CANTIERE.ORG

CANTIERE

.ORG

Tanti sono i fascismi turchi.

Il più noto, oggi, è quello istituito da Erdogan promuovendo da piu’ di dieci anni l’islamizzazione della società. Reintroducendo elementi confessionali nello Stato laico, (ad esempio consentendo di indossare il velo negli edifici pubblici), questo percorso sta portando la Turchia sempre più vicina ai desiderata autoritari dell’Islam politico, accarezzando un disegno di grande potenza neo-ottomana.
Il 7 Giugno del 2015, di fronte alla prima netta sconfitta elettorale, ha mostrato il suo volto più feroce, rifiutando il risultato delle urne, convocando nuove elezioni, da svolgere però sotto il ricatto permanente di una guerra civile contro il movimento di liberazione curdo e una strategia della tensione è contro la stessa società turca.
Ambiguo sostenitore dello Stato Islamico, punto di riferimento della fratellanza msulmana, Erdogan si è servito in questi anni della retorica del conservatorismo religioso non meno che di quella del nazionalismo, approfittando del sostegno di diversi fascismi, giocando gli uni contro gli altri e soprattutto gicandoli tutti contro le aspirazioni di libertà ed eguaglianza.
Ad esempio, l’esercito, per combattere le sue guerre, si e’ servito di gruppi integralisti come la hezbollah turca. Cosi’ come il partito islamista Akp non ha esitato ad avvalersi di formazioni ultranazionaliste come i lupi grigi (ufficialmente all’ opposizione), contro le minoranze curde e i progressisti.

Non è molto distante da Erdogan l’imam Gulen, oggi indicato dal governo come mandante del colpo di stato. Si avvicinano talmente che fino a pochissimi anni fa proprio l’appoggio gulenista era stato di fondamentale importanza per assicurare la vittoria dell’Akp.

Tuttavia nessuno che abbia memoria dei colpi di stato in Turchia e del vero significato della tutela militare della repubbica turca può illudersi sul carattere progressista di questa istituzione. Un autoritarismo che ha risolto le contraddizioni della società a suon di arresti e che è stato guidato, da sempre, da quelle strutture del tipo “stay behind” che erano così importanti durante la guerra fredda e così usuali nel mediterraneo (ma evidentemente risultano oggi un po’ inadeguate ai tempi). Ergenekon, l’ultima figlia dello “stato profondo”, interna all’esercito, balzata agli onori delle cronache, non è che il piu’ recente capitolo di una lunga storia. Il cui scopo piu’ facilmente percepibile e’ l’esigenza di garantire la fedeltà atlantica di un paese strategico e organizzare la controinsurrezione contro i comunisti, pacifici o armati che siano.

E’ difficile schierarsi, è difficile analizzare, è difficile giudicare in questo bosco di diversi fascismi che sono paradigmatici dei tanti che abbiamo in Europa. Le cose poi si complicano quando consideriamo che non è il tifo che ricerchiamo, ma la capacità di prendere una posizione che cambi lo stato di cose presente.

A questo scopo, possiamo cercare di leggere la Turchia come uno specchio dei tanti fascismi che affliggono il continente europeo, il Mediterraneo e il Medio oriente. Tre aree geografiche di cui la Turchia fa parte a pieno titolo.
Di fronte alla Brexit ci troviamo a respingere con una sola voce il nazionalismo e la tecnocrazia, entrambi proposti nel nome del più fedele neoliberismo ed entrambi nemici della democrazia, laddove il primo prevede il rifiuto delle minoranze, la cacciata dello straniero, l’istituzione delle frontiere in barba ai dirtti umani e il secondo prevede la sospensione della consultazione popolare, il governo delle elites di fronte all’incapacità del popolo bue.
Non dobbiamo temere di contrastare in ogni modo l’avanzata dell’Islam politico (quello dei fratelli musulmani) o della predicazione wahabita (al soldo degli emiri del petrolio) solo per timore di essere confusi con Salvini o Le Pen. Allo stesso modo dobbiamo contrastare l’apartheid del governo israeliano, senza paura di essere confusi con le teocrazie saudita o iraniana.
Di fronte ai regimi militari, dobbiamo sapere che Al Sisi, il macellaio di Regeni e di tanti altri giovani, assomiglia a Franco, ai colonnelli Greci, a tutto quello che siamo abituati a chiamare e respingere come fascismo.

Dobbiamo riconoscere i fascismi e chiamarli con il loro nome.
Il fascismo è un califfo che dichiara di vendicare il colonialismo schiavizzando le donne infedeli, è un cinico leader che in giacca e cravatta promette di aumentare i salari agli inglesi cacciando i lavoratori polacchi e affogando gli africani nel mediterraneo, un militare che garantisce la pace, o meglio l’ordine, a suon di torture.

C’è tuttavia un altro punto su cui possiamo provare a riflettere nella Turchia, e in questa crisi, l’Europa tutta.
Cosa significa democrazia?
E’ una parola vuota di significato se assume un carattere nazionale o religioso, discriminando dunque le minoranze. Altrettanto se si riduce alla nomina per suffragio universale di rappresentanti svuotati di ogni competenza, ad esempio perchè succubi di un prevalente potere della finanza. Di nuovo è vuota quando si combina alla cancellazione dei diritti umani e delle libertà per tutti, producendo una “volontà popolare” frutto di ignoranza e terrore.

Non è un caso, a questo punto, che il movimento di liberazione curdo che da tanti anni si oppone ad un numero così ampio di differenti fascismi abbia cambiato la sua natura negli ultimi 10 anni abbracciando il confederalismo democratico, ricercando la democrazia radicale e si sia ritrovato, lungo questo cammino, ad allearsi con i soggetti più diversi della società di Istanbul a Gezi Park, oppure in Siria durante una guerra, con milizie musulmane e cristiane di numerosi gruppi etnici.
La ricerca della democrazia radicale, comunque sia chiamata, è un lavoro sporco, perchè pieno di contraddizioni. Il fascismo invece è una lurida infamia, nonostante le sue contraddizioni.
Esiste una irriducibile differenza e sapremo sempre riconoscerla.

articoli

Acampada per la Palestina in Unimi. #stopgenocide Racconto giorno per giorno

ACAMPADA IN UNIVERSITÀ STATALE PER LA PALESTINA LIBERA! Raccogliamo l'invito dell3 studenti dell'università di Birzeit a riprenderci gli spazi delle università, per la resistenza P4l3st1n3s3. Occupiamo per l3 nostr3 compagn3 in Palestina le cui scuole e università...

9 maggio 2024 Lunga Vita SMS: una giornata di Resistenza.

9 maggio 2024 Lunga Vita SMS: una giornata di Resistenza. Per altri undici anni di vita, lo Spazio di Mutuo Soccorso ha bisogno di tutta la nostra forza.Il 9 maggio vi aspettiamo in piazza Stuparich 18 per una giornata di incontri e attività a partire dalle 6.00 del...

Per un 25 Aprile di Liberazione: Resistenza, Diserzione, Decolonialità

Questo 25 Aprile eravamo centomila in piazza gridando Ora e sempre Resistenza! Abbiamo invaso Milano con migliaia di bandiere palestinesi!

SMS in Festa! 11 Anni di Mutuo Soccorso

Dal 2 al 5 Maggio, SMS in festa! 11 anni di mutuo soccorso, 4 giorni di festival: concerti, dibattiti, sport, cibo e socialità, in Piazza Stuparich 18.

19A Global Strike di Fridays For Future

Free Palestine = Climate Justice.
Siamo sces3 in piazza insieme a Fridays For Future in occasione dello sciopero studentesco globale per il clima

8M #lungavitasms, difendiamo gli spazi transfemministi

  MUTUO SOCCORSO È SORELLANZA Lo Spazio di Mutuo Soccorso si prepara alla giornata del #LottoMarzo. Giovedì 7 marzo dalle 16:00 - Laboratorio scenografie: prepariamo insieme cartelli, striscioni, cori, panuelos per i cortei dello sciopero. - Vieni a conoscere i...

24 Febbraio Corteo Nazionale #FreePalestine

Sabato 24 Febbraio – Ore 14:30 – Piazzale Loreto
Corteo nazionale contro il genocidio del popolo Palestinese
Segui lo spezzone Decolonize!

Otto Marzo 2024 – Corteo Studentesco

Lotto Marzo! – Venerdì otto Marzo corteo studentesco e dello sciopero – ore 9:30 largo Cairoli – #NonUnaDiMeno #Student3Disobbedient3

Memori(a)E: sostantivo plurale, verbo attivo. 2024.

A cosa serve la memoria? La memoria, o meglio, le memorie degli orrori del passato devono servire a fermare immediatamente i genocidi del present

Iniziativa in Unimi per la laurea di Liliana Segre #GiornataDelleMemorie

Giornata della memoria - Iniziativa in Unimi "L'indifferenza è peggiore della violenza." -Liliana segre Queste le parole di Liliana Segre con cui abbiamo voluto accoglierla all'università statale di Milano, come studenti non indifferenti. Ricordare i genocidi della...

eventi

SAYRI X DECOLONIZE THE CITY!

VENERDI' 24 MAGGIO AL CANTIERE ✧・゚SAYRI X DECOLONIZE THE CITY ・゚✧ Torniamo al @cantiere_milano presentando, per la prima volta in italia, @ojosfinos 🇺🇾 e @_ast.er 🇵🇪 Ojosfinos è un artista multidisciplinare uruguaiano con base a Montevideo. È uno dei pionieri del club...

Decolonize the city: incontro all’Acampada

DECOLONIZE THE CITY In che modo i nostri luoghi di sapere riproducono e legittimano sapere coloniale? In che modo le stesse università che ci danno strumenti per sovvertire i paradigmi di oppressione in cui siamo immersə sono le stesse che li reiterano? In che modo...

Pazzesk@: laboratorio sulla salute mentale. Il carattere sovversivo del disagio.

Pazzesk@ Laboratorio sulla Salute Mentale Il carattere sovversivo del disagio.Primi appuntamenti, dalle 16.00 alle 18.00 a SMS Spazio di Mutuo Soccorso, piazza Stuparich 18 Giovedì 23 maggio “Il normale è patologico” Giovedì 30 maggio “Competizione e Merito” Giovedì...

Presentazione di “Il libro Antirazzista – 20 lezioni per agire contro il razzismo” con Tiffany Jewell

📌Mercoledì 8 Maggio presentiamo "Il libro Antirazzista - 20 lezioni per agire contro il razzismo" con Tiffany Jewell. Un evento per costruire insieme una scuola capace di denunciare e contrastare il razzismo, dentro e fuori dalle aule. 🕢19:00Presentazione del libro...

iN/Stabile: NarrAzione di Comunità.

iN/Stabile: NarrAzione di Comunità Giovedì 2 maggio, h.19, grande inaugurazione e vernissage della mostra immersiva e comunitaria! Lo Spazio di Mutuo Soccorso compie 11 anni.Per l'occasione, abbiamo deciso di narrarci, e trasformare il mondo attraverso la parola,...

SMS in Festa! 11 Anni di Mutuo Soccorso

Dal 2 al 5 Maggio, SMS in festa! 11 anni di mutuo soccorso, 4 giorni di festival: concerti, dibattiti, sport, cibo e socialità, in Piazza Stuparich 18.

20 Aprile, Serata Groove w/Paprika

20 Aprile 2024 – Serata solo Groove w/Paprika @Cantiere, Via Monterosa 84

Cena di primavera per le spese legali del Cantiere.

Cena di primavera per le spese legali del Cantiere! Domenica 14 aprile 2024 dalle 20:00

Sabato 13/4: Stay Punk Stay Antifa!

Stay Punk Stay Antifa!
sabato 13 aprile 24
Dirty Noise, Punk-o-Mat, Fondamenta Nuove
dalle 22 @Cantiere, via Monterosa 84

12 Aprile: Spettacolo “Una lepre con la faccia di Bambina”

H. 18:30 presentazione dello Strike del 19A con FridaysForFuture Milano;
H. 20:00 Cena veg;
H. 22:00 Spettacolo “Una Lepre con la faccia di Bambina

approfondimenti

“Al lavoro! Priorità, sicurezza, diritti”

Al lavoro! Il nuovo governo si è già messo al lavoro.  Oh, finalmente. Certo, perchè con tutti i problemi che abbiamo in questo Paese, non c'era da perdere tempo. C'è la guerra e la bomba atomica viene seriamente presa sul serio dai potenti della guerra. C'è una crisi...

SPECIALE STOP WAR: Di fronte ad ogni guerra la parola NO e l’azione Ribelle

CLICCA e vai alla raccolta di contributi, approfondimenti e call to action #STOPTHEWAR!   di seguito intanto trovi il nostro contributo. Per seguirci @cantieremilano su twitterDi fronte ad ogni guerra c’è solo una parola degna e una azione conseguente, la parola...

Quale libertà?

Già da quest’estate manifestazioni e proteste contro il Green pass si sono verificate in molte città d’Italia.A nostro parere la contrapposizione tra libertà individuale e la libertà coniugata con la solidarietà e la responsabilità sociale è il discrimine attraverso...

Da Milano al Messico, “EL AGUA ES DEL PUEBLO”, #FueraBonafont! – azione solidale per l’acqua

#boycottdanone FUERA BONAFONT [ITALIANO] Oggi, 11 giugno, a 10 anni dal referendum contro la privatizzazione dell'acqua, siamo stati davanti alla sede del gruppo Danone, di cui fa parte Bonafont, e abbiamo lasciato davanti all’ingresso della loro sede vernice rossa a...

Pueblos Zapatistas Unidos contro il furto dell’acqua: #FueraBonafont

“Bonafont” è una impresa legata al gruppo francese “Danone” che si dedica all’imbottigliamento dell’acqua. Dal 1992 Bonafont si è installata nel territorio di Puebla, in Messico, senza che le popolazioni locali venissero in alcun modo consultate dallo Stato, che ha...

No Profit On Pandemic!

Nessun profitto sulla pandemia. Cure e vaccini per ciascun* ovunque e gratuiti.Durante entrambi gli incontri affronteremo, da vari punti di vista, la battaglia che vede contrapposti grandi attori globali di fronte alla sfida delle vaccinazioni contro il Covid 19 e le...

Restituiteci Sankara.

Restituiteci Sankara.L’Africa non è una macchia nella cartina del mondo, non può essere rimossa. Esiste non molto lontano, a due passi dal mare, che si chiama Africa. L'opinione pubblica europea sa che da lì partono le imbarcazioni dei migranti, in fuga dalla...

Vive la Commune!

150 anni fa, una delle più straordinarie esperienze rivoluzionarie della storia contemporanea: la Comune di parigi. Sconfitta dalle armi dell'esercito del Kaiser ha lasciato un'eredità raccolta per tutto il secolo successivo da chi ha alzato la Bandiera Rossa per la...

Un altro mondo è possibile: a 19 anni da Genova.

STOP GLOBAL WAR: AVEVAMO RAGIONE NOI. Non dimenticare genova per continuare a costruire altri mondi possibili. Nel 2001 a Genova migliaia e migliaia di persone da tutto il mondo invasero le strade contro il g8, il vertice dei "grandi potenti" del mondo. Era il...

Contro le passioni tristi, le sardine urtano il populismo

Di MARCO BASCETTA Nel cercare di comprendere la natura dei movimenti, la loro direzione di marcia, il posto che occupano nella sfera politica si rischia sempre di essere prematuri o inattuali. Del resto ogni movimento sociale è attraversato da flussi emotivi e bisogni...