1 maggio a Milano: una giornata di lotta.

Nonostante la piaggio questa mattina per le strade del quartiere di via Padova centinaia di persone siamo scese in piazza per un Primo Maggio di lotta e solidarietà!

Un appello lanciato dallo spazio occupato da alcuni mesi “Noi Ci Siamo con Abd El Salam”, perchè si parli in un quartiere come quello attorno a viale Monza e via Padova, ad alta presenza di migranti, delle “nuove forme di schiavitù” a cui siamo tutti sempre più a rischio nel mondo del lavoro. 

Abbiamo parlato della nuova legge Minniti-Orlando, che prevede l’istituzione di tribunali speciali per l’immigrazione, eliminazione del “terzo grado di giudizio” per i migranti impedendo loro di fare ricorso alla Corte d’appello e facilitando espulsioni e rimpatri forzati per la cui esecuzione sono stati stanziati 19 milioni attraverso la reintroduzione in tutte le regioni dei vecchi CIE, ora CPR (Centri di Permanenza per i Rimpatri). 

Una legge che rende il razzismo sempre più istituzionale e sistematico, in un Paese ipocrita che continua a definirsi accogliente perchè non alza muri, mentre continua a stringere accordi per creare campi di concentramento per migranti ai confini dell’Europa e rende precari i diritti dei migranti. 

Per questo abbiamo rilanciato il corteo del 20 Maggio, con le parole d’ordine “Nessuna Persona è illegale – No One Is Illegal” 

A fianco dello spazio Noi ci siamo, contro ogni razzismo, per un’altra accoglienza! Per i diritti per tutt* #nooneisillegal #nessunapersonaeillegale  


VEDI ANCHE: #ALT! 1 maggio contro i campioni dell’alternanza. Un’iniziativa del Coordinamento dei Collettivi Studenteschi che nella giornata del primo maggio ha voluto ribadire la propria contrarietà all’alternanza scuola-lavoro.

Author:

Share This Post On

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *