SCARICA SIGNAL! CLICCA QUI!


Facebook ha comprato WhatsApp.

Come impatta su di noi ? come stanno reagendo gli utenti ?

Quando non c’erano i telefoni, tra il 1920 ed il 1930, ci si trovò davanti ad un problema mai realizzato prima: a nessuno interessava avere un dispositivo con il quale non potevi chiamare nessuno.

Poi i telefoni iniziarono a diffondersi, con un trucco studiato nel marketing aziendale approfondito a fine pagina [0], e da lì tutti volevano averne uno. perché ? perché non era più uno strumento ingombrante fine a se stesso, era lo strumento ingombrante con il quale potevi raggiungere tutti.

Da quell’esperienza si capì che “una rete ha un valore proporzionale alla quantità degli elementi ad essa connessi”. In questo momento ci sono vari social network rilevanti, nel mondo: Facebook, V kontakte, QZone o Orkut [1]. Ma quello che importa non sono le loro funzionalità, ma la quantità di persone a loro connesse.

Quello che che ha valore è che su facebook ci trovi “tutti quelli che conosci” e quindi vai su lì anche se sai che l’NSA spia quei dati, anche se non puoi condividere tutto quello che vorresti, eccetera. Questa aggregazione è un effetto che si presenta in ogni rete.

Quando una rete cresce più delle altre, diventerà più difficile per i concorrenti riuscire a pareggiarla. E’ un effetto di monopolio che si consolida, al momento che nessun antitrust considera come un problema (e pochi governi europei hanno cercato di metterla giù in questi termini, quindi per ora questa cosa non vuole essere risolta) [2]

Quindi il grandissimo valore economico di Facebook non dipende solo dalle finestrelle blu, ma dal fatto che un miliardo di utenti sono iscritti, e questo garantisce l’iscrizione di altri futuri utenti, oltre che la fidelizzazione dei primi che non hanno alcun motivi per cercare un nuovo social network in cui non trovano nessuno.

WhatsApp allo stesso modo, è una delle varie applicazoni che ti fanno scambiare messaggi, audio, e immagini usando Internet, quindi senza pagare la rete telefonica. Ma il suo valore non sta nella tecnologia, sta nel fatto che ha centinaia di milioni di utenti, e qui ancora vediamo l’effetto monopolistico in atto.

Quello che si sapeva, ma c’è voluto l’eroe Edward Snowden a rivelarlo ed a renderlo un elemento di dibattito, è che chi analizza i social network sa, in tempo reale, come si sta muovendo una popolazione, una città, un movimento, un’azienda, una coppia, una persona, le sue amicizie e come la influenzano. Più dati descrivono queste relazioni, più è facile avere una mappa in tempo reale delle sue attività.

A questo punto, la persona comune, avrà già alzato le sopraccilia pensando “ma di me chi se ne frega ?”

E’ una nuova situazione di debolezza nella quale si trova la società civile. Può anche non essere importante per la persona comune del 2014, allo stesso modo in cui, al paesano dell’anno 600, non importava sapere chi fosse il suo duca. Fatto sta che il duca l’avrebbe protetto dall’arrivo dei barbari, e se avesse potuto sceglierlo, avrebbe scelto il migliore nei suoi interessi.

In questi 1400 anni i barbari han cambiato volto, i duchi pure e naturalmente le invasioni.

Questa invasione, quella che consente ad una società privata che ha come solo scopo quello di fare soldi tramite i dati degli utenti, è l’ultima forma di guerra alla quale siamo soggetti.

Dopo questa introduzione, il lettore dovrebbe inizare ad intravedere qualcosa. Che Facebook + Instagram + WhatsApp, contro, Microsoft + Bing + Yahoo + Tumblr + XBOX, contro, Google + Youtube + Android + Chrome, contro, Apple + iCloud… sono le quattro tribù barbare più vicine a noi.

Non bruciano le foreste, non stuprano le donne, non rubano il bestiame. Stanno agendo ad un livello più subdolo e, considerando il periodo di cambiamento che dagli anni 2000 tutto il pianeta sta vivendo, molto spesso riescono a mostrare il loro lato positivo, la loro utilità sociale o la loro affermazione sul mercato. Questo consolida ancora di più i loro marchi, che rimarranno dominanti per altri anni.

Forse è ora di chiudere con l’introduzione che tanto, ti assicuriamo, è stata la parte più lunga.

La crittografia

Fare parte di una di queste reti, in questo momento, è utile alla persona per esprimersi e per rimanere in contatto con il mondo, ma lo rende soggetto di un sistema di controllo che si autoalimenta. L’utente dà i suoi dati, i suoi dati attraggono altri utenti.

Eppure alcune tecnologie vengono realizzate per dare delle garanzie agli utenti. Quindi la garanzia che nessuno possa leggergli i contenuti. E questa garanzia non la si ha come quando un nuovo governo va in parlamento a “raccontare quello che farà, per piacere dateci la fiducia se no non iniziamo neppure”.. quella richiesta di fiducia è un salto nel buio che potrebbe anche essere tradita (e infatti, spesso lo è).

Le tecnologie che danno questa garanzia sono quelle che usano i sistemi di crittografia. La crittografia è un meccanismo matematico che esiste da 2500 anni e viene migliorata di anno in anno. Se non hai mai studiato nulla di crittografia: tutto quello che sai probabilmente è sbagliato, quindi non usarlo come riferimento e lasciti guidare per pochi passi da noi.

La crittografia è un sistema, matematico, per cui i tuoi dati (la tua mail, il tuo sms, la tua telefonata: sono tutti dati) vene trasformato usando una “chiave crittografia”. A quel punto è illeggibile. Solo avendo la giusti chiave crittografica, si potrà ritornare al dato originale.Il sistema matematico (non temere, non dovrai mai fare nessuna operazione tu perché ci pensano i computer) non deve essere segreto. Non serve sia segreto: se è segreto, spesso è fatto per ingannarti. I migliori sistemi crittografici sono studiati pubblicamente, e vengono rivisti costantemente. Solo la chiave deve essere segreta.

Per questo motivo, quando una nuova tecnologia ti dice che “proteggerà i tuoi dati con la crittografia di cippirimerlo” prima vedi se almeno indica che algoritmi usa. E poi non basta, poi qualcuno che ci capisce deve dirti se li sta usando bene, se sta usando quelli giusti per il tipo di dato che va a proteggere, ed altre accortezze.

Questo è necessario dirlo perché recentemente, dopo che WhatsApp è stata comprata da Facebook, è stato chiaro a molti attenti osservatori che il potere di analisi di Facebook sarebbe aumentato a dismisura.

L’equivalente del Garante della privacy Tedesco, ha esplicitamente suggerito ai suoi cittadini di lasciare WhatsApp [4] e di cercare servizi che proteggessero gli utenti, per due motivi:

* I tuoi dati valgono, un sacco. Darli gratuitamente a chi non sai come li userà, è come non lottare neppure quando i barbari ti bruciano il tetto di casa; è il comportamento di uno schiavo assoggettato ad un potere che non riesce neppure ad immaginare la vita senza il padrone. Essere immersi nell’acquario di facebook ha questo effetto.

* Ogni comunicazione che non è protetta, è da considerarsi, nel futuro, nelle mani del nostro peggior nemico. Perché man mano che i sistemi di sorveglianza massiva aumentano, aumentano le persone che hanno accesso a questi dati, aumenta il mercato nero ed i favori che ci son tra gli stati. E si tratta di attività ancora poco regolamentate e riconosciute tra gli stati, quindi non ci si può neppure sentire tutelati da un regolamento istituzionale. Cosa che comunque non basterebbe, perché non puoi sapere tra 2, 5, 10 anni neppure se sarai un cittadino europeo, o se il motto di Google non sarà cambiato in “Evil ? why not”. Ti stai fidando di uno che non ti dovrà mai nulla, e che ha come sola missione quella di spremerti.

Telegram è la soluzione?

Eppure, e qui si arriva alla conclusione, in questi giorni ci si è lanciati a capofitto su di un’applicazione che si raccontava sicura senza davvero esserlo. Telegram. E’ stato bello vedere gli utenti reagire alla proccupazione di WhatsApp acquistata da Facebook, per noi è stato significativo vedere la risposta massiva alla ricerca di “qualcosa di meno invasivo”.

Purtroppo i valori necessari a questa scelta non sono ancora chiari agli utenti, e faremo in modo di renderli chiari nel tempo, ma per ora indichiamo tre elementi per cui Telegram non è una soluzione, neppure temporanea:

* La crittografia è implementata male, non da crittografici esperti, ma da tecnici che si sono improvvisati tali [3]. Avete presente quei commenti da parte di persone esperte che c’è da leggere, prima di fidarsi di un sistema crittografico? Eccoli [3]. Averci creduto equivale ad aver preso un giubotto nero, molto spesso, con la scritta “giubbotto antiproiettile” e non aver mai chieso in giro se in effetti si tratta di un giubbotto antiproiettile o di un cappotto scamosciato senza maniche. Ora avete su un cappotto e vi credete protetti, questa situazione è ancora peggiore di quando si sa, consapevolmente, di non essere protetti.

* Telegram si ciuccia tutta la vostra rubrica, come WhatsApp. Questo è uno dei dati di maggior valore sul quale Facebook sta mettendo le mani, ed ogni App che installate, che richiede l’accesso alla rubrica, sta avendo la medesima informazione. Avere questa mappa di contatti, contribuisce al potere di analisi di chi sta dietro a Telegram (e alle altre App sviluppate dalla medesima casa editrice, e ai suoi collaboratori terzi di cui non hai mai sentito parlare)

* Non c’è modo di verificare l’identità di chi c’è dall’altro capo della comunicazione. “Ma come no ? Io so se l’amico mio Ginetto mi sta parlando o se suo fratello stronzo mi sta facendo uno scherzo”. Ecco, è più difficile di così, per ora diciamo semplicemente che non c’è modo di verificarlo, e non ha alcun senso avere un sistema di comunicazione crittografato se non hai la garanzia che il destinatario sia davvero quello che immagini.

Le soluzioni adeguate ci sono, ma meritano un articolo dedicato, per farla semplice si chiama TextSecure. Prima di lasciare i saluti del dipartimento di resistenza cibernetica, ricorda il nostro slogan:

NEL MONDO DELLA SORVEGLIANZA, CIFRA TUTTO PER SABOTARE IL SISTEMA!

… to be continued. Se intanto vuoi aiutarci, contribuisci qui

 

Cyber*Resistance

@Cyb_Res | https://n-1.cc/g/cyberresistance


Note al testo:

[0] Vennero regalati telefoni ai personaggi più influenti dell’epoca, così che poi il cittadino comune si sentisse in grado di poter raggiungerli. E’ funzionato per diffondere la rete.

[1] mappa al medioevale Giugno 2011 dei social network nel mondo.

[2] Questo è il motivo per cui youtube, a suo tempo, fu comprata da google per una cifra apparentemente esorbitante. youtube in quel momento incubava il 60% dei video, e non era ancora il monopolio. Lo stava diventando per l’effetto raccontato sopra.

[3] sono in inglese: http://www.cryptofails.com/post/70546720222/telegrams-cryptanalysis-contest

http://unhandledexpression.com/2013/12/17/telegram-stand-back-we-know-maths/

[4] http://www.pcworld.com/article/2099700/whatsapp-users-should-switch-to-a-more-secure-service-german-privacy-regulator-urges.html


 

Altri contributi:

Leggi The New TextSecure: Privacy Beyond SMS e scarica Text Secure Private Messanger by OpenWhisper System

*** Cyb*Res is back! Tre giorni di dibattiti e workshop su artivismo, hacking e attivismo. Dal 3 al 5 Aprile 2k14 al CS Cantiere*** 

** Leggi il piccolo manualetto di autodifesa digitale per cortei ***

articoli

QUESTA SCUOLA CI STA UCCIDENDO! In piazza per Lorenzo

Venerdì pomeriggio a Udine uno studente di soli 18 anni, Lorenzo Parelli, è morto nelle ultime ore del suo ultimo giorno di alternanza scuola-lavoro. Lorenzo é morto, schiacciato da una trave , simbolo del sistema che ci schiaccia ogni giorno. Se non fai alternanza...

San Siro: i nostri diritti più in alto delle vostre speculazioni.

SAN SIRO: I NOSTRI DIRITTI PIU' IN ALTRO DELLE VOSTRE SPECULAZIONI San Siro è uno dei più grandi quartieri di edilizia residenziale pubblica a Milano ha un patrimonio abitativo di 5.996 abitazioni, 1416 sono vendute e solo 2521 sono assegnate, 800 occupate, 572 in...

NO al nucleare! Blitz alla sede dell’ Unione Europea!

NO NUKE IN OUR FUTURE! No scorie, No profitti, No Armi!   Siamo alla sede milanese dell'Unione europea perché domani sarà l'ultimo giorno per impedire che nucleare e gas vengano classificate come fonti di energia sostenibile SEGUICI SUI...

La DAD non è la soluzione: OCCUPIAMOCI di scuola!

La DAD non è la soluzione: OCCUPIAMOCI della scuola! La priorità del governo è aprire le scuole in presenza, ma cosa è stato fatto affinché questo avvenga? Solo dichiararlo!  Siamo tornati a scuola e nulla è cambiato: la scuola continua ad essere l’ultima ruota del...

Ciao Vito, continueremo a disegnare altri mondi possibili

Ciao Vito, compagno instancabile con il sole e con la pioggia. La tua ruvidezza sincera e il tuo brontolare operoso ci faranno compagnia non solo nei ricordi ma rimarrai per sempre presenza costante. Non dimenticheremo mai la tua creatività artigiana, l'entusiasmo...

Natale Solidale a SanSiro! 18 dicembre dalle 15 in pza Selinunte

Sabato 18 dicembre "NATALE SOLIDALE A SAN SIRO" dalle 15.00 in piazzale Selinunte! Programma della giornata:h 15:00 laboratorio artistico, stencil e colori per tutte tutti a cura della Bottega delle Arti di SMS Spazio di Mutuo Soccorso;h 15:30 lezione di boxe per...

Milano non dimentica Piazza Fontana. Ama la libertà, rifiuta fascismo e razzismo.

Non c'è futuro senza memoria: durante il corteo per non dimenticare la strage di #PiazzaFontana siamo passati di fianco al consolato Libico, dove abbiamo voluto lanciare un messaggio di solidarietà con le proteste che da settimane ormai proseguono sotto l' #Unhcr di...

Recovery Plan-et: Tax the rich! 7 Dic @Prima della Scala

Oggi è andato in scena il #MutuoSoccorso alla #PrimadellaScala perché costruire dal basso un'alternativa a questo sistema insostenibile è urgente e necessario! Questo modello di sviluppo si basa sullo sfruttamento del pianeta e di chi lo abita. Le conseguenze del...

10 Dicembre Corteo Studentesco – NON C’È FUTURO SENZA MEMORIA – Gli studenti non dimenticano Piazza Fontana!

Il 12 dicembre del 1969 in piazza Fontana esplode una bomba uccidendo 17 persone e ferendone quasi 100. A mettere la bomba fu il gruppo fascista Ordine Nuovo, con il mandato e l’appoggio dei servizi segreti dello stato. PerchéAlla fine degli anni ‘60, i movimenti...

Fantasie di complotto e cospirazioni neofasciste

OGGI ORE 18.30 IN DIRETTA LIVENelle piazze d'Italia e del mondo una vulgata che mischia individualismo, irrazionalismo e attrae anche generiche istanze di rabbia sociale si sta mobilitando, sostanzialmente nel nome della sfiducia nella scienza.PARLIAMO CONLeonardo...

eventi

Domenica 30 gennaio Cena Cinese al Cantiere

Domenica 30 gennaio dalle 20 al Cantiere Cena sociale cinese a sostegno delle spese legali del Cantiere! Questa domenica anche in occasione del capodanno cinese si potranno degustare gustosissimi piatti cinesi per sostenere quante e quanti ogni giorno attivano...

Venerdì 21 gennaio DISCHI VOLANTI al Cantiere

👽DischiVolanti👽🍺APERITIVO BEER&CHEESE🧀🔥MERCATINO DEL VINILE🔥🔸Venerdì 21 Gennaio, dalle 19:00, ci vediamo al Cantiere per un aperitivo genuino con le birre e i formaggi del Gruppo di Acquisto Solidale Popolare.🔸In contemporanea, un bellissimo mercatino di vinili...

Buss a Dinner/Space Dinner – Cena e dibattito sulla canapa

BUSS A DINNERCena e dibattito sulla Canapa Questo sabato al Cantiere una serata dedicata alla canapa e ai suoi benefici in cui approfondire il referendum sulla legalizzazione della cannabis. Cena a base di canapa powered by Taverna Sociale Clandestina  Parleremo...

Tributo a De Andrè e Cena ligure

“Non essendo padrone che di una piccola arte spesso dovetti cambiarla con il cibo” Sabato 15 Gennaio, a 24 anni dalla morte del cantautore, omaggiamo Fabrizio De Andrè con una CENA LIGURE. PER PRENOTARE https://www.eventbrite.com/.../cena-ligure-in-tributo-a......

AfroVibration: sabato 11 dicembre cena e musica

AfroVibrations w/ DJ Halo & DJ MadMattSABATO 11AFRO VIBRATIONSMUSIC AGAINST RACISM Al Cantiere, una serata antirazzista a base di ritmi afro Unire musica e antirazzismo, raccontando altri mondi possibili, senza confini e senza muri AI CONTROLLIDJ HALO outta...

19 dicembre – Cenone di Natale al Cantiere!

Cenone di Natale al Cantiere! Per prenotare clicca qui: https://www.eventbrite.it/e/gran-cenone-di-natale-tickets-222905756117 Domenica 19 dicembre dalle 20.00 un’ultima cena per chiudere in buona compagnia questo 2021 di lotta e solidarietà. Un menù ricco e gustoso...

Fantasie di complotto e cospirazioni neofasciste

OGGI ORE 18.30 IN DIRETTA LIVENelle piazze d'Italia e del mondo una vulgata che mischia individualismo, irrazionalismo e attrae anche generiche istanze di rabbia sociale si sta mobilitando, sostanzialmente nel nome della sfiducia nella scienza.PARLIAMO CONLeonardo...

Cena d’autunno per le spese legali del Cantiere.

Domenica 21 novembre 2021 dalle 20.00 al Cantiere CENA D’AUTUNNO PER LE SPESE LEGALI Una cena a km0 e solidale con prodotti del G.A.S.P. – Spazio Mutuo Soccorso Una cena come sempre all’insegna della socialità, del buon cibo e della buona musica, a sostegno delle...

ZeroCalcare: Proiezione della serie “Strappare lungo i bordi”

  Venerdi 19 novembre 2021 dalle 21.30 al Cantiere Dopo l'incontro "Quali libertà? Quali conflitti?" Strappare lungo i bordi / maratona della serie di Zerocalcare   Da Rebibbia arriva ''Strappare lungo i bordi'' la serie animata di ZeroCalcare (6 episodi da...

Incontro pubblico: quale libertà, quali conflitti?

Venerdì 19 Novembre, al Cantiere, alle 19.00 A nostro parere la contrapposizione tra libertà individuale e la libertà coniugata con la solidarietà e la responsabilità sociale è il discrimine attraverso cui leggere quelle piazze. [...]Invece di avere la Libertà di fare...

approfondimenti

Quale libertà?

Già da quest’estate manifestazioni e proteste contro il Green pass si sono verificate in molte città d’Italia.A nostro parere la contrapposizione tra libertà individuale e la libertà coniugata con la solidarietà e la responsabilità sociale è il discrimine attraverso...

Da Milano al Messico, “EL AGUA ES DEL PUEBLO”, #FueraBonafont! – azione solidale per l’acqua

#boycottdanone FUERA BONAFONT [ITALIANO] Oggi, 11 giugno, a 10 anni dal referendum contro la privatizzazione dell'acqua, siamo stati davanti alla sede del gruppo Danone, di cui fa parte Bonafont, e abbiamo lasciato davanti all’ingresso della loro sede vernice rossa a...

Pueblos Zapatistas Unidos contro il furto dell’acqua: #FueraBonafont

“Bonafont” è una impresa legata al gruppo francese “Danone” che si dedica all’imbottigliamento dell’acqua. Dal 1992 Bonafont si è installata nel territorio di Puebla, in Messico, senza che le popolazioni locali venissero in alcun modo consultate dallo Stato, che ha...

No Profit On Pandemic!

Nessun profitto sulla pandemia. Cure e vaccini per ciascun* ovunque e gratuiti.Durante entrambi gli incontri affronteremo, da vari punti di vista, la battaglia che vede contrapposti grandi attori globali di fronte alla sfida delle vaccinazioni contro il Covid 19 e le...

Restituiteci Sankara.

Restituiteci Sankara.L’Africa non è una macchia nella cartina del mondo, non può essere rimossa. Esiste non molto lontano, a due passi dal mare, che si chiama Africa. L'opinione pubblica europea sa che da lì partono le imbarcazioni dei migranti, in fuga dalla...

Vive la Commune!

150 anni fa, una delle più straordinarie esperienze rivoluzionarie della storia contemporanea: la Comune di parigi. Sconfitta dalle armi dell'esercito del Kaiser ha lasciato un'eredità raccolta per tutto il secolo successivo da chi ha alzato la Bandiera Rossa per la...

Un altro mondo è possibile: a 19 anni da Genova.

STOP GLOBAL WAR: AVEVAMO RAGIONE NOI. Non dimenticare genova per continuare a costruire altri mondi possibili. Nel 2001 a Genova migliaia e migliaia di persone da tutto il mondo invasero le strade contro il g8, il vertice dei "grandi potenti" del mondo. Era il...

Contro le passioni tristi, le sardine urtano il populismo

Di MARCO BASCETTA Nel cercare di comprendere la natura dei movimenti, la loro direzione di marcia, il posto che occupano nella sfera politica si rischia sempre di essere prematuri o inattuali. Del resto ogni movimento sociale è attraversato da flussi emotivi e bisogni...

In Cile il neoliberismo è in crisi

In Cile si sintetizza una combinazione esplosiva di un libero mercato senza anestesia e una democrazia completamente delegittimata, che conserva solo il suo nome. È degenerato in una plutocrazia che, fino a pochi giorni fa - ma non più - è stata misurata dalle...

Il Sud America si solleva contro il neoliberismo

Il neoliberismo è in crisi. In molti paesi dell'America latina le piazze sono piene: milioni di persone si oppongono, dal Cile all'Ecuador, alle politiche neoliberali applicate ai governi di destra. Nel frattempo le elezioni amministrative colombiane e quelle...