CORTEO STOP WAR. 16 Gennaio Milano ama la libertà.

Fermare le guerre non le persone!
Oggi a Milano in corteo contro la guerra senza se e senza ma,  un corteo che si è preso il centro cittadino per dire basta ,a 25 anni dalla guerra del Golfo, alle politiche neoliberiste di guerra e distruzione. Le guerre che l’Europa dei governi e delle banche ha scatenato in mezzo mondo e l’evidente dimostrazione di come intendono devastare popoli e territori in nome della ricerca sfrenata di risorse da depredare, in nome di interessi tutti economici.

Nei nostri territori vediamo come provino a normalizzare le politiche razziste e xenofobe, che creano nemici comuni su cui scaricare le responsabilità di una crisi strutturale ed economica di cui i veri responsabili siedono nelle poltrone del potere mentre nei quartieri con una propaganda razzista e xenofoba provano a scatenare una guerra tra poveri.

Governi razzisti esaltano la libera circolazione delle merci per poi impedire quella delle persone mentre negli ultimi anni  sono affogati nel mediterraneo più di 25 000 persone, una strage che nega il diritto di migrare a migliaia di persone che scappano da povertà e territori devastati dalla guerra.

Non lasciamo spazio a razzisti e xenofobi,  il 28 Gennaio giorno dopo l’anniversario della Giornata della Memoria, Salvini e la LePen, vorrebbero avere spazio per propagandare odio e intolleranza, ma la Milano che ama la libertà, la Milano medaglia d’ oro della resistenza non può tollerare i rigurgiti neonazisti di un partito nazionalista come il Front National di Marine Le Pen, di chi come Salvini, al grido di stop invasione e di mozioni antigender, fomenta razzismo e omofobia, mettendo all’ indice tutto ciò che è “diverso” nella peggiore logica nazista.

Prossimi appuntamenti:

#28G: 28 GENNAIO CORTEO CITTADINO #maiconsalvini #maiconlepen

#29G: 29 GENNAIO CORTEO STUDENTESCO
CULTURA E MEMORIA VS FRONTIERE E RAZZISMO

 

guarda la fotogallery del corteo!

Author:

Share This Post On

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *