Blitz Degli Student* alla Conferenza del Ministro Fedeli

 

 

Oggi siamo stati all’università Bicocca  durante la inaugurazione dell’anno accademico 2017/2018 per contestare il Ministro dell’Istruzione Valeria Fedeli presente alla cerimonia e per ribellarci allo sfruttamento che rappresenta l’alternanza scuola lavoro obbligando gli studenti a lavorare dalle 200 alle 400 ore all’anno svolgendo attività tutt’altro che formative. 

arrivati all’ingresso dell’ateneo gli studenti ,decisi a confrontarsi direttamente con Il Ministro si sono trovati bloccati dalla polizia in tenuta anti-sommossa,  passati alcuni attimi di tensioni con la polizia siamo riusciti ad entrare sfilando in corteo per i corridoi dell’ateneo e continuando a chiedere di essere ammessi all’aula magna dove era in corso la cerimonia.  Dopo svariati minuti di attesa finalmente siamo riusciti a irrompere nell’aula magna, gli studenti hanno preso parola spiegando chiaramente perchè Diciamo NO all’alternanza scuola lavoro e NO allo sfruttamento ottenendo dal Ministro una risposta vaga e inconcludente.

Gli studenti poi hanno lasciato l’università con un corteo spontaneo fino alla metropolitana.

noi diciamo NO a questa alternanza scuola-lavoro e a qualsiasi tipo di sfruttamento . Perché la scuola è un luogo del sapere e deve aiutare lo studente a formare uno spirito critico non ad introdurlo in modo passivo e normalizzando  un mondo del lavoro sempre più opprimente e precario.

Ecco perchè abbiamo attivato un numero di telefono di mutuo soccorso studentesco: SOS ALTERNANZA SCHIAVI O STUDENTI? Il numero è aperto a tutti gli studenti; siamo stanchi di sentirci sfruttati quindi se il ministero non ci tutela ci tuteliamo da soli.

 Per contattarci:

email: ccsmilanoinfo@gmail.com

FB : Coordinamento dei Collettivi Studenteschi              

.SOS ALTERNANZA: 3511881419

 

IL VIDEO DEL BLITZ

 

GLI STUDENTI IN CORTEO VERSO L’UNIVERSITà

Author:

Share This Post On

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *