CANTIERE.ORG

CANTIERE

.ORG

LUNEDI’ 8 FEBBRAIO ORE 18.00 IN PIAZZA S.BABILA PRESIDIO “Le vostre guerre i nostri morti. Verità e giustizia per Giulio e per tutte le vittime del regime! #WhereIsGiulio”

https://www.facebook.com/events/1134826786541871/

 

Leggi l’ultimo articolo di Giulio Regeni scritto per “Il Manifesto”

> Contributi in continuo aggiornamento

Renzi-Al-Sisi-675

Giulio Regeni, ragazzo di 28 anni appassionato di Medio Oriente ed esperto di lotte sociali, in particolare del sindacato egiziano, il quale scriveva articoli sotto pseudonimo per diverse testate tra cui Il Manifesto, è scomparso il 25 gennaio al Cairo ed è stato ritrovato morto con evidenti segni di tortura il 4 di febbraio.

Purtroppo al Cairo gli arresti illegali e le sparizioni sono all’ordine del giorno: alcuni vengono rilasciati qualche mese dopo, altri non si trovano più, altri ricompaiono cadaveri sul ciglio di una strada. La Commissione egiziana per i diritti e le libertà ha documentato 340 casi di sparizioni da agosto a novembre 2015, undici delle quali riguardanti minori: in media, 3 desaparecidos al giorno. La situazione sotto il regime militare di Al-Sisi non è mai stata peggiore; infatti, in seguito alla deposizione di Morsi nel 2013, il regime militare di Al-Sisi, grande alleato dell’Italia nella “lotta al terrorismo”, ha impostato una politica di repressione nei confronti delle opposizioni, e in generale di tutti i cittadini al di là di ogni rispetto della dignità umana. E questa strategia del terrore fatta di sparizioni, torture, abusi e morti, ha l’obiettivo di immobilizzare il popolo e soprattutto qualsiasi forma di dissenso, perchè il regime possa continuare a stare seduto in poltrona con la discrezione di poter decidere chi debba vivere e chi debba morire. Ed è proprio di questo che parlava l’ultimo articolo scritto da Giulio prima di morire: una denuncia allo Stato di polizia in Egitto, un tema delicato in un Paese dove si consuma una violenta e silenziosa repressione dell’informazione e della conoscenza; in Egitto, infatti, una nuova legge stabilisce che è grave reato smentire la versione prodotta dalle istituzioni.
Ora si chiede verità: verità per Giulio e per tutti gli altri desaparecidos, verità al governo egiziano e a quello italiano. Fino a quando questo Stato di polizia non ha toccato direttamente l’Italia, nel nostro Paese non solo si è taciuto sulle violazioni dei diritti umani, ma addirittura il premier Renzi ha stretto la mano a questo spietato dittatore, dichiarando:” La tua guerra è la nostra guerra”, in nome della “lotta al terrorimo”, riconoscendo Al-Sisi come un “grande statista”. Non dimentichiamo che negli ultimi anni l’Italia si è confermata secondo partner economico a livello mondiale dell’Egitto e primo in Europa, secondo mercato in assoluto per le esportazioni, non dimentichiamoci che L’Eni ha enormi interessi in Egitto, e che l’alleanza con il Cairo è necessaria per qualsiasi iniziativa militare in Libia, altra cruciale piazza petrolifera. Le lacrime di coccodrillo che il premier Renzi sta versando per Giulio sono ancora una volta lo specchio dell’ipocrisia di un Paese che vende le armi a Stati di polizia e poi piange i suoi morti. Ricordiamoci che solo nel 2014 sono ammontate a circa 30 milioni di euro le esportazioni italiane di pistole, fucili, carabine e simili verso regioni come Algeria, Tunisia ed Egitto, e che il 6% delle armi presenti in Africa sono di fabbricazione italiana.
E allora diciamo forte e chiaro che l’unica verità per Giulio e per tutti gli altri desaparecidos è smettere di supportare la guerra globale permanente.
Qui pubblichiamo contributi interessanti, in continuo aggiornamento, sulla morte di Giulio e la situazione in Egitto, con attenzione agli interessi che legano la dittatura di Al-Sisi e il governo italiano.
L’ultimo articolo di Giulio Regeni per “Il Manifesto”.

Al-Sisi ha ottenuto il controllo del parlamento con il più alto numero di poliziotti e militari della storia del paese mentre l’Egitto è in coda a tutta le classifiche mondiali per rispetto della libertà di stampa. Eppure i sindacati indipendenti non demordono. Si è appena svolto un vibrante incontro presso il Centro Servizi per i Lavoratori e i Sindacati (Ctuws), tra i punti di riferimento del sindacalismo indipendente egiziano.

Sebbene la sala più grande del Centro abbia un centinaio di posti a sedere, la sera dell’incontro non riusciva a contenere il numero di attiviste e attivisti sindacali giunti da tutto l’Egitto per un’assemblea che ha dello straordinario nel contesto attuale del paese. L’occasione è una circolare del consiglio dei ministri che raccomanda una stretta collaborazione tra il governo e il sindacato ufficiale Etuf (unica formazione ammessa fino al 2008), con il fine esplicito di contrastare il ruolo dei sindacati indipendenti e marginalizzarli tra i lavoratori.

Sebbene oggi Ctuws non sia rappresentativo della complessa costellazione del sindacalismo indipendente egiziano, il suo appello è stato raccolto, forse anche inaspettatamente, da un numero molto significativo di sindacati.

Alla fine, saranno una cinquantina circa le sigle che sottoscriveranno la dichiarazione di chiusura, rappresentanti dei più svariati settori economici, e dalle più svariate regioni del paese: dai trasporti alla scuola, dall’agricoltura all’ampio settore informale, dal Sinai all’Alto Egitto, passando per il Delta, Alessandria e il Cairo.

La circolare del governo rappresenta un ulteriore attacco ai diritti dei lavoratori e alle libertà sindacali, fortemente ristrette dopo il colpo di stato militare del 3 luglio 2013, e ha così fatto da catalizzatore di un malcontento molto diffuso tra i lavoratori, ma che stentava fino ad oggi a prendere forma in iniziative concrete.

Movimento in crisi

Dopo la rivoluzione del 2011 l’Egitto ha vissuto una sorprendente espansione dello spazio di libertà politiche. Si è assistito alla nascita di centinaia di nuovi sindacati, un vero e proprio movimento, di cui il Ctuws è stato tra i protagonisti, attraverso le sue attività di supporto e formazione.

Tuttavia, negli ultimi due anni, repressione e cooptazione da parte del regime hanno seriamente indebolito queste iniziative, al punto che le due maggiori federazioni (la Edlc ed Efitu) non riuniscono la loro assemblea generale dal 2013.

Di fatto ogni sindacato agisce ormai per conto proprio a livello locale o di settore. L’esigenza di unirsi e coordinare gli sforzi però è molto sentita, e lo testimonia la grande partecipazione all’assemblea, oltre ai tanti interventi che hanno puntato il dito contro la frammentazione del movimento, e invocato la necessità di lavorare insieme, al di là delle correnti di appartenenza.

Gli interventi si sono succeduti a decine, concisi, spesso appassionati, e con un taglio molto operativo: si trattava di proporre e decidere insieme il «cosa fare da domani mattina», un appello ripetuto come un mantra durante l’incontro, data l’urgenza del momento e la necessità di delineare un piano d’azione a breve e medio termine.

Da notare la presenza di una nutrita minoranza di donne, i cui interventi sono stati in alcuni casi tra i più apprezzati e applauditi dalla platea a maggioranza maschile. La grande assemblea si è poi conclusa con la decisione di formare un comitato il più possibile rappresentativo, che si incarichi di gettare le basi per una campagna nazionale sui temi del lavoro e delle libertà sindacali.

Conferenze regionali

L’idea è quella di organizzare una serie di conferenze regionali che portino nel giro di pochi mesi ad una grande assemblea nazionale e possibilmente ad una manifestazione unitaria di protesta («a Tahrir!» diceva anche qualcuno tra i presenti, invocando la piazza che è stata teatro della stagione rivoluzionaria del periodo 2011-2013, e che da più di due anni è vietata a qualsiasi forma di protesta).

L’agenda sembra decisamente ampia, e include tra gli obiettivi fondamentali quello di contrastare la legge 18 del 2015, che ha recentemente preso di mira i lavoratori del settore pubblico, ed è stata duramente contestata nei mesi passati.

Nel frattempo, proprio in questi giorni, in diverse regioni del paese, da Assiut a Suez, al Delta, lavoratori di società nei settori del tessile, del cemento, delle costruzioni, sono entrati in sciopero a oltranza: per lo più le loro rivendicazioni riguardano l’estensione di diritti salariali e indennità riservate alle società pubbliche.

Nuova ondata di scioperi

Si tratta di benefici di cui questi lavoratori hanno smesso di godere in seguito alla massiccia ondata di privatizzazioni dell’ultimo periodo dell’era Mubarak.

Molte di queste privatizzazioni dopo la rivoluzione del 2011 sono state portate davanti ai giudici, i quali ne hanno spesso decretato la nullità, rilevando diversi casi di irregolarità e corruzione.

Tali scioperi sono per lo più scollegati tra di loro, e in gran parte slegati dal mondo del sindacalismo indipendente che si è riunito al Cairo.

Ma rappresentano comunque una realtà molto significativa, per almeno due motivi. Da un lato, pur se in maniera non del tutto esplicita, contestano il cuore della trasformazione neoliberista del paese, che ha subito una profonda accelerazione dal 2004 in poi, e che le rivolte popolari esplose nel gennaio 2011 con lo slogan «Pane, Libertà, Giustizia Sociale» non sono riuscite sostanzialmente a intaccare.

L’altro aspetto è che in un contesto autoritario e repressivo come quello dell’Egitto dell’ex-generale al-Sisi, il semplice fatto che vi siano iniziative popolari e spontanee che rompono il muro della paura rappresenta di per sé una spinta importante per il cambiamento.

Sfidare lo stato di emergenza e gli appelli alla stabilità e alla pace sociale giustificati dalla «guerra al terrorismo», significa oggi, pur se indirettamente, mettere in discussione alla base la retorica su cui il regime giustifica la sua stessa esistenza e la repressione della società civile.

Giulio Regeni per il manifesto

articoli

Di perquisizioni e imbrattamento .. e la guerra?

DI PERQUISIZIONE E IMBRATTAMENTO ... E LA GUERRA? Comunicato sulle perquisizioni di questa mattina contro studentesse e student* del Coordinamento Dei Collettivi Studenteschi , del Cantiere Milano e del movimento milanese contro la Guerra al futuro. Ci sono 59 guerre...

Spazio di Mutuo Soccorso in Festa! 5-6-7-8 maggio

La festa continua! Vi aspettiamo a SMS per l'ultima giornata con le attività in programma.  Immagini della festa  5, 6, 7, 8 Maggio Mutuo Soccorso in festa Per festeggiare i 9 anni dello spazio di Mutuo Soccorso, di lotta per il diritto all’abitare, di pratiche...

25 Aprile 2022 – La resistenza è diserzione

"Disertori", "ribelli", "sabotatori", così venivano chiamatə le partigiane e i partigiani dalla propaganda fascista della RSI. La resistenza era formata da disertori e sbandati, non da un eserciti e militari. Resistere significava scappare, evitare la leva...

#SafePassage – E’ partita la seconda missione * PACE DISARMO FUTURO * #stopwar

La carovana #SafePassage di Mediteranea Saving Humans riparte per la seconda missione. A una settimana dal ritorno della prima missione i van sono di nuovo carichi per portare ulteriori aiuti umanitari nella città di Leopoli, sono pronti a riportare al sicuro le...

Milano in piazza ogni Sabato contro la guerra!

OGNI SABATO, H.15 @ LARGO CAIROLI: CORTEO CITTADINO "MILANO CONTRO LA GUERRA"  Tutti i sabati Milano in piazza contro la guerra!   Pace. Disarmo. Futuro. Ci siamo battuti in ogni occasione per la Pace, eppure i conflitti sono aumentati. Forse perché è stato perso...

#SafePassage: parte la seconda missione.

La carovana #SafePassage di Mediteranea Saving Humans riparte per la seconda missione.   Dopo l'ottimo risultato della scorsa settiamana i van sono di nuovo carichi per portare ulteriori aiuti nella città di Leopoli e riportare al sicuro le persone che fuggono d...

Raccolta Solidale a SMS per la Missione #SAFEPASSAGE

MEDITERRANEA FOR UKRAINE: #SAFEPASSAGE Mediterranea Saving Humans si occupa dal 2018 di osservazione e monitoraggio, ricerca e soccorso a tutela dei diritti umani nel Mediterraneo Centrale. Il prossimo 21 marzo, con la nostra nave Mare Jonio, salperemo per la nostra...

25/3 – Global Strike contro la guerra di Fridays for Future

Venerdì 25 Marzo, ore 9:30 Largo Cairoli Corteo studentesco contro la guerra per il #GlobalStrike di Fridays For Future #PeopleNotProfit"Di fronte ad ogni guerra una sola parola è giusta ed una sola azione è degna: la parola è NO, l’azione è ribelle." LA GUERRA CI FA...

LE MOBILITAZIONI NON SI FERMANO: Scuole occupate contro la guerra!

LE MOBILITAZIONI NON SI FERMANO Continuano le occupazioni delle scuole superiori di Milano, con una rivendicazione centrale: siamo contro la guerra. La mobilitazione studentesca contro la guerra è PERMANENTE, e andrà avanti fino alla fine del conflitto. Continueremo...

Mobilitazione permanente studentesca contro la guerra

Oggi, noi studentesse e studenti del Coordinamento dei Collettivi Studenteschi di Milano e Provincia, siamo stati davanti alla sede di UniCredit in piazza Gae Aulenti per denunciare chi fa profitto finanziando guerre ed eserciti e per opporci al conflitto armato....

eventi

3.06.2022 – Sapore di Trash w/ Red Gipsy, ITB & Los Machetes

3.06.2022 - Sapore di Trash w/ Red Gipsy, ITB & Los Machetes👉🏽VEN 3👈🏽 ➖SAPORE DI TRASH➖ 🔺LOVE MUSIC HATE FASCISM🔻   Sul palco del Cantiere ritorna un po’ di sana trash per farci ballare indecorosə e divertitə.  Dai remix più pazzi alle canzoni che canteremo a...

Decolonize the City w/ Sayri

Decolonize the City w/ Sayri @Cantiere“Il perreo è come una tecnologia, un modo di vivere il nostro presente, la connessione del passato e del futuro attraverso il rituale” @idkebra Rivendichiamo la forza della distruzione di cui è costituita ogni nostra resistenza....

4.06.2022 – DischiVolanti – Urban Episode

DischiVolanti - Urban Episode⚠️SAB 4⚠️ 👽DISCHI VOLANTI👽 🔹URBAN EDITION🔹   ❗️Sabato 4 giugno al Cantiere torna DischiVolanti, il party vinilico più ribelle della città! ❗️Questa volta i nostri DJs ci delizieranno in una session tutta dedicata alla musica urban,...

28/05 BUSS A VIBE – Dancer Invasion w/ Aurora Rah & Royal Vibes

28/05 BUSS A VIBE Dancers' Invasion w/ Aurora Rah & Royal VibesDANCERS, PAY ATTENTION‼️ Sabato 28 maggio ci sarà un'edizione speciale delle BUSS A VIBE NIGHTS 😏 🔥 DANCERS' INVASION EDITION 🔥 Dopo il workshop di @aurorarah allo @spaziomutuosoccorso continuiamo con...

20/05 – Dischi Volanti @Cantiere

22/05 - Dischi Volanti @Cantiere🔥VENERDÌ 20🔥👽DISCHI VOLANTI👽 🔹Venerdì 20 maggio balliamo a ritmo di vinile!Vieni a scoprire il mercatino del vinile in cui rovistare e trovare chicche a prezzi Pop.Oltre alla buona musica troverai un aperitivo con le birre del Gruppo di...

SERATA STUDENTESCA SABATO 30 APRILE

Per sostenere le mobilitazioni studentesche dei collettivi studenteschi, torna in Cantiere la musica dal vivo degli Youngover, lo stoner punk degli Empty Stomach, l'hardcore dei Drunken Unicorns e il punk brianzolo antifa dei Medium Beer, per la festa del collettivo...

Cena messicana per le spese legali del Cantiere

❗CENA MESSICANA PER LE SPESE LEGALI DEL CANTIERE❗ In occasione dell’anniversario della morte di Emiliano Zapata, rivoluzionario messicano che guidò la ribellione contro i latifondisti del Morelos per i diritti dei nativi, deceduto il 10 aprile 1919, questa domenica 10...

Serata Studentesca – 9 Aprile 2022

TORNA IN CANTIERE LA MUSICA DAL VIVO DI CULT OF THE SUN E EMPTY STOMACH CI VEDIAMO SABATO 9 APRILE PER UNA SERATA STUDENTESCA PER SOSTENERE LE MOBILITAZIONI CONTRO LA GUERRA DEL COORDINAMENTO DEI COLLETTIVI STUDENTESCHI 🤘NO SEXISM🤘NO RACISM🤘NO HARD DRUGS...

RADICI SCOPERTE: serata palestinese al Cantiere.

Le associazioni "Giovani Palestinesi d'Italia" e "Giovani e Palestina" presentano l'evento "RADICI SCOPERTE": in occasione della Giornata della Terra (Yom Al Ard) e della Israeli apartheid week, vi invitiamo a scoprire la Palestina dalla storia della sua terra e del...

Dischivolanti – Love Music Hate Bombs

LOVE MUSIC HATE BOMBS VENERDÌ 25DISCHI VOLANTICRAZY VINYL PARTY Venerdì 25 marzo, dopo lo sciopero globale contro la guerra di Fridays For Future, l'appuntamento con i migliori vinili della galassia. Vieni a scoprire il mercatino del vinile in cui rovistare e trovare...

approfondimenti

SPECIALE STOP WAR: Di fronte ad ogni guerra la parola NO e l’azione Ribelle

CLICCA e vai alla raccolta di contributi, approfondimenti e call to action #STOPTHEWAR!   di seguito intanto trovi il nostro contributo. Per seguirci @cantieremilano su twitterDi fronte ad ogni guerra c’è solo una parola degna e una azione conseguente, la parola...

Quale libertà?

Già da quest’estate manifestazioni e proteste contro il Green pass si sono verificate in molte città d’Italia.A nostro parere la contrapposizione tra libertà individuale e la libertà coniugata con la solidarietà e la responsabilità sociale è il discrimine attraverso...

Da Milano al Messico, “EL AGUA ES DEL PUEBLO”, #FueraBonafont! – azione solidale per l’acqua

#boycottdanone FUERA BONAFONT [ITALIANO] Oggi, 11 giugno, a 10 anni dal referendum contro la privatizzazione dell'acqua, siamo stati davanti alla sede del gruppo Danone, di cui fa parte Bonafont, e abbiamo lasciato davanti all’ingresso della loro sede vernice rossa a...

Pueblos Zapatistas Unidos contro il furto dell’acqua: #FueraBonafont

“Bonafont” è una impresa legata al gruppo francese “Danone” che si dedica all’imbottigliamento dell’acqua. Dal 1992 Bonafont si è installata nel territorio di Puebla, in Messico, senza che le popolazioni locali venissero in alcun modo consultate dallo Stato, che ha...

No Profit On Pandemic!

Nessun profitto sulla pandemia. Cure e vaccini per ciascun* ovunque e gratuiti.Durante entrambi gli incontri affronteremo, da vari punti di vista, la battaglia che vede contrapposti grandi attori globali di fronte alla sfida delle vaccinazioni contro il Covid 19 e le...

Restituiteci Sankara.

Restituiteci Sankara.L’Africa non è una macchia nella cartina del mondo, non può essere rimossa. Esiste non molto lontano, a due passi dal mare, che si chiama Africa. L'opinione pubblica europea sa che da lì partono le imbarcazioni dei migranti, in fuga dalla...

Vive la Commune!

150 anni fa, una delle più straordinarie esperienze rivoluzionarie della storia contemporanea: la Comune di parigi. Sconfitta dalle armi dell'esercito del Kaiser ha lasciato un'eredità raccolta per tutto il secolo successivo da chi ha alzato la Bandiera Rossa per la...

Un altro mondo è possibile: a 19 anni da Genova.

STOP GLOBAL WAR: AVEVAMO RAGIONE NOI. Non dimenticare genova per continuare a costruire altri mondi possibili. Nel 2001 a Genova migliaia e migliaia di persone da tutto il mondo invasero le strade contro il g8, il vertice dei "grandi potenti" del mondo. Era il...

Contro le passioni tristi, le sardine urtano il populismo

Di MARCO BASCETTA Nel cercare di comprendere la natura dei movimenti, la loro direzione di marcia, il posto che occupano nella sfera politica si rischia sempre di essere prematuri o inattuali. Del resto ogni movimento sociale è attraversato da flussi emotivi e bisogni...

In Cile il neoliberismo è in crisi

In Cile si sintetizza una combinazione esplosiva di un libero mercato senza anestesia e una democrazia completamente delegittimata, che conserva solo il suo nome. È degenerato in una plutocrazia che, fino a pochi giorni fa - ma non più - è stata misurata dalle...