Genova 2001. L’evento più fotografato e ripreso della storia. O almeno, potremmo dire della storia prima che le tecnologie digitali diventassero tutt’uno con la nostra pelle. L’idea di un altro mondo possibile si diffondeva come un virus: passava di bocca in bocca, correva di cavo in cavo, attraversando il pianeta da un angolo all’altro del globo. Internet era finalmente alla portata di tutti, macchine fotografiche e telecamere portatili erano diventate accessibili: tantissimi erano quelli che sperimentavano forme di comunicazione indipendenti e “Become your media” era un invito che era parte stessa di quell’altro mondo possibile per cui si lottava. Cosi Genova 2001 è stato l’evento più fotografato e ripreso della storia, anche se non c’era YouTube, né Flickr, nemmeno Instagram, Pinterest, Twitter… nulla di nulla, men che meno Facebook. Negli USA si, qualche tentativo c’era stato, ma bisognerà aspettare il 2003 per vedere MySpace diffondersi e imporsi come piattaforma di blogging. Potremmo dire che il network di Indymedia rappresentava una sperimentazione più che all’avanguardia nel campo delle comunicazioni partecipate e interattive.

Poi dal punto di vista tecnico le possibilità offerte dalle tecnologie digitali si sono moltiplicate e oggi abbiamo YouTube, Flickr, Instagram, Pinterest, Twitter, Facebook… come ben sappiamo, l’elenco non si limita a questa manciata di social network: app, smartphone, tablet, occhiali di realtà virtuale, persino lo spazzolino che si connette a internet e dice al tuo dentista come ti lavi i denti.. per ogni azione abbiamo una app apposita, persino per avere un appuntamento con un* ragazz*. Internet ha preso forma intorno a noi, costruendo l’ambiente in cui viviamo, penetrando dentro i nostri corpi e i nostri pensieri. Anche internet, come ogni ambiente, ha i suoi architetti, che progettano il modo in cui gli abitanti abitano l’ambiente: anche internet, come ogni ambiente, condiziona il tuo modo di vivere, di abitare gli spazi, di relazionarti con il mondo intorno.

Siamo sommersi di immagini, video, informazioni di qualsiasi tipo; circondati da surrogati di amici, avatar di familiari; bombardati da impulsi cosi rapidi che facciamo fatica a dare importanza all’una o all’altra avvenimento, godere o soffrire di una emozione.. Un contatto non è più un contatto, una notizia non è più una notizia… Ogni volta che ci connettiamo stiamo semplicemente percorrendo un’autostrada, chiusi dentro una bolla che inibisce la capacità critica e la capacità affettiva: scorriamo su e giu da un post all’altro, in una fitta giungla di opinioni, dove le fonti valgono poco o niente. Crediamo di conoscere il mondo ma non riusciamo nemmeno a vedere al di là del recinto. Siamo incapaci di uscirne: quanti, in mezzo agli amici, al bar, per strada, a scuola, al lavoro, tirano fuori il telefono per ritornare in quel recinto?


Siamo tutti compenetrati dalla tecnologia e ne vogliamo sempre di più, perché le tecnologie digitali aumentano e intensificano le nostre opportunità conoscitive, relazionali e sensoriali. Grazie al fascino che questa esercita su di noi, siamo diventati tutti volontariamente parte di un enorme processo di valorizzazione economica. Una forza lavoro frammentata e fisicamente divisa, ma sempre connessa; una forza lavoro che non vede distinzione tra tempo libero e tempo di lavoro, tra luoghi di lavoro e luoghi di svago, tra vita pubblica e vita privata… L’attenzione è una risorsa scarsa, e quindi preziosa. Non a caso i servizi più comodi sono gratuiti. Ma che prezzo siamo disposti a pagare per la gratuità? Quando un servizio è gratis, solitamente, la merce sei tu: siamo il tessuto connettivo grazie a cui si costituisce il ‘capitale sociale’ delle società postfordiste.

I giganti delle tecnologie digitali sono in grado di ricavare le nostre abitudini, i nostri comportamenti, persino le nostre espressioni facciali. Non è per questioni di sicurezza nazionale, prevenzione del crimine e del terrorismo, garanzia dei cittadini che ci spiano 7 giorni su 7, 24 ore su 24: quello dei (meta)dati è un businnes enorme, una preziosa miniera di informazioni che permette a chi ne è in possesso di fare vere e proprie previsioni di tendenza. Sanno cosa ci piace, ipotizzano cosa vogliamo, producono ciò che consumeremo. I nostri dati pongono chi li possiede (e ha gli strumenti tecnologici per analizzarli) in una posizione strategica di vantaggio: collezionano le informazioni dei singoli utenti, elaborano analisi di massa e infine confezionano per tutti noi i prodotti più adatti per perseguire i loro interessi, politici o commerciali che siano. Cosi possono metterci davanti infinite possibilità tra cui scegliere quella più adatta ai nostri gusti, infinite ciotole da cui servirci: ognuno di noi ha il suo prodotto personalizzato, fatto apposta in base ai propri gusti, alle abitudini, ai luoghi che frequenta. Con un ventaglio cosi largo di offerta, il tempo per immaginare la tua opzione non è previsto, non è previsto che ci resti il tempo di pensare se quello che vedi è davvero quello che vuoi. Obiettivo? Impedirti di immaginare tu stesso cosa ti piacerebbe. Il capitale globale approfitta delle possibilità delle tecnologie per mantenerci in una posizione di precarietà, di instabilità, di subordinazione.

Mondi virtuali, mondi possibili

Era il 1994 quando ci fu il cosiddetto Levantamiento Zapatista. L’EZLN fu il primo esperimento di utilizzo di internet per diffondere un messaggio politico di liberazione, per spargere sul globo una chiamata che ha raccolto adesioni da ogni angolo del pianeta, approdando a Seattle in quello che presto sarebbe diventato il movimento dei movimenti. Milioni di persone si unirono in quegli anni dietro all’idea che un altro mondo fosse possibile. La capacità di dubitare che l’unico punto di vista, la sola strada da percorrere fosse quella del sistema di potenti al governo del mondo si diffondeva come un virus.

Ci hanno educati alla competizione, all’individualismo. La precarietà ci ha fatto naufragare in una quotidianita frammentata, solitaria, triste. La deliberata e sistematica distruzione dell’istruzione pubblica ci ha reso ignoranti, togliendo a generazioni intere gli strumenti per leggere il mondo ci ha resi incapaci di comprendere cosa ci accade intorno e quindi di reagire. Le tecnologie digitali ci hanno offerto una spiaggia su cui approdare. O meglio. Infinite spiaggie su cui approdare. Ballard disse che il fatto principale del XX secolo era il concetto di possibilità illimitata.

Oggi è il sistema stesso, neoliberista, consumista e globalizzato, che ci offre ogni giorno infinite possibilità, anche grazie alla diffusione degli strumenti virtuali. La virtualità è sempre esistita, il linguaggio e la tecnica sono un esempio di strumenti virtuali che usiamo per rapportarci al mondo, ma con la diffusione delle tecnologie digitali gli strumenti virtuali si sono moltiplicati nella nostra esperienza quotidiana, e di conseguenza si sono moltiplicati i loro effetti sulla realtà. In particolare, le tecnologie che hanno a che fare con il linguaggio, agiscono sulla nostra capacità di organizzare i pensieri, obbligando la nostra mente ad adattarsi allo strumento che media il nostro rapporto con il mondo. E’ stato così per l’alfabeto, la stampa, la tv, i computer. Su scala globale, oggi, possiamo produrre e scambiare una quantità praticamente illimitata di informazioni in tempo reale ma qual è l’impatto sociale e culturale? A differenza del possibile (ovvero ciò che ancora non esiste e magari nemmeno esisterà mai), il virtuale produce i suoi effetti prima di essere realizzato: agisce sulla realtà, provocando effetti di realtà proprio come se fosse dotati della stessa esistenza degli oggetti che chiamiamo reali.

Ben lontano dal diventare reale, il sogno di un altro mondo possibile viene scordato, sommerso dal fascino irresistibile delle infinite realtà virtuali e , bombardate continuamente da informazioni, la nostra capacità critica e la nostra affettività restano sommerse.

Ti basta uno smartphone per aumentare la realtà; oppure, puoi metterti i caschetti della samsung e vedere a 360° un altro mondo, puoi scomparire dentro ai video game, puoi trasformare la realtà stessa in un gioco di ruolo, puoi vedere un video o un immagine senza sapere se si tratta di immagini sintetiche, prodotte con software di grafica e modellazione 3d o se invece sono una riproduzione reale… Finzione e realtà non sono distinguibili, il nostro ambiente è un ibrido: non esiste una distinzione tra naturale e artificiale. Le nuove tecnologie permettono una moltiplicazione di mondi senza fine, ed è proprio questo il punto: dominare l’immaginazione è fondamentale per imporre l’imperativo neoliberista “THERE IS NO ALTERNATIVE”. Somministrare mondi possibili già confezionati è centrale per controllare l’immaginario, la produzione di desiderio.

A Genova non avevamo gli smartphone

Se c’è una crisi che possiamo fermare, è la crisi dell’immaginazione, perché è proprio nell’immaginario che possiamo scatenare un cortocircuito. A Genova non avevamo gli smartphone ma sarebbe davvero stupido concludere che la soluzione è l’opzione luddista. Ci sono tante piccole cose che possiamo fare ma, a essere onesti, non siamo sicuri di qual è la soluzione, possiamo dirvi quella che abbiamo scelto noi: organizzarci nelle scuole, nei quartieri, negli spazi occupati, nelle manifestazioni; incontrandoci corpo a corpo ogni giorno, ragionando insieme e praticando il mutuo soccorso come tentativo di costruire dal basso un altro mondo possibile. Ostinatamente convinti che un mondo nuovo è probabile tanto quello vecchio.

Cyber*Resistance

@Cyb_Res

articoli

QUESTA SCUOLA CI STA UCCIDENDO! In piazza per Lorenzo

Venerdì pomeriggio a Udine uno studente di soli 18 anni, Lorenzo Parelli, è morto nelle ultime ore del suo ultimo giorno di alternanza scuola-lavoro. Lorenzo é morto, schiacciato da una trave , simbolo del sistema che ci schiaccia ogni giorno. Se non fai alternanza...

San Siro: i nostri diritti più in alto delle vostre speculazioni.

SAN SIRO: I NOSTRI DIRITTI PIU' IN ALTRO DELLE VOSTRE SPECULAZIONI San Siro è uno dei più grandi quartieri di edilizia residenziale pubblica a Milano ha un patrimonio abitativo di 5.996 abitazioni, 1416 sono vendute e solo 2521 sono assegnate, 800 occupate, 572 in...

NO al nucleare! Blitz alla sede dell’ Unione Europea!

NO NUKE IN OUR FUTURE! No scorie, No profitti, No Armi!   Siamo alla sede milanese dell'Unione europea perché domani sarà l'ultimo giorno per impedire che nucleare e gas vengano classificate come fonti di energia sostenibile SEGUICI SUI...

La DAD non è la soluzione: OCCUPIAMOCI di scuola!

La DAD non è la soluzione: OCCUPIAMOCI della scuola! La priorità del governo è aprire le scuole in presenza, ma cosa è stato fatto affinché questo avvenga? Solo dichiararlo!  Siamo tornati a scuola e nulla è cambiato: la scuola continua ad essere l’ultima ruota del...

Ciao Vito, continueremo a disegnare altri mondi possibili

Ciao Vito, compagno instancabile con il sole e con la pioggia. La tua ruvidezza sincera e il tuo brontolare operoso ci faranno compagnia non solo nei ricordi ma rimarrai per sempre presenza costante. Non dimenticheremo mai la tua creatività artigiana, l'entusiasmo...

Natale Solidale a SanSiro! 18 dicembre dalle 15 in pza Selinunte

Sabato 18 dicembre "NATALE SOLIDALE A SAN SIRO" dalle 15.00 in piazzale Selinunte! Programma della giornata:h 15:00 laboratorio artistico, stencil e colori per tutte tutti a cura della Bottega delle Arti di SMS Spazio di Mutuo Soccorso;h 15:30 lezione di boxe per...

Milano non dimentica Piazza Fontana. Ama la libertà, rifiuta fascismo e razzismo.

Non c'è futuro senza memoria: durante il corteo per non dimenticare la strage di #PiazzaFontana siamo passati di fianco al consolato Libico, dove abbiamo voluto lanciare un messaggio di solidarietà con le proteste che da settimane ormai proseguono sotto l' #Unhcr di...

Recovery Plan-et: Tax the rich! 7 Dic @Prima della Scala

Oggi è andato in scena il #MutuoSoccorso alla #PrimadellaScala perché costruire dal basso un'alternativa a questo sistema insostenibile è urgente e necessario! Questo modello di sviluppo si basa sullo sfruttamento del pianeta e di chi lo abita. Le conseguenze del...

10 Dicembre Corteo Studentesco – NON C’È FUTURO SENZA MEMORIA – Gli studenti non dimenticano Piazza Fontana!

Il 12 dicembre del 1969 in piazza Fontana esplode una bomba uccidendo 17 persone e ferendone quasi 100. A mettere la bomba fu il gruppo fascista Ordine Nuovo, con il mandato e l’appoggio dei servizi segreti dello stato. PerchéAlla fine degli anni ‘60, i movimenti...

Fantasie di complotto e cospirazioni neofasciste

OGGI ORE 18.30 IN DIRETTA LIVENelle piazze d'Italia e del mondo una vulgata che mischia individualismo, irrazionalismo e attrae anche generiche istanze di rabbia sociale si sta mobilitando, sostanzialmente nel nome della sfiducia nella scienza.PARLIAMO CONLeonardo...

eventi

Domenica 30 gennaio Cena Cinese al Cantiere

Domenica 30 gennaio dalle 20 al Cantiere Cena sociale cinese a sostegno delle spese legali del Cantiere! Questa domenica anche in occasione del capodanno cinese si potranno degustare gustosissimi piatti cinesi per sostenere quante e quanti ogni giorno attivano...

Venerdì 21 gennaio DISCHI VOLANTI al Cantiere

👽DischiVolanti👽🍺APERITIVO BEER&CHEESE🧀🔥MERCATINO DEL VINILE🔥🔸Venerdì 21 Gennaio, dalle 19:00, ci vediamo al Cantiere per un aperitivo genuino con le birre e i formaggi del Gruppo di Acquisto Solidale Popolare.🔸In contemporanea, un bellissimo mercatino di vinili...

Buss a Dinner/Space Dinner – Cena e dibattito sulla canapa

BUSS A DINNERCena e dibattito sulla Canapa Questo sabato al Cantiere una serata dedicata alla canapa e ai suoi benefici in cui approfondire il referendum sulla legalizzazione della cannabis. Cena a base di canapa powered by Taverna Sociale Clandestina  Parleremo...

Tributo a De Andrè e Cena ligure

“Non essendo padrone che di una piccola arte spesso dovetti cambiarla con il cibo” Sabato 15 Gennaio, a 24 anni dalla morte del cantautore, omaggiamo Fabrizio De Andrè con una CENA LIGURE. PER PRENOTARE https://www.eventbrite.com/.../cena-ligure-in-tributo-a......

AfroVibration: sabato 11 dicembre cena e musica

AfroVibrations w/ DJ Halo & DJ MadMattSABATO 11AFRO VIBRATIONSMUSIC AGAINST RACISM Al Cantiere, una serata antirazzista a base di ritmi afro Unire musica e antirazzismo, raccontando altri mondi possibili, senza confini e senza muri AI CONTROLLIDJ HALO outta...

19 dicembre – Cenone di Natale al Cantiere!

Cenone di Natale al Cantiere! Per prenotare clicca qui: https://www.eventbrite.it/e/gran-cenone-di-natale-tickets-222905756117 Domenica 19 dicembre dalle 20.00 un’ultima cena per chiudere in buona compagnia questo 2021 di lotta e solidarietà. Un menù ricco e gustoso...

Fantasie di complotto e cospirazioni neofasciste

OGGI ORE 18.30 IN DIRETTA LIVENelle piazze d'Italia e del mondo una vulgata che mischia individualismo, irrazionalismo e attrae anche generiche istanze di rabbia sociale si sta mobilitando, sostanzialmente nel nome della sfiducia nella scienza.PARLIAMO CONLeonardo...

Cena d’autunno per le spese legali del Cantiere.

Domenica 21 novembre 2021 dalle 20.00 al Cantiere CENA D’AUTUNNO PER LE SPESE LEGALI Una cena a km0 e solidale con prodotti del G.A.S.P. – Spazio Mutuo Soccorso Una cena come sempre all’insegna della socialità, del buon cibo e della buona musica, a sostegno delle...

ZeroCalcare: Proiezione della serie “Strappare lungo i bordi”

  Venerdi 19 novembre 2021 dalle 21.30 al Cantiere Dopo l'incontro "Quali libertà? Quali conflitti?" Strappare lungo i bordi / maratona della serie di Zerocalcare   Da Rebibbia arriva ''Strappare lungo i bordi'' la serie animata di ZeroCalcare (6 episodi da...

Incontro pubblico: quale libertà, quali conflitti?

Venerdì 19 Novembre, al Cantiere, alle 19.00 A nostro parere la contrapposizione tra libertà individuale e la libertà coniugata con la solidarietà e la responsabilità sociale è il discrimine attraverso cui leggere quelle piazze. [...]Invece di avere la Libertà di fare...

approfondimenti

Quale libertà?

Già da quest’estate manifestazioni e proteste contro il Green pass si sono verificate in molte città d’Italia.A nostro parere la contrapposizione tra libertà individuale e la libertà coniugata con la solidarietà e la responsabilità sociale è il discrimine attraverso...

Da Milano al Messico, “EL AGUA ES DEL PUEBLO”, #FueraBonafont! – azione solidale per l’acqua

#boycottdanone FUERA BONAFONT [ITALIANO] Oggi, 11 giugno, a 10 anni dal referendum contro la privatizzazione dell'acqua, siamo stati davanti alla sede del gruppo Danone, di cui fa parte Bonafont, e abbiamo lasciato davanti all’ingresso della loro sede vernice rossa a...

Pueblos Zapatistas Unidos contro il furto dell’acqua: #FueraBonafont

“Bonafont” è una impresa legata al gruppo francese “Danone” che si dedica all’imbottigliamento dell’acqua. Dal 1992 Bonafont si è installata nel territorio di Puebla, in Messico, senza che le popolazioni locali venissero in alcun modo consultate dallo Stato, che ha...

No Profit On Pandemic!

Nessun profitto sulla pandemia. Cure e vaccini per ciascun* ovunque e gratuiti.Durante entrambi gli incontri affronteremo, da vari punti di vista, la battaglia che vede contrapposti grandi attori globali di fronte alla sfida delle vaccinazioni contro il Covid 19 e le...

Restituiteci Sankara.

Restituiteci Sankara.L’Africa non è una macchia nella cartina del mondo, non può essere rimossa. Esiste non molto lontano, a due passi dal mare, che si chiama Africa. L'opinione pubblica europea sa che da lì partono le imbarcazioni dei migranti, in fuga dalla...

Vive la Commune!

150 anni fa, una delle più straordinarie esperienze rivoluzionarie della storia contemporanea: la Comune di parigi. Sconfitta dalle armi dell'esercito del Kaiser ha lasciato un'eredità raccolta per tutto il secolo successivo da chi ha alzato la Bandiera Rossa per la...

Un altro mondo è possibile: a 19 anni da Genova.

STOP GLOBAL WAR: AVEVAMO RAGIONE NOI. Non dimenticare genova per continuare a costruire altri mondi possibili. Nel 2001 a Genova migliaia e migliaia di persone da tutto il mondo invasero le strade contro il g8, il vertice dei "grandi potenti" del mondo. Era il...

Contro le passioni tristi, le sardine urtano il populismo

Di MARCO BASCETTA Nel cercare di comprendere la natura dei movimenti, la loro direzione di marcia, il posto che occupano nella sfera politica si rischia sempre di essere prematuri o inattuali. Del resto ogni movimento sociale è attraversato da flussi emotivi e bisogni...

In Cile il neoliberismo è in crisi

In Cile si sintetizza una combinazione esplosiva di un libero mercato senza anestesia e una democrazia completamente delegittimata, che conserva solo il suo nome. È degenerato in una plutocrazia che, fino a pochi giorni fa - ma non più - è stata misurata dalle...

Il Sud America si solleva contro il neoliberismo

Il neoliberismo è in crisi. In molti paesi dell'America latina le piazze sono piene: milioni di persone si oppongono, dal Cile all'Ecuador, alle politiche neoliberali applicate ai governi di destra. Nel frattempo le elezioni amministrative colombiane e quelle...