CANTIERE.ORG

CANTIERE

.ORG

>> 13 DICEMBRE, H.15, PIAZZA XXIV MAGGIO: CORTEO CITTADINO / SPEZZONE METICCIO! >> 12 DICEMBRE, H.9,30, PIAZZA CAIROLI: CORTEO STUDENTESCO, SCIOPERO GENERALIZZATO! RIPRENDIAMOCI PIAZZA FONTANA, #CULTURAGRATIS!
tappe di avvicinamento:
> Giovedì 4 Dicembre, h.18, Piazza San Babila: Corteo cittadino per il diritto alla casa / Comune, Aler e Regione il problema siete voi, l’emergenza è quella abitativa!
> Venerdì 7 Dicembre, h.15, Piazza della Scala: dai quartieri al centro città, accerchiamo la festa della casta!
> dall’8 all’11 Dicembre: settimana di mobilitazione e assemblee nelle scuole! pwd by Coordinamento dei Collettivi Studenteschi
> Martedì 9 Dicembre, h.15 @ Università Statale (via festa del Perdono): Incontro pubblico “BOMBE, CONDOR E COLPI DI STATO: la governance della tensione tra Italia e Sud America dagli anni ’60 ad oggi” con professor Saccoman (storia contemporanea, Bicocca), ass.di promozione culturale Pachamama, Javier Espinal (Fruente de la Resistencia Popular, Honduras)
> Mercoledì 10 Dicembre, h.18,30 @cantiere: incontro pubblico: “Rivolte meticce e rigurgiti nazionalisti”, Ferguson, Francia, Italia, con l’americanista Bruno Cartosio e Pierre Jestin de “Le Monde Diplomatique”.
SCUOLE, UNIVERSITA’, QUARTIERI
MILANO METICCIA CONTRO IL RAZZISMO E LA CASTA DELL’AUSTERITY!
Il 12 dicembre 1969 una bomba scoppiava in piazza Fontana, nella sala centrale della Banca dell’Agricoltura. Quella bomba apriva la Strategia della tensione, il tentativo del potere di fermare attraverso la paura quei movimenti che allora, in Italia come altrove, rivendicavano diritti, autodeterminazione, e accesso a un benessere che non fosse solo per pochi.
Il braccio armato di questa strategia erano i movimenti neofascisti, in particolare Ordine Nuovo (di cui era membro lo stesso Borghezio), gli stessi neofascisti che oggi vediamo nelle piazze a fare il servizio d’ordine della Lega di Salvini. Allora, a milioni di persone che volevano diritti, che pretendevano l’accesso all’istruzione e alla sanità gratuita, che volevano poter decidere liberamente sul proprio corpo, sul proprio orientamento di genere e sessuale, che rivendicavano autodeterminazione per le persone e i territori, si è risposto con il terrore. Oggi, vediamo lo stesso potere smantellare a colpi di leggi e decreti diritti e stato sociale, privatizzando e svendendo qualsiasi cosa (dalla scuola, alla sanità, all’edilizia popolare…) negli interessi dei soliti noti, mentre al malcontento generale e alla richiesta di diritti si risponde fomentando la guerra tra poveri, razzismo, sessismo, omofobia.
Davanti a tutto ciò, una domanda sorge spontanea…
“Chi decide?” hanno cominciato a chiedersi qualche anno fa migliaia di persone di fronte ai cataclismi finanziari globali.
“Chi decide?”  ci siamo chiesti in tantissimi davanti alle devastazioni territoriali che dalla val Susa alla Milano di Expò permettono ai soliti noti di guadagnare sulla pelle di tutti e buttare tantissimi soldi pubblici.
“Chi decide?” Ci chiediamo tutti a ogni rimpallo di responsabilità di fronte a ogni sgombero, ogni sfratto, ogni taglio, ogni accordo siglato negli anni della crisi ormai totale della rappresentanza.
Chi decide lo smantellamento dei diritti, la privatizzazione di ogni bene comune, così funzionali a un sistema basato sullo sfruttamento indiscriminato delle risorse, sulla precarizzazione delle vite e la distruzione di ogni futuro possibile?
La guerra tra poveri, su cui soffiano le derive razziste, xenofobe e neofasciste (dalla Lega a Casa Pound passando per Fratelli Italia e altri gruppuscoli) serve solo a coprire le responsabilità, a non rispondere alla domanda, puntando il dito contro migranti, occupanti di casa per necessità, omosessuali, così come 45 anni fa si faceva con gli anarchici.
Nel frattempo, al Ballo Mascherato, governi e coalizioni bipartisan si spartiscono il bottino, togliendo reddito,casa, accesso all’istruzione a chi non se lo può permettere: il lavoro volontario di Expo, i contratti a termine come modello unico rimasto, il JobAct che Renzi vuole approvare a colpi di fiducia entro dicembre, sanciscono spudoratamente un notevole salto di qualità sul fronte dello sfruttamento del lavoro e della negazione di ogni diritto. O meglio, con la logica dell’emergenza, grande evento o crisi che sia, il potere non si preoccupa più nemmeno di addolcire la pillola: vuoi tirare a campare? Vuoi sperare di ricevere, almeno in futuro, qualche briciola? Bene, lavora a capo chino senza fiatare o meglio, produci pure gratuitamente e senza la minima garanzia per i profitti miliardari di pochi.
Allo stesso modo, il piano casa nega qualsiasi diritto, anche i più elementari, a chi oramai si trova stritolato dalla crisi e sempre più povero: no acqua, luce gas, nessun medico di base o istruzione elementare per chi è costretto ad occupare una delle migliaia di case vuote o sfitte per non rimanere in mezzo ad una strada (magari pure allagata come succede spesso a Milano) con la propria famiglia. Allo stesso tempo concede sgravi e agevolazioni ai grossi palazzinari.  A Milano il diritto all’abitare viene sostituito dalla finta e strumentale emergenza securitaria e gestita con l’annuncio di 200 sgomberi in una settimana (5000 euro a sgombero!) e i lacrimogeni sparati in faccia a chi resiste, mentre politici il cui stipendio mensile corrisponde a quello annuale di molte famiglie fanno passerelle nei quartieri “contro il degrado”. Anche qui, spazio per illusioni ne rimane ben poco. Occuparsi dei propri quartieri, resistere a sfratti e sgomberi, estendere la solidarietà è necessario. Sanatoria immediata, assegnazione dello sfitto, abolizione del piano casa di Lupi sono parole d’ordine vitali per migliaia e migliaia di persone.
#Labuonascuola è la riforma sbandierata sull’istruzione. Al danno dell’ulteriore precarizzazione e aziendalizzazione cui la scuola è ormai abituata, si è aggiunta anche la beffa della tanto sbandierata consultazione democratica che questa, invece che su Twitter, sia avvenuta a base di gas cs e manganellate in tutta Italia contro gli studenti che reclamano investimenti su scuola e cultura ,contro ignoranza e razzismo. Peccato che il simbolo dell’ ”apertura” del ministero Giannini sia stato il MIUR completamente circondato da polizia e carabinieri in antisommossa il 15 novembre. Così come la chiusura di piazza Fontana al termine del corteo dello sciopero sociale del 14 novembre ha anche questo sapore: durante uno sciopero generale e sociale, contro le riforme di lavoro e miseria, viene blindata la piazza simbolo della strategia della tensione che a quasi 45 anni di distanza da oggi attaccava i movimenti che pretendevano diritti e dignità per tutti. Negare memoria e cultura è necessario per negare libertà di movimento e diritti.
Ricordarsi la strage di piazza Fontana e della strategia della tensione, quindi, è di grosso aiuto nel comprendere quanto sia in balia degli interessi di pochi lo spazio “democratico” per i diritti e le libertà, mentre con l’acuirsi della crisi neanche ci si preoccupa di nasconderlo. Dopo anni che non si vedevano, a Milano tornano di moda i gas cs proibiti all’uso in guerra per la nocività, ma in pochi giorni sparati in mezzo ad una piazza gremita di studenti e ad altezza uomo in faccia agli abitanti dei quartieri popolari. Cariche e manganelli non sono più fatti isolati, ma diventano la prassi di fronte ad ogni focolaio di rabbia legittima: dai cancelli della logistica ai cortei metalmeccanici, dai cortei studenteschi ai picchetti antisfratto.
“is this what democracy looks like?” qualcuno poteva chiedersi. “This is what democracy looks like”: tagli a scuola e diritti; negazione di dignità e libertà; uomo forte al potere, Renzi o chi per esso è uguale, che non si preoccupa più di affermare spavaldo “io non tratto coi sindacati”; lavoro gratis e niente casa; manganelli e gas come unico strumento di fronte ad ogni problema sociale; guerra tra poveri e razzismo come unica fonte di consenso bipartisan…peccato che poi a Roma bimbi migranti vengano tenuti fuori dagli asili, a Tor Sapienza l’esasperazione sfoci nella vergogna della sassaiola su un centro minori, a Milano tornino per la prima volta dopo il 1945 i saluti romani in piazza Duomo, legittimati dal becero corteo leghista dal titolo #stopinvasione.
Odiamo il razzismo, il fascismo vecchio e nuovo, la violenza di chi nega i diritti e poi pure manganella e gasa.
Amiamo la libertà, i quartieri meticci, i territori solidali, il mutuo soccorso come resistenza e prospettiva.
Il 12 e il 13 dicembre, nel 45esimo anniversario della strage neofascita e di Stato alla banca nazionale dell’agricoltura ripuliremo piazza Duomo, contaminata dalle nuove camicie verdi e nere;  ci riprenderemo Piazza Fontana, chiusa agli studenti il 14 novembre, per riprenderci un pezzo di memoria partigiana, per sancire che di ogni emergenza i responsabili sono loro, che non accetteremo di veder affrontate le questioni sociali come problemi di ordine pubblico.
Oggi come ieri il problema sono i diritti: Jobs Act, #buonascuola, #pianocasa, gestione cilena dell’”ordine pubblico”. “Chi decide?” è una domanda sempre più sbilanciata a favore di pochissimi che nemmeno più si preoccupano di illuderci del contrario. La strategia della tensione del ’69 era il preludio di un colpo di stato e di una chiusura autoritaria di ogni diritto e garanzia: oggi riprendersi piazza Fontana, la città tutta e i nostri diritti significa non essere disposti a cedere neanche un millimetro di libertà.

 

articoli

GIUSTIZIA PER ALIKA OGORCHUKWU.

Il razzismo uccide: basta violenza sui corpi neri.   ♦ MILANO: VENERDI' 5 AGOSTO ORE 19.00 P.ZZA OBERDAN ♦ CIVITANOVA MARCHE: SABATO 6 AGOSTO ORE 14.00 STADIO COMUNALE Partenza del pullman da Milano ore 6.30 Molino Dorino - per prenotare manda una mail a...

9, 10 e 11 Settembre ABBA CUP Festival Antirazzista

9,10,11 settembre ABBA CUP - Festival antirazzista Stop War Not PeopleLEGGI IL COMUNICATO DELL'INIZIATIVA “Sporco negro ti ammazziamo”, e poi sprangate e botte. così viene ammazzato Abba il 14 settembre 2008 in via Zuretti a Milano, vicino alla Stazione Centrale....

15, 16 e 17 luglio SAN SIRO IN FESTA!

15.16.17 luglio 2022 SAN SIRO IN FESTA! CASA - DIRITTI - DIGNITA'  SOCIALITA’  – SPORT POPOLARE – GIOCHI PER BAMBINI –  LIBRERIA – MERCATINO DELLO SCAMBIO E MOLTO ALTROPROGRAMMA DELLA FESTAh 10:00 Vieni a montare insieme a noi la Festa h 16:30 Laboratori artistici per...

Decolonize the Pride: carro dell’orgoglio meticcio e queer al Pride Milano

Decolonize the Pride: carro dell'orgoglio meticcio e queer al Pride 2022IL NOSTRO PRIDE E’ METICCIO & QUEER Contro ogni guerra ai corpi e i territori  A 53 anni dai moti di Stonewall, abbiamo ancora bisogno di una scarpa col tacco da lanciare. Misoginia e...

SummeResistance: il caldo non ferma la lotta!

Per una città solidale e ribelle, contro sfratti, sgomberi e speculazioni, per riprenderci insieme i nostri diritti,  viviamoci i nostri spazi, costruiamo e attraversiamo le lotte di questa città. Un'estate di lotta, ma anche di attività, festa e incontri, un’ estate...

#DecolonizeTheCity, per un orgoglio meticcio e queer!

#DECOLONIZETHECITY, per un orgoglio meticcio e queer! Per tutti i nostri corpi dissidenti.   18 giugno ore 17.00 P.zza Duca d'Aosta  2 luglio #Decolonizethepride  3 luglio Disability Pride ASCOLTA L'INCONTRO CON  MIT, Movimento Identità Trans, CABIRIA/UNITA' DI...

Nessuna base per nessuna guerra: manifestazione nazionale a Coltano

2 GIUGNO MANIFESTAZIONE NAZIONALE A COLTANO - "NESSUNA BASE PER NESSUNA GUERRA" 190 milioni di soldi pubblici per una nuova base militare. 73 ettari di territorio, all’interno di un parco naturale, sottratti alla comunità. 440.000 metri cubi cementificati per...

Di perquisizioni e imbrattamento .. e la guerra?

DI PERQUISIZIONE E IMBRATTAMENTO ... E LA GUERRA? Comunicato sulle perquisizioni di questa mattina contro studentesse e student* del Coordinamento Dei Collettivi Studenteschi , del Cantiere Milano e del movimento milanese contro la Guerra al futuro. Ci sono 59 guerre...

Spazio di Mutuo Soccorso in Festa! 5-6-7-8 maggio

La festa continua! Vi aspettiamo a SMS per l'ultima giornata con le attività in programma.  Immagini della festa  5, 6, 7, 8 Maggio Mutuo Soccorso in festa Per festeggiare i 9 anni dello spazio di Mutuo Soccorso, di lotta per il diritto all’abitare, di pratiche...

25 Aprile 2022 – La resistenza è diserzione

"Disertori", "ribelli", "sabotatori", così venivano chiamatə le partigiane e i partigiani dalla propaganda fascista della RSI. La resistenza era formata da disertori e sbandati, non da un eserciti e militari. Resistere significava scappare, evitare la leva...

eventi

Aperitivo in cortile! Tutti i giovedì di Agosto a SMS

TUTTI I GIOVEDI' DI AGOSTO APERITIVI DAL MONDO IN CORTILE! Il mutuo soccorso non va in vacanza e lancia un salvagente a tutt* coloro che nella metropoli ci devono rimanere anche con la calura di questo agosto. SMS è un'oasi di verde e solidarietà ... altro che Porto...

Allenamento aperto di BOXE e KUNG FU a SMS

 VENERDI' 8 LUGLIO SPORT POPOLARE PER TUTT@!  Ad una settimana dal 15, 16, 17 luglio San Siro in Festa! con attività sportive per grandi e piccol*, la Palestra Popolare Hurricane apre i suoi cancelli nello Spazio di Mutuo Soccorso per delle lezioni aperte e...

15, 16 e 17 luglio SAN SIRO IN FESTA!

15.16.17 luglio 2022 SAN SIRO IN FESTA! CASA - DIRITTI - DIGNITA'  SOCIALITA’  – SPORT POPOLARE – GIOCHI PER BAMBINI –  LIBRERIA – MERCATINO DELLO SCAMBIO E MOLTO ALTROPROGRAMMA DELLA FESTAh 10:00 Vieni a montare insieme a noi la Festa h 16:30 Laboratori artistici per...

Flash Mob e assemblea Non Una di Meno

Non Una Di Meno Milano chiama ad un'azione collettiva prima dell'assemblea pubblica!!  Non possiamo stare in silenzio dopo le sconcertanti notizie che arrivano dagli Stati Uniti per questo ci ritroviamo per gridare tutta la nostra rabbia !! Questo mercoledì 29 giugno...

Sabato 25 Block Party in P.zzale Selinunte

Costruisci quartieri solidali e meticci insieme a noi! Domani pomeriggio #BlockParty dalle 17 in piazza Selinunte per un pomeriggio fatto di attività sociali e laboratori artistici per i più piccoli! Abitare un territorio è diritto ad una casa degna per tutti* ma è...

Decolonize the Pride: carro dell’orgoglio meticcio e queer al Pride Milano

Decolonize the Pride: carro dell'orgoglio meticcio e queer al Pride 2022IL NOSTRO PRIDE E’ METICCIO & QUEER Contro ogni guerra ai corpi e i territori  A 53 anni dai moti di Stonewall, abbiamo ancora bisogno di una scarpa col tacco da lanciare. Misoginia e...

Mercato contadino & aperitivo latino

Al giovedì l'appuntamento è uno solo: il Mercato nello Spazio! Questa giovedì 23 giugno mercato contadino e dalle 19 aperitivo latino! Il cortile dello Spazio di Mutuo Soccorso si riempie delle bancarelle dei produttori genuini e a KM0 che partecipano al Gruppo di...

#DecolonizeTheCity, per un orgoglio meticcio e queer!

#DECOLONIZETHECITY, per un orgoglio meticcio e queer! Per tutti i nostri corpi dissidenti.   18 giugno ore 17.00 P.zza Duca d'Aosta  2 luglio #Decolonizethepride  3 luglio Disability Pride ASCOLTA L'INCONTRO CON  MIT, Movimento Identità Trans, CABIRIA/UNITA' DI...

Sabato 11 giugno BLOCK PARTY in p.zzale Selinunte

Sabato 11 giugno BLOCK PARTY!  Dalle 17.00 in p.zzale Selinunte. Costruiamo quartieri vivibili! CASA.DIRITTI.DIGNITA' PER TUTT@Un pomeriggio nel centro del quartiere popolare di San Siro, un luogo abbandonato dalle istituzioni dove chi siede comodo in comune o in...

3.06.2022 – Sapore di Trash w/ Red Gipsy, ITB & Los Machetes

3.06.2022 - Sapore di Trash w/ Red Gipsy, ITB & Los Machetes👉🏽VEN 3👈🏽 ➖SAPORE DI TRASH➖ 🔺LOVE MUSIC HATE FASCISM🔻   Sul palco del Cantiere ritorna un po’ di sana trash per farci ballare indecorosə e divertitə.  Dai remix più pazzi alle canzoni che canteremo a...

approfondimenti

SPECIALE STOP WAR: Di fronte ad ogni guerra la parola NO e l’azione Ribelle

CLICCA e vai alla raccolta di contributi, approfondimenti e call to action #STOPTHEWAR!   di seguito intanto trovi il nostro contributo. Per seguirci @cantieremilano su twitterDi fronte ad ogni guerra c’è solo una parola degna e una azione conseguente, la parola...

Quale libertà?

Già da quest’estate manifestazioni e proteste contro il Green pass si sono verificate in molte città d’Italia.A nostro parere la contrapposizione tra libertà individuale e la libertà coniugata con la solidarietà e la responsabilità sociale è il discrimine attraverso...

Da Milano al Messico, “EL AGUA ES DEL PUEBLO”, #FueraBonafont! – azione solidale per l’acqua

#boycottdanone FUERA BONAFONT [ITALIANO] Oggi, 11 giugno, a 10 anni dal referendum contro la privatizzazione dell'acqua, siamo stati davanti alla sede del gruppo Danone, di cui fa parte Bonafont, e abbiamo lasciato davanti all’ingresso della loro sede vernice rossa a...

Pueblos Zapatistas Unidos contro il furto dell’acqua: #FueraBonafont

“Bonafont” è una impresa legata al gruppo francese “Danone” che si dedica all’imbottigliamento dell’acqua. Dal 1992 Bonafont si è installata nel territorio di Puebla, in Messico, senza che le popolazioni locali venissero in alcun modo consultate dallo Stato, che ha...

No Profit On Pandemic!

Nessun profitto sulla pandemia. Cure e vaccini per ciascun* ovunque e gratuiti.Durante entrambi gli incontri affronteremo, da vari punti di vista, la battaglia che vede contrapposti grandi attori globali di fronte alla sfida delle vaccinazioni contro il Covid 19 e le...

Restituiteci Sankara.

Restituiteci Sankara.L’Africa non è una macchia nella cartina del mondo, non può essere rimossa. Esiste non molto lontano, a due passi dal mare, che si chiama Africa. L'opinione pubblica europea sa che da lì partono le imbarcazioni dei migranti, in fuga dalla...

Vive la Commune!

150 anni fa, una delle più straordinarie esperienze rivoluzionarie della storia contemporanea: la Comune di parigi. Sconfitta dalle armi dell'esercito del Kaiser ha lasciato un'eredità raccolta per tutto il secolo successivo da chi ha alzato la Bandiera Rossa per la...

Un altro mondo è possibile: a 19 anni da Genova.

STOP GLOBAL WAR: AVEVAMO RAGIONE NOI. Non dimenticare genova per continuare a costruire altri mondi possibili. Nel 2001 a Genova migliaia e migliaia di persone da tutto il mondo invasero le strade contro il g8, il vertice dei "grandi potenti" del mondo. Era il...

Contro le passioni tristi, le sardine urtano il populismo

Di MARCO BASCETTA Nel cercare di comprendere la natura dei movimenti, la loro direzione di marcia, il posto che occupano nella sfera politica si rischia sempre di essere prematuri o inattuali. Del resto ogni movimento sociale è attraversato da flussi emotivi e bisogni...

In Cile il neoliberismo è in crisi

In Cile si sintetizza una combinazione esplosiva di un libero mercato senza anestesia e una democrazia completamente delegittimata, che conserva solo il suo nome. È degenerato in una plutocrazia che, fino a pochi giorni fa - ma non più - è stata misurata dalle...