso in collaborazione con la polizia, prima di tutto gli Zetas, che sono un’organizzazione formata da ex-militari e poliziotti delle squadre speciali  specializzata in massacri, stanno differenziando il loro prodotto, e dal terreno del commercio di droga si stanno spostando verso un nuovo campo, che è quello del gas scisto (shale gas).

Quanto alla potenzialità di estrazione di gas scisto il Messico è il quarto paese nel mondo, dopo Cina Stati Uniti Argentina, e prima del Canada, che pure ha messo in moto da tempo una gigantesca operazione di devastazione ambientale per la raffinazione di “tar sands”, petrolio ricavabile da sabbie bituminose, e non ha esitato a ritirare la firma del protocollo di Kyoto non appena il governo canadese si è reso conto del fatto che il paese che aveva aderito quando non sapeva di essere potenzialmente produttore, disponeva invece di grandi giacimenti.

In Messico si stanno mobilitando investimenti enormi nel campo del fracking, ma per questo occorre spostare la popolazione di alcune aree, particolarmente della conca di Burgos. Secondo Mastrogiovanni i sequestri e i massacri di massa sono da collegarsi alla preparazione dell’interregno dell’industria del petrolio.

“La privatizzazione di Pemex, scrive in Ni vivos ni muertos, non fu solo il risultato di una politica criminale concepita per spopolare la conca di Burgos, ma condusse a una forma autoritaria che abusa dell’ignoranza della popolazione soprattutto di quella che vive dove si dovrà impiegare il fracking.”

Il New York Times del 24 novembre 2014 pubblica un articolo di duepagine dedicato alle conseguenze del fracking in alcuni villaggi del North Dakota, dove la popolazione, che ha accettato a suo tempo l’intervento dei petrolieri nella speranza di arricchirsi, comincia a rendersi conto del fatto che le conseguenze di quella tecnica di estrazione sono la devastazione del territorio e della vita di coloro che vivono in quel territorio. Ma se in North Dakota la gente è stata convinta con i soldi ad accettare la distruzione dell’ambiente in cui vive, in Messico i metodi utilizzati sono più sbrigativi: sequestrare, massacrare, terrorizzare per deportare e aprire la strada all’intervento dei frackers.

In questa ipotesi, che Mastrogiovanni suffraga con una consistente mole di dati e di interviste, gli Zeta sono allora manodopera al servizio dei petrolieri, pagati per fare un lavoro (produttivo nel senso di utile all’accumulazione di capitale) che consiste nel torturare, terrorizzare, deportare. “Nella conca di Burgos sono presenti le maggiori riserve di shale gas, e la zona è sotto il controllo diretto degli Zetas, e lo stato messicano inesplicabilmente per anni non ha fatto nulla contro di loro”.

La violenza inevitabile che viene

Dall’emergente composizione globale del lavoro viene delineandosi un quadro di cui i movimenti di resistenza e di liberazione debbono prenderne coscienza. La violenza non costituisce più soltanto un mezzo politico di attacco contro l’autonomia sociale, ma è strumento normale dell’accumulazione di capitale.

Di conseguenza la parola democrazia puzza di merda e puzza un po’ di merda anche chi ce la propina. L’azione democratica non ha più alcuna possibilità di difendere la vita sociale, e meno che mai ha la possibilità di liberare forme di vita dal regime schiavistico globale.

Di questo dobbiamo prendere atto se non vogliamo che i nostri discorsi si riducano a mera accademia. Nel prossimo periodo, anche in Europa e particolarmente in Italia la violenza politica è destinata ad assumere un ruolo cruciale. Personalmente non mi considero un pacifista e non ho alcuna difficoltà a riconoscere la necessità della violenza contro gli assassini e gli sfruttatori. Ma il punto è un altro: nel prossimo periodo è  quasi inevitabile per il movimento essere trascinato in processi di azione violenta. il rischio di conseguenze letali si va facendo altissimo. Dobbiamo esaminare e risolvere il problema in termini scientifici.

L’autonomia sociale si trova oggi di fronte due distinti nemici: l’astrazione finanziaria nelle sue articolazioni politiche e tecniche, e la corporeità identitaria nelle sue forme nazionaliste e mafiose.

Non potremmo reggere l’urto con la prima né con la seconda. Non possiamo permetterci il lusso di essere trascinati dall’inevitabile escalation di violenza che si sta preparando. Dobbiamo trovare una via d’uscita da questa trappola, e la via d’uscita consiste a mio parere nel giocare la prima contro la seconda e la seconda contro la prima. Come? Ragionare urgentemente dobbiamo su questo punto.

Novembre 2014 / Toronto

articoli

QUESTA SCUOLA CI STA UCCIDENDO! In piazza per Lorenzo

Venerdì pomeriggio a Udine uno studente di soli 18 anni, Lorenzo Parelli, è morto nelle ultime ore del suo ultimo giorno di alternanza scuola-lavoro. Lorenzo é morto, schiacciato da una trave , simbolo del sistema che ci schiaccia ogni giorno. Se non fai alternanza...

San Siro: i nostri diritti più in alto delle vostre speculazioni.

SAN SIRO: I NOSTRI DIRITTI PIU' IN ALTRO DELLE VOSTRE SPECULAZIONI San Siro è uno dei più grandi quartieri di edilizia residenziale pubblica a Milano ha un patrimonio abitativo di 5.996 abitazioni, 1416 sono vendute e solo 2521 sono assegnate, 800 occupate, 572 in...

NO al nucleare! Blitz alla sede dell’ Unione Europea!

NO NUKE IN OUR FUTURE! No scorie, No profitti, No Armi!   Siamo alla sede milanese dell'Unione europea perché domani sarà l'ultimo giorno per impedire che nucleare e gas vengano classificate come fonti di energia sostenibile SEGUICI SUI...

La DAD non è la soluzione: OCCUPIAMOCI di scuola!

La DAD non è la soluzione: OCCUPIAMOCI della scuola! La priorità del governo è aprire le scuole in presenza, ma cosa è stato fatto affinché questo avvenga? Solo dichiararlo!  Siamo tornati a scuola e nulla è cambiato: la scuola continua ad essere l’ultima ruota del...

Ciao Vito, continueremo a disegnare altri mondi possibili

Ciao Vito, compagno instancabile con il sole e con la pioggia. La tua ruvidezza sincera e il tuo brontolare operoso ci faranno compagnia non solo nei ricordi ma rimarrai per sempre presenza costante. Non dimenticheremo mai la tua creatività artigiana, l'entusiasmo...

Natale Solidale a SanSiro! 18 dicembre dalle 15 in pza Selinunte

Sabato 18 dicembre "NATALE SOLIDALE A SAN SIRO" dalle 15.00 in piazzale Selinunte! Programma della giornata:h 15:00 laboratorio artistico, stencil e colori per tutte tutti a cura della Bottega delle Arti di SMS Spazio di Mutuo Soccorso;h 15:30 lezione di boxe per...

Milano non dimentica Piazza Fontana. Ama la libertà, rifiuta fascismo e razzismo.

Non c'è futuro senza memoria: durante il corteo per non dimenticare la strage di #PiazzaFontana siamo passati di fianco al consolato Libico, dove abbiamo voluto lanciare un messaggio di solidarietà con le proteste che da settimane ormai proseguono sotto l' #Unhcr di...

Recovery Plan-et: Tax the rich! 7 Dic @Prima della Scala

Oggi è andato in scena il #MutuoSoccorso alla #PrimadellaScala perché costruire dal basso un'alternativa a questo sistema insostenibile è urgente e necessario! Questo modello di sviluppo si basa sullo sfruttamento del pianeta e di chi lo abita. Le conseguenze del...

10 Dicembre Corteo Studentesco – NON C’È FUTURO SENZA MEMORIA – Gli studenti non dimenticano Piazza Fontana!

Il 12 dicembre del 1969 in piazza Fontana esplode una bomba uccidendo 17 persone e ferendone quasi 100. A mettere la bomba fu il gruppo fascista Ordine Nuovo, con il mandato e l’appoggio dei servizi segreti dello stato. PerchéAlla fine degli anni ‘60, i movimenti...

Fantasie di complotto e cospirazioni neofasciste

OGGI ORE 18.30 IN DIRETTA LIVENelle piazze d'Italia e del mondo una vulgata che mischia individualismo, irrazionalismo e attrae anche generiche istanze di rabbia sociale si sta mobilitando, sostanzialmente nel nome della sfiducia nella scienza.PARLIAMO CONLeonardo...

eventi

Domenica 30 gennaio Cena Cinese al Cantiere

Domenica 30 gennaio dalle 20 al Cantiere Cena sociale cinese a sostegno delle spese legali del Cantiere! Questa domenica anche in occasione del capodanno cinese si potranno degustare gustosissimi piatti cinesi per sostenere quante e quanti ogni giorno attivano...

Venerdì 21 gennaio DISCHI VOLANTI al Cantiere

👽DischiVolanti👽🍺APERITIVO BEER&CHEESE🧀🔥MERCATINO DEL VINILE🔥🔸Venerdì 21 Gennaio, dalle 19:00, ci vediamo al Cantiere per un aperitivo genuino con le birre e i formaggi del Gruppo di Acquisto Solidale Popolare.🔸In contemporanea, un bellissimo mercatino di vinili...

Buss a Dinner/Space Dinner – Cena e dibattito sulla canapa

BUSS A DINNERCena e dibattito sulla Canapa Questo sabato al Cantiere una serata dedicata alla canapa e ai suoi benefici in cui approfondire il referendum sulla legalizzazione della cannabis. Cena a base di canapa powered by Taverna Sociale Clandestina  Parleremo...

Tributo a De Andrè e Cena ligure

“Non essendo padrone che di una piccola arte spesso dovetti cambiarla con il cibo” Sabato 15 Gennaio, a 24 anni dalla morte del cantautore, omaggiamo Fabrizio De Andrè con una CENA LIGURE. PER PRENOTARE https://www.eventbrite.com/.../cena-ligure-in-tributo-a......

AfroVibration: sabato 11 dicembre cena e musica

AfroVibrations w/ DJ Halo & DJ MadMattSABATO 11AFRO VIBRATIONSMUSIC AGAINST RACISM Al Cantiere, una serata antirazzista a base di ritmi afro Unire musica e antirazzismo, raccontando altri mondi possibili, senza confini e senza muri AI CONTROLLIDJ HALO outta...

19 dicembre – Cenone di Natale al Cantiere!

Cenone di Natale al Cantiere! Per prenotare clicca qui: https://www.eventbrite.it/e/gran-cenone-di-natale-tickets-222905756117 Domenica 19 dicembre dalle 20.00 un’ultima cena per chiudere in buona compagnia questo 2021 di lotta e solidarietà. Un menù ricco e gustoso...

Fantasie di complotto e cospirazioni neofasciste

OGGI ORE 18.30 IN DIRETTA LIVENelle piazze d'Italia e del mondo una vulgata che mischia individualismo, irrazionalismo e attrae anche generiche istanze di rabbia sociale si sta mobilitando, sostanzialmente nel nome della sfiducia nella scienza.PARLIAMO CONLeonardo...

Cena d’autunno per le spese legali del Cantiere.

Domenica 21 novembre 2021 dalle 20.00 al Cantiere CENA D’AUTUNNO PER LE SPESE LEGALI Una cena a km0 e solidale con prodotti del G.A.S.P. – Spazio Mutuo Soccorso Una cena come sempre all’insegna della socialità, del buon cibo e della buona musica, a sostegno delle...

ZeroCalcare: Proiezione della serie “Strappare lungo i bordi”

  Venerdi 19 novembre 2021 dalle 21.30 al Cantiere Dopo l'incontro "Quali libertà? Quali conflitti?" Strappare lungo i bordi / maratona della serie di Zerocalcare   Da Rebibbia arriva ''Strappare lungo i bordi'' la serie animata di ZeroCalcare (6 episodi da...

Incontro pubblico: quale libertà, quali conflitti?

Venerdì 19 Novembre, al Cantiere, alle 19.00 A nostro parere la contrapposizione tra libertà individuale e la libertà coniugata con la solidarietà e la responsabilità sociale è il discrimine attraverso cui leggere quelle piazze. [...]Invece di avere la Libertà di fare...

approfondimenti

Quale libertà?

Già da quest’estate manifestazioni e proteste contro il Green pass si sono verificate in molte città d’Italia.A nostro parere la contrapposizione tra libertà individuale e la libertà coniugata con la solidarietà e la responsabilità sociale è il discrimine attraverso...

Da Milano al Messico, “EL AGUA ES DEL PUEBLO”, #FueraBonafont! – azione solidale per l’acqua

#boycottdanone FUERA BONAFONT [ITALIANO] Oggi, 11 giugno, a 10 anni dal referendum contro la privatizzazione dell'acqua, siamo stati davanti alla sede del gruppo Danone, di cui fa parte Bonafont, e abbiamo lasciato davanti all’ingresso della loro sede vernice rossa a...

Pueblos Zapatistas Unidos contro il furto dell’acqua: #FueraBonafont

“Bonafont” è una impresa legata al gruppo francese “Danone” che si dedica all’imbottigliamento dell’acqua. Dal 1992 Bonafont si è installata nel territorio di Puebla, in Messico, senza che le popolazioni locali venissero in alcun modo consultate dallo Stato, che ha...

No Profit On Pandemic!

Nessun profitto sulla pandemia. Cure e vaccini per ciascun* ovunque e gratuiti.Durante entrambi gli incontri affronteremo, da vari punti di vista, la battaglia che vede contrapposti grandi attori globali di fronte alla sfida delle vaccinazioni contro il Covid 19 e le...

Restituiteci Sankara.

Restituiteci Sankara.L’Africa non è una macchia nella cartina del mondo, non può essere rimossa. Esiste non molto lontano, a due passi dal mare, che si chiama Africa. L'opinione pubblica europea sa che da lì partono le imbarcazioni dei migranti, in fuga dalla...

Vive la Commune!

150 anni fa, una delle più straordinarie esperienze rivoluzionarie della storia contemporanea: la Comune di parigi. Sconfitta dalle armi dell'esercito del Kaiser ha lasciato un'eredità raccolta per tutto il secolo successivo da chi ha alzato la Bandiera Rossa per la...

Un altro mondo è possibile: a 19 anni da Genova.

STOP GLOBAL WAR: AVEVAMO RAGIONE NOI. Non dimenticare genova per continuare a costruire altri mondi possibili. Nel 2001 a Genova migliaia e migliaia di persone da tutto il mondo invasero le strade contro il g8, il vertice dei "grandi potenti" del mondo. Era il...

Contro le passioni tristi, le sardine urtano il populismo

Di MARCO BASCETTA Nel cercare di comprendere la natura dei movimenti, la loro direzione di marcia, il posto che occupano nella sfera politica si rischia sempre di essere prematuri o inattuali. Del resto ogni movimento sociale è attraversato da flussi emotivi e bisogni...

In Cile il neoliberismo è in crisi

In Cile si sintetizza una combinazione esplosiva di un libero mercato senza anestesia e una democrazia completamente delegittimata, che conserva solo il suo nome. È degenerato in una plutocrazia che, fino a pochi giorni fa - ma non più - è stata misurata dalle...

Il Sud America si solleva contro il neoliberismo

Il neoliberismo è in crisi. In molti paesi dell'America latina le piazze sono piene: milioni di persone si oppongono, dal Cile all'Ecuador, alle politiche neoliberali applicate ai governi di destra. Nel frattempo le elezioni amministrative colombiane e quelle...