Domenica scorsa in Messico, nello stato di Oaxaca, una grossissima manifestazione di studenti, genitori e insegnanti ha invaso le strade contro una nuova proposta di legge che privatizza la formazione e devasta i diritti dei lavoratori.

Il governo Messicano ha dichiarato guerra al dissenso: la polizia ha aperto il fuoco sulla folla. In totale, finora, il bilancio è di 12 morti, un centinaio di feriti di cui alcuni gravi, 25 desaparecidos e un centinaio di arrestati.

Questa mattina, nella giornata internazionale di solidarietà al mondo della formazione in lotta, come in molte altre città del mondo siamo stati al consolato messicano di Milano, in corso Matteotti.

consolato1 

“Ayotzinapa – Oaxaca, in Messico l’istruzione non è gratuita: si paga con la vita” abbiamo scritto su uno striscione appeso sui cancelli del palazzo di rappresentanza.

consolato2

Questa non è la prima volta che il governo messicano si sporca le mani del sangue dei movimenti in difesa di scuola e università: nel 2014 43 studenti vennero fatti scomparire nel nulla ad Ayotzinapa e l’anno successivo una simile sorte toccò a 12 professori ad Acapulco. In totale si parla di 24.500 persone desaparecidas dal 2005 ad oggi. Con il rosso di quel sangue abbiamo imbrattato l’ingresso del consolat0.

consolato3

Le porte del palazzo sono state immediatamente sbarrate, ma se possono chiudere un cancello, non gli permetteremo di fingere di non vedere: il silenzio uccide, la solidarietà è la nostra arma: complici ai movimenti di  e .


Leggi l’appello alla solidarietà internazionale dei compagni messicani:

A la Opinión Pública
A la prensa Internacional y Nacional
Al pueblo de #México
A la Patria Grande Latinoamericana

Los Trabajadores de la Educación en México, mantienen una lucha en donde se oponen a las Reformas Educativas impulsadas por el presidente Enrique Peña Nieto. Dichas reformas de tendencias privatizadoras, violan los derechos laborales de todo el sector educativo, además se pone demasiado énfasis en modelos de estandarización de evaluaciones y poco en las cuestiones de calidad educativa, no hay consideraciones en torno a la población marginada; como los indígenas y migrantes, ni para quienes requieran de educación especial debido a capacidades diferentes.

El día de ayer en los poblados de Asunción Nochixtlán y San Pablo Huitzo del estado mexicano de Oaxaca, se registraron enfrentamientos entre fuerzas policiacas del gobierno y maestros combativos de la Coordinadora Nacional de Trabajadores de la Educación (CNTE), quienes desde hace algunas semanas han mantenido plantones en diferentes puntos del país, para exigir mesas de dialogo en torno a la Reforma Educativa impulsada por el gobierno federal.

La Policía Federal y Estatal hizo uso de armas de fuego para reprimir no solo a los integrantes de la CNTE, sino también a la población civil que decidió unirse a la lucha magisterial. En comunicado oficiales se niega el uso de armas de fuego, pero vídeos y fotografías difundidos por diversos medios de comunicación constatan dicha acusación. Hasta el momento el recuento de los daños, arroja el lamentable deceso de 6 personas, además de 22 desaparecidos y 45 heridos de bala.

Desde este medio, hacemos un llamado a los grupos, organizaciones y colectivos nacionales e internacionales para que se mantengan informados en torno a la crítica situación que se vive hoy en México. Las reformas impulsadas por el Gobierno Federal ya están manchadas de sangre, pues pretenden instaurarse con base en el fuego y en el plomo. Así pues, invitamos a quienes deseen sumarse a este llamado para que sean muchas más las voces que pidamos no solo una educación gratuita y de calidad en México, sino en Latinoamérica y el mundo entero.

La educación es nuestra única salida, nuestra ventana a la verdad, a la libertad y la paz… el camino que nos llevara al triunfo en esta lucha de clases.

Por una educación pública-gratuita en todo el país.
Por la defensa del empleo y la estabilidad laboral.
Por la libertad de los presos políticos y de conciencia.
Por la reinstalación de los profesores cesados de todo el país por su oposición a la reforma educativa-laboral.
Por el cese a la represión y el hostigamiento a los trabajadores de la educación.

Grada Roja
México – Colombia – Latinoamérica
20 de Junio de 2016

✯✯✯✯✯Versión en Italiano✯✯✯✯✯

L’ opinione pubblica
La stampa nazionale e internazionale
Al popolo del #Messico
Alla Patria grande latinoamericana

I lavoratori dell’istruzione in Messico, mantengono una lotta in cui si oppongono alle riforme scolastiche guidate dal Presidente Enrique Peña Nieto. Tali riforme di tendenze di privatizzazione, violano i diritti dei lavoratori di tutto il settore educativo, inoltre si mette troppa enfasi su modelli di standardizzazione di valutazioni e poco nelle questioni di qualità educativa, non ci sono considerazioni in merito alla popolazione emarginata; come gli indigeni e Migranti, né per coloro che hanno bisogno di educazione speciale a causa di capacità diverse.

La giornata di ieri nei villaggi di asunción nochixtlán e San Paolo Huitzo dello stato messicano di oaxaca, ci sono stati scontri tra forze di polizia del governo e maestri combattivi di coordinamento nazionale dei lavoratori dell’educazione (Znte), Chi da alcune settimane fa hanno mantenuto piantine in vari punti del paese, per esigere tavoli di dialogo in merito alla riforma scolastica guidata dal governo federale.

La Polizia Federale e statale ha fatto uso di armi da fuoco per reprimere non solo ai membri della znte, ma anche alla popolazione civile che ha deciso di unirsi alla lotta magistrale. Nel comunicato ufficiali si nega l’uso di armi da fuoco, ma i video e fotografie diffusi da vari mezzi di comunicazione constatano tale accusa. Finora la conta dei danni, getta il deplorevole dipartita di 6 persone, oltre 22 dispersi e 45 feriti da arma da fuoco.

Da questo mezzo, facciamo un appello ai gruppi, organizzazioni e collettivi nazionali ed internazionali, affinché vengano mantenuti informati in merito alla situazione critica che si vive oggi in Messico. Le riforme promosse dal governo federale già sono macchiate di sangue, perché vogliono essere instaurata con base nel fuoco e il piombo. Pertanto, invitiamo a coloro che desiderano partecipare a questo cosiddetto affinché siano molte di più le voci che chiediamo non solo un’istruzione gratuita e di qualità in Messico, ma in America Latina e il mondo intero.

L’ istruzione è la nostra unica via d’uscita, la nostra finestra alla verità, alla libertà e la pace… Il cammino che ci condurra ‘ alla vittoria in questa lotta di classe.
Per Un’istruzione pubblica-gratuito in tutto il paese.
Per la difesa dell’occupazione e la stabilità del lavoro.
Per la libertà dei prigionieri politici e di coscienza.
Per la reintegrazione degli insegnanti licenziati in tutto il paese per la sua opposizione alla riforma scolastica-lavorativa.
Per il cese alla repressione e molestie ai lavoratori dell’istruzione.

Grada Roja
Messico – Colombia – America Latina
20 giugno 2016

articoli

QUESTA SCUOLA CI STA UCCIDENDO! In piazza per Lorenzo

Venerdì pomeriggio a Udine uno studente di soli 18 anni, Lorenzo Parelli, è morto nelle ultime ore del suo ultimo giorno di alternanza scuola-lavoro. Lorenzo é morto, schiacciato da una trave , simbolo del sistema che ci schiaccia ogni giorno. Se non fai alternanza...

San Siro: i nostri diritti più in alto delle vostre speculazioni.

SAN SIRO: I NOSTRI DIRITTI PIU' IN ALTRO DELLE VOSTRE SPECULAZIONI San Siro è uno dei più grandi quartieri di edilizia residenziale pubblica a Milano ha un patrimonio abitativo di 5.996 abitazioni, 1416 sono vendute e solo 2521 sono assegnate, 800 occupate, 572 in...

NO al nucleare! Blitz alla sede dell’ Unione Europea!

NO NUKE IN OUR FUTURE! No scorie, No profitti, No Armi!   Siamo alla sede milanese dell'Unione europea perché domani sarà l'ultimo giorno per impedire che nucleare e gas vengano classificate come fonti di energia sostenibile SEGUICI SUI...

La DAD non è la soluzione: OCCUPIAMOCI di scuola!

La DAD non è la soluzione: OCCUPIAMOCI della scuola! La priorità del governo è aprire le scuole in presenza, ma cosa è stato fatto affinché questo avvenga? Solo dichiararlo!  Siamo tornati a scuola e nulla è cambiato: la scuola continua ad essere l’ultima ruota del...

Ciao Vito, continueremo a disegnare altri mondi possibili

Ciao Vito, compagno instancabile con il sole e con la pioggia. La tua ruvidezza sincera e il tuo brontolare operoso ci faranno compagnia non solo nei ricordi ma rimarrai per sempre presenza costante. Non dimenticheremo mai la tua creatività artigiana, l'entusiasmo...

Natale Solidale a SanSiro! 18 dicembre dalle 15 in pza Selinunte

Sabato 18 dicembre "NATALE SOLIDALE A SAN SIRO" dalle 15.00 in piazzale Selinunte! Programma della giornata:h 15:00 laboratorio artistico, stencil e colori per tutte tutti a cura della Bottega delle Arti di SMS Spazio di Mutuo Soccorso;h 15:30 lezione di boxe per...

Milano non dimentica Piazza Fontana. Ama la libertà, rifiuta fascismo e razzismo.

Non c'è futuro senza memoria: durante il corteo per non dimenticare la strage di #PiazzaFontana siamo passati di fianco al consolato Libico, dove abbiamo voluto lanciare un messaggio di solidarietà con le proteste che da settimane ormai proseguono sotto l' #Unhcr di...

Recovery Plan-et: Tax the rich! 7 Dic @Prima della Scala

Oggi è andato in scena il #MutuoSoccorso alla #PrimadellaScala perché costruire dal basso un'alternativa a questo sistema insostenibile è urgente e necessario! Questo modello di sviluppo si basa sullo sfruttamento del pianeta e di chi lo abita. Le conseguenze del...

10 Dicembre Corteo Studentesco – NON C’È FUTURO SENZA MEMORIA – Gli studenti non dimenticano Piazza Fontana!

Il 12 dicembre del 1969 in piazza Fontana esplode una bomba uccidendo 17 persone e ferendone quasi 100. A mettere la bomba fu il gruppo fascista Ordine Nuovo, con il mandato e l’appoggio dei servizi segreti dello stato. PerchéAlla fine degli anni ‘60, i movimenti...

Fantasie di complotto e cospirazioni neofasciste

OGGI ORE 18.30 IN DIRETTA LIVENelle piazze d'Italia e del mondo una vulgata che mischia individualismo, irrazionalismo e attrae anche generiche istanze di rabbia sociale si sta mobilitando, sostanzialmente nel nome della sfiducia nella scienza.PARLIAMO CONLeonardo...

eventi

Domenica 30 gennaio Cena Cinese al Cantiere

Domenica 30 gennaio dalle 20 al Cantiere Cena sociale cinese a sostegno delle spese legali del Cantiere! Questa domenica anche in occasione del capodanno cinese si potranno degustare gustosissimi piatti cinesi per sostenere quante e quanti ogni giorno attivano...

Venerdì 21 gennaio DISCHI VOLANTI al Cantiere

👽DischiVolanti👽🍺APERITIVO BEER&CHEESE🧀🔥MERCATINO DEL VINILE🔥🔸Venerdì 21 Gennaio, dalle 19:00, ci vediamo al Cantiere per un aperitivo genuino con le birre e i formaggi del Gruppo di Acquisto Solidale Popolare.🔸In contemporanea, un bellissimo mercatino di vinili...

Buss a Dinner/Space Dinner – Cena e dibattito sulla canapa

BUSS A DINNERCena e dibattito sulla Canapa Questo sabato al Cantiere una serata dedicata alla canapa e ai suoi benefici in cui approfondire il referendum sulla legalizzazione della cannabis. Cena a base di canapa powered by Taverna Sociale Clandestina  Parleremo...

Tributo a De Andrè e Cena ligure

“Non essendo padrone che di una piccola arte spesso dovetti cambiarla con il cibo” Sabato 15 Gennaio, a 24 anni dalla morte del cantautore, omaggiamo Fabrizio De Andrè con una CENA LIGURE. PER PRENOTARE https://www.eventbrite.com/.../cena-ligure-in-tributo-a......

AfroVibration: sabato 11 dicembre cena e musica

AfroVibrations w/ DJ Halo & DJ MadMattSABATO 11AFRO VIBRATIONSMUSIC AGAINST RACISM Al Cantiere, una serata antirazzista a base di ritmi afro Unire musica e antirazzismo, raccontando altri mondi possibili, senza confini e senza muri AI CONTROLLIDJ HALO outta...

19 dicembre – Cenone di Natale al Cantiere!

Cenone di Natale al Cantiere! Per prenotare clicca qui: https://www.eventbrite.it/e/gran-cenone-di-natale-tickets-222905756117 Domenica 19 dicembre dalle 20.00 un’ultima cena per chiudere in buona compagnia questo 2021 di lotta e solidarietà. Un menù ricco e gustoso...

Fantasie di complotto e cospirazioni neofasciste

OGGI ORE 18.30 IN DIRETTA LIVENelle piazze d'Italia e del mondo una vulgata che mischia individualismo, irrazionalismo e attrae anche generiche istanze di rabbia sociale si sta mobilitando, sostanzialmente nel nome della sfiducia nella scienza.PARLIAMO CONLeonardo...

Cena d’autunno per le spese legali del Cantiere.

Domenica 21 novembre 2021 dalle 20.00 al Cantiere CENA D’AUTUNNO PER LE SPESE LEGALI Una cena a km0 e solidale con prodotti del G.A.S.P. – Spazio Mutuo Soccorso Una cena come sempre all’insegna della socialità, del buon cibo e della buona musica, a sostegno delle...

ZeroCalcare: Proiezione della serie “Strappare lungo i bordi”

  Venerdi 19 novembre 2021 dalle 21.30 al Cantiere Dopo l'incontro "Quali libertà? Quali conflitti?" Strappare lungo i bordi / maratona della serie di Zerocalcare   Da Rebibbia arriva ''Strappare lungo i bordi'' la serie animata di ZeroCalcare (6 episodi da...

Incontro pubblico: quale libertà, quali conflitti?

Venerdì 19 Novembre, al Cantiere, alle 19.00 A nostro parere la contrapposizione tra libertà individuale e la libertà coniugata con la solidarietà e la responsabilità sociale è il discrimine attraverso cui leggere quelle piazze. [...]Invece di avere la Libertà di fare...

approfondimenti

Quale libertà?

Già da quest’estate manifestazioni e proteste contro il Green pass si sono verificate in molte città d’Italia.A nostro parere la contrapposizione tra libertà individuale e la libertà coniugata con la solidarietà e la responsabilità sociale è il discrimine attraverso...

Da Milano al Messico, “EL AGUA ES DEL PUEBLO”, #FueraBonafont! – azione solidale per l’acqua

#boycottdanone FUERA BONAFONT [ITALIANO] Oggi, 11 giugno, a 10 anni dal referendum contro la privatizzazione dell'acqua, siamo stati davanti alla sede del gruppo Danone, di cui fa parte Bonafont, e abbiamo lasciato davanti all’ingresso della loro sede vernice rossa a...

Pueblos Zapatistas Unidos contro il furto dell’acqua: #FueraBonafont

“Bonafont” è una impresa legata al gruppo francese “Danone” che si dedica all’imbottigliamento dell’acqua. Dal 1992 Bonafont si è installata nel territorio di Puebla, in Messico, senza che le popolazioni locali venissero in alcun modo consultate dallo Stato, che ha...

No Profit On Pandemic!

Nessun profitto sulla pandemia. Cure e vaccini per ciascun* ovunque e gratuiti.Durante entrambi gli incontri affronteremo, da vari punti di vista, la battaglia che vede contrapposti grandi attori globali di fronte alla sfida delle vaccinazioni contro il Covid 19 e le...

Restituiteci Sankara.

Restituiteci Sankara.L’Africa non è una macchia nella cartina del mondo, non può essere rimossa. Esiste non molto lontano, a due passi dal mare, che si chiama Africa. L'opinione pubblica europea sa che da lì partono le imbarcazioni dei migranti, in fuga dalla...

Vive la Commune!

150 anni fa, una delle più straordinarie esperienze rivoluzionarie della storia contemporanea: la Comune di parigi. Sconfitta dalle armi dell'esercito del Kaiser ha lasciato un'eredità raccolta per tutto il secolo successivo da chi ha alzato la Bandiera Rossa per la...

Un altro mondo è possibile: a 19 anni da Genova.

STOP GLOBAL WAR: AVEVAMO RAGIONE NOI. Non dimenticare genova per continuare a costruire altri mondi possibili. Nel 2001 a Genova migliaia e migliaia di persone da tutto il mondo invasero le strade contro il g8, il vertice dei "grandi potenti" del mondo. Era il...

Contro le passioni tristi, le sardine urtano il populismo

Di MARCO BASCETTA Nel cercare di comprendere la natura dei movimenti, la loro direzione di marcia, il posto che occupano nella sfera politica si rischia sempre di essere prematuri o inattuali. Del resto ogni movimento sociale è attraversato da flussi emotivi e bisogni...

In Cile il neoliberismo è in crisi

In Cile si sintetizza una combinazione esplosiva di un libero mercato senza anestesia e una democrazia completamente delegittimata, che conserva solo il suo nome. È degenerato in una plutocrazia che, fino a pochi giorni fa - ma non più - è stata misurata dalle...

Il Sud America si solleva contro il neoliberismo

Il neoliberismo è in crisi. In molti paesi dell'America latina le piazze sono piene: milioni di persone si oppongono, dal Cile all'Ecuador, alle politiche neoliberali applicate ai governi di destra. Nel frattempo le elezioni amministrative colombiane e quelle...