CANTIERE.ORG

CANTIERE

.ORG

Gli stabili di Via Civitali 30, da anni sono oggetto di speculazioni all’interno del Quartiere San Siro.

Con il D.G.R. n. 7/14845 in data 31.10.2003 furono approvati i fondi per il programma “Contratto di quartiere II”, definito da  D.M. 12.7.2002, al cui interno erano previste per il quartiere San Siro oltre a opere infrastrutturali e azioni sociali:

  • Manutenzione Straordinaria sui fabbricati di piazza Selinunte 3, Mar Ionio 3, Zamagna 4, Tracia 1,2,3,4,5,7, Preneste 8, Civitali 2,4, Aretusa 6, Civitali 30
  • Ristrutturazione Edilizia Civitali 30 scale C-D-E-F.

 

Per le ristrutturazioni delle scale C-D ed E-F di Via Civitali 30 furono stanziati 3.411.632,60 €. Questo progetto prevedeva la mobilità degli inquilini entro settembre del 2007 e la conclusione dei lavori entro il 2010.

Furono così lentamente svuotati gli alloggi, tranne 5 proprietari e qualche inquilino che si rifiutarono di cambiare alloggio, ma i lavori non partirono mai.

Le scale E-F furono addirittura murate, rimanendo interamente vuote e in abbandono per numerosi anni.

Le scale C-D in cui sono presenti i 5 proprietari, invece furono occupate da famiglie in stato di necessità, molte delle quali fecero opere di ristrutturazione interna, per rendere abitabili alloggi che erano stati lasciati in abbandono.

 

Dopo che questo progetto era finito nel dimenticatoio, e i soldi spariti nel nulla, nel 2014 il progetto viene rifinanziato con altri fondi e diviso in due appalti diversi : uno per le scale C-D uno per le scale E-F.

L’appalto per le scale C-D è il Rep. n. 72/2014, finanziato con 710.610,68 (al netto dell’IVA) per le opere principali e € 85.427,86 (al netto dell’IVA) per l’opera di completamento per un totale di

796038,54 (al netto dell’IVA).

Il nuovo progetto, come riferito nella Relazione Generale è stato modificato:

Nell’edificio oggetto di intervento sono attualmente presenti 32 alloggi, di cui 22

vuoti, 5 alloggi locati e 5 alloggi di proprietà di terzi.

L’intervento originario prevedeva la ristrutturazione edilizia integrale dello stabile, con

demolizioni massicce ed accorpamenti. A seguito tuttavia del diniego dei 5

proprietari alle proposte di mobilità avanzate da ALER, non si è potuto procedere

all’appalto delle opere ed è stato necessario quindi modificare il progetto,

trasformandolo da ristrutturazione a manutenzione straordinaria e recupero edilizio

dei soli alloggi vuoti (22).

 

Nei progetti vengono calcolati 22 alloggi sfitti e liberi, alloggi però che in realtà sono abitati e che sono stati in molti casi ristrutturati dagli stessi abitanti.

Quindi non c’è una consapevolezza della situazione interna a questi alloggi.

 

I lavori sono immaginati in più fasi:

La prima riguarda la rimozione dell’AMIANTO.

La seconda è quella degli spazi comuni e delle facciate.

La terza è quella delle ristrutturazione degli alloggi.

La quarta è quella delle finiture.

 

Non sono previsti processi di mobilità, in quanto, anche nei progetti, i lavori sono immaginati per garantire la vivibilità degli abitanti durante i 18 mesi di lavori, come viene ribadito a pagina 11 del documento  02a – CSAII – OPERE PRINCIPALI :


“La Ditta Appaltatrice deve tenere conto che i lavori alla medesima affidati si eseguono in

ambiti abitati e pertanto dovrà avere la massima cura affinché in ogni momento sia

garantita l’agibilità degli spazi comuni per quanto riguarda il passaggio delle persone e

degli autoveicoli, dovrà porre in opera tutte le opere provvisorie e gli accorgimenti

necessari per garantire in ogni situazione l’incolumità fisica degli inquilini, rimanendo la

stessa unica responsabile della sicurezza e di possibili danni a persone e/o cose in

dipendenza dell’attività di cantiere, ivi compresi i furti resi possibili dalla presenza del

cantiere e delle relative attrezzature.

L’allestimento del cantiere va concordato con la Direzione Lavori al fine di predisporre tutti

gli accorgimenti necessari alla vita quotidiana degli inquilini residenti, tutelandone la

sicurezza e proteggendoli da inquinamento ambientale od acustico provocato dalle

lavorazioni.”

 

La stessa esigenza viene posta nell’individuazione dei vincoli posti al progetto dal punto di vista del contesto

I vincoli posti al progetto dal contesto si possono riassumere nei seguenti elementi:

  1. a) Compresenza di inquilini durante le fasi di lavorazione;
  2. b) Necessità di sgombero di tutti i materiali contenuti all’interno delle cantine;
  3. c) Necessità di stoccaggio provvisorio e protezione dei materiali estratti dai locali da

decontaminare;

  1. d) Occupazione temporanea di porzione di cortili interni per l’installazione del

cantiere e dei suddetti contenitori.

 

Come sindacato Asia in questi mesi, a seguito anche del tentativo di sgombero fallito del 09 Febbraio 2016, abbiamo portato avanti un censimento della situazione reale in queste due scale.

Nelle scale C-D di Via Civitali 30 al momento vivono 86 persone. Di queste 37 sono minori, secono questa ripartizione:

Numero di minori >> 37 minori

fascia 0-3 >>  14

fascia 4-6 >>  9

fascia 7-10 >> 6

fascia 11-13 >> 6

fascia 14 – 18 >> 2

 

Tutti i minori in età scolastica frequentano le scuole della zona. Tutti sono inseriti nel quartiere ed hanno tessuto da tempo relazioni sociali.

 

Le famiglie che hanno occupato per necessità sono parte integrante dell’emergenza abitativa, hanno subito sfratti o sono rimasti senza casa, e hanno occupato degli alloggi abbandonati per risolvere il loro disagio abitativo. Riteniamo che siano situazioni da tutelare e non da gestire come problema di ordine pubblico.

L’assenza all’interno del progetto di un piano di gestione di queste situazioni di marginalità sociale mostrano la distanza di questo progetto dai bisogni di chi in quel contesto vive.
Sicuramente Via Civitali 30 ha bisogno di lavori strutturali che rendano assicurino la vivibilità di quegli spazi (a partire dalla rimozione dell’amianto), ma altrettanta cura necessitano le situazioni famigliari che li ci vivono.

Le condizioni poste alla ditta appaltatrice ci dimostrano inoltre che lo svolgimento dei lavori non sono incompatibili con la presenza degli abitanti.

Inoltre riteniamo che una cognizione reale della cognizione degli alloggi possa fare risparmiare risorse rispetto ai preventivi, che calcolano gli alloggi come vuoti e completamente da ristrutturare.

Le famiglie occupanti si sono rese disponibili ad una regolarizzazione che le faccia emergere da una precarietà abitativa, e sarebbero altresì disponibili ad immaginarsi un percorso di auto-recupero, così come già previsto da numerosi esempi che in questi anni finalmente il Comune di Milano e da poco anche Aler stanno mettendo in atto: assegnazione in stato di fatto, con obbligo per l’inquilino di eseguire i lavori di messa in agibilità dell’alloggio.

 

Per questi motivi chiediamo che sia immediatamente abbandonata ogni volontà di eseguire uno sgombero forzato dei nuclei occupanti, a fronte di una necessità di confronto e di ricerca di una soluzione che tuteli il bisogno anche di chi ha dovuto occupare per necessità.

articoli

Acampada per la Palestina in Unimi. #stopgenocide Racconto giorno per giorno

ACAMPADA IN UNIVERSITÀ STATALE PER LA PALESTINA LIBERA! Raccogliamo l'invito dell3 studenti dell'università di Birzeit a riprenderci gli spazi delle università, per la resistenza P4l3st1n3s3. Occupiamo per l3 nostr3 compagn3 in Palestina le cui scuole e università...

9 maggio 2024 Lunga Vita SMS: una giornata di Resistenza.

9 maggio 2024 Lunga Vita SMS: una giornata di Resistenza. Per altri undici anni di vita, lo Spazio di Mutuo Soccorso ha bisogno di tutta la nostra forza.Il 9 maggio vi aspettiamo in piazza Stuparich 18 per una giornata di incontri e attività a partire dalle 6.00 del...

Per un 25 Aprile di Liberazione: Resistenza, Diserzione, Decolonialità

Questo 25 Aprile eravamo centomila in piazza gridando Ora e sempre Resistenza! Abbiamo invaso Milano con migliaia di bandiere palestinesi!

SMS in Festa! 11 Anni di Mutuo Soccorso

Dal 2 al 5 Maggio, SMS in festa! 11 anni di mutuo soccorso, 4 giorni di festival: concerti, dibattiti, sport, cibo e socialità, in Piazza Stuparich 18.

19A Global Strike di Fridays For Future

Free Palestine = Climate Justice.
Siamo sces3 in piazza insieme a Fridays For Future in occasione dello sciopero studentesco globale per il clima

8M #lungavitasms, difendiamo gli spazi transfemministi

  MUTUO SOCCORSO È SORELLANZA Lo Spazio di Mutuo Soccorso si prepara alla giornata del #LottoMarzo. Giovedì 7 marzo dalle 16:00 - Laboratorio scenografie: prepariamo insieme cartelli, striscioni, cori, panuelos per i cortei dello sciopero. - Vieni a conoscere i...

24 Febbraio Corteo Nazionale #FreePalestine

Sabato 24 Febbraio – Ore 14:30 – Piazzale Loreto
Corteo nazionale contro il genocidio del popolo Palestinese
Segui lo spezzone Decolonize!

Otto Marzo 2024 – Corteo Studentesco

Lotto Marzo! – Venerdì otto Marzo corteo studentesco e dello sciopero – ore 9:30 largo Cairoli – #NonUnaDiMeno #Student3Disobbedient3

Memori(a)E: sostantivo plurale, verbo attivo. 2024.

A cosa serve la memoria? La memoria, o meglio, le memorie degli orrori del passato devono servire a fermare immediatamente i genocidi del present

Iniziativa in Unimi per la laurea di Liliana Segre #GiornataDelleMemorie

Giornata della memoria - Iniziativa in Unimi "L'indifferenza è peggiore della violenza." -Liliana segre Queste le parole di Liliana Segre con cui abbiamo voluto accoglierla all'università statale di Milano, come studenti non indifferenti. Ricordare i genocidi della...

eventi

SAYRI X DECOLONIZE THE CITY!

VENERDI' 24 MAGGIO AL CANTIERE ✧・゚SAYRI X DECOLONIZE THE CITY ・゚✧ Torniamo al @cantiere_milano presentando, per la prima volta in italia, @ojosfinos 🇺🇾 e @_ast.er 🇵🇪 Ojosfinos è un artista multidisciplinare uruguaiano con base a Montevideo. È uno dei pionieri del club...

Decolonize the city: incontro all’Acampada

DECOLONIZE THE CITY In che modo i nostri luoghi di sapere riproducono e legittimano sapere coloniale? In che modo le stesse università che ci danno strumenti per sovvertire i paradigmi di oppressione in cui siamo immersə sono le stesse che li reiterano? In che modo...

Pazzesk@: laboratorio sulla salute mentale. Il carattere sovversivo del disagio.

Pazzesk@ Laboratorio sulla Salute Mentale Il carattere sovversivo del disagio.Primi appuntamenti, dalle 16.00 alle 18.00 a SMS Spazio di Mutuo Soccorso, piazza Stuparich 18 Giovedì 23 maggio “Il normale è patologico” Giovedì 30 maggio “Competizione e Merito” Giovedì...

Presentazione di “Il libro Antirazzista – 20 lezioni per agire contro il razzismo” con Tiffany Jewell

📌Mercoledì 8 Maggio presentiamo "Il libro Antirazzista - 20 lezioni per agire contro il razzismo" con Tiffany Jewell. Un evento per costruire insieme una scuola capace di denunciare e contrastare il razzismo, dentro e fuori dalle aule. 🕢19:00Presentazione del libro...

iN/Stabile: NarrAzione di Comunità.

iN/Stabile: NarrAzione di Comunità Giovedì 2 maggio, h.19, grande inaugurazione e vernissage della mostra immersiva e comunitaria! Lo Spazio di Mutuo Soccorso compie 11 anni.Per l'occasione, abbiamo deciso di narrarci, e trasformare il mondo attraverso la parola,...

SMS in Festa! 11 Anni di Mutuo Soccorso

Dal 2 al 5 Maggio, SMS in festa! 11 anni di mutuo soccorso, 4 giorni di festival: concerti, dibattiti, sport, cibo e socialità, in Piazza Stuparich 18.

20 Aprile, Serata Groove w/Paprika

20 Aprile 2024 – Serata solo Groove w/Paprika @Cantiere, Via Monterosa 84

Cena di primavera per le spese legali del Cantiere.

Cena di primavera per le spese legali del Cantiere! Domenica 14 aprile 2024 dalle 20:00

Sabato 13/4: Stay Punk Stay Antifa!

Stay Punk Stay Antifa!
sabato 13 aprile 24
Dirty Noise, Punk-o-Mat, Fondamenta Nuove
dalle 22 @Cantiere, via Monterosa 84

12 Aprile: Spettacolo “Una lepre con la faccia di Bambina”

H. 18:30 presentazione dello Strike del 19A con FridaysForFuture Milano;
H. 20:00 Cena veg;
H. 22:00 Spettacolo “Una Lepre con la faccia di Bambina

approfondimenti

“Al lavoro! Priorità, sicurezza, diritti”

Al lavoro! Il nuovo governo si è già messo al lavoro.  Oh, finalmente. Certo, perchè con tutti i problemi che abbiamo in questo Paese, non c'era da perdere tempo. C'è la guerra e la bomba atomica viene seriamente presa sul serio dai potenti della guerra. C'è una crisi...

SPECIALE STOP WAR: Di fronte ad ogni guerra la parola NO e l’azione Ribelle

CLICCA e vai alla raccolta di contributi, approfondimenti e call to action #STOPTHEWAR!   di seguito intanto trovi il nostro contributo. Per seguirci @cantieremilano su twitterDi fronte ad ogni guerra c’è solo una parola degna e una azione conseguente, la parola...

Quale libertà?

Già da quest’estate manifestazioni e proteste contro il Green pass si sono verificate in molte città d’Italia.A nostro parere la contrapposizione tra libertà individuale e la libertà coniugata con la solidarietà e la responsabilità sociale è il discrimine attraverso...

Da Milano al Messico, “EL AGUA ES DEL PUEBLO”, #FueraBonafont! – azione solidale per l’acqua

#boycottdanone FUERA BONAFONT [ITALIANO] Oggi, 11 giugno, a 10 anni dal referendum contro la privatizzazione dell'acqua, siamo stati davanti alla sede del gruppo Danone, di cui fa parte Bonafont, e abbiamo lasciato davanti all’ingresso della loro sede vernice rossa a...

Pueblos Zapatistas Unidos contro il furto dell’acqua: #FueraBonafont

“Bonafont” è una impresa legata al gruppo francese “Danone” che si dedica all’imbottigliamento dell’acqua. Dal 1992 Bonafont si è installata nel territorio di Puebla, in Messico, senza che le popolazioni locali venissero in alcun modo consultate dallo Stato, che ha...

No Profit On Pandemic!

Nessun profitto sulla pandemia. Cure e vaccini per ciascun* ovunque e gratuiti.Durante entrambi gli incontri affronteremo, da vari punti di vista, la battaglia che vede contrapposti grandi attori globali di fronte alla sfida delle vaccinazioni contro il Covid 19 e le...

Restituiteci Sankara.

Restituiteci Sankara.L’Africa non è una macchia nella cartina del mondo, non può essere rimossa. Esiste non molto lontano, a due passi dal mare, che si chiama Africa. L'opinione pubblica europea sa che da lì partono le imbarcazioni dei migranti, in fuga dalla...

Vive la Commune!

150 anni fa, una delle più straordinarie esperienze rivoluzionarie della storia contemporanea: la Comune di parigi. Sconfitta dalle armi dell'esercito del Kaiser ha lasciato un'eredità raccolta per tutto il secolo successivo da chi ha alzato la Bandiera Rossa per la...

Un altro mondo è possibile: a 19 anni da Genova.

STOP GLOBAL WAR: AVEVAMO RAGIONE NOI. Non dimenticare genova per continuare a costruire altri mondi possibili. Nel 2001 a Genova migliaia e migliaia di persone da tutto il mondo invasero le strade contro il g8, il vertice dei "grandi potenti" del mondo. Era il...

Contro le passioni tristi, le sardine urtano il populismo

Di MARCO BASCETTA Nel cercare di comprendere la natura dei movimenti, la loro direzione di marcia, il posto che occupano nella sfera politica si rischia sempre di essere prematuri o inattuali. Del resto ogni movimento sociale è attraversato da flussi emotivi e bisogni...